ATTUALE CONFIGURAZIONE PLANETARIA DEL SISTEMA SOLARE


Visualizzazione post con etichetta omicidio. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta omicidio. Mostra tutti i post

giovedì 15 settembre 2016

NELL'AMERICA DI BARACK OBAMA LE GRANDI METROPOLI DEGLI STATI UNITI SI STANNO INFESTANDO DEI SOTTOPRODOTTI DELLA SOCIETA'


La violenza e le droghe stanno inondando le strade delle grandi città, ma quelli che vivono in quartieri di periferia comodi possono non aver sentito parlare molto di questo perché i media mainstream sono così ossessionati per la copertura di Donald Trump e Hillary Clinton. Come si vedrà in seguito, i decessi per overdose da eroina che coinvolgono e la prescrizione degli oppioidi antidolorifici sono aumentati a livelli senza precedenti, e in alcune zone le autorità sanitarie nazionali si ritrovano assolutamente sopraffatte da casi di sovradosaggio di questa estate.
Le forze dell'ordine stanno facendo quello che possono per combattere questa epidemia, perché Barack Obama ha lasciato i loro confini aperti a bande che sono in grado di trasportare questi farmaci pericolosi in questo paese con facilità. Di conseguenza, si trovano di fronte una crisi a un livello che non hanno visto almeno dagli anni 1980.
Cominciamo con alcuni numeri duri. Di seguito dal sito ufficiale CDC ..
Più persone sono morte per overdose nel 2014 che in qualsiasi anno record.
La maggior parte dei decessi per overdose di droga (più di sei su dieci) comporta un oppioide. Dal 1999, il numero di decessi per overdose coinvolgono oppioidi (inclusi antidolorifici prescrizione di oppioidi e eroina ) è quasi quadruplicata.
Dal 2000-2014 quasi mezzo milione di persone sono morte per overdose. 78 americani muoiono ogni giorno da una overdose da oppiacei.
Ora sappiamo che l'overdose da prescrizione da antidolorifici oppioidi sono un fattore trainante nella crescita di 15 anni in decessi per overdose da oppiacei.
Dal 1999, la quantità di oppiacei da prescrizione venduti negli Stati Uniti è quasi quadruplicata, ma non vi è stato un cambiamento generale nella quantità antidolorifici che gli americani.
Cirdca 3,4 morti per la prescrizione di oppioidi-farmaci come ossicodone, idrocodone, e methadone sono quadruplicati dal 1999.
E tenere a mente che quei numeri sono due anni. Le cose sono andate molto, molto peggio, da allora, e questa estate i numeri sono fuori scala.

Ad esempio, basta controllare ciò che sta accadendo nella zona di Cincinnati:
Con una stima di 78 casi di overdose martedì e mercoledì da solo, e si stima 174 casi di overdose in camere di emergenza in meno di una settimana, i funzionari stanno rimescolando per attaccare una crisi di eroina di una grandezza che non hanno mai avuto prima.
"Questo è senza precedenti per vedere il maggior numero di segnalazioni, come abbiamo visto negli ultimi sei giorni", ha detto il Comissario della Salute, di Hamilton County.
Si riferiva ad un sistema di sorveglianza che avvisa il dipartimento di salute pubblica, quando un numero insolito di incontri del pronto soccorso legati alla droga si verificano.
Altrove in Ohio, le cose vanno altrettanto male. Quanto segue è da un rapporto circa l'epidemia sovradosaggio nella contea di Richland.
Una settimana nel mese di agosto ha prodotto 51 sospette overdosi di droga e tre morti a Richland County, fornendo prove più fresche della crisi dell'eroina locale che sembra essere in rapida escalation.
L'aumento quasi quotidiano degli impatti da overdose nelle persone va ben al di là di tossicodipendenti e le loro famiglie, prendendo un pedaggio crescente sui lavoratori in prima linea di aiutare le persone.
Il Dr. Joseph Bocka, un medico del pronto soccorso a OhioHealth Mansfield Hospital, ha detto che non è raro per le persone trovino vittime da overdose e lasciano, per trovare i pazienti con un ago spuntato dal loro braccio o per il trattamento di una stessa persona più volte.
Allora, dove sono le storie da prima pagina su questi grandi siti di informazione tradizionali?
Non possono smettere di parlare di Clinton e Trump abbastanza a lungo per concentrarsi sul fatto che un numero incalcolabile di americani stanno diventando dipendenti da farmaci estremamente pericolosi e molti di loro stanno morendo?
Sulla costa occidentale, cose simili stanno accadendo.
In soli 12 giorni, in California nella Sacramento Valley, ha visto 42 overdosi da oppioidi - con conseguenti 10 morti.
Anche in un paese che è guardato dalla diffusione dalla dipendenza da oppioidi a un ritmo allarmante, questo tipo di tasso di sovradosaggio non è normale.
Almeno, finora.
Queste overdosi non sono state causate dalla prescrizione di antidolorifico che si riteneva avessero preso gli utenti, chiamato Norco.
Invece, avevano preso una pillola di strada camuffata per assomigliare a Norco che conteneva una sostanza chimica 50 volte più potente dell'eroina: fentanil.
Si dice che Fentanil è fino a 100 volte più potente della morfina.
Nessuno dovrebbe mai tenerlo al di fuori di un ambiente medico, perché il rischio di sovradosaggio è estremamente elevato.
Secondo Fox News, West Virginia è lo stato con le morti per overdose più pro capite, ma il New Mexico e New Hampshire sono proprio lì così.
Le Statistiche CDC mostrano che il West Virginia ha il più alto tasso pro capite di overdose letale nella nazione, seguito da New Mexico, New Hampshire, Kentucky e Ohio.
L'epidemia del farmaco non ha risparmiato alcuna comunità, ha detto Jim Johnson, direttore dell'Ufficio del Drug Control Policy del sindaco a Huntington.
"Almeno 22 milioni di persone in tutto il paese soffrono di disturbi da abuso di sostanze, con conseguenti 50.000 tassi di mortalità per overdose ogni anno", ha detto Johnson.
"Questo è proprio lì su quel stesso livello di preoccupazione come il terrorismo e la sicurezza nazionale nel nostro paese. Che non ha nemmeno contato il numero di persone con epatite B e C e l'HIV. "
Inutile dire che, ovunque ci siano tossicodipendenti ci sono anche bande che sono desiderose di fare soldi con la vendita di loro farmaci.
Barack Obama è originario di Chicago, ma le cose sono solo continuate a peggiorare e peggio per la città del vento da quando è entrato alla Casa Bianca.
E la violenza in città continua a crescere a nuovi livelli. In realtà, quest'anno ci sono state più violenze a Chicago che a New York City e Los Angeles combinati.
Una delle recenti vittime della sparatoria era un ragazzino di 10 anni di nome Tavon Tanner. Di seguito viene dal Chicago Tribune:
Nelle settimane da quando è stato colpito alla schiena, 10 anni, Tavon Tanner è stato sottoposto a diverse operazioni per riparare i danni causati dal proiettile che ha dilaniato il suo piccolo corpo e rimane depositato tra la spalla e il petto.
In quinta elementare è ancora in ospedale e ancora nel dolore, secondo la madre Mellanie Washington. Non parla tanto e piange più spesso. A volte si chiederà se la polizia ha arrestato la persona che gli ha sparato.
Nel complesso, il mese di agosto è stato il mese più violento per la città di Chicago in quasi 20 anni. Qui è più dal Tribune:
Tavon è stato tra più di 400 persone aggredite a Chicago questo mese. Ci sono stati almeno 78 omicidi, segnando agosto come il mese più violento nella città in quasi 20 anni, secondo i dati forniti dal Dipartimento di Polizia di Chicago.
In passato, si poteva evitare la maggior parte della violenza da parte di stare lontano dalle "aree cattive" della città, ma ora la violenza si propaga anche nelle aree "buone".
Il problema della criminalità violenta di Chicago sembra diffondersi nei quartieri storicamente sicuri del "lato nord". Il picco di reati sul lato nord si presenta quando il dipartimento di polizia di Chicago ha mandato più ufficiali dei violenti quartieri a sud e ovest della città per combattere i livelli estremi di violenza.
Come riportato dalla stazione locale di notizie a Chicago WGN , il crimine violento è fino 61% nel ciclo di quest'anno con Near North Side in crescita del 50%, Lincoln Park il 42% e il 44% Edgewater.
WGN riferisce anche che gli ufficiali hanno apparentemente perso il controllo delle strade di Chicago.
Nel frattempo, le bande locali sono segnalate per offrire incentivi ad "assassini di poliziotti."
E, naturalmente, Chicago è ben lungi dall'essere sola.
Nel solo mese di agosto, Baltimora ha già superato 200 omicidi per il quinto anno consecutivo.
Baltimora ufficialmente ha avuto 200 vittime di omicidio nel 2016.
Grandi città industriali come Detroit una volta erano l'invidia del mondo, ma ora sono diventate battute globali.
La classe media sta morendo, la povertà sta esplodendo, i nostri confini sono aperti e le nostre grandi città sono diventate infestate da droghe e gang.
Qualcuno che non vede che l'America è in declino o è disinformato o è semplicemente delirante.
E' chiaro che questo è anche il futuro del continente europeo se si continua a favorire l'entrata continua delle masse di extracomunitari all'interno dell'Unione Europea.
Poco ma vero.


Fonte:http://themostimportantnews.com/archives/major-cities-all-over-america-have-become-infested-with-opioid-addicts-and-extremely-violent-gangs


































giovedì 11 agosto 2016

NEGLI STATI UNITI SILENZIATI I PRINCIPALI OPPOSITORI DI HILLARY CLINTON

Anche se Hillary Clinton guida la corsa per la presidenza degli Stati Uniti dell'8% davanti a Donald Trump, ci sono state di recente diversi morti sospette - di cui quattro negli ultimi due mesi - di persone che erano a disagio per il candidato democratico alla Casa Bianca . I casi hanno suscitato clamore sui social network.

Questi casi di morti sospette hanno causato indignazione nelle reti sociali, ma la stampa principale ovviamente ha mantenuto il copione, ma non il Morning News USA .
pubblicazione americana citato mostra un elenco di quei casi di persone che sono morte in circostanze sospette.
Shawn Lucas

Shawn Lucas ha intentato una causa presso la sede del Comitato Nazionale Democratico (DNC) a Washington, DC, contro il Comitato Presidente, Debbie Wasserman, Wasserman DNC e accuse di frode contro Bernie Sanders favorendo Clinton.
Il 2 agosto, 2016, il suo amico Lucas è stato trovato morto nel bagno.
Finora, le autorità non hanno stabilito ufficialmente la causa della morte.

Seth Rich

Seth Rich aveva solo 27 anni, era un membro del DNC ed è stato responsabile per l'espansione dei dati dell'elettorato.
Il 10 luglio 2016, gli hanno sparato più volte alla schiena mentre si trovava vicino alla sua casa.
Secondo la polizia, è stato un tentativo di rapina fallito. Tuttavia, quando si trova ancora portafoglio, orologio e telefono cellulare, non è stato derubato.
L'omicidio è avvenuto dopo che WikiLeaks ha rilasciato 20.000 messaggi di posta elettronica dei funzionari DNC, dimostrando che il DNC ha gestito la situazione nella campagna preliminare per Hillary Clinton a suo favore. Anche se DNC ha sostenuto che la Russia ha sostenuto questa perdita, Wikileaks ha negato questa versione, dicendo che si tratta di una fuga da "dentro".
Se fosse stato l'autore della fuga di notizie, rimuoverlo potrebbe essere un modo per mettere in guardia i potenziali informatori all'interno della DNC per chi volesse seguire l'esempio.

VICTOR THORN

Il 1 agosto 2016 Victor Thorn è stato trovato morto, dopo essere stato colpito vicino a casa sua.
Per decenni, Thorn ha scritto articoli investigativi contro Clinton, inclusi nei suoi libri o articoli scritti per American Free Press.
Scritti hanno rivelato molti dei segreti oscuri di Clinton, tra cui il traffico di droga di Mena, Arkansas, riporta The Political Insider.
Ufficialmente dichiarato che la sua morte fu un suicidio Thorn. Il più sorprendente è che Thom era all'apice del suo successo.
I suoi libri sono parte dei "bestseller" (best-seller) in mezzo a loro Trilogy Hillary (e Bill) per essere tradotti e distribuiti in altri Paesi.

JOE MONTANO

Joe Montano presumibilmente morto di un attacco di cuore il 25 luglio 2016. E 'stato prima presidente del DNC Wasserman Shultz Debbis.
Ha ricoperto la carica di direttore regionale per Tim Kaine.
La sua morte si è verificato dopo che WikiLeaks ha rilasciato messaggi di posta elettronica. Montano aveva 47 anni e non ha mai sofferto di problemi cardiaci.

BERTA CACERES

Attivista per i diritti umani, Berta Caceres, è stata uccisa mentre dormiva nella sua casa di La Esperanza, Honduras. Secondo notizie di stampa, Caceres ha detto che l'ex first lady è responsabile per il colpo di stato in Honduras che ha rovesciato il presidente Manuel Zelaya che è stato eletto democraticamente.

JOHN ASHE

John Ashe era presidente dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite. E 'morto per un attacco cardiaco; Tuttavia, come dimostra la storia della CNN la morteè stata causata da asfissia.
Ashe era in procinto di partecipare ad una causa di un uomo d'affari Ng Lap Seng Cina, accusato di corruzione, scandalo "China-gate" nel 1996. E 'stato riferito che Seng ha fatto donazioni illegali per la rielezione di Bill Clinton. Si dice che Ashe avrebbe testimoniato sui suoi legami con Hillary Clinton a Seng. E 'morto lo stesso giorno.



Fonte:http://ro.sputnik.md/International/20160811/8540910.html

venerdì 22 luglio 2016

RIPRESI GLI AUTORI DELL'OMICIDIO DEL GIORNALISTA BIELORUSSO A KIEV


Sul video, che è stato registrato da una telecamera di sorveglianza, può essere visto come un uomo poco dopo la mezzanotte del 20 luglio si avvicina all'auto di Scheremets e davanti alla portiera del guidatore, - apparentemente per preparare il corpo per il fissaggio della bomba.
Circa due ore più tardi appaiono nel cortile del condominio in cui viveva il giornalista, due figure: un maschio e una femmina.
La donna ha un pacchetto in mano - probabilmente una bomba, e mette a fare manutenzione sull'auto di Scheremets a quanto pare per fissare la loro bomba.
Pavel Sheremet, per circa cinque anni ha vissuto a Kiev e più recentemente ha lavorato per il giornale di Internet "Pravda Ukrainskaja" e la stazione radio Radio Vesti ed è stato ucciso da una bomba. Le autorità hanno preso indagini.

Fonte:http://de.sputniknews.com/panorama/20160722/311683037/scheremet-auto-bombe-video.html

lunedì 14 marzo 2016

STATI UNITI: SI INFITTISCE IL GIALLO DELLA MORTE DELL'EX MINISTRO RUSSO

Diversi media hanno diffuso la notizia secondo cui l'ex ministro della Stampa della Russia, morto il 5 novembre a Washington, avrebbe lasciato gli Stati Uniti nel dicembre dello scorso anno. Tuttavia l'ente statunitense per il controllo delle frontiere non ha confermato queste informazioni.


Il rappresentante dell'ente statunitense per il controllo delle frontiere ("Bureau of Customs and Border Protection") Michael Friel ha smentito la notizia circolata sui media secondo cui l'ex ministro russo della Stampa Mikhail Lesin avrebbe lasciato gli Stati Uniti nel dicembre 2015.
In precedenza la polizia di Washington aveva riferito della morte di Lesin lo scorso 5 novembre. Sabato diversi media avevano riferito che Lesin avrebbe presumibilmente lasciato gli Stati Uniti il 15 dicembre.
"Si tratta di una notizia basata su una fotocopia della trascrizione dei dati per chiudere il visto della persona deceduta. Non si tratta di una registrazione vera e propria di partenza dagli Stati Uniti su un aereo commerciale o privato. Il Bureau of Customs and Border Protection non ha un registro in cui è segnata la partenza della persona dopo la data della sua morte," — ha detto il rappresentante dell'ente.
Il direttore del dipartimento di pubbliche relazioni dell'Istituto di Medicina Legale di Washington Lashon Beamon aveva riferito a RIA Novosti che i medici sono giunti alla conclusione che la causa della morte dell'ex ministro russo Mikhail Lesin sia stato un trauma cranico provocato da un oggetto contundente; inoltre sul corpo dell'ex ministro sono stati rilevati traumi al collo, al torace e agli arti superiori e inferiori.

Fonte:http://it.sputniknews.com/mondo/20160313/2266906/Russia-Giustizia.html#ixzz42tScZ8UC

UCRAINA: GIORNALISTI RUSSI E CINESI FINITI SOTTO IL FUOCO DEI MERCENARI UCRAINI

Giornalisti russi, cinesi e della Repubblica Popolare di Donetsk sono finiti sotto il fuoco delle forze di sicurezza ucraine nei pressi di Gorlovka. È stato riferito dall'agenzia stampa di Donetsk.

Come riportato dal corrispondente di RIA Novosti dal posto, nei pressi del villaggio di Zaitsevo, dove è in corso ora una battaglia, si sarebbe potuto ritrovare un gruppo di giornalisti russi. Secondo il corrispondente, si sente il rumore di mitragliatrici e colpi di mortaio.
In precedenza l'esercito ucraino aveva sparato contro un drone della missione speciale di monitoraggio dell'OSCE nella regione di Lugansk.
In mattinata presso il comando delle milizie della Repubblica Popolare di Lugansk (LNR) è stato riferito che le forze di sicurezza di Kiev hanno bombardato 4 volte il territorio controllato da loro.


Fonte:http://it.sputniknews.com/mondo/20160314/2271129/Lugansk-Ucraina-Donetsk-ATO.html

giovedì 21 gennaio 2016

LA POLITICA BRITANNICA RISOLLEVA UN MISTERIOSO OMICIDIO PER DENIGRARE ANCORA UNA VOLTA LA RUSSIA

Andrej Lugovoj, nominato giovedi dalla Corte Suprema britannica come complice della morte dell’ex funzionario dei servizi segreti russi Alexadr Litvinenko, crede che questo affare sia un metodo opportuno per la realizzazione degli interessi politici di Londra.

"Per Londra lo scandalo del polonio è stato un metodo opportuno per la realizzazione dei propri interessi politici, mi era chiaro fin dal principio", ha detto Lugovoj a RIA Novosti.
Litvinenko, incarcerato nel 2000 in Gran Bretagna, è morto nel novembre 2006 poco dopo aver ricevuto la cittadinanza britannica. Lo stato di salute di Litvinenko si era aggravato dopo l'incontro con gli ex collegghi Andrej Lugovoi e Dmitri Kovstyn con i quali ha bevuto un te all'hotel londinese Millennium. Dopo la sua morte gli specialisti dell'Agenzia britannica per la tutela della salute hanno affermato che nell'organismo di Litvinenko è stata ritrovata una quantità significativa di polonio-210 radiattivo. Il principale sospettato per l'affare Litvinenko è l'uomo d'affari e deputato russo Lukovoj. Ciò nonostante egli ha respinto le accuse avanzategli contro, definendole pretesti politici.
In precedenza, Lukovoj ha dichiarato che gli esperti britannici a Mosca hanno sottoposto alla macchina della verità la sua deposizione per l'affare della morte di Litvinenko e sono arrivati alla conclusione che egli non è coinvolto nel caso.

Fonte:http://it.sputniknews.com/mondo/20160121/1932975/lugovoj-litvinenko-londra.html#ixzz3xtbfCc1d

lunedì 4 maggio 2015

IL REGIME UCRAINO CONTINUA IL GENOCIDIO A DONETSK

Nella notte di sabato le milizie del Donbass hanno riferito che le forze di sicurezza ucraine hanno bombardato l'aeroporto di Donetsk e che sotto il fuoco sono finite anche le città circostanti, come Spartak, Peski e il quartiere Kievsky della stessa Donetsk.

Dopo le notizie sul bombardamento con l'artiglieria pesante di Donetsk, il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov ha invitato l'OSCE ad esigere da Kiev la cessazione delle violazioni degli accordi di Minsk; il presidente in carica dell'OSCE Ivica Dačić ha promesso di prendere provvedimenti, si legge in un comunicato del dicastero della diplomazia russa.
"A seguito della notizia, secondo cui le forze armate dell'Ucraina hanno cominciato a bombardare con cannoni di grosso calibro Donetsk, il ministro degli Esteri della Federazione Russa Sergej Lavrov ha avuto una conversazione telefonica con Ivica Dačić, presidente dell'OSCE e ministro degli Esteri della Serbia, e lo ha invitato ad usare la sua autorità affinchè la missione di monitoraggio speciale dell'OSCE in Ucraina pretenda da Kiev di fermare immediatamente la palese violazione degli accordi di Minsk,"
— si afferma in un comunicato del ministero degli Esteri russo pubblicato su Facebook.
Il rappresentante del ministero della Difesa e vice comandante delle forze filorusse della DNR Eduard Basurin ha riferito che è stato raggiunto un accordo per il cessate il fuoco all'aeroporto di Donetsk a partire dalla mezzanotte, dopo che sabato sera le forze ucraine avevano iniziato a bombardare. Nella notte la parte ucraina ha continuato a bombardare, tuttavia l'intensità degli attacchi è diminuita.





Fonte:http://it.sputniknews.com/mondo/20150503/332756.html#ixzz3ZB6ZqTWm

DIPLOMATICO DELLA REPUBBLICA CECA GIUSTIFICA IL MASSACRO DI ODESSA


Il commissario del governo ceco sulla sicurezza energetica Václav Bartuška giustifica la strage avvenuta ad Odessa il 2 maggio di un anno fa. Questo è quanto emerge dalla sua intervista pubblicata sul sito "Neovlivni.cz"
Rispondendo alla domanda del giornalista, se gli Stati baltici siano pronti ad una possibile invasione russa, Bartuška ha detto che "gli estoni senza dubbio (…) sono pronti a sparare." "I problemi nasceranno quando i russi si comporteranno in modo furbo e organizzeranno manifestazioni di civili, come ad esempio a Narva, dove il 93 per cento della popolazione è di etnia russa. Tali azioni potrebbero degenerare in qualcosa di più,"- ha sottolineato.
Come notato da Bartuška, a Praga "hanno seguito da vicino il modello che è stato utilizzato nella parte orientale dell'Ucraina."
"Gruppi di civili, uomini, donne e bambini, occupano gli edifici amministrativi. Nel giro di 2 giorni si armano, le donne e i bambini scompaiono, lasciando solo gli uomini armati. Se si oppone subito resistenza, come avvenuto ad Odessa, dove li hanno dato fuoco, o come a Dnepropetrovsk, dove li hanno uccisi e seppelliti per strada, tutto diventa più semplice. Se non lo fate, otterrete la guerra. Tutto qui,"- ha dichiarato il diplomatico.
Il ministro degli Esteri della Repubblica Ceca Lubomír Zaorálek ha criticato le parole del funzionario. Nel suo microblog su Twitter ha scritto di non essere d'accordo con le parole di Bartuška: "Bartuška ha usato argomenti profondamente sbagliati e moralmente inaccettabili. E' inaccettabile che un funzionario del ministero degli Esteri affermi che il rogo e l'uccisione di persone siano un metodo semplice per risolvere il conflitto. Ho duramente rimproverato Bartuška e gli ho detto di essere profondamente in disaccordo con tali ciniche dichiarazioni,"- ha scritto Zaorálek.
Il 2 maggio di un anno fa ad Odessa si verificarono scontri tra gli attivisti filorussi da una parte e sostenitori di Maidan e delle autorità di Kiev dall'altra. Durante gli scontri una parte dei sostenitori della federalizzazione si era rifugiata nella Casa dei Sindacati, dopodichè è scoppiato un incendio doloso nell'edificio. Secondo i dati ufficiali, 48 persone sono rimaste uccise e più di 200 sono stati i feriti. Le indagini sulle violenze di maggio sono state completate alla fine dello scorso settembre. A seguito delle indagini sono state incriminate 24 persone.



Fonte:http://it.sputniknews.com/mondo/20150502/328841.html#ixzz3ZB3heaoN

venerdì 17 aprile 2015

L'ESERCITO DI INSURREZIONE UCRAINO RIVENDICA L'ESECUZIONE DI POLITICI E GIORNALISTI FILORUSSIA


Come scritto dal politologo sulla sua pagina Facebook, ha ricevuto una e-mail dal movimento "Esercito Insurrezionale Ucraino", in cui si rivendicano le uccisioni di "Chechetov, Peklushenko, Miller, Kalashnikov e Buzina." Secondo Fesenko, a conferma della veridicità della e-mail vengono forniti dettagli non rivelati precedentemente, come l'utilizzo di armi di calibro 7.65X17 e 9x18 per l'assassinio di Kalashnikov, così come la resistenza del politico che sarebbe riuscito a sparare diversi colpi.
Vladimir Fesenko riporta anche le intimidazioni da parte dell'UPA, che afferma che i suoi membri "reprimeranno col sangue e la violenza chi mostra posizioni anti-ucraine." Il ministero degli Interni dell'Ucraina e le autorità di Kiev non hanno ancora commentato queste informazioni.
Nell'ultimo periodo in Ucraina c'è stata una serie di omicidi di risonanza. A marzo l'ex governatore della regione Zaporizhzhya ed ex membro del Partito delle Regioni Alexander Peklushenko è rimasto ucciso per una ferita da arma da fuoco. Recentemente si sono suicidati in circostanze misteriose gli ex deputati del Partito delle Regioni Mikhail Chechetov e Stanislav Miller. Pochi giorni fa è stato ucciso Oleg Kalashnikov, un altro ex deputato del Partito delle Regioni.
Ieri è stato ucciso a Kiev il noto giornalista ucraino Oles Buzina, che scriveva per il sito RIA.RU e sosteneva le radici comuni dei popoli slavi (ucraini, bielorussi e grandi russi) e si definiva russo e ucraino. Sosteneva la federalizzazione dell'Ucraina, la sua indipendenza, il bilinguismo nella cultura ucraina e lo sviluppo di entrambe le lingue.
Gli efferati fatti di sangue sono stati commentati dal presidente russo Vladimir Putin e dal presidente ucraino Petr Poroshenko. Il primo li ha definiti omicidi politici che difficilmente verranno indagati obbiettivamente ed efficacemente, mentre per Poroshenko si tratta di una provocazione contro l'Ucraina. Il capo di Stato ucraino ha chiesto indagini veloci.
Particolare attenzione suscita il nome dell'organizzazione che ha rivendicato le recenti uccisioni: "Esercito Insurrezionale Ucraino" (UPA). Era il nome dell'ala militare dell'Organizzazione dei Nazionalisti Ucraini (OUN) nell'ottobre 1942, il cui scopo era ottenere l'indipendenza dell'Ucraina dall'Urss. L'UPA ha svolto la sua attività principalmente in Ucraina occidentale combattendo contro le truppe sovietiche e collaborando con i nazisti.

Fonte:http://it.sputniknews.com/mondo/20150417/271707.html#ixzz3XZqirfvP

mercoledì 15 aprile 2015

NUOVA RUSSIA: ASSASSINI CECCHINI DEL REGIME UCRAINO SPARANO SUGLI ABITANTI


Cecchini delle forze di sicurezza ucraini hanno aperto il fuoco sugli abitanti del villaggio Shirokino. A seguito della sparatoria la popolazione si è dovuta rifugiare negli scantinati. Il fatto è stato riferito dall'Agenzia di stampa Donetsk.
"La gente non può uscire dal sottosuolo a causa dei cecchini ucraini Sparano sia ai miliziani che ai civili di Shirokino" raccontano i miliziani
Si segnala inoltre come i membri dell'OSCE che hanno registrato questi avvenimenti ancora non si sono pronunciati
In precedenza il Governo della Repubblica popolare del Donezk aveva smentito lo sfondamento da parte delle forze di sicurezza ucraine delle difese delle milizie vicino al villaggio di Peski il cui risultato avrebbe minacciato l'offensiva contro Donezk.

Fonte:http://comunicati.russia.it/repubblica-popolare-del-donezk-i-cecchini-ucraini-sparano-sulla-popolazione-civile.html

sabato 14 marzo 2015

UCRAINA: AMMAZZATI SEI COLONELLI DELL'EX PRESIDENTE DEMOCRATICO

di Luca Lippera

Un mistero fittissimo avvolge la morte di sei “luogotenenti” del deposto presidente ucraino, il filorusso Viktor Ianukovich, e imbarazza non poco la nuova nomenklatura al potere a Kiev. I sei, stando alla ricostruzione della polizia, «si sono tutti suicidati» e avevano tutti avuto un ruolo nella lotta politica che l'anno scorso ha portato al cambio della guardia al vertice dell'Ucraina.
L'ultimo suicidio - il sesto in poche settimane - è stato rivelato dal Ministero dell'Interno di Kiev all'Agenzia Interfax. La vittima, Oleksandr Peklushenko, 60 anni, si sarebbe ucciso, secondo la versione fornita ai media, «sparandosi un colpo di pistola al collo» nel piccolo e sperduto villaggio di Soniachne, nel sud del Paese. Peklushenko, ex governatore della provincia di Zaporizhia, a suo tempo fedelissimo del presidente Ianukovich, era indagato dalle attuali autorità ucraine «per aver fatto disperdere gli insorti» durante le manifestazioni di piazza Maidan che fornirono propellente alla ribellione contro il governo filorusso.
La stampa ucraina, in un Paese in bilico tra guerra e pace, si è limitata a riportare la versione degli «inquirenti». I quali, stando ai giornali, ritengono di trovarsi di fronte «a quella che pare essere una singolare ondata di suicidi». Ma le domande, in certi casi, derivano dai fatti. Prima di Peklushenko, si erano già ammazzati in cinque. Il 9 marzo l'ex deputato Stanislav Melnik, 53 anni, è stato trovato senza vita nel bagno di casa: anche lui, stando alla versione ufficiale, si sarebbe sparato un colpo di pistola. Il 28 febbraio Mikhailo Cecetov - tra i promotori delle cosiddette «leggi liberticide» che nel pieno della rivolta di Maidan inasprirono le pene contro chi partecipava a manifestazioni non autorizzate - si sarebbe suicidato buttandosi dalla finestra di un appartamento al diciassettesimo piano di un edificio a Kiev.
Il 25 febbraio era stata la volta di Serghii Valter, sindaco di Melitopol, accusato di abuso d'ufficio. Valter è stato trovato a sua volta impiccato dalla polizia. Il giorno successivo è toccata a Oleksandr Bordiukh, vice comandante della polizia della stessa città, trovato senza vita in casa. Le fonti, qui, divergono: c'è chi parla di un cappio al collo, chi di decesso ancora da valutare. Il primo della serie, il 29 gennaio, era stato Oleksii Kolesnik, ex presidente del consiglio regionale di Kharkiv - una delle aree al centro degli scontri tra ucraini e filorussi: impiccato pure lui.
I sei facevano tutti parte della cerchia ristretta dell'ex presidente Ianukovich. Il governo dell'attuale leader, Petro Poroshenko, non ha commentato l'ondata di suicidi. Un funzionario, secondo un giornale ucraino, si sarebbe limitato a dire che «le indagini spettano alla polizia e che non c'è nulla da aggiungere». Significativo del clima è l'atteggiamento dei media di Kiev. I giornali e i siti internet sono tuttora pieni di interrogativi sulla misteriosa uccisione a Mosca di Boris Nemtsov, uno degli oppositori di Vladimir Putin, e sul volto di coloro che potrebbero aver manovrato i fili dietro gli assassini. Il giallo dei suicidi è relegato nelle retrovie, benchè la Statistica - sei morti in meno di due mesi - dovrebbe imporre qualche riflessione.

Fonte:http://m.ilmessaggero.it/m/messaggero/articolo/PRIMOPIANO/1236302

mercoledì 11 marzo 2015

QUEL FINANZIAMENTO A SARKOZY CHE UCCISE GHEDAFFI

Dietro la morte di Gheddafi c’è uno scenario che emerge dalle inchieste della magistratura: "Sarkozy era stato finanziato dal Rais e così l'ha tolto di mezzo"

Perché il 19 marzo 2011 Nicolas Sarkozy avrebbe lanciato i suoi bombardieri contro Tripoli, tre ore prima di avvertire gli alleati - come raccontato nel libro di Hillary Clinton "Hard choices" - e con al fianco il solo David Cameron. Un’azione che ha poi condizionato tutta la campagna libica.
Dietro la morte di Gheddafi c’è però anche un altro scenario che emerge dalle inchieste della magistratura ed è quello di un interesse personale di Nicolas Sarkozy nel menare una campagna che doveva portare alla distruzione delle prove di un suo grande e inconfessabile segreto: aver ricevuto un ricchissimo finanziamento da Gheddafi. Si dice addirittura 50 milioni di euro. In Francia è scoppiata la polemica come riportano i quotidiani d'Oltralpe. Il motivo è chiaro. Se le accuse a Sarkozy fossero vere gnificherebbe che un presidente della République sarebbe stato eletto grazie al contributo di un altro Capo di Stato essendone teoricamente ricattabile. A riguardo suonano sinistre le parole del figlio del rais Saif al-Islam a raid iniziati: "Abbiamo finanziato noi la sua campagna elettorale e ne abbiamo le prove". Ultimo atto di questa storia, come racconta La Stampa, è il fermo giudiziario di Claude Guéant che è stato l’uomo chiave della ragnatela di rapporti tra Sarkozy e Gheddafi. Rapporti che infittiscono a partire dal 2005, due anni prima della presidenziale vittoriosa, e che riemrgono cinque anni dopo, nel 2012 a pochi giorni dal ballottaggio per l’Eliseo vinto da Hollande.

Fonte:http://www.ilgiornale.it/news/mondo/giallo-sulla-morte-gheddafi-finanziamento-che-faceva-tremare-1103214.html

martedì 10 marzo 2015

L'ASSASSINO CONFESSA IL DELITTO DI BORIS NEMTSOF


I termini della custodia cautelare di Dadayev scadranno il 28 aprile, ha stabilito il giudice. Fino a questa data verranno condotte le indagini sull'omicidio di Boris Nemtsov.
Il giudice ha convalidato la carcerazione preventiva in quanto sussistono il pericolo di fuga, la reiterazione del reato (minacce ai testimoni) e l'inquinamento delle prove da parte dell'imputato.
Zaur Dadayev, imputato nell'omicidio del politico Boris Nemtsov, ha ammesso la sua colpevolezza, ha riferito il magistrato.
"La colpa di Dadayev è confermata dalla sua confessione," — ha detto il giudice.
I termini della custudia cautelare scadranno il 28 aprile, ha stabilito il giudice. Fino a questa data verranno condotte le indagini sull'omicidio di Boris Nemtsov. Il dispositivo può essere impugnato entro 3 giorni dalla difesa.
Il giudice ha convalidato la custodia cautelare in quanto Dadayev può tentare la fuga, minacciare i testimoni o distruggere le prove.

Fonte:http://it.sputniknews.com/mondo/20150308/90254.html#ixzz3U026LoIw

BENVENUTI!!!



LIBRI LETTI
TEMPESTA GLOBALE,ART BELL,WHITLEY STRIEBER;LA PROSSIMA ERA GLACIALE,ROBERT W.FELIX;ARCHEOLOGIA PROIBITA,STORIA SEGRETA DELLA RAZZA UMANA,MICHAEL A.CREMO,RICHARD L. THOMPSON;MONDI IN COLLISIONE,IMMANUEL VELIKOVKY;LE CICATRICI DELLA TERRA,IMMANUEL VELIKOVSKY;HO SCOPERTO LA VERA ATLANTIDE,MARCO BULLONI;GLI EREDI DI ATLANTIDE,RAND FLEM ATH;IL PIANETA DEGLI DEI,ZACHARIA SITCHIN;IMPRONTE DEGLI DEI,GRAHAM HANCOCK;LA FINE DI ATLANTIDE,RAND FLEM ATH;I MAYA E IL 2012,SABRINA MUGNOS;LA VENDETTA DEI FARAONI,NAUD YVES,L'EGITTO DEI FARAONI,NAUD YVES;LA STORIA PROIBITA,J.DOUGLAS KENYON;SOPRAVVIVERE AL 2012,PATRICK GERYL;STATO DI PAURA,MICHAEL CHRICHTON;APOCALISSE 2012,JOSEPH LAWRENCE;I SERVIZI SEGRETI DEL VATICANO,DAVID ALVAREZ;GENGIS KHAN E L'IMPERO DEI MONGOLI,MICHAEL GIBSON;SCOPERTE ARCHEOLOGICHE NON AUTORIZZATE,MARCO PIZZUTI;UNA SCOMODA VERITA',AL GORE;ECC..
(NON TUTTI GLI ARGOMENTI O TALVOLTA I LIBRI STESSI SONO DA ME CONDIVISI)

INDIRIZZO E-MAIL

Per contattarmi:

angelfallendark@hotmail.it


Cerca nel blog

Lettori fissi

Archivio blog