ATTUALE CONFIGURAZIONE PLANETARIA DEL SISTEMA SOLARE


Visualizzazione post con etichetta Scozia. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Scozia. Mostra tutti i post

venerdì 9 settembre 2016

SI MOLTIPLICANO I SEGNALI DI UN PROSSIMO ARRETRAMENTO CLIMATICO


Negli ultimi dieci anni la tendenza termica dell'Oceano Atlantico ha manifestato un sempre più progressivo abbassamento termico, che tradotto in termini semplici significa che l'Oceano Atlantico sta diventando sempre più freddo.
Una recensione nel nel numero di Science 19 GIUGNO 2015 ha confermato un'evidenza osservativa solida di un trend di 10 anni di declino nel Atlantic Conveyor (Trasportatore Atlantico).
Questo declino è confermato da dati solidi sulla base di una serie di boe che reistrano la temperatura che si estendono attraverso l'Atlantico dalle coste della Florida in Africa a 26.5ºN.
Particolarmente interessante è stata la correlazione tra l'enorme riduzione del 30% della portata dell'AMOC (Atlantic Meridional Overturning Circulation) con il calo record nel oscillazione artica durante l'inverno del 2010.

Questo è stato lo Snowmageddon che ha spinto ogni stato nord-orientale a registrare eccezionali basse temperature da record o quasi record di basse temperature per il mese di febbraio.
E ora ci sono nuovi dati da un altro schieramento attraverso il Nord Atlantico, chiamato OSNAP, che mostra anche un AMOC in declino.
Con il declino della radiazione solare in corso verso un nuovo lungo periodo di bassa attività e un arresto nel AMOC, i problemi per la tendenza termica del clima dovrebbe essere un importante punto di domanda. Non dovremmo ignorare i dati di queste nuove stringhe di boe.
È importante notare che 10 anni di dati non è abbastanza lungo per fare qualsiasi previsione a lungo termine sullo stato della AMOC.

Una più marcata e forte tendenza al raffreddamento termico invece si sta registrando nel settore del Nord Atlantico dove le temperature dello strato superficiale di acqua stanno evidenziando un potente raffreddamento accelerato in modo significativo negli ultimi anni.
I segni premonitori sono stati lì da qualche tempo - persistenti fallimenti del raccolto di grano in Norvegia, per esempio.
Il Nord Atlantico si sta raffreddando. La tendenza al raffreddamento è stato evidente al momento di una spedizione per studiare questo fenomeno tre anni fa.
Il tasso di raffreddamento è ora accentuato da allora in base agli ultimi dati raccolti dal professor Humlum dell'Università di Oslo.
Da quel set di dati, questo grafico mostra la perdita di calore dal 2004 per i primi 700 metri della superficie marina:

Figura 1: contenuto di calore mensile anomali nei più alti 700 metri del Nord Atlantico
Come mostra la Figura 1, il contenuto termico del Nord Atlantico ha raggiunto il picco nel 2004.
Il calo dopo il picco è stato in più ripida ascesa.
La ragione per la quale il periodo del picco è stato il 2004, è il fatto che in quel periodo c'erano un modesto numero di macchie solari, di conseguenza una maggiore attività solare che successivemante è andata ad abbassarsi sempre di più con il passare degli anni.
Potremmo non preoccuparsi troppo di animali che vivono nella colonna d'acqua del Nord Atlantico, ma la temperatura della superficie è il controllo principale sul clima dell'Europa.

Si tratta di dati dalla parte principale dell'Nord Atlantico. La temperatura media è scesa 1.0 ° C dal 2006 al 2016.
Questa è una tendenza di 1.0 ° C per decennio, ma con il 60% del raffreddamento negli ultimi due anni. Il clima in Europa ha risposto con la neve a soli 2000 metri ad agosto in Germania quest'anno 2016. E quanto più bassa possibile la temperatura del Nord Atlantico andrà? Il punto più basso della figura 1 è stata nel 1973 durante il periodo di raffreddamento 1970 e corrisponde ad una caduta di altri 1.5 ° C.
Alla tendenza decennale dal 2016, arriveremmo nel 2031. Alla tendenza degli ultimi due anni, saremmo già nel 2021.
Ciò è supportato da ciò che sta accadendo per l'attività solare. Nel corso di questi ultimi due anni il flusso di radiazione solare F10.7 è stato in un ripido trend al ribasso:

La Figura 5 mostra che il flusso F10.7 è in una ripida, tendenza al ribasso ordinata che porterà al piano immutabile di 64 circa tre anni in anticipo del Minimo Solare.
Nel 2003, i rispettati fisici solari Ken Schatten e Kent Tobiska hanno avvertito che:
"Il risultato sorprendente di queste previsioni a lungo raggio è un rapido declino dell'attività solare, a partire dal ciclo # 24. Se questa tendenza continua, possiamo vedere il Sole in direzione di un tipo "di attività solare del Minimo di Maunder. Un lungo periodo di riduzione dei livelli di attività solare "
Hanno ottenuto che il rapido declino dell'attività solare e il rNord Atlantico si raffredda in risposta diretta a tutto ciò.
Se sarà quasi certamente un Minimo di Maunder, allora sarà qualche anno prima che il raffreddamento del Nord Atlantico sia consolidato ai livelli del 1973.
In risposta a questo raffreddamento il Nord Europa ha già manifestato una tendenza meteorologica di tipo autunnale, già nel periodo di agosto.
Sono stati registrati record di freddo estivi in Olanda e in Norvegia e neve in Germania a 2000 metri ad agosto e a 1500 metri a luglio.
Ora poniamoci una domanda: come e in che condizioni si formano i ghiacciai?
I ghiacciai si formano in condizioni climatiche fresche che permettono a elevati accumuli di neve di ritirarsi in minima parte, permettendo alle masse di neve ad alte quote di resistere per tutto l'anno a aumentare il volume inverno dopo inverno.
In Scozia sta succedendo questo.
La notizia risale ad una ventina di giorni fa, ed è stata pubblicata dalla BBC, stando alla quale, sulla parete settentrionale del Ben Nevis (la montagna più alta della Scozia, 1344 metri di quota), sono presenti ancora delle grandi quantità di ghiaccio che non si fonderanno più prima della fine dell’estate.
Il Ben Nevis è una nota palestra di roccia, e tanti scalatori affrontano la ripida parete nord durante il periodo estivo.

Data la latitudine settentrionale, le forti quantità di neve invernale e le frequenti valanghe, non è insolito ritrovare tracce di neve anche nella stagione estiva.
Ma quest’anno la situazione sembra essere del tutto eccezionale: i rilevamenti e le foto scattate dalla Highland Mountain Company mostrano altezze di oltre 15 metri.

Già dal 2014, dopo un’estate molto fresca, si erano formati accumuli nevosi sul Ben Nevis, sotto forma di placche, che, nel giro di due anni, si sono trasformate in glacionevai, primo stadio per la formazione di ghiacciai veri e propri.
Negli ultimi due anni il fenomeno sta avvenendo anche in altre aree montuose della Scozia.





Fonti:
https://wattsupwiththat.com/2016/09/06/new-data-shows-10-year-decline-in-the-atlantic-conveyer/
http://nazioneurasia.blogspot.it/2016/08/fredde-acque-sul-nord-europa.html
http://www.freddofili.it/14391-neve-estiva-presente-abbondanza-sul-ben-nevis-scozia-si-formano-dei-piccoli-ghiacciai/

lunedì 1 febbraio 2016

ISOLE BRITANNICHE: IN ARRIVO ENNESIMA VIOLENTA TEMPESTA


C’è il massimo allarme per l’arrivo della tempesta “Gertrude” sulle Isole Britanniche, e per i terribili effetti che potrebbe provocare sul territorio.
Al momento, infatti, sono previste raffiche di vento che potrebbero superare la velocità di 190 kmh, in particolare sul nord della Scozia, ma è previsto anche un rovesciamento di aria fredda dall’Artico, che potrebbe fare scendere il termometro fino a -15°C sempre in Scozia.
Il tutto accompagnato da piogge torrenziali, e possibili eventi alluvionali.
Precipitazioni che potrebbero però essere nevose sempre sulla Scozia, che sembra essere al centro del maltempo in arrivo, visto che potrebbe cadere fino ad un metro di neve fresca sulle alture.
Da notare anche il rischio delle mareggiate: le onde marine potrebbero infatti raggiungere un’altezza eccezionale di 14-16 metri, mettendo tutte le coste occidentali a rischio!

L’allarme è stato lanciato dal Meteoffice britannico, le foto sono tratte da mirror.co.uk.


Fonte:http://freddofili.it/2016/01/29/tempesta-gertrude-in-arrivo-sulle-isole-britanniche-venti-a-190-kmh-e-neve-fino-ad-un-metro/

giovedì 21 gennaio 2016

ISOLE BRITANNICHE: PESANTE INNEVAMENTO IN SCOZIA


L’ondata di freddo ha colpito duro le Isole Britanniche, dove si sono verificate temperature di parecchi gradi al di sotto dello zero, ed anche pesanti nevicate.
Si è arrivati ad una minima di -10,2°C a Loch Glascarnoch, in Scozia, e di -9,0°C ad Altnaharra.
Le seguenti foto riguardano le montagne di Blencathra, che si elevano appena oltre gli 800 metri sulla parte nord occidentale dell’Inghilterra, e la zona della Cumbria, poco a settentrione di esse, al confine con la Scozia, sono tratte dal Daily Mail.


Fonte:http://freddofili.it/2016/01/21/le-spettacolari-foto-dellinnevamento-in-inghilterra/

lunedì 24 agosto 2015

LE ISOLE BRITANNICHE HANNO SPERIMENTATO UN LUGLIO TRA I PIU' FREDDI DEGLI ANNI DUEMILA


Mentre l’Europa meridionale era al caldo, le Isole Britanniche sperimentavano uno dei mesi di Luglio più freddi degli anni Duemila.
In Scozia, in particolare, il freddo è stato particolarmente sentito.
Al momento Glasgow, con una temperatura media di +12°C, è ad un solo +0,1°C per raggiungere il Luglio più freddo degli ultimi 40 anni.
La temperatura media scozzese, dal 15 Giugno alla fine di Luglio, risulta essere di due gradi inferiore alla norma, il periodo estivo più freddo dal Giugno del 1972.
A fine mese è stato addirittura lanciato un allarme per possibili formazioni di ghiaccio sulle Highlands, con temperature minime che hanno raggiunto i +4-5°C nella zona rurale occidentale scozzese di Stornoway, con rischio gelate nelle zone aperte.
La vetta del Cairn Gorm, a quota 1237 metri sui Grampiani, ha registrato una minima di -1°C il 30 Luglio, ed Aonach Mor (1135 metri), di 0°C.
Il grafico dei dati sull’Inghilterra Centrale HadCet, riguardanti le temperature degli ultimi 300 anni, mettono in evidenza un mese di Luglio 2015 particolarmente freddo soprattutto nella sua seconda metà, ai livelli minimi della deviazione standard normale, ma le temperature, a parte una breve ondata di caldo estiva, sono a livelli bassi oramai dalla fine di Aprile.
Molto probabile l’influenza sulle Isole Britanniche delle basse temperature che si stanno registrando sull’Atlantico Settentrionale.



Fonte:http://freddofili.it/2015/08/06/il-grande-freddo-di-scozia-ed-inghilterra-nel-mese-di-luglio-tra-i-piu-freddi-degli-ultimi-anni/

lunedì 17 agosto 2015

SCOZIA: LA NEVE CONTINUA A RESTARE ANCHE DURANTE IL PERIODO DI FERRAGOSTO


"E 'questo il modo con cui cominciano i ghiacciai?" chiede un lettore su Ice Age Now.
Uno splendido mondo delle gallerie della neve, grotte e ponti imponenti superiore a un autobus a due piani ancora indugia dopo un'estate fredda nel Parco Nazionale del Cairngorm.
Le montagne scozzesi hanno visto un numero crescente delle zone dove la neve permane dal 2007, ma ancora più neve ha indugiato questa estate che in almeno 20 anni.
I risultati sono queste vaste caverne, a volte così grandi che la gente può camminarci sotto.
Lo scorso aprile, la stazione sciistica Glencoe ha ricevuto un'accumulo nevoso in ritardo di circa 70 centimetri di neve fresca spingendo alcuni a sostenere che, al momento, ha offerto la "nevicata migliore del pianeta".




Fonte:http://iceagenow.info/2015/08/mid-august-and-scotlands-winter-snow-still-hasnt-melted

martedì 4 agosto 2015

SCOZIA: ESTATE FREDDA COMPROMETTE L'AGRICOLTURA DELLE ISOLE SHETLAND


Il presidente della National Farmers 'Union (NFU) ha fatto eco alle preoccupazioni a livello nazionale per l'impatto che il freddo maltempo continua ad avere sul settore agricolo.
Jim Nicolson ha detto che il tempo di quest'anno è "quasi certamente il peggiore" che hanno sperimentato nel Shetland negli ultimi quattro decenni, con alti livelli di precipitazioni e di un clima freddo che colpisce la crescita di erba e piante.

I suoi commenti venuti dopo che Allan Bowie aveva detto questa settimana che ci sia "reale preoccupazione" per quanto alcuni agricoltori potranno far fronte nei prossimi mesi, a causa del cattivo tempo.
Bowie ha fatto le osservazioni dopo aver visitato Caithness per vedere in prima persona l'impatto che il clima freddo ha avuto sul settore agricolo della Scozia.
"Per alcuni, i primi tagli di insilato erano molto più poveri di quanto ci si poteva aspettare."
"La paglia sta per scarseggiare e sarà molto costosa in tutta la Scozia quest'anno. Il costo dell'alimentazione sta per essere significativamente più alto."
Nicolson ha anche detto che il clima di incertezza finanziaria in Europa e il suo effetto sul prezzo degli agnello, di cui il continente conta come uno dei suoi principali mercati, è stata una "vera preoccupazione".
Alla domanda se pensa che il governo scozzese abbia bisogno di essere più consapevole dei problemi agricoli e rurali poderali di quest'anno, Nicolson ha detto che non è sicuro se si stanno prendendo le azioni che sono necessarie.
"Certamente, hanno bisogno di guardare al sostegno e, soprattutto, in qualche modo ridurre le spese di trasporto.

Fonte:http://www.sott.net/article/299616-Farmers-suffering-worst-summer-in-4-decades-on-Shetland-Scotland

BENVENUTI!!!



LIBRI LETTI
TEMPESTA GLOBALE,ART BELL,WHITLEY STRIEBER;LA PROSSIMA ERA GLACIALE,ROBERT W.FELIX;ARCHEOLOGIA PROIBITA,STORIA SEGRETA DELLA RAZZA UMANA,MICHAEL A.CREMO,RICHARD L. THOMPSON;MONDI IN COLLISIONE,IMMANUEL VELIKOVKY;LE CICATRICI DELLA TERRA,IMMANUEL VELIKOVSKY;HO SCOPERTO LA VERA ATLANTIDE,MARCO BULLONI;GLI EREDI DI ATLANTIDE,RAND FLEM ATH;IL PIANETA DEGLI DEI,ZACHARIA SITCHIN;IMPRONTE DEGLI DEI,GRAHAM HANCOCK;LA FINE DI ATLANTIDE,RAND FLEM ATH;I MAYA E IL 2012,SABRINA MUGNOS;LA VENDETTA DEI FARAONI,NAUD YVES,L'EGITTO DEI FARAONI,NAUD YVES;LA STORIA PROIBITA,J.DOUGLAS KENYON;SOPRAVVIVERE AL 2012,PATRICK GERYL;STATO DI PAURA,MICHAEL CHRICHTON;APOCALISSE 2012,JOSEPH LAWRENCE;I SERVIZI SEGRETI DEL VATICANO,DAVID ALVAREZ;GENGIS KHAN E L'IMPERO DEI MONGOLI,MICHAEL GIBSON;SCOPERTE ARCHEOLOGICHE NON AUTORIZZATE,MARCO PIZZUTI;UNA SCOMODA VERITA',AL GORE;ECC..
(NON TUTTI GLI ARGOMENTI O TALVOLTA I LIBRI STESSI SONO DA ME CONDIVISI)

INDIRIZZO E-MAIL

Per contattarmi:

angelfallendark@hotmail.it


Cerca nel blog

Lettori fissi

Archivio blog