ATTUALE CONFIGURAZIONE PLANETARIA DEL SISTEMA SOLARE


Visualizzazione post con etichetta popolazione siriana. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta popolazione siriana. Mostra tutti i post

martedì 12 aprile 2016

SIRIA: ASSAD CONFERMA CHE LA FEDERAZIONE RUSSA HA RIDISEGNATO LA MAPPA INTERNAZIONALE


Il presidente Bashar al-Assad ha ricevuto la delegazione russa in visita che include i parlamentari e figure religiose, sociali e dei media.
Le relazioni storiche che ricollegano i popoli della Russia e Siria e la situazione in Siria e la guerra condotta contro il terrorismo sono stati i principali punti di discussione nel corso della riunione.
Il presidente al-Assad ha detto che i grandi risultati ottenuti in termini di eliminazione un gran numero di terroristi ed eliminandoli da molte aree sono state il risultato della fermezza del popolo siriano e l'esercito e l'effettivo sostegno di amici, soprattutto la Russia.
Il ruolo positivo della Russia si è svolto sia all'interno della Siria e a livello internazionale e ha contribuito a ridisegnare la mappa politica internazionale, il Presidente ha osservato.
Ha aggiunto che questo ruolo ha dimostrato che la Russia è una superpotenza che segue una strategia che si basa sull'adesione ai principi e valori e il rispetto del diritto internazionale.
I membri della delegazione russa, da parte loro, hanno sottolineato che il parlamento russo sostiene la resilienza e la determinazione a mantenere il loro stato ai siriani.
Essi ritengono che la Siria ha avuto questa guerra al terrorismo ingiusta condotta contro di esso e che il blocco economico imposto al suo popolo a causa di esso è uno dei pochi paesi che sono ancora saldamente aggrappato alla loro sovranità e indipendenza, che è abbastanza evidente attraverso l'elevata quantità di moto popolare circostante le elezioni parlamentari.


Fonte:http://en.news-front.info/2016/04/12/president-al-assad-the-russian-role-has-redrawn-the-international-political-map/

mercoledì 16 marzo 2016

DOPO CINQUE ANNI, IN CINQUE MESI LA FEDERAZIONE RUSSA PONE FINE AL CONFLITTO SIRIANO

Tra ritiro parziale della Russia dalla Siria, i fatti e le cifre per illustrare quanto è stato realizzato nei cinque mesi e quattordici giorni dal lancio della campagna aerea della Russia.

L'operazione militare delle Forze aerospazialI russa contro i vari gruppi terroristici che operavano sul territorio della Siria è stato lanciato il 30 settembre 2015.
Il 14 Marzo, 2016 il presidente Putin ha ordinato un ritiro parziale dal Paese dal 15 marzo 2016.

Numero di sortite e obiettivi raggiunti

Secondo la relazione del ministro della Difesa russo Sergei Shoigu al Comandante in Capo Vladimir Putin, più di 9.000 sortite sono stati completate; i prima attacchi ammassati sono stati condotti con diverse piattaforme ad una gamma di oltre 1.500 chilometri con i razzi da basi aeree e navali.
Come risultato di questi attacchi, la fornitura di risorse ai terroristi è stata fortemente ostacolata e in alcune zone anche completamente fermato decimando il traffico di petrolio illegale dalla Turchia e tagliando la fornitura di armi e munizioni ai combattenti.
L'aviazione russa ha distrutto 209 sedi della fornitura di petrolio, di elaborazione e di pompaggio, e anche 2.912 mezzi di movimento dai prodotti petroliferi, o, chiamati anche "liquidi".

Nei primi due mesi di funzionamento, la Russia ha colpito 32 complessi di estrazione di petrolio, 11 impianti e 23 strutture per il trasferimento.
Più di 2.000 mercenari clandestini provenienti dalla Russia, tra cui 17 comandanti sul campo, sono stati sterminati sul territorio della Siria.

Territori liberati

Con il supporto dell'aviazione russa, le truppe siriane hanno liberato 400 aree popolate e più di 10.000 chilometri di territorio.
Essi hanno raggiunto un punto di svolta fondamentale nella lotta contro il terrorismo.
I terroristi sono stati cacciati da Latakia e le comunicazioni con Aleppo sono stati restaurate.
Le operazioni militari sono ora in corso per liberare Palmira, che è attualmente sotto assedio da parte di gruppi armati.
La maggior parte delle province di Hama e Homs sono stati liberati, la base aerea di Kuweires è stato sbloccata dopo essere stata assediata per più di tre anni.
Il controllo è stato ristabilito sui campi di petrolio e giacimenti di gas vicino a Palmyra e tre grandi campi, fin d'ora, sono tornati a operazioni stabili.

Cessazione delle ostilità e il processo di pace

La cessazione delle ostilità, sostenuta dalla Russia e Stati Uniti, è entrata in vigore il 27 febbraio 2016 alle 00:00 ora di Damasco.
Tutte le organizzazioni che hanno firmato fino al processo di negoziazione hanno iniziato a prendere misure attive per garantire il cessate il fuoco (attualmente ci sono 42 organizzazioni del gruppo); Inoltre, 40 paesi che hanno aderito al cessate il fuoco.
Più tardi sono stati raggiunti da unità a lungo raggio dell'aviazione, bombardieri strategici Tu-160, Tu-95 e Tu-22M3strategic e bomber sciopero marittimi, insieme a navi da guerra russe.
Le basi russe erano protette da sistemi di difesa avanzati missile terra-aria e di mare a base di S-300 della Russia S-400 e Pantsir-S1.
Gli attacchi sono stati eseguiti con Kh-29L e Kh-25ml aria-superficie missili, KAB-500C bombe guidate, bombe aria Betab-500 in cemento-piercing, bombe aeree a frammentazione di demolizione (OFAB-250), missili da crociera Kh-555 e 3M-14 (Kalibr).

Gli studenti Al-Baath universitari tengono manifestazione a sostegno delle operazioni militari della Russia in Siria



Fonte:http://sputniknews.com/middleeast/20160316/1036384503/russia-syria-campaign-facts.html

giovedì 3 marzo 2016

SIRIA: ASSAD, LE SANZIONI OCCIDENTALI SONO RESPONSABILI DELLA CATASTROFE UMANITARIA


L'embargo occidentali nei confronti della Siria sta provocando una catastrofe umanitaria nel paese. Lo ha detto il presidente siriano Bashar Assad intervistato dall'emittente tedesca ARD, riferendosi alle sanzioni imposte nel 2011 da Washington.
"Il disastro e l'incubo di cui sto parlando sono stati creati non solo dai terroristi che uccidono e distruggendo, ma anche dall'embargo che l'Occidente ha imposto contro la Siria che colpisce tutti i cittadini senza eccezione", ha detto Assad che lo scorso mese ha lanciato un'accusa simile in una intervista con il quotidiano spagnolo El Pais.
Il leader siriano ha esortato a porre fine al contrabbando di armi e altri supporti logistici provenienti da Turchia, Arabia Saudita e Qatar, che ha accusato di sostenere i terroristi.
"Se questi paesi adempiano ai loro obblighi, posso garantire che non ci saranno problemi con la fine di questo incubo", ha sottolineato Assad.

Fonte:http://it.sputniknews.com/mondo/20160302/2193907/siria-assad-embargo-disastro-catastrofe-umanitaria.html#ixzz41rIwVVEV

mercoledì 2 marzo 2016

SIRIA: ASSAD CONCEDE L'AMNISTIA AI RIBELLI DISERTORI


“Faremo la nostra parte affinché la tregua funzioni e concederemo piena amnistia a coloro che deporranno le armi”, lo ha dichiarato il presidente siriano Bashar al Assad in un’intervista concessa alla tv tedesca ARD a proposito del cessate il fuoco in atto da sabato scorso. Assad ha offerto un “ritorno alla vita civile” a coloro che hanno imbracciato le armi contro l’esercito siriano a patto appunto che depongano e consegnino le armi. Il presidente siriano ha specificato di essere disposto, tenuta di conto la suddetta condicio sine qua non, di essere disposto a concedere “un’amnistia senza limiti” anche a coloro che non sono interessati a partecipare ad un processo politico. “Per me – ha detto Assad – l’importante dal punto di vista giuridico e costituzionale, nell’interesse del popolo siriano, è che non vadano in giro con armi e blindati che poi vengono indirizzati contro i cittadini e i loro beni”.
L’amnistia non riguarderebbe comunque i terroristi appartenenti ai vari gruppi jihadisti, in particolare Isis e al Nusra. Il presidente siriano ha dichiarato alla tv tedesca che vari gruppi armati hanno violato l’accordo di cessate il fuoco subito dopo la tregua raggiunta e l’esercito siriano ha evitato rappresaglie. Nel frattempo numerosi combattenti di Jaish Al Fatah, Jaish al-Islam e Yarmouk Martyrs Brigade hanno deciso di deporre le armi e regolarizzare la loro situazione. Nel quartiere Al Qadam, nei pressi di Damasco, 80 combattenti “ribelli” hanno deciso di unirsi alle Forze Armate siriane. Più volte poi tra ieri ed oggi l’esercito libanese ha colpito combattenti dell’Isis e di al Nusra nei pressi di Ersal in Libano. Nel nord della Siria poi, nella città di Tal Abyad, 120 combattenti dell’Isis sono stati uccisi dai curdi dell’Unità di protezione del popolo (YPG). E proprio oggi è stata riaperta l’autostrada Khanaser – Aleppo.

Alberto Palladino – Eugenio Palazzini


Fonte:http://www.ilprimatonazionale.it/esteri/siria-assad-ai-ribelli-amnistia-se-deponete-le-armi-40993/

lunedì 15 febbraio 2016

IL SUCCESSO DELLA RUSSIA E' EVIDENTE: I CITTADINI SIRIANI RINGRAZIANO


Solo circa due settimane fa, le due città di importanza strategica erano sotto il controllo di varie fazioni terroristiche ribelli, tra cui il Fronte al-Nusra.
Secondo quanto riferito da abitanti del luogo, per più di tre anni hanno dovuto vivere con la paura e imparare a sopravvivere senza aiuti a sufficienza, ma con il costante bombardamento.
L'esercito siriano, appoggiato dalle milizie filo-iraniane e la Russia, che ha condotto raid aerei mirati alle posizioni Daesh nel Paese, è stato accolto a braccia aperte da parte dei residenti che sostengono il governo siriano e Bashar Assad.
Le strade sono ora decorate con manifesti del leader di Hezbollah Hassan Nasrallah e il leader supremo iraniano Ayatollah Ali Khamenei insieme con fotografie del presidente siriano raggiante giù dalla parte anteriore del municipio in Nubl e appesi fuori la sua moschea principale.
"Grazie Russia! Grazie Hezbollah! Grazie Iran!" grida un residente in strada, come riportato dalla CNN.
Questa è una vittoria di grande importanza per l'esercito siriano, in quanto al-Zahra e Nubl si trovano tra il confine con la Turchia e le parti di Aleppo che sono controllate dai ribelli.
Questo lascia i terroristi nel nord di Aleppo, senza vie di approvvigionamento.
Le città diventeranno i centri principali per le operazioni militari delle forze governative nel nord della Siria.
Cosa altrettanto importante è la revoca degli assedi rafforzato il morale tra le forze filo-governative, che ora sono sicure di essere sono in grado di riconquistare i territori, occupati dall' opposizione.
La Russia continua a portare attacchi aerei contro obiettivi terroristici in tutta la Siria, compresi quelli nella provincia di Aleppo.


Fonte:http://m.sputniknews.com/middleeast/20160215/1034759184/residents-of-liberated-syrian-towns-thank-russia.html

BENVENUTI!!!



LIBRI LETTI
TEMPESTA GLOBALE,ART BELL,WHITLEY STRIEBER;LA PROSSIMA ERA GLACIALE,ROBERT W.FELIX;ARCHEOLOGIA PROIBITA,STORIA SEGRETA DELLA RAZZA UMANA,MICHAEL A.CREMO,RICHARD L. THOMPSON;MONDI IN COLLISIONE,IMMANUEL VELIKOVKY;LE CICATRICI DELLA TERRA,IMMANUEL VELIKOVSKY;HO SCOPERTO LA VERA ATLANTIDE,MARCO BULLONI;GLI EREDI DI ATLANTIDE,RAND FLEM ATH;IL PIANETA DEGLI DEI,ZACHARIA SITCHIN;IMPRONTE DEGLI DEI,GRAHAM HANCOCK;LA FINE DI ATLANTIDE,RAND FLEM ATH;I MAYA E IL 2012,SABRINA MUGNOS;LA VENDETTA DEI FARAONI,NAUD YVES,L'EGITTO DEI FARAONI,NAUD YVES;LA STORIA PROIBITA,J.DOUGLAS KENYON;SOPRAVVIVERE AL 2012,PATRICK GERYL;STATO DI PAURA,MICHAEL CHRICHTON;APOCALISSE 2012,JOSEPH LAWRENCE;I SERVIZI SEGRETI DEL VATICANO,DAVID ALVAREZ;GENGIS KHAN E L'IMPERO DEI MONGOLI,MICHAEL GIBSON;SCOPERTE ARCHEOLOGICHE NON AUTORIZZATE,MARCO PIZZUTI;UNA SCOMODA VERITA',AL GORE;ECC..
(NON TUTTI GLI ARGOMENTI O TALVOLTA I LIBRI STESSI SONO DA ME CONDIVISI)

INDIRIZZO E-MAIL

Per contattarmi:

angelfallendark@hotmail.it


Cerca nel blog

Lettori fissi

Archivio blog