ATTUALE CONFIGURAZIONE PLANETARIA DEL SISTEMA SOLARE


Visualizzazione post con etichetta superpotenza. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta superpotenza. Mostra tutti i post

giovedì 20 aprile 2017

NONOSTANTE L'APPLICAZIONE DELL'ARTICOLO 50 L'ECONOMIA INGLESE E' SECONDA AGLI STATI UNITI

Sorprendentemente, l'economia britannica ha sfidato tutti i rischi legati alla Brexit per l'economia fino ad ora, e le prossime elezioni schierenti avranno un impatto trascurabile sull'economia, che è pronta a crescere a ritmo più veloce dopo gli Stati Uniti tra le più avanzate Nazioni quest'anno.

Il Fondo Monetario Internazionale (FMI) ha sollevato la sua previsione per la crescita economica del Regno Unito nel 2017, quando il Primo Ministro Theresa May ha chiesto un'elezione più schietta entro la fine dell'anno. Il Fondo ha citato l'inaspettata resilienza più forte delle principali industrie britanniche agli shock politici e ai vincitori d'oltremare nella loro prospettiva economica aggiornata.
Il FMI ha dichiarato di prevedere che l'economia britannica si espanderà di 2pc anno su anno nel 2017 rispetto alle precedenti previsioni di appena 1,5pc per l'anno, avendo anche detto che l'aumento del protezionismo potrebbe bloccare la crescita britannica nel medio periodo.
Tuttavia, il Regno Unito sarebbe l'economia più avanzata secondo più rapidamente in crescita al mondo dopo gli Stati Uniti, ha dichiarato il Fondo nel loro semestre internazionale di prospettive economiche.
L'economia mondiale sta guadagnando slancio, ha detto il FMI, dopo aver esaminato le loro proiezioni di crescita mondiali fino a 3,5 punti nel 2017 e 3,6 punti all'anno successivo.
Questo è un buon segno per i mercati delle materie prime in particolare, e il Regno Unito è un prominente produttore di petrolio.
La prospettiva economica esaminata include anche una valutazione più favorevole delle industrie britanniche e di altre industrie.
L'espansione del PIL "è rimasta solida nel Regno Unito, dove la spesa si è rivelata resiliente dopo il referendum del giugno 2016 a favore di lasciare l'Unione europea", ha detto il Fondo.
Infatti, i consumatori inglesi, che guidano circa 79 punti percentuali del PIL del Regno Unito, hanno mantenuto un ritmo costante di spesa e di prestiti durante i mesi di referendum dopo la Brexit fino ad oggi. Il rimbalzo nell'attività industriale e nella sostenibilità del settore bancario hanno contribuito notevolmente alla resistenza economica del Regno Unito.
Un altro fattore è stato il taglio dei tassi di interesse da parte della Banca d'Inghilterra ad un 0,25pc senza precedenti da 0,5pc.
Il tasso precedente era rimasto intatto dalla crisi economica mondiale del 2009.
"L'economia globale sembra stia guadagnando slancio - potremmo essere a un punto di svolta", ha detto Maurice Obstfeld del FMI. "Ma anche mentre le cose alzano, il sistema post-WWII delle relazioni economiche internazionali è sotto un grave sforzo nonostante i benefici complessivi che ha fornito - e proprio perché la crescita e i conseguenti aggiustamenti economici hanno spesso comportato ricompense e costi non equilibrati all'interno dei paesi".
Il Fondo aveva precedentemente previsto che il Regno Unito crescesse di 1,1 punti nell'ottobre del 2016 quando i timori della Brexit erano pieni a 1,5 punti in gennaio dopo che queste preoccupazioni erano svanite gradualmente. I britannici sfidano le proiezioni torbide in entrambe le direzioni, e ora che il primo ministro Theresa May ha chiesto un'elezione schietta, l'economia del Regno Unito non sarà probabilmente influenzata sia dal punto di vista dell'analisi prospettica e delle prestazioni effettive.
"Sembra che si stia favorendo meno austerità e politiche meno restrittive rispetto ai suoi predecessori. È un primo ministro di centro ", ha scritto Jonathan Eley del Financial Times. "Se lo segue, ciò potrebbe prolungare il consumo e la crescita nel Regno Unito. E questo beneficerebbe sia le azioni che la sterlina ".
Infatti, i britannici sono scontenti con le realtà economiche della crisi del debito post-europeo del 2011 e le relative politiche di austerità.
Il FMI, tuttavia, ha sottolineato le sfide a lungo termine dell'economia del Regno Unito, derivanti dagli svantaggi percepiti dal protezionismo commerciale.
Il governo dovrà lavorare duramente a conseguire vantaggiose operazioni commerciali internazionali dopo la separazione effettiva dall'UE per migliorare le esportazioni del Regno Unito e continuare a ridurre il deficit commerciale.
Le prossime elezioni generali produrranno alcuni rischi economici più vicini alla giornata elettorale, ha osservato l'FMI, ma la situazione si stabilizzerà immediatamente dopo la pubblicazione dei risultati.

Fonte:https://sputniknews.com/europe/201704201052801903-uk-economy-elections/

mercoledì 19 aprile 2017

LA COREA DEL NORD STA DIVENTANDO UNA NUOVA SUPERPOTENZA ASIATICA?


La Corea del Nord ha avuto una buona settimana. È vero, un test missilistico è fallito secondi dopo il lancio. Ma la parata di Pyongyang il giorno prima - per celebrare il 105 ° compleanno di Kim Il-Sung, fondatore della Corea del Nord - è stato un trionfo carico di missili.
La sfilata potrebbe essere vista come il debutto di una nuova superpotenza asiatica: la Corea del Nord armato con una formidabile serie di armi nucleari e dei mezzi per scagliarli ai bersagli migliaia di chilometri di distanza.
Prima di tutto, dimenticate tutta la coreografia delle truppe a passo dell'oca o le file di carri armati rombanti attraverso Kim Il-Sung Square.
Questo è stato solo per lo spettacolo.
Ciò che rende la Corea del Nord una minaccia così terribile è, molto semplicemente, una strategia nazionale di sicurezza basata quasi interamente sulle armi di distruzione di massa (WMD) - in questo caso, la combinazione di armi nucleari con un assortimento sempre maggiore di missili - dai Scud a corto raggio ai missili balistici intercontinentali (ICBM) e sistemi terrestri e marini.
Molti di questi sistemi missilistici sono stati in mostra alla parata, molti per la prima volta. Tra questi due non ancora testati missili balistici intercontinentali - le KN-08 e KN-14 missili. Il KN-08, un missile a tre stadi che la Corea del Nord chiama la Hwasong-13, ha una gittata stimata di circa 12 mila chilometri, il che significa che potrebbe teoricamente colpire gli Stati Uniti continentali. Almeno tre diversi vettori ICBM erano esposti.
In mostra per la prima volta è stato il Pukkuksong-1 SLBM (SLBM), chiamato anche il KN-11.
Il Pukkuksong è creduto avere una gamma di oltre 1.000 chilometri. Una versione terrestre del Pukkuksong, chiamata anche KN-15.
Particolarmente sconcertante è il crescente utilizzo della Corea del Nord di propellenti a propellente solido.
I missili a combustibile solido richiedono un minor numero di membri dell'equipaggio e possono essere approntati e sparati più velocemente di un razzo a propellente liquido (che deve essere alimentato lentamente prima del lancio, un processo che può richiedere ore).
Essi sono anche più sicuro per il trasporto su sistemi terrestri mobili, come ad esempio Tels (trasportatori-erettori-lanciatori).

La Corea del Nord attualmente ha almeno due missili a combustibile solido, il Pukkuksong e il KN-15, e vi sono indicazioni che il KN-14 è anche questo alimentato a solido.
Oltre a miglioramenti nella qualità e le capacità, l'imponente spettacolo di missili indica che la produzione di sistemi missilistici avanzati della Corea del Nord si muove a piena velocità.
Sei Pukkuksong-1 SLBM sono stati esposti, insieme a decine di KN-08, KN-14, e KN-15 missili balistici.
L'effetto è stato quello di un accumulo impressionante ben avviato.

Un aspirante superpotenza nucleare in vista

Che cosa significa tutto questo? Jeffrey Lewis, direttore del non proliferazione Programma dell'Asia orientale presso l'Istituto Middlebury di studi internazionali di Monterey, in California, dice che la sfilata dimostra che “i nordcoreani stanno sul serio costruendo una potenza nucleare che può minacciare le forze degli Stati Uniti in Corea del Sud, Giappone e Stati Uniti continentali”(questo da un articolo di USA Today).
Inoltre, Joseph S. Bermudez, un analista militare affiliato alla sede a Washington US-Korea Institute presso la School of Advanced International Studies (SAIS), ha dichiarato in un commento pubblicato sul sito 38 del Nord che la Corea del Nord è particolarmente desiderosa di sviluppare uno SLBM di lavoro.
Sinistramente, ha detto che “assumendo l'attuale tasso di sviluppo”, la Corea del Nord “è sulla buona strada per sviluppare la capacità di colpire obiettivi nella regione - tra cui Giappone - entro il 2020.”
La risposta del presidente Donald Trump è stata finora far pressione contemporaneamente e usare la Cina per costringere la Corea del Nord a fermare il suo programma nucleare, e allo stesso tempo, minacciare un'azione unilaterale. “Se la Cina non ha intenzione di risolvere la Corea del Nord, lo faremo noi”, ha detto Trump al Financial Times all'inizio di questo mese. Forse come un indicatore della volontà di Trump, gli Stati Uniti hanno inviato la portaerei USS Carl Vinson e un gruppo d'attacco navale nelle acque vicino la Corea del Nord.
Ma la risposta di Trump alla Corea del Nord sottolinea semplicemente la brillantezza della strategia ADM della Corea del Nord.
In primo luogo, la US Navy può navigare intorno per farsi segnalare al governo di Kim, ma farebbe fatica a prendere una vera azione militare.
Abbattere un missile di prova sarà equivale ad un atto di guerra; così sarebbe attaccare i siti di ricerca nucleare e le armi della Corea del Nord.
E nemmeno l'azione farebbe molto per mettere in pericolo le capacità della Corea del Nord di sviluppare sia armi nucleari o missili a lungo raggio.
Un'attacco americano attizzerebbe la paranoi della Corea del Nord.
Inoltre, l'azione militare giocherebbe direttamente nelle mani di Pyongyang. I nordcoreani sono già ossessionati con l'idea che gli Stati Uniti vogliono distruggerli. Un attacco unilaterale confermerebbe solo che la loro paura è giustificata e non solo potrebbe renderli più intransigenti, ma potrebbe anche scatenare una guerra.
Inoltre, un'azione militare US unilaterale potrebbe rompere gli sforzi dell'Alleanza e gli sforzi occidentali di de-nuclearizzare il Nord.
La Corea del Sud e il Giappone, probabilmente sopporteranno il peso peggiore e più immediato di qualsiasi ritorsione della Corea del Nord. La Cina sarebbe livida.
L'Occidente ha giustamente paura delle crescenti capacità nucleari e-missilistiche della Corea del Nord, che è esattamente ciò che Pyongyang vuole.
E le poche opzioni di Trump sono tutte cattive.
Se fanno qualcosa di avventato, egli giustifica semplicemente la paranoia della Corea del Nord. Se non fa nulla, poi tutto il suo atteggiamento e minacce di guerra lo fa sembrare sciocco e amatoriale. E in entrambi i casi, la Corea del Nord rimane una potenza nucleare.



Fonte:http://www.strategic-culture.org/news/2017/04/18/does-north-korean-missile-parade-augur-new-asian-superpower.html

LA SORPRESA NORD COREANA PER DONALD TRUMP


La Corea democratica festeggiava il 105.mo anniversario della nascita del fondatore Kim Il Sung, o “Giorno del Sole”, il 15 aprile, con un’enorme parata militare a Pyongyang, dove sfilavano per la prima volta nuovi sistemi missilistici, tra cui missili balistici lanciati da sottomarini (SLBM) e missili balistici intercontinentali (ICBM). Gli SLBM erano i KN15 (Paekuksong-2), definiti anche missili balistici a medio-lungo raggio, destinati ad essere dotati probabilmente di testate nucleari, mente gli ICBM comprendevano i già noti KN-08 e KN-14, e un nuovo inedito missile balistico intercontinentale, molto simile al russo Topol. Choe Ryong Hae, numero due della Repubblica Popolare Democratica di Corea, nel discorso ai soldati prima della sfilata accusava Donald Trump di “creare una situazione di guerra” nella penisola coreana, promettendo che “Risponderemo a una guerra totale con una guerra a tutto campo e una guerra nucleare con un nostro tipo di attacco nucleare”. Inoltre, nei video della sfilata appariva sul palco Kim Won Hong, il capo dell’intelligence della Corea democratica che, secondo la CIA e i servizi segreti della Corea del Sud, sarebbe stato rimosso.

KN11
I nuovi missili svelati alla parata militare di Pyongyang impressionavano gli esperti. Vladimir Khrustalev, specialista del programma nucleare e missilistico della Corea democratica, esprimeva le sue impressioni. Prima di tutto menzionava i nuovi missili antinave (KN09), la cui esistenza fu confermata nel 2015. I sistemi renderanno la difesa costiera della Corea democratica molto efficace. Un’altra novità era un missile balistico derivato dall’R-17 Elbrus sovietico. “Nelle foto pubblicate ho visto gli elementi aerodinamici della testata. E’ difficile dire se sia guidato o meno. In ogni caso, è chiaro che questi elementi siano destinati ad aumentare la precisione del tiro e a neutralizzare le difese antimissile“. Notava inoltre come le piattaforme di lancio fossero cingolati, come nel caso del missile KN11. “Oltre a considerazioni di ordine pratico, i nordcoreani preferiscono i cingolati perché la Corea democratica è in grado di produrli e, in questo senso la dipendenza dalle importazioni è minima. Così possono aumentare le rampe di lancio nonostante i vari embarghi”. Un altro missile, la cui ogiva e ad altri aspetti richiamano il missile intercontinentale KN08, anche se montato su un autoveicolo di lancio dal passo più corto. Questo missile avrebbe una gittata di circa 14000 km, sufficiente a colpire qualsiasi punto degli Stati Uniti dalla Corea democratica. Gli altri missili balistici intercontinentali potevano essere dei KN14, altro missile capace di raggiungere il continente americano. Gli autocarri che trasportavano i contenitori per questi missili si basano su quelli cinesi venduti al Ministero delle Foreste della Corea democratica e mai esibiti nelle precedenti parate militari. “La sensazione principale è che questi sono i due ultimi modelli di missili balistici. Il primo è ovviamente in un contenitore trasportare-lanciatore montato su un semirimorchio, come le prime versioni dei missili cinesi DF-21 e DF-31. Il secondo è sempre in un contenitore per il trasporto e il lancio montato su un potente autocarro a più assi, a quanto pare dello stesso modello utilizzato per trasportare i missili KN08 e KN14. A prima vista, assomiglia ai missili sovietici SS-25 o cinesi DF-31 e DF-41. I nordcoreani hanno una buona probabilità di aver successo in questi programmi“.

KN15
Il portavoce del ministero della Difesa nazionale della Corea del Sud si rifiutava di commentare l’esibizione delle forze militari di Pyongyang, mentre l’esperto di armamenti della Corea democratica dell’Istituto di Studi Internazionali Middlebury di Monterey, Dave Schmerler, affermava che il nuovo materiale sembrava essere molto più avanzato di quanto previsto, “Siamo totalmente spiazzati in questo momento. Non mi aspettavo di vedere tanti nuovi progetti missilistici”. Tali nuovi missili possono aumentare le opzioni di Pyongyang nel costituire una forza di ICBM in grado di colpire gli Stati Uniti con testate nucleari, come il leader nordcoreano Kim Jong Un indicò a gennaio. Secondo Melissa Hanham, esperta del James Martin Center for Nonproliferation Studies della California, i nordcoreani “Indicano i loro progressi nello sviluppo dei missili a combustibile solido”, che a differenza di quelli a combustibile liquido, possono essere lanciati più velocemente, evitando il rilevamento dai satelliti-spia nemici. Gli analisti lavorano per identificare i nuovi missili esibiti nella parata, come già indicato, un nuovo missile a lunga gittata e i due nuovi tipi di veicoli lanciatori per missili mai visti prima, e che ospiterebbero missili più grandi di quanto mai mostrato pubblicamente, “Hanno nuovi carri armati e sistemi lanciarazzi di produzione nazionale, e missili a combustibile solido, il che significa che possono lanciarne molti di più e più rapidamente, senza doversi rifornire”.
E’ evidente che la parata militare del 105.mo anniversario della nascita di Kim Il Sung abbia impressionato, e probabilmente scioccato, il Pentagono e gli Stati vassalli degli USA nella regione, tanto che subito dopo si è diffusa la voce, ad opera del Comando del Pacifico degli USA e dello Stato Maggiore sudcoreano, del fallimento del lancio di un ‘missile non identificato’. Una notizia non confermabile diffusa proprio da coloro appena usciti mediaticamente a pezzi dalla sfilata militare nordcoreana, che riduceva a miti consigli proprio il Pentagono. Se non ci fosse stato una test missilistico nordcoreano fallito, andava inventato. E forse le parole di un ufficiale cinese sembrano indicare proprio questo, una manovra di propaganda per ridimensionare il successo nordcoreano e sollevare il morale scosso delle fazioni belluine atlantiste: “Forse gli USA e i loro alleati anche creato interferenze per interrompere il lancio e causarne il fallimento, ma la possibilità di ciò è molto bassa. Se il lancio avveniva in tempo di guerra, gli Stati Uniti avrebbero interrotto o addirittura distrutto immediatamente il sistema di lancio. Ma ora non siamo in guerra, e gli USA devono anche osservare fino a che punto la Corea democratica può arrivare. Gli Stati Uniti preferiscono lasciare che la Corea democratica termini i suoi test, piuttosto che interromperli, in modo da raccogliere informazioni utili monitorandoli, a patto che i missili non puntino su Stati Uniti e alleati“.Difatti, la capitale della Corea del Sud, Seoul, si trova a 40 km dal confine con la Corea democratica, ed è perciò vulnerabile alla risposta da Pyongyang. Sam Gardiner, ex-colonnello dell’Air Force, dichiarava che gli Stati Uniti “non possono proteggere Seoul almeno per le prime 24 ore di guerra, e forse per le prime 48”. E perfino l’ex-presidente degli Stati Uniti Bill Clinton affermava che l’intensità dei combattimenti contro la Corea democratica “sarebbe maggiore a qualsiasi altro il mondo abbia assistito dalla guerra di Corea”. La potenza militare nordcoreana incute timore, perché tutt’altro che finta come pretendono di far credere i vari media di regime e tanti media pseudo-alternativi. L’Esercito Popolare Coreano (KPA) conterebbe 1300000 effettivi, 1700000 riservisti e 5000000 di paramilitari, e disporrebbe di 4200 carri armati, 4200 blindati cingolati e ruotati, 13000 sistemi di artiglieria, di cui 5000 semoventi, e 11000 cannoni contraerei e altrettanti sistemi anticarro, organizzati su 20 corpi d’armata e diverse unità autonome corazzate, meccanizzate e per operazioni speciali. L’industria militare nordcoreana non solo provvede ai componenti di ricambio e alle munizioni, ma produce anche sistemi d’arma complessi come carri armati aggiornati T-55 e T-62 con corazze reattive e nuovi motori e sensori, e progetti originali basati su tecnologia russa e cinese, come i 500 carri armati Pokpung-Ho, dotati di un cannone da 125 mm, e 1000 carri armai Chonma-Ho, versione nazionale del carro armato sovietico T-62. L’industria nordcoreana produce anche i blindati M-2010, versione nazionale del veicolo trasporto truppe corazzato sovietico BTR-80; i veicoli da combattimento M-2009, basati sullo scafo del carro anfibio sovietico PT-85 con torretta del BTR-80, oltre alle versioni nazionali del cingolato cinese Type-63. Seoul e diversi centri industriali sudcoreani rientrano nel raggio dell’artiglieria nordcoreana, che arriverebbe a 100 km. I sistemi d’artiglieria semoventi più potenti sono gli M-1978 Koksan da 170mm, ospitati in caverne e tunnel assieme a depositi e centri logistici. Vi si aggiungono i sistemi lanciarazzi multipli M-1985 e M-1991 da 240mm, con gittata di 60 km, e KN09 da 300mm con gittata di 100 km. Il KPA dispone di diversi reparti speciali per le operazioni d’infiltrazione via terra, sottoterra, mare e aria e per le operazioni di sabotaggio e guerriglia nelle retrovie nemiche, violando la Zona Smilitarizzata del 38° Parallelo. Circa 200000 sono gli operatori delle forze speciali aviotrasportate, d’assalto e anfibie del KPA. Tale combinazione di forze, oltre all’arsenale strategico, è ciò che trattiene l’aggressività delle forze statunitensi in Corea del Sud.

KN08
Il 15 aprile è il giorno più importante in Corea democratica, anniversario della nascita di Kim Il Sung. Ma già due giorni prima Pyongyang inaugurava un quartiere con 40 grattacieli, “Ryomyong Street è un risultato che la RPDC vuole promuovere sul fronte economico“, dichiarava un funzionario di Seoul. Durante la parata, Pyongyang invitava Washington a finirla con la sua “isteria militare” e a riprendere “sensi”. L’11 aprile, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump chiedeva, in una conversazione telefonica con il Presidente cinese Xi Jinping, di far sapere a Pyongyang che il governo degli Stati Uniti dispone non solo di portaerei ma anche di sottomarini nucleari. Quindi la sfilata avveniva tra gli ammonimenti degli USA, che inviavano un gruppo d’attacco con portaerei al largo della penisola coreana, mentre il presidente Trump minacciava che se la Cina non faceva pressione sulla Corea democratica, gli Stati Uniti avrebbero agito da soli. Se i funzionari dell’amministrazione Trump non escludevano azioni, quelli del Pentagono, tuttavia, negavano di essere pronti a lanciare un attacco se la Corea democratica fosse stata in procinto di condurre un test nucleare.













Fonte:https://aurorasito.wordpress.com/2017/04/16/parata-nordcoreana-con-sorpresa-per-trump/

giovedì 6 aprile 2017

DOPO DUE ANNI E' L'INIZIO DELLA PRIMAVERA RUSSA


La Russia è tornata in nero.
Dopo due anni la Russia ha registrato una crescita a due trimestri consecutivi - la definizione da manuale di quando si può riempire la vostra vasca idromassaggio con caviale nero e vodka e crogiolarsi nella gloria della ripresa economica.
L'economia russa è cresciuta dello 0,3% nel quarto trimestre del 2016 e di nuovo nel primo trimestre del 2017.
Le stime sono che la crescita totale del PIL nel 2017 sarà tra 1,3 e 1,7 per cento.
Questo è una modesta crescita fino ad ora, ma poi la contrazione nel 2016 è stata modesta e, al di sotto dell'1 per cento.
La contrazione nel 2015 è stata notevole ma poco meno del 4 per cento.
La Russia è stata immersa in recessione alla fine del 2014 nel corso di una tempesta perfetta che ha visto allo stesso tempo il crollo dei prezzi del petrolio, le sanzioni finanziarie occidentali, e la perdita di commercio con l'Europa occidentale e l'Ucraina a causa delle sanzioni e contro-sanzioni.
Durante la crisi, la Russia ha seguito politiche fiscali completamente diverse a differenza di quelle di Europa e Stati Uniti dopo il 2008.
Ha sollevato i tassi di interesse (che significa nessun prestito economico da fondi che non sono in realtà lì) e tagliare le spese, scegliendo di conservare ciò che sano di capitale aveva ancora piuttosto che soffiare su mal concepiti stimoli pianificati.
Dopo relativamenti brevi due anni la Russia ha superato la sua crisi.
Nel frattempo, quasi un decennio dopo la sua resa dei conti, l'Occidente sta ancora descrivendo la sua condizione di recuperare posti di lavoro - vale a dire un aumento del mercato azionario per milionari accompagnato da una continua sofferenza per le classi medio-basse.
Da questo punto di vista il leader russo continua a mostrare una solida lungimiranza nell'affrontare i problemi, a differenza dei vicini europei che ancora non sanno portare riparo agli errori delle loro incompetenti scelte politiche a danno della popolazione.
Durante l'incontro tra Vladimir Putin e Marine Le Pen, l'Occidente cominciò subito a dare la colpa al leader russo e al rappresentante del Parlamento francese.
Tuttavia, in questo momento il mondo ha visto un nuovo stile di Vladimira Putin, che in precedenza gli Stati Uniti e l'Unione Europea non avevano prestato attenzione.
A differenza degli Stati Uniti, la Russia non interferisce nella lotta politica interna in altri Paesi, nonostante il fatto che l'amministrazione dell'ex presidente degli Stati Uniti Barak Obama ha diffuso attivamente voci circa l'intervento della Federazione russa nella gara tra Trump e Clinton.
Ora, questa barriera può essere rimossa, mostrando interesse a sostenere i politici che dirigono le loro attività per garantire i rapporti favorevoli con Mosca.
E se l'Occidente crede che Le Pen è volutamente andato a Mosca per Putin personalmente, la sua politica è gravemente sbagliata.
Dopo il demonizzare dell'immagine occidentale Vladimira Putin, al contrario, il leader russo ha cominciato ad attirare ancora di più l'attenzione, quindi, i partner hanno iniziato impegnarsi più attivamente nel dialogo con i rappresentanti della Federazione Russa e il presidente personalmente.
Come se l'Occidente non stesse cercando di influenzare l'isolamento della Russia, che è già possibile parlare apertamente, il presidente russo non smette di stupire il mondo con il suo incredibile carisma e il desiderio di difendere gli interessi dello Stato russo. E poi Vladimir Putin fa la sua scelta, è già entrato in una nuova partita.
Ad oggi, non v'è nessun leader che potrebbe essere sulla scala di livello mondiale a causa di tanto interesse per le persone.
E'anche sensazionale Donald Trump ha osservato che il rispetto per il presidente russo, per il quale è stato criticato dai conservatori che rimangono nel Senato degli Stati Uniti.
Naturalmente, una parte della sua popolarità è venuta dalle false accuse che i governi inglesi, francesi, tedeschi e americani, che non si sono fermati urlando sull'intervento russo nei loro affari interni e la manifestazione della mitica "aggressione".
Così, l'Occidente ha fatto a Putin una pubblicità vera e propria, che permette di vedere che il presidente della Russia è piena di qualità positive.
La maggior parte degli stranieri sono attratti esattamente da come il leader russo difende con fermezza gli interessi del suo paese.
E se l'Occidente prende seriamente in considerazione che la Russia non vuole che (a differenza degli Stati Uniti) prendinola leadership globale in tutti i settori, abbiamo potuto vedere che la Federazione russa ha un interesse nazionale e il dovere di proteggerli.
Proprio a causa della costante aggressività della NATO ai suoi confini e ai toni politici fatti di recente al Parlamento Europeo da parte del controverso Partito Popolare Europeo, la Russia ha necessità di lavorare a strategie di difesa militare oltre che sul dialogo e negli ultimi anni i suoi sforzi sono stati premiati con la creazione di un'esercito moderno in grado di porre fine all'ormai in declino "Crisi Siriana"(dove migliaia di terroristi sono stati decimati dalla precisione e dall'efficacia delle armi russe) e allo stesso tempo produrre moderne macchine da guerra capaci di tenere testa sia agli europei che agli americani.

Il Vice-Presidente dell'Unione dei costruttori di macchine della Russia, Vladimir Gutenev, durante il suo discorso davanti agli studenti dell'Accademia Militare delle Forze missilistiche strategiche che prendono il nome Petra Velikogo, ha descritto lo sviluppo russo di armi basata su nuovi principi fisici.
Vladimir Gutenev ha sottolineato che è già stato creato un certo numero di progresso tecnologico innovativo.
Stiamo parlando di armi avanzate, che si basano su nuovi principi fisici. Esso include tali tipi di armi, laser, fascio di particelle, elettromagnetiche, radiofrequenza.
Sono in fase di sviluppo e armi geofisiche, che non appartengono a nessuno analogo nel mondo.
Tra le armi sviluppate ci sono anche nanorobot, che sono stati prima presentati in un forum espositivo chiuso ad "Army 2016".
Le armi, basati su nuovi principi fisici sono molto promettenti. Questa tendenza si sta sviluppando non solo in Russia, perché c'era bisogno di un fondamentalmente nuova arma nel mondo moderno.
Si noti che ai primi di marzo, un decreto è stato firmato dal presidente russo Vladimir Putin sulla creazione del Centro per lo Sviluppo della Scienza dei Materiali.
Questo centro si propone di contribuire allo sviluppo del potenziale scientifico e la produzione del complesso militare-industriale della Russia.




Fonti:
http://russia-insider.com/en/its-official-after-2-years-recession-sanctions-hit-russia-returns-growth/ri19437
https://newinform.com/48946-putin-sdelal-svoi-vybor-novaya-igra-nachalas
https://newinform.com/48946-putin-sdelal-svoi-vybor-novaya-igra-nachalas

venerdì 31 marzo 2017

L'INFRASTRUTTURA MILITARE ARTICA RUSSA SARA' COMPLETA ENTRO IL 2020


La Russia ha in programma di costruire e attrezzare strutture militari principalmente sull'arcipelago Novaja Zemlja, il Franz Josef, la Nuova Siberia e l'Isola di Wrangel.
Sta inoltre espandendo le attività commerciali e di esplorazione nell'Artico con la costruzione di infrastrutture di trasporto e la produzione di energia, così come l'installazione di strutture militari e di sviluppare la rotta del Mare del Nord che collega l'Europa e l'Asia.
"Ogni anno abbiamo un gran numero di strutture. Questo lavoro di anno in alcune delle isole dovrebbe essere completato. Ci sono grandi progetti per il 2018. Tutto questo lavoro dovrebbe essere completato entro il 2020", ha detto Shoigu.
Nel mese di dicembre 2014, Mosca ha presentato una dottrina militare riveduto che dà la priorità alla protezione degli interessi nazionali nella regione artica.

Fonte:https://sputniknews.com/russia/201703311052153102-russia-arctic-infrastructure/

L'ARMA SUPREMA RUSSA


Anche i più grandi esperti di armamenti non si sono accorti degli ultimi importanti cambiamenti in questo campo della corsa occulta tra Russia e Stati Uniti. Questi eventi inosservati potrebbero essere descritti nel seguente modo: la Russia non solo ha recuperato l’equilibrio strategico con gli Stati Uniti, ma è riuscita a creare armi completamente nuove: “Sarmat”, “Tzirkon” e “Status-6”, che danno alla Russia la supremazia nei tre campi militari basilari: spazio, aria e acqua. Cominciamo con il nuovo missile ipersonico strategico “Sarmat” e dalla recente visita del Presidente Putin al Centro missilistico di Stato “Makeev”, nel distretto di Cheljabinsk.
Questa regione è nota per la produzione dei missili balistici intercontinentali di quinta generazione RS-28 “Sarmat”.
Alla fine del settembre 2016, le testate ipersoniche del “Sarmat”, le Izdelie 4202 o Ju-71, colpivano i bersagli nel poligono di Kura. Il “Sarmat” può raggiungere una traiettoria suborbitale e colpire il bersaglio dallo spazio. Ciò significa che non solo diretti, ma anche attacchi indiretti contro gli USA, dallo spazio, sono possibili sorvolando i poli nord o sud. La traiettoria è impostata per evitare le regioni coperte dal sistema antimissile degli USA (MDS). Ciò è possibile grazie al sistema di volo più efficace del primo e del secondo stadio del missile, e dall’accelerazione dell’ultimo stadio. Le testate hanno alta manovrabilità e un’estrema precisione, avendo solo 5-10 metri di margine di errore nel puntamento sul bersaglio. Questo permetterà di servirsi di testate nucleari o cinetiche, che distruggono i bersagli con un’enorme quantità di energia. Entro il 2020, il missile sarà armato con testate ipersoniche, conosciute dal nome in codice “Izdelie 4202”. Le prove iniziarono nel 2010. La loro velocità è tra i 17 e i 22 Mach.
Il velivolo di rientro potrà inserire più testate ipersoniche nell’atmosfera, manovrando in senso verticale e orizzontale. Il “Sarmat” avrà un peso di quasi 110 tonnellate e trasporterà parecchie testate nucleari dalla traiettoria indipendente. Le testate saranno invulnerabili al MDS, che gli Stati Uniti dispiegano o dispiegheranno ai confini della Russia. Non un solo missile MDS potrà intercettare le testate del Sarmat che volano su uniche curve balistiche, cambiando improvvisamente velocità da supersonica a ipersonica, seguendo il profilo della superficie e manovrando per rotta e quota. Distruggere tali testate sarà impossibile. La gittata del “Sarmat” sarà di oltre 11000 chilometri. Poiché il missile non volerà secondo la tipica rotta balistica, ma più piatta, la durata del volo verso l’obiettivo sarà minore.
La testata manovrabile ipersonica volerà nell’atmosfera più a lungo e ne aumenterà l’efficacia. Ma l’aspetto principale del nuovo sistema “Sarmat” (4202 o per gli Stati Uniti Ju-71), è che sarà controllata per l’intero volo. Se questo è vero, e se i russi risolveranno il complesso problema del telecontrollo delle testate, che volano nell’atmosfera entro una nube di plasma e a velocità colossali, la precisione dell’impatto potrebbe essere paragonata a quella del GPS o del GLONASS; pochi metri. Con tale precisione, non c’è bisogno di una testata nucleare o convenzionale. Potrebbe essere semplicemente cinetica, senza alcun esplosivo all’interno. Se questa testata pesasse circa una tonnellata, il “Sarmat” potrà trasportare 10 tonnellate di carico bellico.
Considerando l’enorme velocità con cui la testata colpirà l’obiettivo, le conseguenze sarebbero pari all’esplosione di centinaia di tonnellate di tritolo, distruggendo qualsiasi bersaglio al suolo o sotto diversi metri di cemento armato. Ciò significa che con il “Sarmat” Mosca, anche senza l’utilizzo di testate nucleari, avrà l’opportunità unica del primo attacco globale, cioè distruggere ogni possibile bersaglio terrestre entro 30-40 minuti.
Nel frattempo, è apparso il missile da crociera ipersonico denominato “Tzirkon”, che armerà gli incrociatori “Pjotr Velikij” e “Admiral Nakhimov”. Gli incrociatori aggiornati potranno lanciare non solo missili “Tzirkon”, ma anche “Oniks” e “Kalibr”.
Al momento, la velocità di questi due ultimi è doppia di quella del suono. Ma la cosa più importante è che con lo “Tzirkon” la Russia potrà coprire tutti gli oceani, mentre le portaerei statunitensi rimarranno nei porti, e neanche lì saranno al sicuro. Ma in cosa è esattamente diverso il “Tzirkon” dalla testata del missile balistico ipersonico 4202.
In primo luogo il “Tzirkon”, paragonato al 4202, può completare il volo nell’atmosfera terrestre entro la linea Karman, il confine convenzionale tra atmosfera terrestre e spazio cosmico. In secondo luogo, se il 4202 è un sistema strategico che può colpire obiettivi a migliaia di chilometri di distanza, il “Tzirkon” è un missile antinave, versione migliorata dei missili Bazalt- Granit-Oniks, che distruggerà obiettivi in mare o terra a 300-400 chilometri di distanza.
Il “Tzirkon” non solo deve raggiungere una determinata posizione, ma deve rilevare l’obiettivo evitando le interferenze di MDS e radar del nemico, e distruggere il bersaglio. Ciò significa che gli ingegneri russi hanno risolto con successo almeno tre compiti complessi:
– hanno trovato il modo di superare i danni alla fusoliera del missile dovuti al surriscaldamento per attrito;
– hanno trovato il modo di neutralizzare la nube di plasma che appare attorno all’oggetto in rapido movimento e che porta a far perdere il controllo del missile;
– sono riusciti a creare un carburante speciale per razzi ipersonici, noto come Decilyn-M.
All’inizio di dicembre 2016 apparve l’ultima e probabilmente più spaventosa arma, un gigantesco siluro con testata termonucleare dalla potenza agghiacciante, lo “Status-6”. “Status-6” è un siluro innovativo che può raggiungere una velocità di 90 nodi e una profondità 1000 m. La gittata è di 10000 km ed è lungo 6,5 metri con una testata bellica di 100 megatoni. Se questo siluro raggiungesse le coste degli Stati Uniti, creerebbe un gigantesco tsunami che distruggerebbe gli Stati costieri con le loro basi militari, aeroporti e fabbriche militari.
Secondo fonti degli Stati Uniti, le prove ebbero luogo il 27 novembre, quando “Status-6” fu lanciato dal sottomarino speciale B-90 Sarov. “Status-6” è un’altra risposta della Russia al MDS degli Stati Uniti. Scacco matto.

Fino al 2020, oltre ad altre nuove armi come gli aviogetti da combattimento di quinta generazione, i nuovi carri armati “Armata” e le nuove armi nucleari, la Russia disporrà del missile strategico ipersonico “Sarmat”, del missile da crociera ipersonico “Tzirkon” e del siluro “Status-6” .

Fonte:https://aurorasito.wordpress.com/2017/03/31/larma-suprema-russa-sarmat-tzirkon-e-status-6/

giovedì 30 marzo 2017

IL SISTEMA DI DIFESA MISSILISTICO RUSSO

Mezzo secolo fa, 30 Marzo, 1967, il governo sovietico ha istituito il sistema di forze antimissile e di difesa dello spazio. La nuova entità ha combinato tutte le unità di difesa missilistica allora esistenti. Le nuove forze avevano lo scopo di proteggere le aree industriali e militari cruciali dell'URSS da missili balistici intercontinentali (ICBM) americani.

Nonostante il fatto che per il momento la guerra fredda era già entrato nella sua fase di de-escalation, la deterrenza nucleare era una questione di vita o di morte per l'Unione Sovietica.
Nel 1967, gli Stati Uniti avevano ottenuto quasi 32.000 testate nucleari, il record nella storia del braccio di ferro Mosca-Washington.
Inoltre, il Minuteman ICBM II è entrato in servizio con le forze armate degli Stati Uniti ed è stato in grado di violare qualsiasi scudo di difesa missilistica.
Verso la fine degli anni 1980, l'URSS ha creato il sistema di difesa missilistica A-135 che ancora continuano a rimanere operativo. Tuttavia, la storia di scudo missilistico della Russia è lunga e impegnativa.

Storia


Scienziati e ingegneri sovietici hanno analizzato la possibilità possibilità di intercettazione dei missili balistici nel 1945. Tuttavia, la ricerca e sviluppo attivi sono stati lanciati nel 1953. La leadership militare sovietica era molto preoccupata per gli ICBM degli Stati Uniti in via di sviluppo.
Il 1 ° febbraio 1956 sono stati presentati due progetti di difesa missilistica, uno dei quali, il Sistema A, è stato successivamente approvato dal governo.
Il 17 agosto, il governo ha ordinato l'istituzione di una serie di formazione di difesa missilistica nei pressi del lago Balkhash, in Kazakistan.
Il sito è stato nominato Sary Shagan ed è stato utilizzato da allora dai militari russi.
Il Sistema A è stato controllato da un complesso di calcolo terrestre, che calcola la traiettoria di un missile in base alle informazioni raccolte da tre radar.
I radar erano situati ad una distanza di 170 km l'uno dall'altro, formando un triangolo con un sistema di intercettazione V-1000 nel centro.
Le prime prove pratiche erano però un fallimento. I computer non avevano il potere di calcolare con precisione la traiettoria. Il primo test è stato condotto con successo il 4 marzo, 1961.
Il 1 ° settembre 1971, il primo sistema di difesa sovietica a tutti gli effetti dei missili, A-35, è stato distribuito e messo in allerta da combattimento intorno a Mosca.
Il sistema era basato su principi e le tecnologie collaudate sul sperimentale Sistema A.
L'A-35 compreso il centro di comando e di elaborazione principale al centro aveva due stazioni radio radar a lungo raggio e quattro complessi di lancio.
L'intera infrastruttura è stata schierata nella regione di Mosca.
L'A-35 era in grado di intercettare un monoblocco di missili balistici ad una distanza di 130-400 km e ad un'altitudine di 50-400 km.
Il sistema ha riguardato una superficie di 400 km quadrati.
L'A-35 è stato anche previsto per essere distribuito in altri settori.
Tuttavia, il trattato del 1972 anti missili balistici (Trattato ABM) tra gli Stati Uniti e l'Unione Sovietica ha permesso tali difese missilistiche solo in due aree in ciascuno dei Paesi.
Nel 1974, un emendamento al trattato ha limitato il numero di aree di difesa missilistica coperto ad uno in ciascuno dei due Paesi.
Nel 2002, Washington si è ritirato unilateralmente dal trattato.

Come funziona

L'A-35M, la versione aggiornata dell'A-35, è stato messo in servizio nel 1977.
La sua caratteristica distintiva principale era la capacità di intercettare a missili balistici a testata multipla.
Allo stesso tempo, un sistema di difesa missilistico nuova era in fase di sviluppo.
E 'stato chiamato l'A-135 Amur ed entrò in servizio nel 1990 e cinque anni dopo è stato messo in allerta da combattimento nella regione di Mosca.
"Attualmente, l'A-135 è parte della 9 ° divisione 1 ° aria e l'esercito di difesa antimissile [parte delle forze aerospaziale russa].
Il sistema è stato modernizzato più volte, prima di tutto, compresi i suoi dispositivi di elaborazione.
Di conseguenza, il sistema ora gira molto più velocemente " dice l'esperto militare Mikhail Khodarenok.
Per tagliare una lunga storia breve, un algoritmo esemplare di come funziona il sistema.
I satelliti militari russi rilevano il lancio del missile di un potenziale nemico e poi il missile è monitorato dalle stazioni radio-radar a Voronezh e Daryal.
A questo punto, la leadership russa ha il tempo di prendere una decisione su un contrattacco di rappresaglia.
Allo stesso tempo, la modalità di combattimento viene attivato sull'A-135.
L'A-135 include la stazione radio-radar Don-2N, situata a Sofrino, vicino a Mosca.
Rileva le testate che volano nello spazio, ad una distanza di fino a 3.700 km e l'informazione viene trasmessa al punto di comando 5K80.
Quindi, le informazioni vengono elaborate e trasmesse in seguito ai siti missilistici di lancio.
Ognuno dei siti missilistici di lancio dispiegati intorno a Mosca ha 12-16 silos contenenti 53T6 intercettori in grado di colpire bersagli a una distanza di fino a 60 km e ad un'altitudine di fino a 45 km. A partire dal 2016, 68 53T6 intercettori sono in servizio.
"La caratteristica principale del A-135 è che è completamente autonomo, tra cui l'acquisizione del bersaglio, il blocco, l'autorizzazione del lancio intercettore e il suo volto", ha detto Khodarenok.
Egli ha aggiunto che l'A-135 è anche in grado di distinguere tra una testata ed esche di missili balistici.

Il futuro della Sistema di Difesa Missilistica

Nonostante il fatto che l'A-135 è un sistema sofisticato ed efficiente, che invecchia. La sua sostituzione è attualmente in fase di test.
"In futuro, l'A-135 sarà sostituito dalla difesa missilistica di generazione A-235 Nudol. Informazioni sul nuovo sistema è classificato.
Secondo le informazioni disponibili, avrà una portata maggiore e una maggiore precisione. Il suo sviluppo è in programma, ma è troppo presto per parlare di date specifiche ", ha detto Khodarenok.
Allo stesso tempo, secondo lui, un sistema di difesa missilistica non fornisce protezione al 100 per cento da un attacco nucleare massiccio ed è in grado di intercettare solo un numero limitato di testate. Inoltre, il tallone d'Achille di tali sistemi sono i silos perché potenziali nemici possono ottenere le loro coordinate.
"Quest'ultimo problema sarà risolto dopo che l'avanzato S-500 difesa missilistica rafforzerà l'A-235 nella regione di Mosca e fornisce una protezione dai missili nemici in altre regioni.
L'S-500 è un sistema mobile e può cambiare rapidamente cambiare posizione," la esperto ha spiegato.
Nel mese di febbraio, il vice ministro della Difesa russo Yuri Borisov ha detto che il primo prototipo di sviluppo dell'S-500 sarà pronto entro il 2020.
Il sistema dovrebbe essere in grado di intercettare obiettivi aerodinamici (aerei, elicotteri e droni) e missili balistici. Il suo raggio d'azione sarà di 600 km.
L'S-500 sarà in grado di distruggere fino a 10 bersagli balistici ipersonici allo stesso tempo.

Fonte:https://sputniknews.com/military/201703301052125532-russia-missile-defense/

giovedì 23 marzo 2017

"LA COREA DEL NORD E' PRONTA ALLA GUERRA"


La Corea del Sud e gli Stati Uniti hanno detto che il missile è esploso a pochi secondi dal lancio della provincia di Gangwon, nel sud-est del paese eremita.
"La Corea del Nord ha sparato un missile da una zona nei pressi della base aerea di Wonsan il 22 marzo , ma si presume che sia fallito", ha detto ministero della Difesa della Corea del Sud in una breve dichiarazione.
Né gli USA né la Corea del Sud hanno rilasciato informazioni su che tipo di missile è stato sparato, o perché non è riuscito.
Il Comando del Pacifico degli Stati Uniti ha detto che stava lavorando con i partner per valutare ulteriormente la questione.
Il test viene in mezzo alle aumentate tensioni nella penisola coreana dopo una serie di test missilistici del Nord e le successive minacce di azioni militari dagli Stati Uniti.
In una risposta al segretario di Stato americano Rex Tillerson del recente discorso di sanzioni più severe contro lo stato il ministero degli Esteri della Corea del Nord ha rilasciato una dichiarazione il 22 marzo proclamando che sono pronti per la guerra.
"La forza nucleare della Corea del Nord è la spada preziosa della giustizia e della deterrenza di guerra più affidabile per difendere la patria socialista e la vita della sua gente," afferma il funzionario coreano Central News Agency.
Abbiamo la volontà e la capacità di rispondere pienamente a qualsiasi guerra che gli Stati Uniti vogliono. Se gli uomini d'affari hanno pensato che ci avrebbero spaventato, si sarebbero ben presto conto che il loro metodo non avrebbe funzionato."
Dopo una visita del confine pesantemente militarizzato tra le Coree rivali la scorsa settimana, Tillerson ha detto: "Voglio essere molto chiaro: la politica della pazienza strategica è terminata.
"Stiamo esplorando una nuova gamma di misure diplomatiche, di sicurezza e di misure economiche. Tutte le opzioni sono sul tavolo".
Mentre il presidente Donald Trump ha detto che il leader nordcoreano Kim Jong-un si sta "comportando molto male" dopo aver condotto un test sul terreno per un nuovo tipo di motore a razzo ad alta spinta.
Pyongyang ha sparato quattro missili balistici, tre dei quali sbarcati più vicino a 190 miglia verso la costa giapponese, il 6 marzo, causando preoccupazione tra i suoi vicini.
"La situazione attuale della penisola è estremamente tesa, 'tutti con il loro pugnale disegnato' sarebbe una descrizione giusta", ha detto.
I test missilistici della Corea del Nord coincidono con le esercitazioni militari con gli Stati Uniti e le esercitazioni militari congiunte di Corea del Sud nel Sud, che hanno avuto inizio il 1 ° marzo.

Fonte:https://sputniknews.com/asia/201703221051844699-north-korea-war-ready/

martedì 14 marzo 2017

LA REPUBBLICA CINESE AUMENTA LE SUE UNITA' DELL'ESERCITO

La Cina prevede di aumentare il numero delle sue unità del Corpo dei Marines da 20.000 a 100.000 al fine di proteggere le proprie comunicazioni marine vitali e gli interessi crescenti all'estero, secondo il quotidiano di Hong Kong South China Morning Post citando fonti militari ed esperti.

La pubblicazione si riferisce alla base logistica cinese nel Gibuti e porto di Gwadar nel sud-ovest del Pakistan.
Le aree di tutela degli interessi comprendono anche la penisola coreana, la Cina orientale e il Mar Cinese Meridionale, e i territori di terra e di mare lungo la Via della Seta, tra cui l'Afghanistan.
Il giornale ha inoltre rilevato che il contingente della marina cinese è stato quasi raddoppiato a quello esistente di 20.000 trasferendo due brigate dell'esercito regolare alla loro squadra.
Allo stesso tempo, con un incremento di 100.000 militari il numero di forze navali inoltre aumenta del 15 per cento, dove attualmente il numero di personale della Marina cinese è stimato a 235.000 uomini.
L'analista militare russo Vladimir Evseev ha ricordato che il Corpo dei Marines degli Stati Uniti ha 200.000 soldati nei suoi ranghi.
"La Cina sta cercando di creare una fanteria marina il cui numero è solo due volte inferiore a quello degli Stati Uniti. Cosa significa questo? Naturalmente, il rafforzamento della presenza a Gibuti non è il motivo principale. Il punto è che la Cina è sempre più interessata nella regione Asia-Pacifico ", ha detto Evseev.
In realtà, questo è parte della politica di contenimento degli Stati Uniti; altrimenti un aumento di cinque volte del numero di Marines non è semplicemente necessario.
La Cina vuole essere uno stato paragonabile a potenziale militare per gli Stati Uniti nella regione Asia-Pacifico.
Ecco perché ha bisogno di 100.000 marines, secondo l'analista.
D'altra parte, l'analista militare indipendente Zhao Chu sostiene con il parere di questo articolo South China Morning Post e con l'esperto russo sul possibile coinvolgimento di marines cinesi nella salvaguardia degli interessi di sicurezza della Cina nella penisola coreana.
"Tutti sanno che la Cina e la Corea del Nord sono vincolati da una terra di confine, come nel 1950 quando le unità di volontari cinesi sono anche entrati nella penisola coreana via terra, quindi è molto difficile immaginare che la Cina possa svolgere un invasione militare su larga scala della penisola coreana fino al dispiegamento di un combattimento pronto di forza d'assalto su larga scala. Questi tipi di dichiarazioni sono un po 'infondate ", ha detto Zhao Chu.
Secondo un esperto di geopolitica e ex analista del comitato di difesa e la commissione affari internazionali della Duma di Stato, Konstantin Sokolov, ha detto che è necessario valutare il numero di marines in primo luogo rispetto al territorio che può essere controllato.
"In Oriente e Sud-Est asiatico, ci sono un sacco di territori insulari che fanno parte degli interessi economici e interessi di sicurezza della Cina. Presumo che se un probabile nemico appare in queste zone e vi è la necessità del controllo, sarà necessario un numero elevato di polizia militare o il Corpo dei Marines. Quindi, dal mio punto di vista, la Cina, probabilmente, può giustamente andare ad aumentare il numero dei suoi marines ", ha detto Sokolov.
L'esperto ha inoltre affermato che il focolaio in questo momento è, naturalmente, la penisola coreana.
Si deve capire il motivo per cui, per molti decenni e per diverse generazioni, è stato un punto di confronto.
"Lo scenario del controllo degli Stati Uniti sulla Corea del Nord non è stato tolto. Questo è l'unico punto in cui si può creare una testa di ponte militare terrestre che potrebbe seriamente minacciare la Cina lungo il suo confine terrestre con la Corea del Nord. Dal punto di vista strategico, questo è il punto principale di garantire interessi di sicurezza della Cina ", ha detto Sokolov.
L'esperto ha inoltre affermato che ci sono molti scenari, ma in linea di principio, la Cina affronta il compito principale: in caso di destabilizzazione della situazione, prima di tutto in Asia, si renderà necessario per la Cina utilizzi il suo Corpo dei Marines.
«Per non parlare di altre parti del mondo, dal momento che la Cina è una potenza mondiale ed è naturale che i suoi interessi esistono ovunque", ha concluso l'esperto.
In precedenza è stato riferito che l'eventuale spiegamento di marines della Cina a Gibuti è destinato ad aumentare la vigilanza del Stati Uniti . Di recente, il capo del Comando africano delle Forze Armate degli Stati Uniti, Thomas Waldhauser, ha dichiarato nWLL Commissione Esteri del Senato che la stessa vicinanza della base militare cinese a Gibuti al campo americano Lemonnier, che si trova vicino all'aeroporto internazionale di Gibuti, pone una minaccia per il Pentagono.
Il generale ha anche ricordato ai senatori che la base cinese rafforza la presenza navale della Cina nella regione.

Fonte:https://sputniknews.com/asia/201703131051540473-chinese-marine-corps-protect-strategic-interest/

LA REPUBBLICA CINESE STA ORGANIZZANDO UN'ARSENALE DI CANNONI ELETTROMAGNETICI

Nel tentativo di contrastare una rete di navigazione degli Stati Uniti, l'intelligence, e satelliti di comunicazione in grado di attacchi di precisione senza eguali, la Cina sta sviluppando un proprio arsenale cannoni elettromagnetici, potenti armi a microonde e laser ad alta potenza. Questo armi potrebbe rappresentare nei futuri attacchi satellitari 'guerre' di luce spaziali.

I ricercatori, Zeng Yu-Quang, Wang Zhi-Hong, e Gao Ming-hui hanno scritto circa la nozione di arma laser spaziale nel 2013 sulla rivista Optics Chinese.
Tutti e tre gli scienziati lavorano per le principali armi laser all'organizzazione di tecnologia Optics, Fine Mechanics and Physics.
Nelle guerre future", hanno scritto, "lo sviluppo di ASAT armi [anti-satellite] è molto importante ... Tra queste armi, il sistema di attacco laser gode di notevoli vantaggi di velocità di risposta veloce, robuste prestazioni contro-interferenza e un tasso di distruzione del soggetto molto alto, in particolare per un sistema ASAT spaziale.
Così il sistema di arma laser spaziale sarà uno dei principali progetti di sviluppo ASAT. "
Se l'esercito di Pechino, che sorveglia il programma spaziale del paese, prevede il finanziamento per le proposte di cinque tonnellate laser chimico degli scienziati, potrebbe essere operativo entro il 2023. L'arma sarebbe in grado di distruggere i satelliti nemici in orbita dalla sua posizione nella bassa orbita terrestre .
Un radar terrestre sarebbe utilizzato per identificare un satellite bersaglio, secondo l'articolo, con puntamento preciso assicurato da una telecamera speciale.
L'articolo ha rivelato che, "nel 2005, abbiamo condotto con successo un esperimento-satellite accecante montata su un cannone lase laser con una capacità da 50-100 kW nella provincia di Xinjiang ... L'obiettivo era un satellite a bassa orbita, con una distanza di inclinazione di 600 chilometri. Il diametro del telescopio che ha sparato il fascio laser è largo 0,6 metri. la precisione di [acquisizione, inseguimento e puntamento è inferiore a 5 [microradianti]. "
Pur dando una testimonianza al Congresso il mese scorso davanti al Congresso, lo specialista militare Richard Fisher, ha confermato che la Cina ha avuto un programma di armi laser e ha avvertito che Pechino potrebbe rapidamente essere in fase della militarizzazione dello spazio.
Asia Times ha citato Fisher dicendo: "Il governo cinese non avrebbe esitato a usare la vita dei suoi astronauti come uno scudo per ingannare il mondo circa il vero scopo della sua stazione spaziale", e, "dopo aver ottenuto il vantaggio della sorpresa, la stazione spaziale potrebbe iniziare attacchi contro satelliti degli Stati Uniti. "

Fonte:https://sputniknews.com/military/201703111051468609-china-develops-space-based-laser/

giovedì 9 marzo 2017

NEI PROSSIMI VENT'ANNI L'INDUSTRIA RUSSA DETERMINERA' UNA CRESCITA ECONOMICA SOSTENUTA

Il tasso di crescita economica della Russia è classificato tra i dieci migliori al mondo, conferma RIA Novosti, citando un'indagine US News & World Report.

In un recente sondaggio condotto da US News & World Report, la Russia è classificata tra i primi dieci paesi al mondo in termini di crescita economica, segnala RIA Novosti.
La Russia è stata anche nominata il secondo paese più potente, con il primo posto preso dagli Stati Uniti, secondo il sondaggio.
Lo studio, che si è classificata in 80 paesi in termini di prestazioni globali, ha quotato la Russia ottavo tra le economie "in arrivo" e 24 tra i migliori paesi per l'imprenditorialità, e 28 in termini di influenza culturale.

Nel complesso, la Russia è classificata 27 ° nel 2017 Best Country voto rilasciato da US News and World Report.
Vladimir Markin, vice direttore generale della RusHydro, una delle più grandi aziende energetiche russe, è stato citato da RIA Novosti affermando che se il voto fosse stato rielaborato per eliminare pregiudizi soggettivi, la posizione 27 della Russia potrebbe effettivamente significare che la Russia è stata tra i primi cinque.
"27 ° posto della Russia nel voto occidentale equivale a la posizione del paese nella top-five [lista dei paesi] se la valutazione è stata oggettiva e basata su parametri di riferimento a lungo termine", ha detto Markin.
Egli è rimasto ottimista circa la crescita economica della Russia nei prossimi decenni, una cosa che ha detto si riflette in "cifre reali."
"I prossimi venti anni vedranno una crescita economica sostenuta della Russia, che sarà basata non su parametri speculativi virtuali, ma su dati reali relativi alla produzione di energia elettrica, industriale e la produzione agricola, così come abitazioni e la costruzione di strade e ponti, tra l'altro le cose ", ha detto.
L'indipendente esperto russo Ilya Popov, da parte sua, ha attirato l'attenzione sul fatto che gli investitori stranieri spesso individuano la Russia come uno dei paesi più promettenti quando si tratta di iniezioni finanziarie.
"Il mercato russo rimane uno dei pochi luoghi di ritrovo che possono consentire a un investitore di ottenere un reddito molto significativo quando si effettua un investimento non massimo".
Egli ha aggiunto che gli stranieri sono ancora fiducioso che la crescita economica della Russia dipenderà dal settore energetico, che è il motivo per cui preferiscono investire in questo settore.
Tuttavia, altri settori dell'economia russa meritano di essere menzionati, Popov ha detto, riferendosi ai prodotti farmaceutici, biotecnologie, tecnologie dell'informazione e delle telecomunicazioni.
"Disegnando investitori di queste industrie il loro sviluppo contribuirà a garantire la crescita economica a lungo termine della Russia," Popov ha sottolineato.
Il mese scorso, il quotidiano austriaco Wiener Zeitung ha scritto che le sanzioni anti-russi introdotte dall'Occidente hanno dimostrato di essere inefficaci, con l'economia russa che mostra chiari segni di ripresa.
La Russia ha reagito alle sanzioni rafforzando la sua produzione interna, in particolare per quanto riguarda la metallurgia e l'agricoltura, l'articolo ha detto.
Il quotidiano ha citato il tedesco esperto di economia Dietmar Fellner che afferma cge la ripresa economica della Russia, che sta avvenendo nonostante le sanzioni occidentali in corso, "aumenta la fiducia in se stessi del paese."

Fonte:https://sputniknews.com/russia/201703091051394478-russia-economy-growth-investment-production/

martedì 7 marzo 2017

LA REPUBBLICA CINESE SI ESPANDE ANCHE NEL SETTORE DEL NUCLEARE EUROPEO


La Cina si installa sul mercato nucleare europeo: per la prima volta, ha esportato un equipaggiamento da lui stesso per una centrale nucleare. Questa innovazione è fatta mentre l'UE cerca di fermare gli investimenti cinesi nel settore dell'alta tecnologia.
La Cina mostra chiaramente il suo interesse per i mercati europei. Il nucleare civile è la prova.
Per la prima volta, il Paese ha esportato nell'Unione europea impianti energetici di apparecchiature da una centrale nucleare di sua creazione, riporta il giornale Renmin Ribao.
La bassa pressione del locali caldaia sono stati sviluppati e prodotti dalla società cinese Dongfang Electric Heavy Machine Co., seguendo le istruzioni e gli standard dell'UE.
L'apparecchiatura cinese sostituisce quella installata in diverse centrali nucleari costruite dal colosso energetico francese Electricité de France (EdF).
Ma l'argomento è molto sensibile: le tecnologie di questo tipo sono considerate avere un duplice scopo e le esportazioni dell'UE verso la Cina sono state vietati per diversi decenni.
La svolta cinese sul mercato nucleare riflette lo sviluppo prioritario del campo dell'energia atomica nel paese, dice l'esperto dell'Istituto cinese di Contemporary Relazioni Internazionali Chen Fengying.
"La svolta della Cina in questo settore è paragonabile al suo avanzato mercato ferroviario ad alta velocità, che riflette anche, da parte sua, alti standard tecnologici cinesi.
Il potenziale produttore della Cina nel nucleare è attualmente previsto dal potenziale europeo, russo e americano, e ha bisogno di una crescita continua.
Nel frattempo, in futuro l'uso globale del nucleare apre ampie prospettive e così lo spazio per lo sviluppo della Cina in questo campo è molto grande ", dice l'esperto.
In questa situazione, la comunità finanziaria europea sembra essere fortemente preoccupata per le intenzioni cinesi.
Le attività dedicate ad imporre sul mercato nucleare sono aziende di tentativi dell'UE a fondo per fermare il flusso di investimenti cinesi nel settore delle alte tecnologie.
Il 14 febbraio, la Germania, la Francia e l'Italia hanno invitato Bruxelles di concedere loro il diritto di bloccare gli investitori cinesi in società ad alta tecnologia.
Lo scorso autunno, la Germania aveva già votato per nuove regole. Secondo il Financial Times, l'iniziativa potrebbe diventare una realtà.
Queste sono davvero barriere intenzionalu sulla strada degli investimenti cinesi nell'UE, dice l'analista finanziario Dmitry Tratas.
"E 'chiaro che sono le aziende high-tech di particolare interesse. Questo preoccupa e spaventa le prime tre economie dell'UE. Da un lato, si può dire che stanno difendendo i mercati nazionali. D'altra parte, possiamo tristemente constatare che le barriere si alzano verso gli investitori ", ha detto l'esperto.
Così il mercato nucleare è un significativo esempio di rivalità sino-europeo nella tecnologia. L'Unione Europea considera i regolamenti in carica per fermare gli investimenti cinesi nel settore ad alta tecnologia come un vantaggio in questo grande gioco commerciale.

Fontehttps://fr.sputniknews.com/economie/201702161030123452-marche-technologique-chine-union-europeenne/

venerdì 3 marzo 2017

PER LA REPUBBLICA CINESE INIZIA UNA NUOVA ETA' DI ESPORTAZIONE DELLE ARMI

Stime recenti circa un aumento vertiginoso delle esportazioni militari della Cina possono essere esagerate, ma la crescente influenza di Pechino significa che queste esportazioni abbastanza presto diventeranno più di un politico strumento economico.

La scorsa settimana l'International Research Institute di Stoccolma (SIPRI) ha riferito sugli sviluppi in trasferimenti internazionali di armi negli ultimi cinque anni.
I dati mostrano che il volume dei trasferimenti di armi principali durante il 2012-16 è aumentato del 8.4 per cento rispetto al 2007-11, ed è stato il più alto volume di trasferimenti di armi nel corso di un periodo di cinque anni a partire dal 1990.
I maggiori importatori sono stati in Asia e Oceania e Medio Oriente, che rappresentano il 43 per cento e il 29 per cento di tutte le importazioni di armi, rispettivamente.
Secondo i dati SIPRI, nel 2012-16 gli Stati Uniti erano il più grande esportatore mondiale (33 per cento), seguiti dalla Russia (23 per cento).
La Cina è stata il terzo più grande esportatore, aumentando le sue esportazioni di un massiccio 74 per cento rispetto a cinque anni prima.
La Cina ha conquistato il terzo posto dopo aver superato la Francia, la Germania e il Regno Unito.
Negli ultimi cinque anni, le esportazioni francesi e tedesche sono diminuite del 5 per cento e 36 per cento, rispettivamente, e le esportazioni britanniche sono aumentate del 27 per cento.
Vasiliy Kashin dell'Accademia Russa di Far East Institute Sciences afferma che, mentre il SIPRI come stima "ha un indubbio valore", i dati devono essere trattati con cautela a causa della metodologia utilizzata per raccoglierli.
"Metodi di raccolta e di elaborazione delle informazioni del SIPRI non sempre tengono conto delle componenti importanti della moderna cooperazione tecnico-militare, come il trasferimento di tecnologia, lo sviluppo congiunto di attrezzature militari e così via. Dal momento che queste forme di cooperazione svolgono un importante ruolo all'interno della UE e la NATO, la creazione di un enorme flusso di cassa per lo sviluppo congiunto e la produzione di sistemi d'arma, la quota dei paesi dell'Unione Europea e degli Stati Uniti è a volte sottovalutato " spiega Kashin.
"Per esempio, secondo i dati pubblicati ufficialmente, nel 2015 la Francia era al secondo posto in termini di esportazioni di armi, e ha esportato più armi rispetto alla Cina o la Russia -. $ 17 miliardi, rispetto all'anno precedente la Francia ha preso il terzo posto, alle spalle di Russia, ma superando la Cina."
"Allo stesso tempo, i problemi con la metodologia può mettere in discussione la teoria che la Cina sta riducendo la sua dipendenza dalle importazioni di beni e servizi militari, in particolare dalla Russia. In questo momento sappiamo che queste importazioni sono aumentate negli ultimi anni, le consegne nel 2016 hanno superato i $ 3 miliardi, e ci sono $ 8 miliardi di contratti da eseguire ".
La natura mutevole della tecnologia della difesa, compresi i componenti più piccoli e più servizi a pagamento come il lavoro di consultazione significa che un sacco di cooperazione difesa non può essere incluso nelle figure.
"La maggior parte di questo commercio non riguarda le merci, ma i servizi relativi allo sviluppo di modelli specifici di attrezzature, il loro collaudo, l'assistenza consultiva, così come riparazione e modernizzazione delle attrezzature già in dotazione. In generale, i prodotti meno finiti generali e più piccoli componenti devono essere consegnati.
In questo caso, solo i più grandi e più costosi di loro potrebbe essere evidente nel database SIPRI, come aeromobili e motori. "
La Cina si sta concentrando di più sulle esportazioni estere di tecnologia militare.
Ad esempio, il Pakistan ha ordinato una gamma estremamente ampia di armi e attrezzature militari dalla Cina.
Paesi relativamente lontani come l'Argentina (elicotteri), Turchia ( MLRS pesanti), Egitto e Arabia Saudita (veicoli aerei senza equipaggio) hanno ordinato attrezzature dalla Cina.
"Mentre la Cina nella transizione alla politica estera attiva di una grande potenza mondiale, la sua esportazione di armi e tecnologie militari si trasformerà sempre più in uno strumento di politica estera, perdendo la sua importanza economica. E 'probabile che con il rafforzamento della influenza della Cina nel mondo, vedremo le principali nuove forniture di armi cinesi e della tecnologia, in particolare in regioni come il Medio Oriente e l'Africa ", ha detto Kashin.

Fonte:https://sputniknews.com/asia/201703031051240190-china-weapons-exports/

giovedì 2 marzo 2017

DOPO IL CANNONE ELETTROMAGNETICO LA RUSSIA HA NUOVI PIANI

Dopo il test di successo di un cannone ferroviario elettromagnetico in fase di sviluppo a Mosca ricercatori russi parlano di ulteriori piani in questo settore. Generalmente non solo applicazioni civili militari, ma anche sarebbe possibile - per esempio in termini di spazio.

"Con lo sviluppo di un railgun, stiamo ampliando le nostre possibilità in termini di fisica delle alte energie e arriviamo a un nuovo livello di energia nei parametri.
Saremmo disposti a trasferire i beni in produzione, con velocità di più di 4 a 4.5 chilometri al secondo da raggiungere ", ha detto Alexei Schurupow.
La tecnologia sviluppata da questo Istituto railgun è stato testato alla fine di dicembre.
Un accelerato proiettile di plastica magnetica con una massa di 15 grammi ha sfondato un blocco di alluminio spesso diversi centimetri.
La velocità del proiettile ottenuta è stata di tre chilometri al secondo.
Il ministro del Lavoro competente Presidente dell'Accademia Russa delle Scienze, aveva precedentemente annunciato una possibile applicazione nello spazio civile.
In futuro, si spera che tali investimenti contribuiscono all "esplorazione dell'universo." "Un ulteriore scopo è quello di proteggere la Terra dai corpi celesti veloci che sono pericolosi per noi, anche in detriti spaziali, comete e così via. Il compito successivo sarebbe quello di sparare satelliti nello spazio ", ha detto Fortov.
Vladimir Putin ha detto in autunno in una conferenza con militari e direttori russi delle fabbriche di armi: "Al fine di rafforzare il suo potenziale militare, come i principali paesi del mondo nel 21 ° secolo dobbiamo sviluppare armi attivamente delle ultime tecnologie e delle ultime conquiste della scienza - Laser, ipersoniche, sistemi robotizzati. Molta attenzione è che lo sviluppo di tali armi si occupino di rendere un'azione specifica sulle criticamente importanti tecnologie e infrastrutture strutture del nemico adottate. Noi continueremo a fare tutto il necessario per garantire l'equilibrio strategico delle forze. "

Fonte:https://de.sputniknews.com/technik/20170302314745600-elektromagnetischen-schienenkanone/

lunedì 27 febbraio 2017

LA REPUBBLICA CINESE DOMINA GERMANIA E OLTRE


La Cina ha compiuto un altro passo in dominio economico mondiale dopo essere diventato il più importante partner commerciale internazionale di Germania, un luogo un tempo occupato dagli Stati Uniti.
La Germania ha inviato e ricevuto di beni e servizi per un valore di circa $ 180.000.000.000 nel 2016 in Cina, secondo i recenti dati di statistica federale Office.
La Francia era il secondo più grande alleato commerciale della Germania, mentre gli Stati Uniti al terzo posto.
Nel 2015, gli Stati Uniti hanno goduto di una breve esperienza come partner commerciale della Germania, un posto occupato dalla Francia durante il precedente mezzo secolo.
La battuta d'arresto per gli Stati Uniti arriva sulla scia dei commenti del consigliere del presidente degli Stati Uniti Donald Trump del commercio, Peter Navarro, che la Germania ha capitalizzato un euro "grossolanamente sottovalutato" per espandere il surplus commerciale della Germania, suggerendo che un portafoglio più diversificato di partner commerciali sarebbe di buon auspicio per Berlino. La Germania è solo uno dei diversi obiettivi che l'amministrazione Trump ha accusato di sfruttare pratiche di manipolazione di valuta.
L'ottimismo tra gli esportatori in Cina, economia seconda più grande al mondo, sta "aumentando ulteriormente", secondo Clemens Faust dell'Istituto per la ricerca economica Ifo, con sede a Monaco.
Il Vice Cancelliere tedesco Sigmar Gabriel ha sostenuto la politica economica del perno dell'UE verso l'Asia se Trump segue con politiche protezionistiche.
L'Australia fa più commercio con la Cina che negli Stati Uniti, secondo Ian Bremmer, presidente e fondatore del Gruppo Eurasia, una società globale di consulenza rischio politico.
"La Corea del Sud gode di volume degli scambi più elevati con la Cina che con gli Stati Uniti e Giappone messi insieme," afferma Bremmer in un post sul blog. "Benvenuto nel decennio la Cina", ha detto il ricercatore della New York University nel 2015.
L'anno del 2016 ha anche dimostrato di essere un anno in cui il surplus commerciale della Germania ha raggiunto un livello record di 252,9 miliardi di euro, Trading Economics ha riferito il 9 febbraio.

Fonte:https://sputniknews.com/business/201702251051027367-china-usurps-us-germany-trade/

giovedì 23 febbraio 2017

LA FEDERAZIONE RUSSA MOSTRA IL SISTEMA DI CONTROLLO SIMULTANEO POLYANA


Questa settimana l'industria Roselektronika ha debuttato il Polyana-D4M1, un sistema di comando e di controllo automatizzato per la difesa aerea, alla mostra di difesa IDEX-2017 ad Abu Dhabi.
Parlando a Expert in linea, un rappresentante della Rostec, la compagnia statale holding di cui Roselektronika fa parte, ha spiegato che il sistema di comando e controllo Polyana-D4M1 è progettato per controllare sistemi missilistici anti-aerei, con una varietà di categorie, compresi i sistemi a lungo raggio come gli S-300, le armi a medio raggio, come il Buk-M1, e sistemi a corto raggio come il sistema missilistico Tor-M1.
Secondo Rostec, Polyana-D4M1 è progettato per contribuire a difendere vasti territori fino a 800 da 800 chilometri quadrati (che è di circa 100 mila chilometri quadrati più grande della Francia) contro attacchi aerei.
Il sistema può monitorare fino a 500 oggetti nemici alla volta, individuando fino a 255 di loro in tempo reale.
Dotato di 20 canali di dati, il sistema raccoglie ed elabora informazioni provenienti da entrambi i sistemi radar sotterranee e con aria base, così come centri di controllo del traffico aereo. Polyana è in grado di comunicare con fino a 14 sistemi anti-aerei, con missili posti di comando e sedi contemporanee.
In altre parole, il sistema di coordinate di difesa aerea - protegge impianti critiche del governo, aree industriali, le basi militari e le aree in cui possono essere implementate unità militari. In una situazione di conflitto, Polyana-D4M1 diventa un sistema di puntamento per impianti di difesa aerea subordinati sulla base dei dati che riceve da ricognizione radar.
Il tempo di risposta del sistema di C & C (cioè il tempo tra quando Polyana riceve il segnale e il tempo che comunica ai sistemi di difesa aerea subordinate al fuoco) è a soli 2-3 secondi.
Secondo Rostec, il sistema è dotato di intelligenza artificiale incorporato e, di conseguenza, è in grado di accumulare conoscenze.
Il sistema è in grado di gestire difesa aerea in tre modalità fondamentali -Manuale (interamente basata su comandi operatore), semi-automatica (l'operatore emette raccomandazioni e sceglie se approvare o meno), e completamente automatico (in cui l'operatore non prende parte al processo di controllo, e le decisioni sono gestiti da AI).
Dato l'uso del sistema della moderna elettronica, è soggetto a miglioramenti incrementali -dalla espansione del numero di sistemi missilistici controllabili, all'espansione del numero di sistemi radar dotandola di dati.
Il Polyana-D4M1 è in grado di 'collegare' entrambi i sistemi di difesa aerea russi e fatti all'estero.
Di conseguenza, Rostec dice che il sistema è sufficientemente flessibile per essere un buon acquisto per gli acquirenti stranieri, dal momento che può essere adattato e integrato nei sistemi di controllo della difesa aerea di qualsiasi paese.
Lo sviluppo del Polyana-D4, il predecessore del D4M1, ha avuto inizio nel tardo periodo sovietico, con il sistema adottato nelle forze di difesa aerea dell'esercito sovietico a partire dal 1986.
La produzione del sistema è stato inizialmente organizzato negli impianti elettromeccanici di Minsk, ma in seguito trasferito a Penza Radio Factory a Penza, Russia centrale.

Fonte:https://sputniknews.com/military/201702231050980050-polyana-command-control-vehicle-info/

mercoledì 22 febbraio 2017

IL NUOVO CONSIGLIERE AMERICANO ALLA SICUREZZA NAZIONALE


Commentando la recente nomina del tenente generale dello US Army Herbert Raymond McMaster come consigliere per la sicurezza nazionale, dopo le dimissioni del tenente generale Michael Flynn, un analista politico Alexander Khrolenko fornisce le sue ragioni per le quali dovrebbe essere visto come un "preoccupante segnale per la Russia e il mondo".
"Quanto utile per gli Stati Uniti Herbert McMaster sarà nel ruolo del consigliere per la sicurezza nazionale, resta da vedere. Comunque la sua reputazione di un comandante è già stata inciso nella pietra," spiega Khrolenko nel suo articolo per RIA Novosti.
Egli chiama la nomina di McMaster, che i media descrivono come "leader guerriero-intellettuale dell'esercito degli Stati Uniti," un "segnale preoccupante in Russia e nel mondo."
Khrolenko punta a un articolo scritto dal corrispondente della sicurezza nazionale di Politico, Bryan Bender sullo "studio segreto dell'esercito americano sugli obiettivi di Mosca".
"Il tenente Generale HR McMaster ha la testa rasata e una maniera entusiasta che solo aggiunge alla sua reputazione come leader guerriero-intellettuale dell'esercito degli Stati Uniti, uno che spesso cita il famoso prussiano teorico generale e militare Carl Von Clausewitz. Un decennio fa, McMaster ha combattuto una battaglia campale all'interno del Pentagono per un nuovo concetto di guerra per affrontare la minaccia dei terroristi islamici e gli insorti in Afghanistan, Iraq e in altri punti caldi. Ora, la sua nuova missione è più focalizzata sull'Obiettivo: Mosca " scrive Bender.
E' stato McMaster, l'autore ha osservato, che è stato il primo a dire al Comitato dei Servizi Armati del Senato che "è chiaro che mentre il nostro esercito è stato impegnato in Afghanistan e in Iraq, la Russia ha studiato la capacità US capacità e sue le vulnerabilità e ha intrapreso un ammodernamento ambizioso e un notevole successo sforzo."
McMaster, l'autore ha detto, non era semplicemente critico dei suoi colleghi, ma mette insieme un manuale sul teatro di guerra ucraino intitolato Russia, New Generation Warfare Study.
"Lo sforzo di alto livello, ma di basso profilo ha lo scopo di innescare un ripensamento all'ingrosso - e forse anche una riprogettazione - dell'esercito in caso debba confrontarsi con i russi in Europa orientale", ha detto in seguito.
"Si prevede di avere un profondo impatto su ciò che l'esercito degli Stati Uniti sarà simile nei prossimi anni, i tipi di apparecchiature che acquista e le sue unità terrene.", ha suggerito.
McMaster, come capo delle capacità dell'Army Integration Center di Fort Eustis, Virginia dunque "è responsabile di capire quello che l'esercito dovrebbe essere nel 2025 e oltre".
Il suo sforzo è destinato a diventare "il ripensamento più drammatico dopo il crollo dell'Unione Sovietica."
"Questi sono il genere di problemi dell'esercito degli Stati Uniti che non hanno funzionato dopo la fine della Guerra Fredda 25 anni fa," L'autore cita il generale in pensione Wesley Clark, che ha servito come comandante della NATO 1997-2000.
Pur affrontando il Comitato dei Servizi Armati del Senato, McMaster ha poi detto che "la Russia possiede una varietà di sistemi a razzo, missili e cannoni di artiglieria che è più letale dei sistemi di artiglieria dell'esercito degli Stati Uniti e le sue munizioni".
Nel frattempo, Bender ha citato il generale in pensione Wesley Clark che dice che i carri armati della Russia "sono così migliorate che essi sono" in gran parte invulnerabili ai missili anti-carro. "
Bender ha anche osservato che i funzionari militari e di intelligence degli Stati Uniti temono che "Mosca ha ora il vantaggio in settori chiave. Blindati leggeri come quelli dell'esercito armati pesantemente in Iraq e in Afghanistan sono altamente vulnerabili alle sue nuove armi. E carri armati come T-90 della Russia considerati un anacronismo in recenti conflitti - sono ancora decisivi ".
Così come "la combinazione di sistemi aerei senza equipaggio e Cyber ​​offensiva e capacità di guerra elettronica avanzate", che "descrivono un alto grado di sofisticazione tecnologica."
"Quelli del Pentagono ora pensano che gli sforzi della Russia per la modernizzazione delle sue forze nucleari e conflitti in Ucraina orientale e in Siria porteranno a gravi cambiamenti nelle truppe di terra statunitensi. E il consigliere per la sicurezza nazionale del nuovo presidente degli Stati Uniti è in grado di aumentare seriamente la militarizzazione degli Stati Uniti ", afferma il corrispondente RIA Novosti.

Fonte:https://sputniknews.com/world/201702221050939862-us-mcmaster-worrying-signal/

martedì 21 febbraio 2017

UN MISTERIOSO SISTEMA ANTI-MISSILE DIFENDERA' I CIELI DI MOSCA


Taghiev non ha fatto dichiarazioni esplicite riguardo un particolare sistema di difesa antimissilistica, ma si può supporre che si tratta del promettente sistema sviluppo antimissile "Nudol" Mosca A-235, che presto dovrebbe sostituire gli "Amur" A-135.
Il colonnello ha riferito di test di lancio periodici di missili già dotati di armamenti sul campo di Saraj Shagan, per la verifica delle caratteristiche tattiche e tecniche, probabilmente, di missili a corto raggio 53Т6 utilizzati sugli "Amur" e di esercitazioni per un nuovo sviluppo del progetto "Almaz-Antey". In verità vige una completa segretezza riguardo tutti gli elementi esistenti di sviluppo antimissile e questo non è chiaro: sarà un razzo assolutamente nuovo o una modifica del 53Т6?
La versione modificata la chiamano proprio "successore" 53Т6, ma la modifica di un vecchio razzo, necessita, in effetti, di un nuovo sviluppo, soprattutto per quanto riguarda il contenuto tecnologico del progetto. La produzione dei 53Т6 è stata interrotta e tutte le sue attrezzature e disegni sono stati distrutti negli anni 90, dunque la produzione di razzi è dovuta ripartire praticamente da zero.
Taghiev ha definito unico questo promettente razzo, senza analoghi al mondo, ma bluffa un pò, quando dice che l'unica caratteristica segreta del un nuovo missile è la velocità, pari a 3 km/s, cioè più di 8M.
Le caratteristiche del vecchio razzo erano segrete e per questo contengono molte arbitrarietà: il valore minimo di velocità iniziava da 3,6 km/s e terminava con un livello di valori al limite della follia: 14M. In questo modo, possiamo solo supporre che il nuovo missile, che arbitrariamente chiameremo 53Т6М, dovrebbe superare il vecchio in almeno un paio di potenzialità.
È noto, inoltre, che il 53Т6М è dotato di testata cinetica, cioè è capace di distruggere un missile durante uno scontro diretto. Ciò significa, in primo luogo, che ha una maggiore precisione di guida grazie a un sistema di controllo più evoluto. In secondo luogo, durante le manovre a velocità elevate, il razzo è capace di sopportare un enorme sovraccarico.
La maggior parte delle caratteristiche 53Т6М hanno carattere valutativo.
L'altezza a cui il missile è in grado di intercettare l'obiettivo è 30 km, la distanza di lancio arriva fino a 100 km. Il suo massimo di sovraccarico è 210 g longitudinali, 90 g trasversali. La massa del razzo armato di motore solido a reazione si avvicina alle 10 tonnellate. Questa massa, con il combustibile, raggiunge il 75% della massa di partenza del razzo.
Bisogna ricordare che le due precedenti modifiche dei sistemi antimissilistici Mosca, A-35 e A-135, sono piuttosto spaventose: non solo per il missile balistico intercontinentale, che però hanno dovuto eliminare. Per garantire l'annientamento dei missili, che rappresentano una minaccia nella regione di Mosca, in essi vengono utilizzati testate nucleari da combattimento. Nei missili E-35 la carica aveva una capacità di 2 Mt, mentre gli E-135 erano in grado di abbattere fino a 20 ct. grazie all'utilizzo di un potente flusso di neutroni, capaci di neutralizzare le carica dei missili in fase d'attacco. Ora la potenza è stata ridotta a 10 ct.
L'attuale sistema E-135, che presto sarà sostituito dal E-235, è stato messo in servizio nel 1995. I suoi sviluppatori progettisti sono stati la Vympel e l'Istituto di ricerca di costruzione di strumenti radio.
Gli A135 sono composti da:

• radar di rilevamento Don-2N, unico nelle sue caratteristiche. Nel corso della collaborazione russo-americana negli anni duemila, solo questo radar poteva individuare la traiettoria di un oggetto spaziale del diametro di 5 cm ad una distanza di 2000 km;

• due tipi di missili intercettori di base mineraria: di media ed estrema intercettazione;

• 7 complessi di fuoco;

• centro di comando e calcolo con l'elaboratore elettronico Elbrus-2.

Naturalmente, gli A-135 non possono respingere tutte le risorse dei missili balistici intercontinentali a disposizione degli Stati Uniti. Tuttavia, la sua potenza è cresciuta notevolmente rispetto agli E-35, garantendo l'intercettazione sincrono di due sottomarini strategici americani, ciascuno dei quali armato di 16 missili, con 3 testate nucleari.
Il missile a lungo raggio 51Т6 è costruito con uno schema combinato: il primo stadio solido, nel secondo vengono utilizzati razzi a propellente liquido.
L'area interessata va in altezza da 70 km a 670 km. I dati sulla distanza sono contraddittori: i minimi sono pari a 130 km, i futuri, secondo varie fonti, andranno da 350 km a 850 km. Questi missili sono stati in servizio fino al 2006, dopo di che, è iniziato il loro smantellamento.
Ora il cielo della regione di Mosca custodisce un missile a corto raggio 53Т6, un razzo che ha il record mondiale di saturazione energetica. Il capo costruttore dello sviluppo, A. Basistov, dopo la fine delle esercitazioni statali, ha detto che la capacità di questi missili è significativamente più alta di quanto non si creda: "il sistema ha mostrato notevoli risorse su tutti i parametri. La velocità antimissilistica dei 53Т6 può realizzare l'annientamento di obiettivi balistici a lungo raggio 2,5 volte più grandi e ad altitudini 3 volte superiori di quelle che noi oggi abbiamo certificato. Il sistema è pronto ad eseguire i suoi compiti con satelliti a bassa orbita e altre attività".
Per la progettazione degli E-235 gran parte dell'attrezzatura ha subito una profonda riqualificazione. Questo lo hanno cominciato a realizzare nell'ultimo decennio. Negli ultimi anni, la distanza d'azione e risoluzione sono migliorate di due volte. È notevolmente aumentata la potenza di calcolo del centro di comando.
Al posto dell'ormai arcaico Elbrus-2 ci sarà il moderno calcolatore elettronico Elbrus-3M, per un nuovo elemento base. Sono stati sviluppati nuovi e più sofisticati algoritmi di individuazione degli obiettivi, per individuare e prevedere la traiettoria di volo.
Ora in servizio ci sono gli 53Т6 e li completano i nuovi missili a lungo raggio. Appare migliorata anche la versione dell'antimissile a corto raggio, di cui ha riferito il colonnello Taghiev. E in un futuro poco lontano dovrebbe apparire anche l'antimissile a medio raggio, di cui non si sa assolutamente nulla.
Il missile a lungo raggio è un mezzo del settore antimissilistico, l'avviamento di lancio è avvenuto nel 2014 al poligono di Plesetsk. Secondo un rapporto del Ministero della difesa americana, nel mese di maggio 2015, il razzo ha colpito con successo l'obiettivo satellite. Le informazioni a disposizione dicono che la portata di questo razzo può raggiungere i 1500 km, e il punto più alto della traiettoria è di 750 km.
Nel sistema di difesa antimissilistica di nuova generazione non sono presenti le testate nucleari. Le componenti da combattimento sono ad azione cinetica o esplosiva. L' importante è che se prima gli antimissile erano composti da una base mineraria di partenza, ora sono mobili, con carrello a ruote. Quindi c'è la possibilità che il nuovo sistema di armi sarà capace di proteggere non solo Mosca e dintorni.


Fonte:https://it.sputniknews.com/mondo/201702214105183-sistema-antimissile-coprira-cielo-di-mosca/

BENVENUTI!!!



LIBRI LETTI
TEMPESTA GLOBALE,ART BELL,WHITLEY STRIEBER;LA PROSSIMA ERA GLACIALE,ROBERT W.FELIX;ARCHEOLOGIA PROIBITA,STORIA SEGRETA DELLA RAZZA UMANA,MICHAEL A.CREMO,RICHARD L. THOMPSON;MONDI IN COLLISIONE,IMMANUEL VELIKOVKY;LE CICATRICI DELLA TERRA,IMMANUEL VELIKOVSKY;HO SCOPERTO LA VERA ATLANTIDE,MARCO BULLONI;GLI EREDI DI ATLANTIDE,RAND FLEM ATH;IL PIANETA DEGLI DEI,ZACHARIA SITCHIN;IMPRONTE DEGLI DEI,GRAHAM HANCOCK;LA FINE DI ATLANTIDE,RAND FLEM ATH;I MAYA E IL 2012,SABRINA MUGNOS;LA VENDETTA DEI FARAONI,NAUD YVES,L'EGITTO DEI FARAONI,NAUD YVES;LA STORIA PROIBITA,J.DOUGLAS KENYON;SOPRAVVIVERE AL 2012,PATRICK GERYL;STATO DI PAURA,MICHAEL CHRICHTON;APOCALISSE 2012,JOSEPH LAWRENCE;I SERVIZI SEGRETI DEL VATICANO,DAVID ALVAREZ;GENGIS KHAN E L'IMPERO DEI MONGOLI,MICHAEL GIBSON;SCOPERTE ARCHEOLOGICHE NON AUTORIZZATE,MARCO PIZZUTI;UNA SCOMODA VERITA',AL GORE;ECC..
(NON TUTTI GLI ARGOMENTI O TALVOLTA I LIBRI STESSI SONO DA ME CONDIVISI)

INDIRIZZO E-MAIL

Per contattarmi:

angelfallendark@hotmail.it


Cerca nel blog

Lettori fissi

Archivio blog