ATTUALE CONFIGURAZIONE PLANETARIA DEL SISTEMA SOLARE


Visualizzazione post con etichetta inverno 2016-2017. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta inverno 2016-2017. Mostra tutti i post

mercoledì 23 novembre 2016

IN SIBERIA E' FREDDO DURO, PRONTI AL PEGGIO


Da settimane i Servizi Meteo e del Clima in Russia avvertono che nelle regioni siberiane sarà un inverno durissimo, con temperature inferiori a quelle avute nelle ultime due stagioni. Nel video la città del nord della Siberia Norilsk, sovente investita da tempeste (venti anche a 150 km/h) di neve e vento che soffiano dal Polo Nord (seguono foto).

In Siberia le temperature stanno precipitando verso il basso, ma ciò non è affatto anomalo. Il passaggio dall’Autunno all’Inverno in Siberia ed in Russia in generale, è abbastanza traumatico, con un crollo costante dei valori termici. E già in questi giorni il freddo è ingente. Ieri ha interessato la Mongolia (che non è in Siberia, ma viene influenzata dal suo clima gelido), con valori che per noi sarebbero pazzeschi, gli estremi termici della capitale, Ulan Bator sono stati: -35°C di minima e -22°C di massima.
Il record storico della città è di -42°C e fu misurato in pieno Inverno nel 1957.

Insomma, la mappa che vediamo è eloquente, e nel dettaglio noterete che il gelo ha conquistato anche la Corea ed il nord del Giappone.
Si citava, all’inizio dell’articolo, la città russa di Norilsk, in rete circolano queste foto che vengono attribuite a temperature misurate ieri.

Norilsk è soggetta a tempeste di incredibile violenza, con venti di tempesta che possono soffiare per molti giorni, oltre che abbondanti nevicate provenienti dal vicino Mar Glaciale Artico.

Fonte:http://www.freddofili.it/14983-siberia-gelo-da-pieno-inverno/

venerdì 18 novembre 2016

L'ATTIVITA' SOLARE SCENDE, LE TEMPERATURE GLOBALI SI ABBASSANO E LA GROENLANDIA GUADAGNA MASSA GLACIALE

L'evento più recente del riscaldamento naturale di El Niño ha esercitato il suo massimo effetto sulle anomalie di temperatura superficiale nel corso degli ultimi mesi del 2015 e nei primi mesi del 2016. Da allora, le temperature della superficie terrestre si sono abbassate di circa 1,2 ° C a seconda della set di dati satellitari RSS.

Nel frattempo dal periodo di settembre l'aumento della massa glaciale della Groenlandia, a causa delle continue nevicate, è stato eccezionale e da record.

Secondo un numero crescente di evidenze scientifiche, tale tendenza al raffreddamento e il trend di crescita degli strati di ghiaccio polari di crescita a breve termine come quelle precedentemente indicate possono presto diventare tendenze a lungo termine nei prossimi decenni. Come mostrato ci sono già stati 18 lavori scientifici pubblicati nel 2016 che indicano che i periodi di alta attività solare (vale a dire, il Moderno Massimo Solare del 20 ° / 21 °e il Medievale Massimo Solare del 11 ° secolo) sono associati con le tendenze del riscaldamento su scala centenaria, e periodi di bassa attività solare (dal 13 ° al 19 ° secolo la Piccola Età del Ghiaccio) sono associati con le tendenze di raffreddamento su scala centenaria.
Molti segnali sono ulteriormente visibili anche in queste settimane.

In Kazakistan recentemente la temperatura è scesa a -33°C nella capitale, un valore che non si misurava in Novembre da alcuni decenni (dal 1953).
E’ stata diramata un’allerta meteo per la possibilità che nei prossimi giorni, in specie tra il 18 ed il 19, si registrino valori sino a -40°C in alcune aree del Paese.
Il record di Astana per Novembre è di -39°C, e fu misurato nel 1953.
Secondo i meteorologi russi, erano decenni che l’intera Russia non veniva ricoperta di neve nella prima parte di Novembre. Infatti ci sono state tormente di neve ovunque, dalla parte europea sino alla Siberia e le coste dell’Oceano Pacifico come a Vladivostok.
Anche in Giappone, l'Impero del Sol Levante, sono stati registrati record di neve.

L'inverno è sceso di colpo nella città di Asahikawa con 24 ore di nevicata che hanno raggiunto i 38 cm (quasi 15 pollici).
La quantità di neve che cadde in 24 ore è stata descritta neve pesante.
A mezzogiorno nella città di Asahikawa, l'accumulo di neve ha raggiunto 44 cm, che la rende la più grande nevicata a metà novembre dall'inizio delle rilevazioni nel 1961. Anche chi aveva previsto un'inverno mite per il Nord Europa ha dovuto fare un passo indietro.
Il NOAA (National Oceanic and Atmospheric Administration ) è stato costretto a rivedere totalmente previsioni per il Nord Europa, per l'ennesimo anno di fila.
Il NOAA aveva previsto un inverno mite. Ora lo ha definito un "mese significativamente molto più freddo per la Scandinavia e la Russia."

Nel frattempo, Stoccolma, il Regno di Svezia viene a completare un record di 111 anni di nevicate record per il periodo.
Le previsioni in arrivo per i primi di dicembre 2016 non sono estremamente incoraggianti.

Per il periodo dicembre gennaio sembra prendere forma un'inverno in stile anni '70 con affondi di aria polare e nevicate abbondanti.
Aspettiamo di vedere se tale previsione risulta esatta.

martedì 8 novembre 2016

FORTI NEVICATE STANNO INTERESSANDO L'EUROPA SETTENTRIONALE


La mappa di ieri sera mostra chiaramente il vortice freddo e perturbato che ancora sta interessando la Russia Europea, e la Scandinavia meridionale ed orientale.
Ieri sera ad essere interessata dalla tormenta di neve, in particolare, la zona di San Pietroburgo, la Finlandia e la Svezia meridionale.

A Mosca la tormenta di neve di domenica 06 Novembre è stata particolarmente intensa, con visibilità ridotta ad appena 500 metri nei momenti più intensi.
Su Mosca la neve è stata sostiuita poi da una pioggia congelantesi, caduta con uan temperatura di -2°C.
Contemporaneamente, una tormenta di neve ha colpito la Norvegia, ove sono caduti circa 40 cm di neve fresca su buona parte del territorio, accompagnata da venti forti e basse temperature.
Nella zona di Vegarshei è caduto circa un metro di neve fresca.
Ma freddo e neve hanno colpito anche la Finlandia, dove sono caduti circa 20 cm di neve fresca sulla zona centro meridionale.
Freddo e neve sono considerati insoliti in Finlandia nei primi giorni di novembre: le temperature di tutta la Scandinavia sono infatti di circa 10-13°C inferiori alla norma stagionale.

Fonte:http://www.freddofili.it/14782-continuano-le-bufere-neve-sulleuropa-settentrionale/

venerdì 4 novembre 2016

RUSSIA: NEVICATE CINQUE VOLTE LA NORMA SEPPELLISCONO TERRITORI E CITTA'


Nell’ambito di un inverno russo che appare essere sempre più precoce ed insolitamente freddo, si segnalano le grandi nevicate che hanno colpito la zona della Yacuzia, zona centro orientale siberiana, con temperature che hanno raggiunto i -21°C a Yakutsk.



Fonte:http://www.freddofili.it/14743-yacuzia-eccezionale-nevicata-5-volte-la-norma-seppellisce-citta-territori/

giovedì 12 maggio 2016

SI TEME UNA FORTE NINA ENTRO IL PROSSIMO INVERNO


Dopo i tanti cambiamenti climatici vissuti nell’ultimo anno a causa della presenza di un Nino eccezionale, da valori record, altrettanti sconvolgimenti dovremo forse subirli a causa della presenza della Nina, il raffreddamento della superficie marina equatoriale dell’Oceano Pacifico, che segue solitamente il Nino, ma che quest’anno sembra assumere proporzioni straordinarie!
Le ultime previsioni indicano un valore inferiore ai -2°C di anomalia nella regione del Pacifico Centrale, raggiungendo un massimo di -2,38°C nel trimestre invernale 2016-17 (mappa da weatherbell).
In questo caso, già la prossima Estate presenterebbe un principio di Nina, ed il fenomeno si intensificherebbe sempre più nel corso della prossima stagione autunnale.
Da notare anche che gli episodi del 1985 e del 2010 hanno coinciso con alcune delle ondate di freddo invernale più forti che siano venute nel Continente Europeo ed anche in Italia.

In questi casi la Nina aveva coinciso con periodi di minimo delle macchie solari, una situazione che sarebbe simile a quella di quest’anno, con l’attività solare in piena corsa verso il nuovo minimo.
Nello stesso tempo, abbiamo anche l’inizio di una fase negativa dell’AMO, cioè con le temperature superficiali del Nord Atlantico in netta diminuzione, tutti indizi che, combinati tra di loro, potranno forse farci capire quale potrebbe essere l’evoluzione della prossima stagione invernale in Italia.

Fonte:http://freddofili.it/13596-esplode-la-nina-previsto-un-fenomeno-eccezionale-prossimo-inverno/

BENVENUTI!!!



LIBRI LETTI
TEMPESTA GLOBALE,ART BELL,WHITLEY STRIEBER;LA PROSSIMA ERA GLACIALE,ROBERT W.FELIX;ARCHEOLOGIA PROIBITA,STORIA SEGRETA DELLA RAZZA UMANA,MICHAEL A.CREMO,RICHARD L. THOMPSON;MONDI IN COLLISIONE,IMMANUEL VELIKOVKY;LE CICATRICI DELLA TERRA,IMMANUEL VELIKOVSKY;HO SCOPERTO LA VERA ATLANTIDE,MARCO BULLONI;GLI EREDI DI ATLANTIDE,RAND FLEM ATH;IL PIANETA DEGLI DEI,ZACHARIA SITCHIN;IMPRONTE DEGLI DEI,GRAHAM HANCOCK;LA FINE DI ATLANTIDE,RAND FLEM ATH;I MAYA E IL 2012,SABRINA MUGNOS;LA VENDETTA DEI FARAONI,NAUD YVES,L'EGITTO DEI FARAONI,NAUD YVES;LA STORIA PROIBITA,J.DOUGLAS KENYON;SOPRAVVIVERE AL 2012,PATRICK GERYL;STATO DI PAURA,MICHAEL CHRICHTON;APOCALISSE 2012,JOSEPH LAWRENCE;I SERVIZI SEGRETI DEL VATICANO,DAVID ALVAREZ;GENGIS KHAN E L'IMPERO DEI MONGOLI,MICHAEL GIBSON;SCOPERTE ARCHEOLOGICHE NON AUTORIZZATE,MARCO PIZZUTI;UNA SCOMODA VERITA',AL GORE;ECC..
(NON TUTTI GLI ARGOMENTI O TALVOLTA I LIBRI STESSI SONO DA ME CONDIVISI)

INDIRIZZO E-MAIL

Per contattarmi:

angelfallendark@hotmail.it


Cerca nel blog

Lettori fissi

Archivio blog