ATTUALE CONFIGURAZIONE PLANETARIA DEL SISTEMA SOLARE


Visualizzazione post con etichetta cambiamenti della vegetazione. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta cambiamenti della vegetazione. Mostra tutti i post

domenica 30 agosto 2015

STATI UNITI:NEL DOPOGUERRA A WASHINGTON I CILIEGI SBOCCIAVANO PRIMA RISPETTO AD OGGI


I fiori di ciliegio a Washington DC sono sbocciati molto tardi degli ultimi tre anni, in concomitanza con inverni molto freddi.

Le temperature dello stato del Virginia nel periodo gennaio-marzo si sono abbassate di circa due gradi dal 1992.

Inverni freddi corrispondono con fioriture tardive, e inverni caldi corrispondono con le prime fioriture cosa si deduce da tutto ciò?

Il 14 marzo 1946 - i fiori erano già sbocciati.

Quest'anno ha avuto gli ultimi fiori di ciliegio sul record, e il Potomac era congelato solido il 10 marzo.

Lentamente ma progressivamente la temperatura sugli Stati Uniti si sta abbassando.

Fonte:https://stevengoddard.wordpress.com/2015/08/29/climate-morons-of-the-day-sydney-morning-herald/

giovedì 13 novembre 2014

QUANDO LA GROENLANDIA ERA VERDE IN TEMPI PIÙ CALDI





I ghiacciai sono comunemente pensati per funzionare come una levigatrice a nastro.
Quando si muovono sulla terra raschiano via tutto, vegetazione, suolo, e anche lo strato superiore del substrato roccioso.
Così gli scienziati erano molto sorpresi di scoprire un antico paesaggio della tundra conservato sotto la calotta glaciale della Groenlandia, sotto due chilometri di ghiaccio.
"Abbiamo trovato suolo organico che è stato congelato al fondo dello strato di ghiaccio per 2 milioni e 700 mila anni", ha detto Paul Bierman, geologo della University of Vermont, fornendo una forte evidenza che la calotta glaciale della Groenlandia si è protratta molto più a lungo di quanto precedentemente noto attraversando diversi periodi di riscaldamento globale.
Ha guidato un team internazionale di scienziati che hanno segnalato la loro scoperta il 17 aprile sulla rivista Science.
La Groenlandia è un luogo di grande interesse per gli scienziati e politici in quanto la stabilità futura del suo enorme strato di ghiaccio delle dimensioni di Alaska, e secondo solo all'Antartide, avrà un'influenza fondamentale sul livello globale del mare.
"L'antico terreno sotto la calotta glaciale della Groenlandia aiuta a svelare un mistero importante che circonda il cambiamento climatico", ha detto Dylan Rood un co-autore del nuovo studio della Scotland University e l'Università della California, Santa Barbara, "come hanno fatto le grandi lastre di ghiaccio a sciogliersi e svilupparsi in risposta ai cambiamenti di temperatura? "
La nuova scoperta indica che anche nei periodi più caldi da quando la calotta di ghiaccio era formata, il centro della Groenlandia è rimasto stabile; "E 'probabile che non si scioglierà completamente in qualsiasi momento", ha detto Bierman del Vermont.
Questo ha permesso ad paesaggio della tundra di essere rinchiuso, ma non modificata, sotto il ghiaccio attraverso milioni di anni di riscaldamento globale e raffreddamento.

Questo è un pezzo del nucleo di ghiaccio GISP2 che mostra limo e sabbia incastonati nel ghiaccio.

"La conoscenza tradizionale sui ghiacciai è che sono molto potenti agenti di erosione e possono spogliare efficacemente un paesaggio", ha detto il co-autore Lee Corbett, uno studente laureato UVM che ha preparato i campioni di ghiaccio limosi per l'analisi. Invece, "noi dimostriamo che la calotta glaciale della Groenlandia non agisce come un agente di erosione; infatti, al suo centro, è incredibilmente poco erosa sin dal suo inizio quasi tre milioni di anni fa. "
Invece di raschiare e scolpire il paesaggio, lo strato di ghiaccio è stato congelato a terra ", un frigorifero che ha conservato questo paesaggio antico", ha detto Bierman.
Gli scienziati hanno testato diciassette campioni di "ghiaccio sporco" dai quaranta piedi del nucleo di ghiaccio GISP2 da 10.019 piedi estratto dalla Summit, Groenlandia, nel 1993.
"In 20 anni, solo poche persone avevano guardato duramente i sedimenti dal fondo del nucleo ", ha detto Bierman.
Da questo sedimento, lui e un gruppo di ricercatori dell'Università di cosmogenica Nuclide Laboratorio del Vermont ha estratto una rara forma di berillio, un isotopo chiamato berillio-10.
Formato dai raggi cosmici, cade dal cielo e si attacca alla roccia e al suolo.
Il suolo è più esposto sulla superficie terrestre, quindi maggiori quantità di berillio-10 si accumulano.
Misurare quanto sia al suolo o in una roccia dà ai geologi una sorta di cronologia dell'esposizione.
I ricercatori si aspettavano di trovare solo il terreno eroso dalla roccia del ghiacciaio con zone erose nel sedimento sul fondo del nucleo di ghiaccio.
"Così abbiamo pensato che stavamo andando alla ricerca di un ago nel pagliaio", ha detto Bierman.
Hanno progettato per lavorare diligentemente per trovare infinitamente piccole quantità di berillio per comprendere quanto il paesaggio sotto lo strato di ghiaccio non era stato esposto al cielo.
"Si è scoperto che abbiamo trovato un elefante in un pagliaio", ha detto; il limo aveva molto elevate concentrazioni di isotopi quando la squadra l'ha misurato su un acceleratore di particelle presso il Lawrence Livermore National Laboratory.
"Su base globale, troviamo solo questi tipi di concentrazioni di berillio in terreni che si sono sviluppate nel corso da centinaia di migliaia a milioni di anni", ha detto Joseph Graly, che ha analizzato i dati di berillio, presso l'Università del Vermont.
La nuova ricerca, sostenuta da un finanziamento della National Science Foundation, dimostra che "il terreno era stato stabile ed esposto alla superficie di un posto tra i 200.000 e il milione anni prima di essere coperto dal ghiaccio", osserva Ben Crosby, membro della ricerca Squadra da Idaho State University.
Per aiutare a interpretare questi risultati inattesi, il team ha anche misurato l'azoto e il carbonio che avrebbe potuto essere lasciato dal materiale vegetale nel campione nucleo.
"Il fatto che la quantità misurabile di materiale organico è stato trovato nel ghiaccio limoso indica che il terreno deve essere presente sotto il ghiaccio," ha detto il co-autore Andrea Lini presso l'Università del Vermont e la sua composizione suggerisce che il paesaggio pre-glaciale potrebbe essere stato una tundra parzialmente boscosa.
"La Groenlandia era davvero verde! Tuttavia, era milioni di anni fa ", ha detto Rood,« la Groenlandia sembrava la tundra dell'Alaska, prima che fosse coperto dal secondo più grande corpo di ghiaccio sulla Terra.
"Per confermare le loro scoperte su questo antico paesaggio, i ricercatori hanno misurato anche i livelli di berillio in un moderno permafrost della tundra del suolo sul North Slope dell'Alaska.
"I valori erano molto simili", ha detto Bierman, "il che ci ha reso più sicuri che quello che abbiamo trovato sotto la Groenlandia era suolo della tundra."
Molti geologi sono alla ricerca di una visione a lungo termine della storia della calotta glaciale della Groenlandia, tra cui come si muove e ha modellato il paesaggio sottostante, con un occhio verso una migliore comprensione del suo comportamento futuro.



Fonte:http://wattsupwiththat.com/2014/04/17/when-greenland-was-green-in-warmer-times/

BENVENUTI!!!



LIBRI LETTI
TEMPESTA GLOBALE,ART BELL,WHITLEY STRIEBER;LA PROSSIMA ERA GLACIALE,ROBERT W.FELIX;ARCHEOLOGIA PROIBITA,STORIA SEGRETA DELLA RAZZA UMANA,MICHAEL A.CREMO,RICHARD L. THOMPSON;MONDI IN COLLISIONE,IMMANUEL VELIKOVKY;LE CICATRICI DELLA TERRA,IMMANUEL VELIKOVSKY;HO SCOPERTO LA VERA ATLANTIDE,MARCO BULLONI;GLI EREDI DI ATLANTIDE,RAND FLEM ATH;IL PIANETA DEGLI DEI,ZACHARIA SITCHIN;IMPRONTE DEGLI DEI,GRAHAM HANCOCK;LA FINE DI ATLANTIDE,RAND FLEM ATH;I MAYA E IL 2012,SABRINA MUGNOS;LA VENDETTA DEI FARAONI,NAUD YVES,L'EGITTO DEI FARAONI,NAUD YVES;LA STORIA PROIBITA,J.DOUGLAS KENYON;SOPRAVVIVERE AL 2012,PATRICK GERYL;STATO DI PAURA,MICHAEL CHRICHTON;APOCALISSE 2012,JOSEPH LAWRENCE;I SERVIZI SEGRETI DEL VATICANO,DAVID ALVAREZ;GENGIS KHAN E L'IMPERO DEI MONGOLI,MICHAEL GIBSON;SCOPERTE ARCHEOLOGICHE NON AUTORIZZATE,MARCO PIZZUTI;UNA SCOMODA VERITA',AL GORE;ECC..
(NON TUTTI GLI ARGOMENTI O TALVOLTA I LIBRI STESSI SONO DA ME CONDIVISI)

INDIRIZZO E-MAIL

Per contattarmi:

angelfallendark@hotmail.it


Cerca nel blog

Lettori fissi

Archivio blog