ATTUALE CONFIGURAZIONE PLANETARIA DEL SISTEMA SOLARE


Visualizzazione post con etichetta popolazione austriaca. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta popolazione austriaca. Mostra tutti i post

giovedì 1 dicembre 2016

AUSTRIA: NORBER HOFER E' IN TESTA AI CONSENSI


E' in testa nei sondaggi un uomo, Norbert Hofer, che vuole rimettere tutto in gioco: l'appartenenza del suo paese all'Unione Europea e, argomento ancor piu' sensibile da queste parti, la divisione dell'Alto Adige, il Suedtirol per la popolazione di lingua tedesca, dal Tirolo.
Tra i partiti che auspicano il successo di Hofer c'e' il movimento popolare secessionista della Suedtiroler Freiheit fondato da Eva Klotz ed ora guidato dal suo delfino Sven Knoll.
Alle elezioni presidenziali austriche del 22 maggio scorso aveva vinto con uno scarto di appena 31mila preferenze Van der Bellen. Successivamente il voto venne annullato per irregolarita' sul conteggio delle schede - che avevano falsato il risutato a favore del Van Der Bellen - in alcune circoscrizioni e soprattutto in quelle per posta, dove i falsi furono clamorosi e tutti ai danni di Hofer.
A presentare formalmente ricorso era stato il leader dell'Fpoe Heinz Christian Strache. In un contesto dove Hofer ha gia' annunciato che spingera' per un referendum per far uscire l'Austria dall'Unione Europea, la Oexit, in caso l'Ue togliesse potere ai parlamenti nazionali, a tenere col fiato sospeso gli altoatesini sono le parole di Strache.
Quest'ultimo, che mai come questa volta aspira di diventare cancelliere a Vienna, durante la piu' lunga ma anche accesa campagna elettorale austriaca di sempre, aveva affermato di voler "rimarginare la ferita attuale e concedere al Tirolo la possibilita' di tornare unito". Una frase convinta, non solamente uno slogan, che risveglia in una discreta fetta - c'è chi dice maggioritaria - di sudtirolesi anti-italiani la speranza di riabbracciarsi all'interno del Grande Tirolo unito.
Cio' significherebbe che il Brennero non sarebbe piu' un luogo storico di confine bensi' di prosecuzione territoriale tra il Tirolo del nord, attualmente e' quello con capoluogo Innsbruck, e quello del sud, l'attuale Alto Adige con capoluogo Bolzano.
Secondo il politologo altoatesino Guenther Pallaver, docente presso l'Universita' di Innsbruck, in caso di vittoria di Hofer "a sud del Brennero non ci saranno particolari cambiamenti ma si ritornera' a parlare con una pressante costanza sulla doppia cittadinanza dei sudtirolesi". Quello della doppia cittadinanza, italiana ed austriaca, e' da sempre uno degli obiettivi della Suedtiroler Freiheit.
Il nuovo presidente austriaco che si insedierà alla Hofburg verra' deciso nella giornata di domenica, con i seggi aperti fino alle ore 17 e scrutinio immediato.
Sono 6.399.572 gli austriaci aventi diritto di recarsi alle urne. Elevato, il 32 % in piu' rispetto alla consultazione di maggio, sara' il voto per corrispondenza. Gli austriaci che voteranno all'estero saranno 56.539, ma comunque poca cosa rispetto i quasi 6,4 milioni di austriaci che voteranno in patria.
I sondaggi danno in vantaggio Norbert Hofer. Il 45enne stiriano, che tra i vari punti, vuole i controlli alle frontiere, e' contro i matrimoni gay e propone un incontro tra Putin e Trump in Austria essendo territorio neutro, e' dato tra il 49 ed il 52 %. Alexander Van der Bellen, 72 anni, viennese, che negli ultimi giorni ha ricevuto l'appoggio dell'ex presidente Heinz Fischer, contrario all'uscita dell'Austria dall'Ue, scettico sulla chiusura dei confini, di visioni diverse rispetto a Putin e Trump, oscilla tra il 48 ed il 51 % ma solo se il voto "estero" dovesse confermare le percentuali, per altro false, ottenute lo scorso maggio. In caso contrario, non c'è partita: Hofer vincerebbe tra il 55 e il 58%.
Il nuovo presidente della Repubblica d'Austria verra' proclamato tra lunedi' e martedi' a seguito dello spoglio dei voti per corrispondenza, ma nel caso di una netta affermazione in Austria, i 56mila voti esteri potrebbero non avere alcun peso.
Le presidenziali di domenica segneranno la fine di una campagna elettorale ma automaticamente anche l'inizio di una nuova. Nella primavera del 2017 l'Austria ritornera' alle urne per le politiche. E in questo caso, il Fpoe di Strache non ha davvero contendenti: già oggi, è accreditato tra i 34% e il 45% con i socialdemocratici caduti al 10% e i popolari all'11%.

Redazione Milano

Fonte:http://www.ilnord.it/c-5115_DOMENICA_LE_ELEZIONI_PRESIDENZIALI_IN_AUSTRIA_POSSONO_CAMBIARE_RADICALMENTE_LEUROPA_NORBERT_HOFER_E_IN_TESTA

giovedì 25 agosto 2016

ECCEZIONALE AUMENTO DI ACQUISTI DI ARMI DA FUOCO IN AUSTRIA, SVIZZERA E REPUBBLICA CECA

Il punto è chiaro: GLIeuropei affrontano un pericolo che non è più esterno

Alcuni dei recenti attacchi sono stati perpetrati con armi da fuoco considerando Charlie Hebdo (7 gennaio 2015) e la sala da concerto Bataclan e altri luoghi di Parigi (13 novembre 2015).
Altri attacchi sono stati effettuati con coltelli e / o di machete considerando la stazione di Londra Leytonstone (5 dicembre 2015), Magnanville, Francia (13 giugno 2016), e l'attacco a un sacerdote di Saint-Etienne-du-Rouvray (26 luglio , 2016).
Ancora più attacchi sono stati effettuati con poco ortodosse armi considerando l'attacco del camion a Nizza (14 luglio 2016), che ha preso la vita di 84 civili e ha lasciato più di 200 feriti.
E molti altri attacchi potrebbero essere elencati.
Il punto è chiar gli europei devono affrontare un pericolo che non è lunga l'esterno; gli autori sono tra loro e pronti ad attaccare in qualsiasi momento.
E uno dei risultati di questi attacchi, e la trepidazione su quelle future, sembra essere un nuovo apprezzamento per l'auto-difesa.
Secondo Reuters, un aumento delle vendite di pistola è particolarmente visibile in Austria, Svizzera e Repubblica Ceca.
Hanspeter Kruesi "un portavoce della polizia nel cantone svizzero di San Gallo" ha dichiarato "Non c'è spiegazione ufficiale per l'aumento [delle vendite di pistola], ma in generale si vede una connessione agli attacchi terroristici in Europa."
Un residente di 55 anni in Svizzera che ha appena comprato armi per la prima volta nella sua vita ha suggerito il senso di insicurezza creato da attacchi è stata la sua motivazione.
Volendo mantenere l'anonimato, il residente in Svizzera, ha detto, "L'acquisto di armi per l'autodifesa non protegge da attacchi terroristici. Nondimeno, questi attacchi stanno contribuendo ad un senso personale di minaccia, come è la pressione crescente dalla migrazione e l'alto tasso di criminalità tra gli immigrati dal Maghreb ".
E Daniel Wyss proprietario di un negozio di armi e presidente dell'Associazione Svizzera Armi Flash ha detto: "Nessuno dice direttamente: sto comprando una pistola a causa degli attacchi a Nizza o Monaco. Ma la somma di questi eventi ha favorito una generale sensazione di vulnerabilità ".
Nella Repubblica Ceca, il presidente Milos Zeman incoraggia attivamente il possesso di armi. Zeman ha detto a Nova TV, "I cittadini devono essere in grado di armarsi ... al fine di essere in grado di agire contro questi terroristi."
Breitbart News ha riferito che la leader del partito Alternativa per la Germania, Frauke Petry, difende l'acquisto di pistole private come una risposta necessaria alla minaccia islamista in tutta Europa. Si alza contro ogni azione in Germania che renderebbe più difficile per i cittadini rispettosi della legge di acquisire armi per l'autodifesa.

Fonte:http://www.breitbart.com/london/2016/08/25/terrorism-threat-driving-gun-sales-austria-switzerland-czech-republic/

BENVENUTI!!!



LIBRI LETTI
TEMPESTA GLOBALE,ART BELL,WHITLEY STRIEBER;LA PROSSIMA ERA GLACIALE,ROBERT W.FELIX;ARCHEOLOGIA PROIBITA,STORIA SEGRETA DELLA RAZZA UMANA,MICHAEL A.CREMO,RICHARD L. THOMPSON;MONDI IN COLLISIONE,IMMANUEL VELIKOVKY;LE CICATRICI DELLA TERRA,IMMANUEL VELIKOVSKY;HO SCOPERTO LA VERA ATLANTIDE,MARCO BULLONI;GLI EREDI DI ATLANTIDE,RAND FLEM ATH;IL PIANETA DEGLI DEI,ZACHARIA SITCHIN;IMPRONTE DEGLI DEI,GRAHAM HANCOCK;LA FINE DI ATLANTIDE,RAND FLEM ATH;I MAYA E IL 2012,SABRINA MUGNOS;LA VENDETTA DEI FARAONI,NAUD YVES,L'EGITTO DEI FARAONI,NAUD YVES;LA STORIA PROIBITA,J.DOUGLAS KENYON;SOPRAVVIVERE AL 2012,PATRICK GERYL;STATO DI PAURA,MICHAEL CHRICHTON;APOCALISSE 2012,JOSEPH LAWRENCE;I SERVIZI SEGRETI DEL VATICANO,DAVID ALVAREZ;GENGIS KHAN E L'IMPERO DEI MONGOLI,MICHAEL GIBSON;SCOPERTE ARCHEOLOGICHE NON AUTORIZZATE,MARCO PIZZUTI;UNA SCOMODA VERITA',AL GORE;ECC..
(NON TUTTI GLI ARGOMENTI O TALVOLTA I LIBRI STESSI SONO DA ME CONDIVISI)

INDIRIZZO E-MAIL

Per contattarmi:

angelfallendark@hotmail.it


Cerca nel blog

Lettori fissi

Archivio blog