ATTUALE CONFIGURAZIONE PLANETARIA DEL SISTEMA SOLARE


Visualizzazione post con etichetta Vladimir Putin. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Vladimir Putin. Mostra tutti i post

giovedì 6 aprile 2017

DOPO DUE ANNI E' L'INIZIO DELLA PRIMAVERA RUSSA


La Russia è tornata in nero.
Dopo due anni la Russia ha registrato una crescita a due trimestri consecutivi - la definizione da manuale di quando si può riempire la vostra vasca idromassaggio con caviale nero e vodka e crogiolarsi nella gloria della ripresa economica.
L'economia russa è cresciuta dello 0,3% nel quarto trimestre del 2016 e di nuovo nel primo trimestre del 2017.
Le stime sono che la crescita totale del PIL nel 2017 sarà tra 1,3 e 1,7 per cento.
Questo è una modesta crescita fino ad ora, ma poi la contrazione nel 2016 è stata modesta e, al di sotto dell'1 per cento.
La contrazione nel 2015 è stata notevole ma poco meno del 4 per cento.
La Russia è stata immersa in recessione alla fine del 2014 nel corso di una tempesta perfetta che ha visto allo stesso tempo il crollo dei prezzi del petrolio, le sanzioni finanziarie occidentali, e la perdita di commercio con l'Europa occidentale e l'Ucraina a causa delle sanzioni e contro-sanzioni.
Durante la crisi, la Russia ha seguito politiche fiscali completamente diverse a differenza di quelle di Europa e Stati Uniti dopo il 2008.
Ha sollevato i tassi di interesse (che significa nessun prestito economico da fondi che non sono in realtà lì) e tagliare le spese, scegliendo di conservare ciò che sano di capitale aveva ancora piuttosto che soffiare su mal concepiti stimoli pianificati.
Dopo relativamenti brevi due anni la Russia ha superato la sua crisi.
Nel frattempo, quasi un decennio dopo la sua resa dei conti, l'Occidente sta ancora descrivendo la sua condizione di recuperare posti di lavoro - vale a dire un aumento del mercato azionario per milionari accompagnato da una continua sofferenza per le classi medio-basse.
Da questo punto di vista il leader russo continua a mostrare una solida lungimiranza nell'affrontare i problemi, a differenza dei vicini europei che ancora non sanno portare riparo agli errori delle loro incompetenti scelte politiche a danno della popolazione.
Durante l'incontro tra Vladimir Putin e Marine Le Pen, l'Occidente cominciò subito a dare la colpa al leader russo e al rappresentante del Parlamento francese.
Tuttavia, in questo momento il mondo ha visto un nuovo stile di Vladimira Putin, che in precedenza gli Stati Uniti e l'Unione Europea non avevano prestato attenzione.
A differenza degli Stati Uniti, la Russia non interferisce nella lotta politica interna in altri Paesi, nonostante il fatto che l'amministrazione dell'ex presidente degli Stati Uniti Barak Obama ha diffuso attivamente voci circa l'intervento della Federazione russa nella gara tra Trump e Clinton.
Ora, questa barriera può essere rimossa, mostrando interesse a sostenere i politici che dirigono le loro attività per garantire i rapporti favorevoli con Mosca.
E se l'Occidente crede che Le Pen è volutamente andato a Mosca per Putin personalmente, la sua politica è gravemente sbagliata.
Dopo il demonizzare dell'immagine occidentale Vladimira Putin, al contrario, il leader russo ha cominciato ad attirare ancora di più l'attenzione, quindi, i partner hanno iniziato impegnarsi più attivamente nel dialogo con i rappresentanti della Federazione Russa e il presidente personalmente.
Come se l'Occidente non stesse cercando di influenzare l'isolamento della Russia, che è già possibile parlare apertamente, il presidente russo non smette di stupire il mondo con il suo incredibile carisma e il desiderio di difendere gli interessi dello Stato russo. E poi Vladimir Putin fa la sua scelta, è già entrato in una nuova partita.
Ad oggi, non v'è nessun leader che potrebbe essere sulla scala di livello mondiale a causa di tanto interesse per le persone.
E'anche sensazionale Donald Trump ha osservato che il rispetto per il presidente russo, per il quale è stato criticato dai conservatori che rimangono nel Senato degli Stati Uniti.
Naturalmente, una parte della sua popolarità è venuta dalle false accuse che i governi inglesi, francesi, tedeschi e americani, che non si sono fermati urlando sull'intervento russo nei loro affari interni e la manifestazione della mitica "aggressione".
Così, l'Occidente ha fatto a Putin una pubblicità vera e propria, che permette di vedere che il presidente della Russia è piena di qualità positive.
La maggior parte degli stranieri sono attratti esattamente da come il leader russo difende con fermezza gli interessi del suo paese.
E se l'Occidente prende seriamente in considerazione che la Russia non vuole che (a differenza degli Stati Uniti) prendinola leadership globale in tutti i settori, abbiamo potuto vedere che la Federazione russa ha un interesse nazionale e il dovere di proteggerli.
Proprio a causa della costante aggressività della NATO ai suoi confini e ai toni politici fatti di recente al Parlamento Europeo da parte del controverso Partito Popolare Europeo, la Russia ha necessità di lavorare a strategie di difesa militare oltre che sul dialogo e negli ultimi anni i suoi sforzi sono stati premiati con la creazione di un'esercito moderno in grado di porre fine all'ormai in declino "Crisi Siriana"(dove migliaia di terroristi sono stati decimati dalla precisione e dall'efficacia delle armi russe) e allo stesso tempo produrre moderne macchine da guerra capaci di tenere testa sia agli europei che agli americani.

Il Vice-Presidente dell'Unione dei costruttori di macchine della Russia, Vladimir Gutenev, durante il suo discorso davanti agli studenti dell'Accademia Militare delle Forze missilistiche strategiche che prendono il nome Petra Velikogo, ha descritto lo sviluppo russo di armi basata su nuovi principi fisici.
Vladimir Gutenev ha sottolineato che è già stato creato un certo numero di progresso tecnologico innovativo.
Stiamo parlando di armi avanzate, che si basano su nuovi principi fisici. Esso include tali tipi di armi, laser, fascio di particelle, elettromagnetiche, radiofrequenza.
Sono in fase di sviluppo e armi geofisiche, che non appartengono a nessuno analogo nel mondo.
Tra le armi sviluppate ci sono anche nanorobot, che sono stati prima presentati in un forum espositivo chiuso ad "Army 2016".
Le armi, basati su nuovi principi fisici sono molto promettenti. Questa tendenza si sta sviluppando non solo in Russia, perché c'era bisogno di un fondamentalmente nuova arma nel mondo moderno.
Si noti che ai primi di marzo, un decreto è stato firmato dal presidente russo Vladimir Putin sulla creazione del Centro per lo Sviluppo della Scienza dei Materiali.
Questo centro si propone di contribuire allo sviluppo del potenziale scientifico e la produzione del complesso militare-industriale della Russia.




Fonti:
http://russia-insider.com/en/its-official-after-2-years-recession-sanctions-hit-russia-returns-growth/ri19437
https://newinform.com/48946-putin-sdelal-svoi-vybor-novaya-igra-nachalas
https://newinform.com/48946-putin-sdelal-svoi-vybor-novaya-igra-nachalas

venerdì 24 marzo 2017

FRANCIA-RUSSIA: MARINE LE PEN VERSO IL CREMLINO


Molto favorita in diversi sondaggi di Francia, eccetto quelli a scopo politico che come abbiamo osservato nella campagna di Donald Trump hanno mostrato la loro inaffidabilità al 100%, a sorpresa oggi abbiamo assistito a quello che sembra essere stato il primo incontro diretto tra la leader del Front National di Francia, Marine Le Pen, e il presidente russo Vladimir Putin, fortemente sostenuto dai russi e anche da una vasta percentuale degli europei.
Molto probabilmente le questioni discusse sono la rimozione delle restrizioni economiche imposte dai politici europeisti alla Russia, quando lei diventerà presidente, e cooperazione reciproca sulla difesa dal terrorismo, visto il fatto che con l'enorme ondata di immigrati entrati in Europa negli ultimi anni il rischio è diventato palpabile in tutto il Vecchio Continente.
Dal momento che gira la pubblicità che la Russia abbia interferito nelle elezioni americane molti pensaranno anche in un sostegno economico per la leader francese da parte della Russia.
Anche se ciò fosse vero non si può certamente parlare di brogli o scandalo, dal momento che anche la Fondazione di Hillary Clinton ricevette cospicui finanziamenti dai Paesi arabi e lo stesso Marcon, rivale delle elezioni francese ricevette finanziamenti dalle stesse fonti.

lunedì 30 gennaio 2017

LA SLOVENIA POTREBBE OSPITARE L'INCONTRO TRA I CAPI DI STATO RUSSO E AMERICANO

Il ministro degli Esteri sloveno Carl Eryavets ha proposto il suo paese come luogo di un potenziale incontro tra il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e il leader russo Vladimir Putin.

Il ministro Carl Eryavets ha rivolto la proposta di ospitare il possibile incontro tra Putin e Trump direttamente ad alcune autorità russe, soprattutto al suo omologo Sergej Lavrov durante un incontro a dicembre. Eryavets ha sottolineato che la Slovenia possiede l'adeguata esperienza in eventi di questo genere, portando come esempio l'incontro tra Putin e l'allora presidente americano George W. Bush nel 2001.
"Considerato il successo dell'organizzazione dell'incontro Putin-Bush, Lavrov ha detto di non avere nulla in contrario nel realizzare un incontro dello stesso livello. Certo, tutto dipende da Donald Trump e da Vladimir Putin", ha dichiarato Carl Eryavets in un'intervista al sito d'informazione zurnal24.si.

Fonte:https://it.sputniknews.com/mondo/201701304003171-slovenia-trump-putin-incontro/

martedì 17 gennaio 2017

PUTIN VEDE DEI TENTATIVI DI DELEGITTIMARE IL PRESIDENTE ELETTO


Putin ha osservato che una lotta politica interna è in corso negli Stati Uniti, nonostante il fatto che le elezioni presidenziali sono finite.
"A mio parere, ci sono diversi obiettivi, alcuni sono evidenti. Il primo è quello di minare la legittimità del presidente eletto degli Stati Uniti, per inciso, a questo proposito vorrei sottolineare che -.. Se le persone che lo fanno vogliono o non vogliono - notevolmente ledono gli interessi degli Stati Uniti ".
"Sembra che si siano allenati per questo a Kiev e ora sono pronti a organizzare un 'Maidan' a Washington per non lasciare che Trump assuma l'ufficio", ha detto Putin.
"Il secondo obiettivo è quello di legare mani e gambe del presidente neo-eletto connesse con l'attuazione delle promesse della sua campagna elettorale per il popolo americano e la comunità internazionale", ha aggiunto.
Ha anche detto che i rapporti di presunti dossier russi su Trump sono falsi in quanto "i nostri servizi di sicurezza non inseguono ogni miliardario americano." "Queste affermazioni sono un falso evidente. Trump, quando è venuto a Mosca pochi anni fa non era un politico. Noi non sapevamo nemmeno delle sue ambizioni politiche, era solo un uomo d'affari, uno degli uomini più ricchi d'America.
È se qualcuno davvero pensa che le nostre agenzie di intelligence sono a caccia di ogni miliardario americano, o cosa? Certo che no! e 'solo una sciocchezza completa. "
Coloro che hanno ordinato il dossier sugli Stati Uniti del ​​presidente eletto sono "peggio delle prostitute", ha detto Putin.
"La prostituzione è un fenomeno sociale brutto ... Ma le persone che ordinano tali falsi che sono ora utilizzati contro il presidente eletto degli Stati Uniti, fabbricare informazioni e utilizzarle nella lotta politica, sono peggio delle prostitute, non hanno limiti morali," Putin ha detto.
Putin ha detto che una tale situazione mostra un "significativo degrado delle elite politiche in Occidente, compreso negli Stati Uniti."
Tuttavia, ha detto che spera che il buon senso prevarrà. "Spero che il buon senso prevarrà. Esso riguarda i rapporti tra gli Stati Uniti ei suoi alleati, anche in Europa.
L'amministrazione uscente ha coinvolto molti leader politici europei nella lotta interna americana e le questioni attuali sono il risultato di queste attività."
Il Wall Street Journal ha citato persone vicine alla vicenda che l'ex ufficiale MI6 Christopher Steele è stato l'autore del presunto dossier che è stato ampiamente diffuso attraverso i media, affermando su presunte attività di Donald Trump relative ad una "pioggia dorata" per un viaggio a Mosca.
Le note, che BuzzFeed ha ammesso erano supportate e che la CNN non ha pienamente rivelato a causa della mancanza di corroborazione indipendenti, hanno dichiarato che l'intelligence russa aveva coltivato Trump e aveva raccolto materiale compromettente su Trump.
Il Cremlino ha detto in precedenza che la Russia non si impegna nella raccolta di cosiddetto materiale compromesso su personaggi politici.
Ha detto che non ha soddisfatto Trump e non ha motivi di "attaccarlo o di difenderlo."
"Non so Mr. Trump, non l'ho mai incontrato, non so quello che farà in campo internazionale, quindi non ho motivo o per attaccare lui, criticare o difenderlo."
Putin ha osservato che esiste una categoria di persone che lasciano senza salutare, "per rispetto alla situazione attuale, " mentre altri dicono addio per tutto il tempo, ma non vanno via. "L'amministrazione uscente, a mio parere, appartiene alla seconda categoria", ha concluso.

Fonte:https://sputniknews.com/politics/201701171049680533-putin-trump-legitimacy/

venerdì 2 dicembre 2016

LA NUOVA POLITICA ESTERA RUSSA PROTEGGERA' IL PAESE DALL'INFLUENZA INTERNAZIONALE AMERICANA

Vladimir Putin ha firmato una nuova dottrina di politica estera della Russia secondo la quale Mosca è pronta a dare a qualsiasi atto aggressivo da parte di Washington una risposta speculare o asimmetrica.

Il ruolo del "fattore di forza" in relazione alla Russia con altre nazioni è cresciuto, tuttavia questo non ha impedito al leader del Cremlino di dichiarare la prontezza della Russia a cooperare con gli USA, ma sempre in conformità al principio di uguaglianza, rispetto e non interferenza reciproci, scrive il Washington Free Bacon.
Nel testo della nuova linea di politica estera pubblicato su internet in lingua russa dichiara che la Russia si opporrà all'esercizio extraterritoriale di giurisdizione degli Stati Uniti e che prenderà misure punitive contro qualsiasi pressione militare, politica o economica provenienti da Washington. "La Russia non riconosce nessun espletamento extraterritoriale da parte degli Stati Uniti della propria giurisdizione nel quadro della legge internazionale, non accetta nessun tentativo di imporre pressione politica, economica o militare e si riserva il diritto di reagire duramente a qualsiasi azione ostile, tra le quali il rinforzamento della propria difesa nazionale e l'adozione di misure speculari e asimmetriche". Come scrive la testata, Vladimir Putin ha approvato una linea aggiornata di politica estera e nello stesso giorno ha annunciato la volontà di cooperare con la futura amministrazione del presidente eletto Donald Trump e dell'assenza di tentativi di confronto con altre nazioni.
Nella nuova politica adottata si specifica che la Russia sosterrà relazioni bilaterali e coopererà con gli Stati Uniti per la risoluzione dei problemi globali sulla base "del principio di uguaglianza, rispetto e non interferenza reciproci". Le relazioni tra la Russia e le altre potenze occidentali sono peggiorate negli ultimi due anni a causa del coinvolgimento di Mosca nei conflitti dell'Ucraina e della Siria, sostiene l'autore dell'articolo. Gli USA e l'UE hanno imposto delle sanzioni contro la Russia mentre la NATO ha inviato forze militari aggiuntive in Polonia e nei paesi baltici per contrastare l'aggressione russa. Nel nuovo documento l'incremento delle truppe NATO vicino ai confini russi e il sistema globale di difesa missilistica sono considerate minacce, sottolinea la testata. Inoltre, la nuova linea di politica estera ha rilevato che, l'accerchiamento strategico ha portato al fatto che il «fattore di potenza» ha cominciato a giocare un ruolo significativo nelle relazioni della Russia con gli altri paesi.
Anche se gli autori del documento ritengono la probabilità di un conflitto nucleare o di guerra su larga scala molto basso, essi prevedono che molti stati saranno sempre più coinvolti in conflitti regionali.
Come sottolinea il Washington Free Bacon, il presidente Putin ha firmato un aggiornamento della linea di politica estera nel momento in cui l'Ucraina ha iniziato le esercitazioni militari missilistiche nel mar Nero nei pressi della penisola della Crimea provocando proteste da Mosca e la minaccia "di rispondere con un attacco missilistico contro Kiev". Secondo la nuova politica estera adottata dalla Russia in relazione all'aggravamento delle contraddizioni e all'instabilità del sistema politico ed economico sta aumentando il ruolo del fattore di forza nelle relazioni internazionali.
"Costruzione e aumento della forza militare e di nuove armi minano la stabilità strategica e minacciano la sicurezza globale garantita dal sistema di accordi sul limite degli armamenti", recita il testo del documento.
Oltre a questo, la nuova linea di politica estera contiene dichiarazioni circa la posizione della Russia sulle questioni di politica estera, osserva l'autore. Mosca vuole creare una coalizione antiterrorismo contro lo Stato Islamico. Vladimir Putin ha anche sottolineato che Mosca è pronta a collaborare con gli USA per combattere il terrorismo, anche se i tentativi dell'amministrazione Obama, finalizzati alla collaborazione nel conflitto siriano, «hanno avuto l'effetto opposto».
Per quanto riguarda invece il conflitto Siriano nella nuova concezione la Russia continuerà ad ambire ad una risoluzione diplomatica "senza interferenze esterne". Tuttavia Mosca come alleato del "dittatore siriano Bashar Assad" è intervenuta militarmente in Siria per bombardare i terroristi dello Stato Islamico, intervento militare disturbato dai ribelli siriani sostenuti da Washington, ricorda la testata. Il nuovo documento infine dichiara che si continuerà a rafforzare le relazioni con la Cina e la sua posizione militare nella regione asiatica e nell'oceano Pacifico, zone considerate fondamentali per la propria politica estera. A ottobre è stato comunicato che la Russia e la Cina si sono unite per contrastare il sistema di difesa missilistica degli Stati Uniti, che entrambi i paesi considerano un rischio per il proprio territorio. Allo stesso tempo, i militari e gli esperti degli Stati Uniti vedono la Russia e la Cina come una minaccia emergente per gli interessi degli USA, con riferimento ai loro investimenti in campo militare e le nuove tecnologie.

Fonte:https://it.sputniknews.com/mondo/201612023722309-WFB-nuova-politica-permette-difesa-dalla-legge-internazionae-USA/

PUTIN DIVORZIA DALL'OCCIDENTE


Nel discorso annuale alla Duma russa, Vladimir Putin ha tratto le conclusioni presentando un rapporto e impostando le principali linee di sviluppo della Russia per il prossimo anno. In diverse occasioni, il discorso è stato interrotto da applausi spontanei: quando il presidente ha parlato dello stato economico del Paese e dello sviluppo del suo potenziale agroalimentare, sottolineando che la Russia è prima divenuta autonoma nelle materie prime agricole e adesso le fornisce ad altri Paesi.
Infine, i deputati hanno applaudito quando Putin ha citato l’operazione militare all’estero (senza pronunciare “Siria”) e quando si è rivolto direttamente alle Forze Armate, alla fine del discorso: “Voi siete i soldati della Russia! Portate in alto l’onore Vostro e del Vostro Paese!”
Detto questo, ci sono stati passaggi forti e veramente interessanti sulla situazione internazionale. Quindi, parlando degli Stati Uniti, Putin ha evitato di menzionare la vittoria di Donald Trump quale fattore di cambiamento nel rapporto tra i due Paesi. Ma non ha evitato di avvertire gli statunitensi dall’escalation sfrenata che porterà a conseguenze estreme. “Violare la parità strategica è molto pericoloso.
Porterebbe alla catastrofe globale”, ha detto il Presidente della Russia.
Altri Paesi, menzionati quali alleati nei principali assi di sviluppo, erano Cina e India, e il cruciale sviluppo dell’Oriente russo che Putin ha definito grande imperativo nazionale e snodo della situazione attuale.
Come programma nazionale, Putin ha suggerito l’attuazione dell'”integrazione eurasiatica su tutti i livelli”. La grande sorpresa sul capitolo degli “Affari Internazionali” di Putin sembra sia non attendersi nulla di positivo dall’Europa, non avendo pronunciato nulla su questa parte geografica, economica e strategica. L’Europa è scomparsa dal discorso, segnando la grande svolta che la Russia intende operare, riservandosi alla cooperazione con Asia e Oriente.
Un altro aspetto interessante è la sequenza temporale e l’ordine delle questioni sollevate. Così più della metà del discorso era dedicata alla politica interna. La cosa che ha sorpreso molti è l’evocazione della rivoluzione sovietica del 1917.
Sarebbe il momento della riconciliazione nazionale, sull’esempio francese, cioè, anche se il periodo fu crudele e sanguinario, incarna sempre il grande passo compiuto dalla società russa sulla via dello sviluppo sociale, politico ed economico.
Ma Putin ha avvertito i revisionisti dicendo letteralmente che qualunque fosse l’origine degli antenati dei cittadini russi, in quella tragedia, e su quale barricata fossero, la Russia rimane e rimarrà sempre un solo Stato e un popolo unito, fiero del proprio passato e delle proprie vittorie. Tale approccio equivale alla fine dell’espiazione degli errori politici e degli abissi sociali legati alla memoria dei grandi purghe del 1937.
Putin ha ripristinato il passato sovietico e, di fatto, voltato pagina mettendo i puntini sulle i e rifiutando di dimenticare le conquiste e le vittorie del periodo sovietico. Come è noto, allo stesso tempo, si è deciso di erigere un monumento in memoria di tutti i prigionieri politici. Sarà a Mosca, un muro (l’idea sarebbe il Muro dei lamenti), composto da corpi umani, in pietra rosa. L’idea generale dovrebbe essere il riconoscimento della memoria storica (a differenza della Francia, ancora alle prese con il compito di passare la spugna su Vandea e martiri della Bretagna), ma senza dimenticare di rendere omaggio ai grandi nomi dell’URSS; scienziati, ricercatori, soldati, artisti, ecc.
Un altro punto di forza menzionato sono i dati demografici. Cifre alla mano, il presidente russo ha dimostrato che il tasso di fertilità dei russi è più alto rispetto di quello in Portogallo e Germania: 1,7 Russia, 1,2 Portogallo e 1,5 Germania.
E questo tasso continua ad aumentare con 1,78 nel 2016. Dopo la demografia, le questioni più importanti venivano esaminate in ordine di citazione; sanità a tutti i livelli con massicci investimenti da effettuare, istruzione secondaria, autostrade ed ecologia. La componente economica, particolarmente dolorosa per la Russia dati dimissioni e arresto del Ministro dello Sviluppo Economico, dimesso in attesa di presentarsi all’Ufficio del Procuratore di Mosca, ha stupito su molti punti. Così, Vladimir Putin ha osservato il rallentamento della caduta del PIL della Russia. La caduta dello scorso anno fu di quasi 3,7%, meno 0,3% del previsto nel 2016. L’inflazione dovrebbe raggiungere il minimo storico in Russia (5,8%) contro il 12,9 % nel 2015. La crescita industriale è stata riavviata. Alcune cifre sono sorprendenti: le esportazioni agroalimentari hanno generato un reddito superiore a quello militare: 14,6 miliardi di entrate dai contratti militari contro i 16,9 miliardi dai prodotti alimentari. Allo stesso tempo, ricordiamo che la Russia è al secondo posto per vendite di armi nel mondo. Un’altra sorpresa, non da ultimo, è il culmine dell’esportazione di prodotti informatici russi.
“Un paio di anni fa“, ha detto il Presidente, “il livello era zero assoluto, ma ora l’informatica ha generato una plusvalenza di bilancio da 7 miliardi di dollari, quasi la metà del fatturato realizzato dal complesso militare-industriale“. Putin ha anche indicato l’obiettivo di una produzione avanzata in tutti i settori industriali, ed entro i prossimi 5 anni questi rami dell’economia dovrebbero essere pari al 30% del PIL (digitale, computer, neuro-tecnologia, spazio, nucleare, robotica, dispositivi quantistici, ecc).
In conclusione, si può anticipare che il prossimo periodo della Russia sarà caratterizzato da intenso sviluppo dei complessi militare-industriale, agro-alimentare ed informatico, quali settori di punta. Asia e oriente saranno i principali assi della cooperazione internazionale e dello sviluppo della Russia, e l’Oriente russo diverrà priorità nazionale. La Russia sembra definitivamente voltare le spalle all’occidente, da cui non si aspetta nulla di positivo.
L’idea di grande complesso eurasiatico, tanto cara alla Russia dal periodo dell’Orda d’Oro, sembra destinata ad agitare di nuovo le notti insonni degli strateghi della nuova amministrazione Trump alla Casa bianca.

Fonte:https://aurorasito.wordpress.com/2016/12/02/putin-definisce-la-futura-politica-della-russia-divorzio-dalloccidente/

giovedì 1 dicembre 2016

IL PRESIDENTE RUSSO APPROVA LA NUOVA POLITICA ESTERA RUSSA

Il presidente russo Vladimir Putin ha approvato la nuova concezione di politica estera del Paese; il testo del corrispondente decreto è stato pubblicato sul sito delle informazioni legislative dello Stato russo.

Cresce il ruolo del fattore di forza nelle relazioni internazionali a seguito dell'aggravamento delle contraddizioni e dell'instabilità del sistema politico ed economico, si afferma nella nuova concezione della politica estera russa.
"Nelle condizioni di aggravamento delle contrapposizioni politiche, sociali ed economiche e di crescita dell'instabilità del sistema politico ed economico globale, aumenta il ruolo del fattore di forza nelle relazioni internazionali", — si afferma nella nuova concezione di politica estera russa, sancita da un decreto presidenziale. Nel documento, pubblicato sul portale delle informazioni legali, si osserva che "l'ampliamento e l'ammodernamento delle capacità militari, la creazione e la realizzazione di nuove armi minano la stabilità strategica e minacciano la sicurezza globale, garantita dall'insieme di trattati e accordi in materia di controllo degli armamenti". "Nonostante resti non alto il rischio di un conflitto su larga scala, compresa una guerra nucleare tra i Paesi leader, sono in crescita i rischi di un loro coinvolgimento nei conflitti regionali e nelle escalation della crisi", — si afferma nel documento. Parallelamente alla forza militare, si rileva nel documento, in primo piano emergono fattori quali l'influenza degli Stati nella politica internazionale così come economica, giuridica, tecnica e informativa. "L'ambizione di sfruttare opportunità adeguate per realizzare gli interessi geopolitici danneggia la ricerca delle soluzioni per risolvere le controversie ed i problemi internazionali esistenti con mezzi pacifici sulla base delle norme del diritto internazionale", — si dichiara nella nuova concezione della politica estera russa. Inoltre si osserva che costituisce parte integrante della politica internazionale moderna l'uso di strumenti di "forza leggera" per risolvere i problemi di politica estera. "Prima di tutto le possibilità della società civile, dell'informazione e della comunicazione e delle tecnologie oltre ai metodi diplomatici tradizionali," — si sostiene nel documento.

Fonte:https://it.sputniknews.com/politica/201612013716810-russia-putin-approva-linea-politica-estera/

NONOSTANTE IL PROVVISORIO RALLENTAMENTO ECONOMICO LA FEDERAZIONE RUSSA E' DIVENTATA PIU' FORTE

Secondo il presidente russo, la Russia è diventata più forte, nonostante i recenti anni difficili.


La Russia è diventata più forte nonostante le recenti difficoltà che hanno aiutato il paese a migliorare nel determinare i suoi obiettivi futuri, riferisce il presidente russo Vladimir Putin.
"Non è stato facile per noi in questi ultimi anni, ma questi studi ci hanno reso più forti, ... ci hanno aiutato a meglio determinare, individuare le aree in cui dobbiamo agire in modo più persistente e attivamente", ha detto Putin nel suo discorso annuale al parlamento russo.
La Russia si impegna a costruire un sistema stabile di relazioni internazionali nel 21 ° secolo, ma nei decenni dopo la fine della guerra fredda sono state "perse invano," Vladimir Putin ha aggiunto. "[Siamo] impegnati all'amichevole, dialogo paritario, a sostenere i principi di giustizia e di rispetto reciproco negli affari internazionali, [siamo] pronti per la conversazione seria sulla costruzione di un sistema stabile di relazioni internazionali del 21 ° secolo. Purtroppo, in questo contesto, i decenni che passavano dopo la fine della guerra fredda sono stati perse invano ", ha detto Putin in un discorso all'Assemblea federale.

Fonte:https://sputniknews.com/russia/201612011048052000-russia-strong-putin-cold-was/

lunedì 7 novembre 2016

VLADIMIR PUTIN HA CAMBIATO LO SCACCHIERE GEOPOLITICO INTERNAZIONALE

"Putin ha cambiato le regole del gioco, questo è evidente. Gli americani non riescono a guardare il mondo con la visione che hanno i russi. Pensano così: se siamo stati egemoni prima, vogliamo esserlo di nuovo. Ma questo non accadrà" ha detto il direttore dell'Istituto di ricerca nucleare Peter Kuznik.


Il Presidente russo Vladimir Putin non si allinea alla scia americana, difendendo gli interessi nazionali del suo Paese, cambiando le regole del gioco sulla scena internazionale, ha dichiarato il professore di storia all'università di Washington, direttore dell'Istituto di ricerca nucleare Peter Kuznik.
"Putin ha cambiato le regole del gioco, questo è evidente. Gli americani non riescono a guardare il mondo con la visione che hanno i russi. Pensano così: se siamo stati egemoni prima, vogliamo esserlo di nuovo. Ma questo non accadrà" ha detto Kuznik in un'intervista al corrispondente di Ria Novosti. Secondo lui, nel 1990, dopo il crollo dell'URSS, gli USA hanno avuto l'egemonia del potere e l'ex Presidente russo Boris Eltsin ha agito seguendo ordini del Governo americano. "Ma Putin non lo fa. Putin dice che questo è in contrasto con gli interessi nazionali russi. Questo significa che pone un confine, pone dei limiti a quello che USA e Europa possono fare in Ucraina, a quello che possono fare nella regione del Baltico, a quello che vogliono fare con i sistemi PRO, a quello che si può fare in Siria" ha aggiunto il professore. A suo avviso, la crisi nei rapporti russi e americani continua, in gran parte, per la riluttanza di entrambi a farsi concessioni a vicenda. "Clinton ha bisogno di mostrare quanto è dura. La prima donna Presidente deve mostrarsi aggressiva. Putin non ha per niente intenzione di farsi indietro. Ecco il punto di rottura" ha concluso il professore, che è noto per la sua politica critica contro gli americani. Nel 2012 è stato coautore con il regista americano Oliver Stone del libro "Storia segreta degli Stati Uniti" e anche dell'omonimo documentario della serie televisiva, che rappresenta una visione alternativa di molti eventi della storia americana, tra cui il coinvolgimento americano nella Seconda guerra mondiale e la bomba atomica sganciata su Hiroshima e Nagasaki. La serie televisiva è stata una rivelazione per molte persone negli USA e in tutto il mondo.

Fonte:https://it.sputniknews.com/mondo/201611073597263-esperto-putin-internazionale-guerra/

PUTIN RICORDA IL "PERIODO DEI DISORDINI" IN RUSSIA


Putin ha detto che l'amore sincero per la terra e la volontà di stare in piedi per la sua protezione sono sempre stati alla base di indipendenza e la sovranità della Russia.
"La nostra forza è nella fedeltà alla tradizione di unità nazionale e di quella suprema libertà che un essere umano trova quando giura fedeltà alla patria, nella fedeltà al amore per essa, che non viene sugli ordini. E 'lì nei nostro cuori ", ha detto Putin in una cerimonia di premiazione tenutasi in occasione della Giornata dell'Unità nazionale .
L'evento venerato è uno degli eventi più eroici della storia russa che è diventato anche un punto di svolta del 1605-1618 nella guerra polacco-moscovita.
La data del 4 novembre per commemorare la Giornata dell'Unità Nazionale è stata ufficialmente dichiarata nel 2005.
Il Periodo dei Disordini nei primi anni del 17 ° secolo è stato caratterizzata in Russia sia da crisi interne e invasioni esterne, che hanno beneficiato dell'instabilità in Russia.
Ai primi di novembre, nel 1612, le persone della milizia russa di Nizhny Novgorod, guidata da Kuzma Minin e Dmitry Pozharsky, hanno espulso gli invasori polacchi da Mosca, preservando la sovranità russa. "Più di quattro secoli fa, questo profondo, genuino senso di patriottismo ha unito persone di diverse nazionalità e classi sociali. Allora, ... le persone hanno preso la responsabilità di impedire l'asservimento del paese, e questa potente unità e aiutato porre fine alla tragedia del cosiddetto Periodo dei Disordini ", ha detto Putin.

Fonte:https://sputniknews.com/russia/201611041047079962-putin-russia-strength/

lunedì 31 ottobre 2016

IL BAHREIN SPERA IN UNA PROSSIMA VISITA DEL PRESIDENTE RUSSO

Lo ha detto l'ambasciatore del Bahrein in Russia Ahmed Abdulrahman Saati.

Il Bahrein spera che il presidente russo Vladimir Putin giungerà presto in visita ufficiale nel regno su invito di re Hamad bin Isa Al Khalifa. Lo ha detto l'ambasciatore del Bahrein in Russia, Ahmed Abdulrahman Saati.

Secondo il diplomatico, la visita di Putin nel Paese promuoverà notevolmente la presenza della Russia nella regione del Golfo Persico visto che "il Bahrein è una porta per questa regione".

Fonte:https://it.sputniknews.com/mondo/201610313567318-bahrein-putin-visita/

giovedì 27 ottobre 2016

L'IMPERO DEL SOL LEVANTE FORSE PROSSIMO ALL'INDIPENDENZA DAGLI STATI UNITI

A quanto pare, Putin fondamentalmente è d'accordo ma anche il Giappone deve fare grandi passi verso la Russia e costruire una partnership strategica con la Russia. Questo significherebbe che il Giappone dovrebbe rompere con gli USA e passare nella sfera di influenza politica russa.

Il tema della disputa territoriale tra la Russia e il Giappone circa le isole Curili ha fatto evitare cooperazioni importanti nelle relazioni russo-giapponesi. Tutti le azioni e le dichiarazioni sono state percepite quasi esclusivamente nell'ambito della controversia sulle isole. Tuttavia, è previsto per dicembre 2016 una visita ufficiale del presidente Putin in Giappone, per condurre colloqui con il Primo Ministro del Giappone, Shinzo Abe.
In primo luogo, si parlerà di un compromesso sulla questione Curili. La gamma di opzioni è molto ampia, dal trasferimento delle due isole meridionali del Giappone, alle attività di collaborazione nelle isole mantenendo la sovranità russa. A quanto pare, Putin fondamentalmente è d'accordo ma anche il Giappone deve fare grandi passi verso la Russia e costruire una partnership strategica con la Russia. Questo significherebbe che il Giappone dovrebbe rompere con gli USA e passare nella sfera di influenza politica russa. In secondo luogo, se così fosse, il prezzo sarebbe davvero quello di cambiamento di orientamento politico del Giappone. E perché il Giappone dovrebbe accettare? Perché è un Paese, che per molti decenni è stato ex alleato militare e uno dei principali partner commerciali americani, che ora ha capito di essere in un vicolo cieco. In Giappone ormai da più di 20 anni il tasso di sviluppo economico è basso, c'è la recessione. Secondo il noto economista giapponese Ito Takatosi, questo è accaduto per l'accordo del 1985, quando il Giappone ha accettato di aiutare gli Stati Uniti a raddrizzare il deficit commerciale, aumentando il tasso di cambio dello yen.
Alla fine, i produttori giapponesi hanno perso la loro posizione competitiva e hanno ceduto ai mercati americani, questo ha causato la frenata di quella che era una volta una delle economie più forti del mondo.
Il Giappone, fortemente limitato militarmente dopo la Seconda guerra mondiale, si è affidato agli americani in materia di sicurezza. Ma la politica americana di sicurezza nel Nord-Est Asiatico è fallita. La Corea del Nord ha armi nucleari e minaccia il Giappone. Inoltre, in caso di inizio della guerra con la Corea, le basi americane in Giappone sono sotto minaccia nucleare. La politica americana nella regione non solo non garantisce sicurezza al Giappone, ma lo espone al rischio di essere trascinato in una guerra.
È ovvio che da un partenariato americano il Giappone ha da tempo ottenuto tutto quello che poteva e nulla di nuovo è previsto. Da questo punto di vista, è opportuno prendere in considerazione altre opzioni.
C'è da notare che il Giappone da tempo conduce una politica nei confronti della Russia in contrasto con la politica di Washington. Con la Russia, il Giappone otterrebbe la possibilità di aumento delle esportazioni, necessaria per il rilancio dell'economia, l'accesso alle materie prime, in primo luogo, di petrolio e di gas, ad un prezzo ragionevole. Inoltre, la rimozione o la significativa riduzione di minaccia di guerra con la Corea del Nord, perché, se le basi americane in Giappone fossero chiuse, il pericolo scomparirebbe. I benefici di un cambio di politica per il Giappone, in questo modo, sono tangibili.
Tale punto di vista può essere considerato stravagante, ma spiega perché i negoziati sono in svolgimento, nonostante il fatto che Abe e Putin abbiano espresso punti di vista diametralmente opposti per il problema delle Curili. Abe ha promesso in Parlamento che otterrà le Curili e Putin ha detto che sono territorio russo. Se in realtà si tratta di una fuga del Giappone dagli USA, le isole Curili in questo contesto sono una questione secondaria. In ogni caso, la visita di Putin in Giappone promette di essere molto interessante.

Fonte:https://it.sputniknews.com/politica/201610253541914-giappone-putin-curili/

I CONSENSI VERSO IL PRESIDENTE RUSSO SONO SALITI ALL'84%


La valutazione sull'Approvazione del lavoro del presidente russo Vladimir Putin nel mese di ottobre ha raggiunto 84 per cento, lo afferma un sondaggio condotto dal non-profit Levada Center con sede a Mosca.
Il tasso di approvazione di ottobre per Putin è il 2 per cento superiore al 82 per cento del sostegno dei rispondenti che ha avuto da luglio a settembre.
Il tasso di approvazione a corrente di Putin è il 4 per cento inferiore rispetto a ottobre 2015.
Allo stesso tempo, il 16 per cento degli intervistati ha detto che non sono soddisfatti con il lavoro del presidente.
Oltre la metà dei russi (55 per cento) ritengono che il loro paese sta andando nella giusta direzione, che è il 6 per cento in meno rispetto allo scorso anno.
Il trenta per cento dei cittadini russi credono nella direzione opposta. L'indagine è stata condotta tra 21-24 ottobre tra 1.600 persone in tutti le 137 aree urbane nelle 48 regioni della Russia.

Fonte:https://sputniknews.com/russia/201610261046762656-putin-approval-rating/

venerdì 14 ottobre 2016

PUTIN PUNTA A RAFFORZARE LA PRESENZA DELL'INDUSTRIA RUSSA IN AFRICA


La Russia è pronta a ripristinare la cooperazione con i paesi africani, ma non sulle condizioni di epoca sovietica, ha riferito il presidente Vladimir Putin al russo VTB Capital Calling Forum.
"Abbiamo avuto tradizionalmente molto buone, le relazioni di fiducia con i paesi del continente africano", ha detto Putin.
Secondo Putin, le "abbiamo utilizzate per avere legami molto stretti con alcuni paesi, in realtà si trattava di una partnership strategica."
"Certo, questi rapporti devono essere ristabiliti", ha detto.
Il Presidente ha osservato che molti paesi stanno "intensificando le loro attività nel continente africano." "Ovviamente, saremo lieti di fare lo stesso", ha detto Putin.
A suo parere, la cooperazione con i paesi africani può essere sviluppata su base bilaterale, nonché su base multilaterale, attraverso BRICS (Brasile, Russia, India, Cina e Repubblica del Sud Africa) in particolare.
"Sappiamo quali opportunità offre l'Africa, alcune aziende hanno già iniziato a lavorare lì", ha detto il presidente russo.
Egli ha menzionato l'industria mineraria come esempio.
Allo stesso tempo, Putin ha detto che la Russia "non poteva e non avrebbe" cooperato con l'Africa ", come è stato nel periodo sovietico, per motivi politici." "Ma sappiamo che il continente africano ha un grande potenziale ed la cooperazione può essere orientata al mercato e basato sul reciproco interesse", ha aggiunto Putin.
Egli ha osservato che le autorità russe avrebbero sostenuto le aziende nazionali che mirano a lavorare nel continente africano.

Fonte:http://rbth.com/news/2016/10/12/putin-says-russia-wants-to-restore-cooperation-with-african-countries_638253

lunedì 10 ottobre 2016

PUTIN CONFERMA COME "INACCETTABILE" I TENTATIVI DI OSTACOLARE LO SVILUPPO ENERGETICO, PER GLI INTERESSI DI UN'ALTRO PAESE

Il presidente russo Vladimir Putin ha definito inaccettabili i tentativi di ostacolare lo sviluppo del settore energetico con strumenti politici, in particolare tramite l'uso di sanzioni unilaterali; questo non dà stabilità ai mercati mondiali del petrolio.

Lo ha dichiarato intervenendo al 23° Congresso Mondiale dell'Energia.
"In particolare vorrei sottolineare che sono inammissibili i tentativi per frenare lo sviluppo del settore energetico con le ambizioni politiche di qualche altro Paese", — ha detto. "Voglio dire che è diventato di moda usare sanzioni unilaterali, restrizioni ingiustificate in materia di accesso alle risorse di investimento e di tecnologie avanzate," — ha detto Putin. "Tutto questo continua a non dare i risultati desiderati ai padri di queste idee," — ritiene il presidente. Il congelamento o la riduzione della produzione di petrolio è una decisione importante per salvaguardare la stabilità del mercato petrolifero. La Russia è pronta ad aderire all'accordo. Lo ha dichiarato oggi in occasione della sessione speciale del Congresso Mondiale dell'Energia ad Istanbul il presidente russo Vladimir Putin.

Fonte: https://it.sputniknews.com/economia/201610103469475-sanzioni-USA-UE-Occidente-tecnologia-finanza/

venerdì 7 ottobre 2016

UN NUOVO BEST SELLER RICONOSCE VLADIMIR PUTIN COME UN FENOMENO CULTURALE GLOBALE

Un sito a favore del Cremlino raccoglie un libro di raffigurazioni della cultura pop di presidente e dice che ne invierà una copia per il suo compleanno.

Che cosa si può ottenere da un'uomo che ha tutto? Nel caso di Vladimir Putin , un sito web pro-Cremlino ha deciso che il dono appropriato è un libro di raffigurazioni della cultura pop del presidente russo, che festeggia il suo 64 ° compleanno.
Il libro, nel ruolo del protagonista: Putin nella cultura contemporanea, è di 288 pagine patinate di Putin in riviste e libri, televisione e cinema, graffiti, scultura, musica e beni di consumo.
Ci sono numerose fotografie di acrobazie pubbliche a sostegno di Putin, come ad esempio i russi in possesso di lettere di lettura "Buon compleanno Vladimir" e "I Will Rip It per Putin" raduno in cui giovani donne strappato magliette senza maniche con la faccia del presidente nella foto in rosa.
Dal momento che la Russia ha riunito la Crimea nel 2014, T-shirt e casi iPhone che caratterizzano l'immagine di Putin sono diventati popolari, che si trova in qualsiasi aeroporto e in una nuova catena di negozi militari.
Viktor Levanov, direttore del sito a favore del Cremlino di notizie Gosindex, ha detto ai giornalisti in una foto in studio nel centro di Mosca che il libro di compleanno aveva lo scopo di esaminare come Putin aveva "fatto un passo al di fuori dei confini della personalità ed è diventato un fenomeno culturale in tutto il mondo".

"L'uso della sua immagine in arte, letteratura e giornalismo non può non essere notato. Anche la campagna presidenziale negli Stati Uniti recentemente si sta svolgendo intorno a come i candidati si riferiscono a Vladimir Putin ", ha detto.
Levanov, che ha fatto il suo nome come blogger LiveJournal, ha detto che il libro non aveva ricevuto finanziamenti statali ed i profitti sarebbero andatu a un centro di Amur Tiger iniziato da Putin. Ha detto che non era una dichiarazione politica e ha negato che un culto della personalità si stava formando intorno a Putin.
Ma ha ammesso che gli autori avevano riunito materiale da movimenti giovanilia favore del Cremlinoe ha detto che gli piaceva il fatto che tali gruppi avevano "fatto molto per promuovere l'immagine di Putin". Levanov ha detto che avrebbe mandato una copia del libro al presidente.
Il libro presenta esempi dei media occidentali la distorsione di immagine di Putin.
Il nuovo zar, un libro dal corrispondente del New York Times Steven Lee Myers, "dovrebbe essere completo e veritiero; tuttavia, già dalla copertina è chiaro che l'autore non è stato in grado di evitare stereotipi, "scrivono gli autori. In un'altra pagina, una questione di Der Spiegel raffigurante Putin in piedi sopra di David Cameron, Angela Merkel e Barack Obama è chiamato un "classico di demonizzazione europea".
"Modernismo si basa su ideologie di come si ha la necessità di vivere, come il fascismo, il comunismo e ora il liberalismo, ma ci sono luoghi che non vogliono vivere in questo modo", ha detto Shamanov, offrendo ad esempio la Siria, dove la Russia sta conducendo una campagna di bombardamenti per sostenere il governo di Bashar al-Assad. "[Putin] non forza McDonald e jeans su tutti. Penso che sia vero multiculturalismo e postmodernismo ", ha detto.

Fonte:https://www.theguardian.com/world/2016/oct/07/book-celebrates-vladimir-putin-as-cultural-phenomenon-russia-birthday

lunedì 3 ottobre 2016

PUTIN INTERROMPE L'ACCORDO CON GLI STATI UNITI SULLO SMALTIMENTO DEL PLUTONIO

Il presidente russo Vladimir Putin ha firmato l’ordine d’interruzione dell’accordo con gli Usa sullo smaltimento del plutonio per uso militare.

La decisione è stata presa a causa dell'insorgenza di "minacce alla stabilità strategica in seguito alle azioni ostili degli Usa verso la Russia", così come l'incapacità degli Usa di rispettare gli impegni assunti per lo smaltimento del plutonio delle armi in eccesso.
In aprile Putin al forum multimediale ONF aveva dichiarato che gli Usa, a differenza della Russia, non hanno rispettato il vincolo di distruggere il plutonio per uso militare, mantenendone il potenziale di rendimento. Il Dipartimento di stato americano rispose sostenendo di non aver violato l'accordo con la Russia e sottolineando l'intenzione di rispettarlo.

Fonte:https://it.sputniknews.com/mondo/20161003/3432393/interruzione-accordo-plutonio.html

lunedì 12 settembre 2016

PUTIN E MEDVEDEV A CENA CON I PESCATORI


Durante la loro gita in barca sul lago Ilmen, i politici si sono incontrati con i pescatori che erano seduti a un fuoco e fare la zuppa.
I leader sono rimasti per la cena, chiacchierando con i pescatori per oltre un'ora e mezza. La società ha discusso ha discusso di soggetti informali così come la preoccupazione dei pescatori come la registrazione delle navi, anti-bracconaggio, il supporto della pesca e del progresso scientifico.
"E 'un uomo così semplice, più di quanto si possa immaginare Lui sa cosa dire -.. In un elegante, bello modo semplice, Egli sa ascoltare, e come parlare - senza populismo, in modo chiaro e comprensibile," afferma il pescatore Ivan Pireev che condiviso le sue impressioni della sua chiacchierata con il leader russo con RIA Novosti.
I pescatori hanno anche detto che erano molto felici di incontrare Putin e Medvedev e di essere in grado di avere l'opportunità di parlare con loro. I leader hanno inoltre promesso di aiutarli a risolvere i loro problemi.

Sabato scorso, Putin è arrivato a Lipno Island nella regione di Novgorod, dove ha incontrato Medvedev in modo informale.
Come precedentemente riportato da un'addetto stampa di Putin, Dmitry Peskov, il presidente e capo del governo russo ha deciso di passare insieme il fine settimana e godersi la campagna russa.



Fonte:https://sputniknews.com/art_living/20160911/1045191419/putin-medvedev-fishermen.html?utm_source=https://www.facebook.com&utm_medium=short_url&utm_content=cgCX&utm_campaign=URL_shortening

giovedì 1 settembre 2016

GERMANIA: LA POPOLAZIONE TEDESCA DI FIDA DI PIU' DI PUTIN CHE DELLA CANCELLIERA TEDESCA

Molti sostenitori dei partiti tedeschi “Alternativa per la Germania” e “La Sinistra” si fidano più di Vladimir Putin che di Angela Merkel. Lo confermano i risultati di un sondaggio condotto dal quotidiano tedesco Die Zeit.

Agli intervistati — sostenitori dei diversi partiti in tutta la Germania — è stato chiesto se hanno più fiducia in Vladimir Putin che in Angela Merkel o più o meno in entrambi. Soltanto il 12% dei tedeschi hanno risposto di fidarsi più del presidente russo, tuttavia i sostenitori dei partiti "Alternativa per la Germania" e "La Sinistra" si sono distinti dal resto del campione. Tra i sostenitori dell'"Alternativa per la Germania" oltre il 30% ha ammeso di fidarsi più di Putin; tra i simpatizzanti de "La Sinistra" è invece il 31%. Come fa notare il Ziet, la differenza è particolarmente evidente se si fa il paragone con altri partiti: per esempio, solo il 3% dei sostenitori dell'"Unione cristiano-democratica" — il partito di Angela Merkel — hanno fiducia in Putin. Una simile tendenza si osserva anche nelle risposte ad un'altra domanda all'interno del medesimo sondaggio: Putin ha ragione a definire l'Occidente ostile nei contronti della Russia? Il 62% dei sostenitori de "La Sinistra" e il 78 % dei simpatizzanti dell'"Alternativa per la Germania" hanno risposto "si", Il quotidiano tedesco nota differenze nei risultati del sondaggio anche tra est e ovest della Germania. Nella Germania orientale il 23% del campione ha preferito Putin alla Merkel; nella Germania occidentale lo stesso punto di vista è condiviso solo dal 10%.

Fonte:http://it.sputniknews.com/mondo/20160901/3324359/sondaggio-merkel-putin.html

giovedì 11 agosto 2016

IN SIRIA PUTIN COGLIE PER L'ENNESIMA VOLTA IMPREPARATO L'OCCIDENTE


Gli Stati Uniti sono rimasti sbalorditi: la mossa improvvisa di Putin ha letteralmente sbalordito l'America. Come notato dai media, l'inizio delle operazioni per liberare Aleppo, sembra aver preso la Casa Bianca di sorpresa, così come un aspetto a tempo debito dell'esercito russo in Siria. In altre parole, la decisione improvvisa di Putin ha sbalordito gli Stati Uniti.
John Kerry è in un lungo negoziato con Mosca sulla Siria, ma Mosca vede chiaramente gli Stati Uniti sul serio.
Washington ha sostenuto che gli Stati Unit stavano cercando un accordo su una operazione congiunta con la Russia "contro i ribelli siriani, che sono considerati terroristi", ma invece richiede che la Federazione Russa tenti ci convincere la leadership siriana a non effettuare attentati in diverse aree della Siria.
"Sembra che Putin, ancora una volta abbia stordito l'amministrazione Obama, così come a settembre, quando Mosca ha inviato in Siria, le forze armate," - ha detto il giornale americano. "I dati che sono oggi disponibili sono molto inquietanti," - ha detto Kerry, notando che è molto importante capire, "La Russia ha intenzione di agire con Assad nel quadro delle risoluzioni delle Nazioni Unite."


Fonte:http://rayzest.com/33931-v-ssha-izumleny-vnezapnyi-xod-putina-oshelomil-ameriku--smi-full.html

BENVENUTI!!!



LIBRI LETTI
TEMPESTA GLOBALE,ART BELL,WHITLEY STRIEBER;LA PROSSIMA ERA GLACIALE,ROBERT W.FELIX;ARCHEOLOGIA PROIBITA,STORIA SEGRETA DELLA RAZZA UMANA,MICHAEL A.CREMO,RICHARD L. THOMPSON;MONDI IN COLLISIONE,IMMANUEL VELIKOVKY;LE CICATRICI DELLA TERRA,IMMANUEL VELIKOVSKY;HO SCOPERTO LA VERA ATLANTIDE,MARCO BULLONI;GLI EREDI DI ATLANTIDE,RAND FLEM ATH;IL PIANETA DEGLI DEI,ZACHARIA SITCHIN;IMPRONTE DEGLI DEI,GRAHAM HANCOCK;LA FINE DI ATLANTIDE,RAND FLEM ATH;I MAYA E IL 2012,SABRINA MUGNOS;LA VENDETTA DEI FARAONI,NAUD YVES,L'EGITTO DEI FARAONI,NAUD YVES;LA STORIA PROIBITA,J.DOUGLAS KENYON;SOPRAVVIVERE AL 2012,PATRICK GERYL;STATO DI PAURA,MICHAEL CHRICHTON;APOCALISSE 2012,JOSEPH LAWRENCE;I SERVIZI SEGRETI DEL VATICANO,DAVID ALVAREZ;GENGIS KHAN E L'IMPERO DEI MONGOLI,MICHAEL GIBSON;SCOPERTE ARCHEOLOGICHE NON AUTORIZZATE,MARCO PIZZUTI;UNA SCOMODA VERITA',AL GORE;ECC..
(NON TUTTI GLI ARGOMENTI O TALVOLTA I LIBRI STESSI SONO DA ME CONDIVISI)

INDIRIZZO E-MAIL

Per contattarmi:

angelfallendark@hotmail.it


Cerca nel blog

Lettori fissi

Archivio blog