ATTUALE CONFIGURAZIONE PLANETARIA DEL SISTEMA SOLARE


Visualizzazione post con etichetta riserve auree. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta riserve auree. Mostra tutti i post

lunedì 13 febbraio 2017

PERCHE' LA GERMANIA RIMPATRIA L'ORO?


La Banca centrale della Germania ha assicurato che il processo di rimpatrio dell'oro del paese procede ad un ritmo "molto più veloce rispetto alla programmazione" che prevedeva il rimpatrio della metà delle riserve auree nel 2020.
La Bundesbank ha lanciato questo progetto nel 2013 e al 31 dicembre 2016 avev rimpatriato 300 tonnellate di oro da New York e 283 a Parigi, mentre pianifica di recuperare le restanti 91 che si trovano nella capitale francese prima della fine quest'anno, come confermato da Carl-Ludwig Thiele, membro del consiglio della Bundesbank.
Al termine di queste operazioni, la Germania avrà 3.381 tonnellate di oro a Francoforte, 1.236 negli Stati Uniti e 432 nella Banca d'Inghilterra. Thiele ha riconosciuto che i tedeschi hanno tenuto "discussioni" sulle conseguenze economiche che potrebbero avere le decisioni del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump mentre si è detto non preoccupato per la Brexit' perché ritiene che Londra resterà un mercato chiave e sicuro per il trading del metallo prezioso.
Alcuni economisti ritengono che l'oro potrebbe essere necessario per sostenere un nuovo marco tedesco in caso di collasso della zona euro. Questi timori sono basati sugli appelli per un'uscita dall'eurozona lanciati da Marine Le Pen in Francia o dal Movimento Cinque Stelle in Italia
Durante la Guerra Fredda, la Germania Ovest ha inviato il 98% dei suoi lingotti all'estero.
Finora, il più grande rimpatrio di oro tedesco ha avuto luogo nel 2000, quando la Bundesbank ha ritirato 931 tonnellate dalla Banca d'Inghilterra.

Fonte:http://www.lantidiplomatico.it/dettnews-la_germania_accelera_il_rimpatrio_del_suo_oro_alimentando_dubbi_sul_futuro_delleuro/11_18959/

mercoledì 27 luglio 2016

RISERVE D'ORO INFRASTRUTTURA MILITARE E LA ROTTA COMMERCIALE DELLA SETA


Ci sono aggiornamenti riguardanti la Shanghai Cooperation Organization (SCO), Unione Economica Eurasiatica (EEU), BRICS e il progettp One Belt One Road (Nuova Via della Seta).
Le alleanze sopra elencate sono dirette rispettivamente da Repubblica Cinese e Federazione Russa, e gli ultimi due sono diretti da comitati provenienti da vari Paesi membri.
Ciò che queste organizzazioni stanno mettendo insieme sta cambiando il mondo industrializzato occidentale, che ha funzionato per circa 120 anni a partire dalla metà del 1800, simile a un gioco da ragazzi.
Mentre la rivoluzione industriale era di vasta portata impatto sul nostro mondo, fino ad oggi, l'attenzione si è concentrata sugli Stati Uniti.
Con queste organizzazioni pianificate la stessa natura del programma è quello di promuovere lo sviluppo, condividere le spese e permettere di risollevare tutti i Paesi.
Negli ultimi due decenni, la SCO, in particolare, è andata circa la sua attività di pianificazione di questa fusione di Stati membri e di lavorare nel dettaglio di come la produzione sarà distribuita, come saranno integrati i sistemi monetari e finanziari e dove sono collocati i centri di leadership.
Guardando da fuori sembra essere un'impresa di successo che sta cominciando a raggiungere un punto di flesso nel suo sviluppo.
La maggior parte dei sistemi economici e finanziari sono in atto.
La maggior parte dei sistemi di trasporto e di comunicazione sono stati sviluppati e sono entrambi di lavoro o in fase di costruzione mentre parliamo.
Sistemi di potenza pura, come l'energia nucleare, idroelettrico e solare sono già in vigore o in fase di costruzione lungo il territorio.
L'Occidente è addormentato al volante riguardo a questa massiccia costruzione che sta accadendo in tutto il sistema eurasiatico, il Medio Oriente e nel nord-ovest del paesaggio Africa.
Essendo poco più della metà della popolazione mondiale si potrebbe pensare che qualcuno potrebbe essere curioso di sapere cosa sta succedendo.
Dal momento che comprende quasi il 70% dei mondi delle risorse naturali, tra cui la maggior parte del petrolio, sembra che qualcuno in Occidente dovrebbe essere periodicamente informato su queste modifiche.
Un paio di mesi fa lingotti la rivista Bullion Star ha riferito che Presidente del Consiglio di Amministrazione della Kazakhstan International Financial Center ha incontrato il Presidente del Shanghai Gold Exchange per lo scopo specifico della distribuzione delle risorse aurifere lungo il Progetto della Nuova Via della Seta.
Il Kazakistan non è solo un membro della SCO è anche un membro del EEU e questo lo porta a fornire la maggior parte della fusione dei metalli, di tutti i tipi, tra cui l'uranio, minerale di ferro e metalli vari, per la Russia.
Oggi abbiamo appreso il che il Fondo della Via della Seta ha acquistato una miniera d'oro.
Non solo la Repubblica Cinese acquista miniere di tutti i tipi in tutto il mondo, ora anche le miniere d'oro lungo il percorso della Nuova Via della Seta vengono acquistate.
La nuova rotta commerciale della Cina la Via della Seta sta tranquillamente diventando una delle più grandi storie a livello globale di risorse naturali.
Con i rapporti la settimana scorsa che stanno mostrando che questo corridoio commerciale emergente potrebbe avere una nuova merce bersaglio per i grandi investitori cinesi.
Oro.
La rivista Bloomberg ha dichiarato alla fine della scorsa settimana, che il Fondo della Nuova Via della Seta della Repubblica Cinese sta cercando di acquistare la sua prima miniera d'oro per 40000000000 $ S. Con il grande acquirente riferito nei colloqui sull'operazione Vasilkovskoye in Kazakhstan.
Vasilkovskoye attualmente appartiene a Glencore - una ditta che sta vendendo l'attività al fine di pagare il debito. E sembra che la vendita di Vasilkovskoye può avere un lungo cammino verso questo obiettivo, con il Fondo della Via della Seta, apparentemente considerando un prezzo di circa $ 2 miliardi.
I rapporti hanno suggerito che il Fondo della Via della Seta non sopporta tutto questo peso.
Il Fondo, invece sta cercando di collaborare con il produttore di oro il China National Gold Group nel fare l'acquisto.
Il China National Gold Group ha acquisito miniere d'oro per, almeno, gli ultimi due anni.
L'estrazione e l'acquisto di miniere d'oro dalla Repubblica Cinese e il Fondo della Nuova Via della Seta stanno acquisendo permettendo di lasciare per sempre l'influenza occidentale.
In questo modo il mercato aperto diventa opaco per il volume di oro che queste miniere producono.
La SCO e EEU hanno deciso di unire le forze e si stanno muovendo all'unisono formando ufficialmente un'alleanza.
Questo porterà una parte ancora più grande della popolazione sotto un unico "ombrello" e consentirà ai sistemi in rete all'interno del EEU di essere collegati in rete con la SCO.
Questo è per non parlare delle forze di sicurezza in fase di messa in tutto il Paese.
Qui ci sono i suoi risultati: d'ora in poi, ogni possibile attacco futuro all'Iran minacciato dal Pentagono (in collaborazione con la NATO) sarebbe essenzialmente un attacco alla pianificazione di una serie di collegamento delle organizzazioni - le nazioni BRICS (Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa), la SCO (Shanghai Cooperation Organization), la EEU (Unione Economica Eurasiatica), AIIB (La Nuova Banca Cinese: Asian Infrastructure Investment Bank), e il NDB (nuova Banca per lo sviluppo dei BRICS ').
Essi rappresentano un nuovo ordine emergente in Eurasia.
Consideratelo un colpo da maestro diplomatico della Russia di Vladimir Putin di aver fuso questi due vertici con una riunione informale dell'Unione Economica Eurasiatica (EEU).
Chiamatela una dichiarazione soft power di guerra contro la logica Washington, una dichiarazione che mette in risalto l'ampiezza e la profondità di una partnership strategica sino-russa in forte evoluzione.
Mettere tutti quei capi di stato a partecipare a ciascuna delle riunioni sotto lo stesso tetto, Mosca ha offerto una visione di una struttura emergente, coordinata geopolitica ancorata nel processo di integrazione eurasiatica. Così, l'importanza dell'Iran: non importa cosa succede dopo Vienna, l'Iran sarà una vitale strada / nodo / bivio in Eurasia per questa nuova struttura.
Così, non solo scorre l'oro a tutti i punti ad Oriente, soprattutto in Cina e la Russia, ma abbiamo una massiccia infrastruttura militare che non ha eguali.
L'Occidente è in bancarotta, in più di un modo. L'Oriente ha tutta la ricchezza, tutto l'oro e possiede il debito dell'Occidente. Non ci vuole una persona di altissimo intelligenza di vedere che "agire come se" significa seguendo quello che i cinesi stanno facendo per creare sviluppo.

Fonte:http://news.goldseek.com/GoldSeek/1468935973.php

venerdì 1 aprile 2016

PERCHE' LA FEDERAZIONE RUSSA E LA REPUBBLICA CINESE ACQUISTANO TONNELLATE DI ORO?


L’oro è uno dei più affascinanti metalli rari. Nel corso della storia ebbe valore speciale, a volte sacro e spirituale, da seimila anni, quando le tombe dei Faraoni egiziani ne furono riempiti per accompagnare i morti nel loro viaggio. In tempi di crisi finanziaria mondiale, come nel 1930, l’oro è preferito dalle banche centrali e dai cittadini comuni come riserva di valore, quando la carta moneta perde valore. Ci stiamo avvicinando un altro di quei momenti in cui il debito cartaceo accumulato dal sistema del dollaro ne svaluta le banconote.
Ciò che è molto significativo sotto questa luce sono le banche centrali che comprano tutto l’oro che possono.

Il dollaro oggi non è sostenuto dall’oro. È così da quando Nixon abrogò unilateralmente il Trattato di Bretton Woods del 1944 ed escluse il dollaro dalla copertura aurea statutaria, flottando liberamente dall’agosto 1971. Lo fece su insistenza dell’allora sottosegretario al Tesoro Paul Volcker e del mandante di Volcker, David Rockefeller della Chase Manhattan Bank. Nixon prese tale misura disperata solo perché le riserve d’oro della Federal Reserve stavano scomparendo mentre Francia, Germania e altri partner commerciali degli Stati Uniti chiedevano oro in cambio dei dollari accumulati, essendo consentito dalle regole di Bretton Woods. Dal 1971, senza il sostegno dell’accurata finzione che la FED avesse ancora il maggiore deposito mondiale di riserve d’oro nelle sue casseforti sotterranee, spacciando che superassero le 8000 tonnellate, il fiat dei dollari in circolazione nel mondo si ampliò senza limiti. Questa è la fonte della grande inflazione nell’economia mondiale negli ultimi quarantacinque anni, mentre i dollari in circolazione si sono espansi in modo esponenziale del circa 2500% dal 1970. La fiducia nei dollari, ancora la valuta di riserva principale del mondo, fu mantenuta da Washington attraverso vari trucchi e inganni. Dopo lo shock petrolifero dell’ottobre 1973 il segretario di Stato Henry Kissinger parlò di “petrodollari”. Il valore del dollaro si basava non sull’oro ma sul petrolio, soprattutto. Il prezzo del petrolio fu manipolato da Kissinger e altri nel 1973, come ho dettagliato nel libro Dei del denaro, aumentando in pochi mesi del 400% la circolazione dei dollari e costringendo Germania, Francia, America Latina e gran parte del mondo ad acquistarli. Washington si accertò, nel 1975, quando Germania, Giappone e altre nazioni cercavano di comprare il petrolio dell’OPEC con le proprie valute nazionali, che Arabia Saudita e OPEC accettassero solo dollari per il loro oro nero, il petrolio. Dal settembre 2014 il prezzo mondiale in dollari del petrolio è crollato. Si è passati da 103 dollari al barile a quasi 30 dollari oggi. Un crollo del 70% della domanda di dollari per il maggiore prodotto mondiale valutato in dollari. In tale contesto politico e finanziario, le banche centrali di Russia e Cina comprano oro per le loro riserve a un ritmo febbre. Non solo, la Banca popolare cinese ha recentemente annunciato di aver abbandonato l’ancoraggio al dollaro e diversificato il paniere di valute guidate dall’euro. Tuttavia le mosse delle banche centrali di Russia e Cina verso l’oro sono di gran lunga più strategiche.

La Russia compra molto oro

Mentre tutti gli occhi erano puntati sul prezzo del petrolio e il rapporto rublo – dollaro, la Banca centrale della Russia con discrezione ha acquistato enormi volumi di oro nell’ultimo anno. Nel gennaio 2016, gli ultimi dati disponibili, la Banca centrale russa ha acquistato 22 tonnellate di oro, circa 800 milioni di dollari al cambio attuale, tra le sanzioni finanziarie di Stati Uniti e UE e i bassi prezzi del petrolio. Era l’undicesimo mese consecutivo in cui comprava grandi quantità d’oro. Nel 2015 la Russia ha aggiunto ben 208 tonnellate d’oro alle riserve rispetto alle 172 tonnellate nel 2014. La Russia ha ora 1437 tonnellate di oro in riserva, la sesta nel mondo secondo il World Gold Council di Londra. Solo le banche centrali di Stati Uniti d’America, Germania, Italia, Francia e Cina detengono maggiori riserve auree. In particolare la Banca centrale russa ha venduto le sue obbligazioni del Tesoro statunitense per acquistare l’oro, de facto la de-dollarizzazione, mossa sensata mentre il dollaro, di fatto, guida la guerra valuta contro il rublo. Nel dicembre 2015, la Russia aveva 92 miliardi di dollari in US Treasury Bonds, assai meno dei 132 miliardi nel gennaio 2014. Più significativamente, dopo che la governatrice della Banca centrale russo Elvira Nabjullina dichiarò nel maggio 2015 di non vedere alcuna necessità di acquistare tutta la produzione di oro nazionale dato che le esigenze della banca potevano facilmente essere soddisfatte sul mercato internazionale, drenando le riserve di rubli, ci sarà stato un evidente voltafaccia. La Banca centrale della Russia ormai compra tutto l’oro prodotto in Russia. Solo dopo che si adempiranno gli obiettivi mensili, se ne importerà. Nabjullina ha recentemente dichiarato: “Crediamo che sia necessario creare un cuscino finanziario aggiuntivo per lo Stato di fronte alle incertezze estere“. Questo è molto importante mentre la Russia, che ebbe le riserve d’oro della propria banca centrale derubate durante gli anni di Eltsin, nei primi anni ’90, è diventa il secondo maggiore Paese al mondo per miniere d’oro dopo la Cina. È un importante strumento di sostegno all’industria aurifera e al rublo.

Anche Cina e Kazakistan

Solo un po’ più piccoli volumi di oro venivano acquistati nei mesi scorsi dalla Cina. E un’aggiunta significativa mensile alla propria riserva aurea fu fatta anche dal Kazakistan. Negli ultimi quaranta mesi, il Kazakhstan ha aumentato le riserve auree della banca centrale. Kazakistan e Russia aderiscono all’Unione economica eurasiatica insieme a Bielorussia, Armenia e Kirghizistan. E pure la Bielorussia aumenta le proprie riserve di lingotti. La Cina ha acquistato altre 17 tonnellate di oro a gennaio e comprerà altre 215 tonnellate quest’anno, approssimativamente pari a quelle della Russia. Da agosto 2015 al gennaio 2016 la Cina ha aggiunto 101 tonnellate di oro alle proprie riserve. L’acquisto annuale di oltre 200 tonnellate da parte della PBOC supererebbe le riserve auree totali di 20 Paesi, secondo il World Gold Council. Le riserve di oro della banca centrale della Cina sono aumentate del 57% dal 2009, secondo i dati parziali della PBOC rivelati nel luglio 2015. Gli osservatori del mercato ritengono anche che la quantità di oro nel caveau della banca centrale della Cina venga politicamente notevolmente sottostimata, per non allarmare troppo Washington e Londra. Kirghizistan, Russia e Cina sono anche membri della Shanghai Cooperation Organization. Questi Paesi eurasiatici sono parte dell’enorme programma cinese Grande Progetto Fascia e Via, chiamato anche Nuova Via della Seta economica che si espande per l’Eurasia con reti ferroviarie ad alta velocità e sviluppa nuovi importanti porti nella regione, mutando la mappa economica dell’Eurasia. L’anno scorso la Cina annunciava di tracciare le linee ferroviarie della Via della Seta per raggiungere i giacimenti d’oro dell’Asia centrale e della Russia, oggi privi di infrastrutture, per svilupparli e renderli economicamente attraenti per gli altri Paesi. Le valute di Russia, Cina e altri Paesi eurasiatici diventeranno “buoni come l’oro”, termine usato per il dollaro statunitense 60 anni fa. Il fatto che la Russia abbia anche un estremamente basso rapporto debito-PIL, circa il 18% rispetto al 103% del PIL degli Stati Uniti, al 94% dei Paesi dell’eurozona e l’oltre 200% del Giappone, è un dato di fatto che le agenzie di rating occidentali, impegnate nella guerra finanziaria del Tesoro degli Stati Uniti contro la Federazione russa, convenientemente ignorano. La Russia ha un’economia molto più sana della maggior parte dell’occidente che la chiama Stato fallito.


Fonte:https://aurorasito.wordpress.com/2016/04/01/perche-russia-e-cina-acquisto-tonnellate-di-oro/

lunedì 7 dicembre 2015

LA FEDERAZIONE RUSSA ACCELERA L'USCITA DAL MONOPOLIO DEL DOLLARO


Da tempo Cina e Federazione Russa hanno capito, così come altre nazioni, che il ruolo del dollaro come principale valuta di riserva mondiale è il loro tallone d’Achille economico. Finché Washington e Wall Street controllano il dollaro, e finché la maggior parte del commercio mondiale richiede dollari per i pagamenti, le banche centrali come quelle di Russia e Cina saranno costrette ad accumulare dollari sotto forma di “obbligazioni” del debito del Tesoro USA, come riserva di valuta per proteggere le economie dalla guerra valutaria che la Russia ha subito a fine 2014, quando l’appropriatamente denominato ufficio su terrorismo e intelligence finanziaria del Tesoro degli Stati Uniti e Wall Street scaricarono il rublo con l’accordo USA-Arabia Saudita per far crollare i prezzi mondiali del petrolio. Ora Russia e Cina sono dirette verso l’uscita dal dollaro. Il bilancio dello Stato della Russia dipende fortemente dai profitti delle esportazioni di petrolio. Ironia della sorte, a causa del ruolo del dollaro, le banche centrali di Cina, Russia, Brasile e altri Paesi diametralmente opposti alla politica estera degli USA, sono costrette a comprare debito del Tesoro USA in dollari, di fatto finanziando le guerre di Washington, con cui mira a danneggiarli. Ciò sta cambiando. Nel 2014 Russia e Cina firmarono due accordi colossali 30ennali sul gas russo per la Cina. I contratti hanno precisato che lo scambio sarà in rubli e renminbi, non in dollari. È l’inizio di un processo accelerato della de-dollarizzazione in corso oggi.

Renminbi nelle riserve russe

Il 27 novembre la Banca Centrale della Russia annunciava di annettere il renminbi cinese nelle riserve ufficiali della banca, per la prima volta. Al 31 dicembre 2014, la banca centrale della Russia aveva riserve costituite per il 44% da dollari, il 42% di euro e la sterlina inglese per poco più del 9%. La decisione d’includere renminbi o yuan nelle riserve ufficiali della Russia aumenterà l’uso dello yuan nei mercati finanziari russi, a scapito del dollaro. Lo yuan ha iniziato a essere commercializzato come valuta, anche se non ancora pienamente convertibile in altre, nella Borsa di Mosca dal 2010. Da allora il volume delle compravendite yuan-rublo è cresciuta enormemente. Nell’agosto 2015 i cambiavalute russi e le aziende acquistarono 18 miliardi di yuan, circa 3 miliardi di dollari, con un aumento del 400% rispetto all’anno precedente.

Il rublo d’oro è in arrivo
Ma le azioni di Russia e Cina per sostituire il dollaro quale valuta di mediazione negli scambi commerciali, un commercio il cui volume è notevolmente aumentato dalle sanzioni di USA e UE nel marzo 2014, non sono le ultime. L’oro è in procinto di un drammatico ritorno sulla scena monetaria mondiale da quando Washington unilateralmente stracciò il trattato di Bretton Woods, nell’agosto 1971. A quel punto, su consiglio dell’emissario personale di David Rockefeller al Tesoro, Paul Volcker, Nixon annunciò che Washinton si rifiutava di onorare gli obblighi del trattato rimborsando i dollari detenuti all’estero con l’oro della banca centrale degli Stati Uniti. Da quel momento, voci insistettero che di fatto le casseforti di Fort Knox siano vuote; se ciò venisse verificato, significherebbe la fine del dollaro come valuta di riserva. Washington sostiene categoricamente che la Federal Reserve possiede 8133 tonnellate di riserve auree. Se fosse vero, sarebbe di gran lunga superiore alla seconda, la Germania, le cui riserve auree ufficiali sono indicate dal FMI a 3381 tonnellate. Nel 2014 un evento bizzarro emerse alimentando i dubbi sulle statistiche ufficiali dell’oro statunitense. Nel 2012 il governo tedesco chiese alla Federal Reserve di restituire alla Bundesbank, la banca centrale tedesca, l’oro “in custodia” della FED. Scioccando il mondo, la banca centrale statunitense rifiutò di restituire alla Germania il suo oro, con la flebile scusa che la Federal Reserve “non poteva distinguere i lingotti tedeschi da quelli degli Stati Uniti…” Forse dobbiamo credere ai revisori dell’US Federal Reserve per cui l’oro fu escluso dai tagli al bilancio degli Stati Uniti? Nello scandalo che ne seguì, nel 2013, gli Stati Uniti rimpatriarono 5 misere tonnellate di oro tedesco a Francoforte e annunciarono di dover attendere il 2020 per completare il richiesto rimpatrio delle 300 tonnellate. Altre banche centrali europee iniziarono a riprendersi il loro oro dalla FED, sempre più sfiduciati verso la banca centrale statunitense. In tale dinamica, la banca centrale della Russia accumulò drammaticamente le riserve auree ufficiali, negli ultimi anni, dato che la crescente ostilità con Washington s’era accelerata di molto. Dal gennaio 2013, l’oro ufficiale della Russia è aumentato del 129%, arrivando a 1352 tonnellate al 30 settembre 2015. Nel 2000, alla fine del decennio del saccheggio degli Stati Uniti della Federazione Russa, durante i bui anni di Eltsin, le riserve auree della Russia erano pari a 343 tonnellate. Le casseforti della Banca centrale russa che, al momento della caduta dell’Unione Sovietica nel 1991 avevano circa 2000 tonnellate di oro ufficialmente, furono spogliate durante il controverso mandato del capo della Gosbank, Viktor Gerashenko, che disse a una Duma sorpresa che non sapeva spiegare dove fosse l’oro russo. Oggi è un’epoca diversa di certo. La Russia ha di gran lunga sostituito il Sudafrica come terzo Paese per miniere d’oro al mondo e per tonnellate annue estratte. La Cina è la numero uno. I media occidentali hanno propagandato molto il fatto che le sanzioni finanziarie guidate dagli Stati Uniti abbiano ridotto in modo significativo le riserve di dollari della banca centrale russa. Ciò che non segnalano è che la banca centrale in Russia ha acquistato oro, molto oro. Le riserve della Russia in dollari USA si sono ridotte recentemente, per le sanzioni, di 140 miliardi dal 2014, in parallelo al crollo del 50% del prezzo del petrolio, ma la disponibilità di oro è aumentata del 30% dal 2014, come indicato. La Russia detiene il maggior numero di once d’oro per gli exchange-traded funds (ETF). Solo a giugno, aggiunse il 12% della produzione mondiale annuale delle miniere d’oro, secondo seekingalpha.com. Il governo russo adottò la proposta molto sensata dell’economista russo e consigliere di Putin, Sergej Glazev, vale a dire che la Banca Centrale di Russia acquistasse ogni singola oncia di oro russo estratto ad un prezzo interessante in rubli, garantendosi l’aumento delle riserve auree dello Stato, evitando anche che la Banca Centrale comprasse oro sui mercati internazionali in dollari.

La bancarotta dell’egemone

Alla fine degli anni ’80, osservando la grave crisi bancaria degli Stati Uniti assieme al netto declino del loro ruolo, dal dopoguerra ,di nazione industriale leader mondiale e alle multinazionali degli Stati Uniti che esportavano la produzione nei Paesi dai bassi salari come Messico e Cina, gli europei cominciarono a concepire una nuova moneta per sostituire il dollaro come riserva e creare gli Stati Uniti d’Europa per rivaleggiare con l’egemonia statunitense. La risposta europea fu la creazione del trattato di Maastricht al momento della riunificazione della Germania, agli inizi degli anni ’90. La Banca centrale europea e l’euro più tardi, costruiti dall’alto e gravemente compromessi, ne furono il risultato. Una sospetta scommessa vincente da miliardi di dollari dello speculatore degli hedge fund George Soros, nel 1992, contro la Banca d’Inghilterra e la parità della sterlina, respinse Regno Unito e City di Londra dall’emergente alternativa europea al dollaro. Qualcuno ci guadagnò facilmente con gli stessi hedge fund colpendo l’euro nel 2010 attaccandone il tallone d’Achille, la Grecia, seguita da Portogallo, Irlanda, Italia, Spagna. Da allora l’Unione europea, obbiettivo di Washington e incatenata alla NATO, non minaccia più l’egemonia statunitense. Tuttavia, sempre dal 2010, mentre Washington tentava d’imporre la Full Spectrum Dominance del Pentagono sul mondo sotto forma dei cosiddetti cambi di regimi arabi manipolati dalla Tunisia all’Egitto alla Libia e ora, con scarsi risultati, in Siria, Cina e Russia si sono avvicinate. L’alternativa russo-cinese al dollaro, sotto forma di rublo d’oro e renminbi o yuan d’oro, potrebbero avviare la reazione a catena dell’uscita dal dollaro statunitense, e quindi avviare un serio declino nella capacità degli Stati Uniti di utilizzare il dollaro quale riserva per finanziare le guerre con i soldi altrui. Ciò potrebbe avvantaggiare un mondo in pace rispetto alle guerre dell’egemone perdente, gli Stati Uniti.

Fonte:https://aurorasito.wordpress.com/2015/12/06/la-russia-accelera-luscita-dal-dollaro/

martedì 22 settembre 2015

NEL MESE DI AGOSTO LA FEDERAZIONE RUSSA HA ACCUMULATO OLTRE UN MILIARDO DI DOLLARI IN ORO

Questo è più di un miliardo di dollari di oro

L'accumulo mensile di 1 milioni di once in un solo mese è stato uno degli acquisti mensili più consistenti da parte della Russia e corrisponde a 31.1 tonnellate nel solo mese di agosto.
Il valore delle partecipazioni della banca è salito a $ 47680000000 da $ 44960000000 un mese prima.
L'importo acquistato era più che le 30.5 tonnellate che la Russia ha acquistato nel mese di marzo, quindi l'importo massimo in sei mesi.
La Russia è oggi il settimo più grande detentore di riserve auree dopo gli Stati Uniti, la Germania, il Fondo monetario internazionale, l'Italia e la Francia e il potere dell'oro in ascesa della Cina. La Russia ha più che triplicato le sue riserve dal 2005 e detiene la maggior parte dei lingotti d'oro almeno dal 1993, mostrano i dati del Fondo Monetario Internazionale.
Le nazioni a livello globale hanno aumentato i loro averi in oro in questi ultimi anni, una inversione di due decenni di vendita.
Cina, Kazakistan, Ucraina e Bielorussia sono tra le altre nazioni che hanno accumulato in oro.
L'oro rimane una gran parte delle riserve di molte banche centrali, decenni dopo che hanno smesso di usarlo per sostenere la carta e la moneta elettronica di oggi.
La Russia ha costantemente comprato lingotti dal 2007 e con l'avvento della crisi finanziaria globale.
La Russia stava accumulando oro anche prima delle tensioni con l'Occidente e le sanzioni internazionali sul conflitto ucraino.
L'oro ha protetto le riserve russe e ha agito come una siepe quando con l'oro il prezzo in rubli è salito oltre il 60 per cento negli ultimi 12 mesi.
Il crollo dei prezzi del petrolio ha contribuito a forti flessioni del rublo.
La Russia ha aggiunto circa 13 tonnellate nel mese di luglio e 24 tonnellate il mese prima.
In contemporanea con le tensioni con gli Stati Uniti, il Regno Unito e l'Unione europea, la Russia sembra intensificare gli sforzi per diversificare le loro grandi riserve in dollari e in oro fisico.

PREZZI GIORNALIERI

Oggi i prezzi dell'oro: USD 1.136,85, 1.007,27 euro e 732,86 sterline per oncia.
Venerdì prezzi dell'oro: USD 1.136,00, Euro 992,31 e 726,25 sterline per oncia.
(LBMA AM)
L'oro ha avuto un guadagno settimanale del 3 per cento e l'argento ha avuto un guadagno settimanale del 3,5%.
L'oro si è conclusa con un guadagno del 0,73% mentre l'argento è salito ad un massimo di $ 15,43 prima di finire con un guadagno del 0,26%.

L'oro in dollari - 5 Giorni

A Singapore, l'oro è crollato in basso inizialmente prima di recuperare le perdite.
In oro il commercio europeo è piatto, in bilico appena sotto il $ 1,140 per ogni livello oncia.
I lingotti d'argento sono superiori allo 0.1% a $ 15,30 di oggi. Platino e palladio sono oggi misti ma sostanzialmente piatti.

Fonte:http://russia-insider.com/en/politics/russian-gold-spree-continues-31-tonnes-august-alone/ri9856

BENVENUTI!!!



LIBRI LETTI
TEMPESTA GLOBALE,ART BELL,WHITLEY STRIEBER;LA PROSSIMA ERA GLACIALE,ROBERT W.FELIX;ARCHEOLOGIA PROIBITA,STORIA SEGRETA DELLA RAZZA UMANA,MICHAEL A.CREMO,RICHARD L. THOMPSON;MONDI IN COLLISIONE,IMMANUEL VELIKOVKY;LE CICATRICI DELLA TERRA,IMMANUEL VELIKOVSKY;HO SCOPERTO LA VERA ATLANTIDE,MARCO BULLONI;GLI EREDI DI ATLANTIDE,RAND FLEM ATH;IL PIANETA DEGLI DEI,ZACHARIA SITCHIN;IMPRONTE DEGLI DEI,GRAHAM HANCOCK;LA FINE DI ATLANTIDE,RAND FLEM ATH;I MAYA E IL 2012,SABRINA MUGNOS;LA VENDETTA DEI FARAONI,NAUD YVES,L'EGITTO DEI FARAONI,NAUD YVES;LA STORIA PROIBITA,J.DOUGLAS KENYON;SOPRAVVIVERE AL 2012,PATRICK GERYL;STATO DI PAURA,MICHAEL CHRICHTON;APOCALISSE 2012,JOSEPH LAWRENCE;I SERVIZI SEGRETI DEL VATICANO,DAVID ALVAREZ;GENGIS KHAN E L'IMPERO DEI MONGOLI,MICHAEL GIBSON;SCOPERTE ARCHEOLOGICHE NON AUTORIZZATE,MARCO PIZZUTI;UNA SCOMODA VERITA',AL GORE;ECC..
(NON TUTTI GLI ARGOMENTI O TALVOLTA I LIBRI STESSI SONO DA ME CONDIVISI)

INDIRIZZO E-MAIL

Per contattarmi:

angelfallendark@hotmail.it


Cerca nel blog

Lettori fissi

Archivio blog