ATTUALE CONFIGURAZIONE PLANETARIA DEL SISTEMA SOLARE


Visualizzazione post con etichetta Oraefajokull. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Oraefajokull. Mostra tutti i post

lunedì 15 maggio 2017

ISLANDA: GRIMSVOTN E ORAEFAJOKULL TREMANO


L'attività sismica del vulcano Grimsvotn negli ultimi mesi è notevolmente diventata più frequente rispetto agli anni scorsi.
Essendo un vulcano che erutta con una periodicità breve di circa 3-4 anni si può dedurre che dalla sua ultima eruzione nel 2011 una sua eruzione è in ritardo sulla scala, di conseguenza l'aumento dell'attività sismica nell'area in questi giorni lo si può associare al fatto che la pressione al suo interno è in aumento e la camera magmatica principale è in espansione.

La sua ultima eruzione del maggio 2011 è stata la maggiore in 140 anni, con classe VEI 4.
E' difficile stabilire l'entità della prossima, probabilmente questione di mesi visto l'aumento dell'attività sismica, ma indubbiamente le sorprese non manchereanno.
Un'ulteriore scarica di attività sismica a bassa energia la si è avuta nell'area del vulcano Oraefajokull, questo è un vulcano difficile da anticipare quando entra in eruzione in quanto si tratta di un vulcano a magma riolitico a base di silice, estremamente denso e in grado di produrre grandi eruzioni pliniane con poco anticipo dal momento come si è osservato spesso in questo genere di vulcani in Cile e Indonesia.
L'attività sismica nell'area è diventata più frequente con il passare degli anni quindi è logico aspettarsi entro pochi anni una nuova fase esplosiva anche se è difficile anticipare come appena spiegato, potrebbe avvenire entro pochi giorni o settimane come tra qualche anno. Ma i segni sono sulla strada.

mercoledì 12 aprile 2017

ISLANDA: TREMANO HOLUHRAUN E ORAEFAJOKULL


Una sequenza sismica ha interessato l'area che va dal Bardarbunga alla linea di frattura che ha determinato l'eruzione nell'area di Holuhraun nel 2014-2015.
Questo fenomeno è legato ad un'intrusione magmatica a diga che sta nuovamente coinvolgendo l'intero sistema Bardarbunga-Holuhraun.

Questo avviene dopo settimane che hanno visto un'intenso sciame sismico nell'area Herdubreid-Uppytingar, legato alla presenza di un vasto corpo di magma che si avvicina alla superficie.
L'evoluzione di una linea di frattura che lega i due sistemi è evidente ma non allarmante.
L'area Bardarbunga-Holuhraun non è ancora pronta per una nuova fase eruttiva, ma il tasso di ricarica è piuttosto evidente e un giorno potrebbe determinare una nuova eruzione sempre nella stessa area del 2014-2015, o più probabilmente in un'area sotto il ghiacciaio.
Oraefajokull
Una scossa di terremoto di magnitudo 2.9 è avvenuta nell'area sommitale del vulcano Oraefajokull, sul bordo sud orientale del Vatnajokull.
Questo terremoto, assieme a poche altre scosse minori è legata al fatto che il vulcano si sta avvicinando ad una nuova eruzione.
Completamente indipendente dal Bardarbunga, tale vulcano è in grado di produrre eruzioni esplosive con gravi danni al raccolto islandese.
Oraefajokull ha eruttato due volte in tempi storici. Nel 1362, il vulcano ha eruttato in modo esplosivo, con enormi quantità di tephra. Il distretto di Litla-Herad è stato distrutto dalle inondazioni e la caduta di tephra.(cenere)
Il nome significa letteralmente uno spazio senza porto, ma ha assunto un significato di terreno incolto in islandese.
Interessante però il fatto che la scossa di terremoto abbia avuto una profondità di soli 500 metri.
Dal momento che si tratta di un vulcano a magma riolitco, in grado quindi di produrre eruzioni pliniane, questo potrebbe significare che un'eruzione è sulla strada anche se al momento va presa come ipotesi molto remota, ma questo tipo di vulcani sono in grado di produrre improvvisi sciami sismici intensi nell'arco di pochi giorni o anche ore ed eruttare all'improvviso.
Ovviamente questa è sempre un'ipotesi.

martedì 21 febbraio 2017

ISLANDA: GRIMSVOTN, ORAEFAJOKULL E KATLA IN MOVIMENTO


Dopo l'eruzione del 2011 il vulcano Grimsvotn, nel centro del Vatnajokull, nei mesi scorsi ha chiaramente manifestato un nuovo aumento dell'attività sismica,  evidente fatto che la sua camera magmatica si stava nuovamente ricaricando.
Questo vulcano erutta con una media di 3-4 anni, ma dopo la sua ultima eruzione, la maggiore da 140 anni del 2011 è rimasto insolitamente silenzioso.

Il vulcano tuttavia in questi giorni ha manifestato un deciso incremento sismico in tutta l'area circostante del sito dell'ultima eruzione con scosse di terremoto tra i 7 chilometri e i 100 metri di profondità, chiaro segno che una nuova eruzione e molto vicina.
Si tratta di un vulcano con la maggiore frequenza di eruzioni in Islanda.
A sud-ovest del ghiacciaio Vatnajokull invece si trova il vulcano Oraefajokull.
Si tratta di un sistema vulcanico a magma riolitico, vale a dire con elevati contenuti di silice il che lo rendono un un vulcano tipicamente esplosivo, in grado quindi di produrre eruzioni tipicamente pliniane con breve preavviso come il Saint Helens negli Stati Uniti e il Pinatubo nelle Filippine.
Nei giorni scorsi il vulcano Oraefajokull ha prodotto una scossa di magnitudo 2.7, collocata a profondità di appena 2 chilometri, un chiaro segnale che il magma si trova a poca profondità.

Oraefajokull si è risvegliato due volte in tempi storici. Nel 1362, il vulcano ha eruttato in modo esplosivo, con enormi quantità di cenere espulse.
Il distretto di Litla-Herad è stata distrutta dalle inondazioni.
Un'eruzione nel mese di agosto 1727-28 era minore, anche se le inondazioni hanno causato comunque parecchi danni.
Nel corso degli ultimi anni l'attività sismica nell'area del vulcano è aumentata tuttavia prevedere la sua prossima eruzione è impossibile in quanto i vulcani a carattere esplosivo non si comportano come quelli effusivi, in quanto spesso l'attività sismica inizia all'improvviso e precede di pochi giorni e talvolta anche ore, l'inizio dell'eruzione.
Il candidato più probabile che sembra preparare la prossima eruzione è il Katla.

L'attività sommitale del vulcano Katla si mantiene dalla scorsa estate su livelli estremamente elevati, con centinaia di scosse di terremoti tra le quali ormai decine nel complesso hanno raggiunto magnitudo tra 4.5 e 3.0, relativamente a bassa profondità.
Il 21 febbraio una scossa di magnitudo 2.8 è avvenuta sulla sommità del vulcano a livello talmente superficiale che è stata calcolata ad una profondità di 0 chilmentri, vale a dire pochi metri sotto la superficie del vulcano.

L'origine potrebbe essere di origine geotermica ma da quello che risulta nel complesso quasi tutte le scosse di terremoto sono ormai collocate a profondità relativamente bassa tra 1 e 0.1 chilometri sotto la sommità del vulcano, se fossero di origine magmatica significa che il magma all'interno del vulcano si trova a una profondità di relativamente massima di un chilometro e di conseguenza è ormai prossimo ad un'eruzione, se invece fossero di origine geotermica significa che l'acqua prodotta dal disgelo della neve a causa dell'aumento delle temperature è letteralmente in ebollizione in tutta l'area della caldera e anche qui indica la presenza di una vasta massa di magma a scarsa profondità.
In entrambi l'attività sulla sommità di Katla è in fermento.
Sorprende piuttosto il fatto che il vulcano non sia già in eruzione.

venerdì 13 maggio 2016

ISLANDA: TERREMOTI MAGMATICI SCUOTONO IL VULCANO ORAEFAJOKULL


C'è una interessante attività sismica che ha coinvolto il vulcano Oraefajokull nelle ultime settimane.
Questo evidenzia che il colume magmatico sta entrando all'interno del vulcano a profondità di 5 - 10 km.
Al momento non c'è nulla che suggerisce che una eruzione si avvicina, ma la storia eruttiva del vulcano Oraefajokull non è ben nota e non esistono dati affidabili su quello che potrebbe accadere nel caso di eruzione. Al momento, tutti i terremoti che avvengono sono minori.


Fonte:http://www.jonfr.com/volcano/%3Fp%3D6217

venerdì 25 marzo 2016

ISLANDA: IL VULCANO ORAEFAJOKULL MOSTRA SEGNI DI RISVEGLIO


Non è certamente uno dei vulcani più noti in Islanda, ma è certamente un complesso vulcanico in grado di riservare delle sorprese.
Dall'agosto 2011 questo sistema vulcanico posto nel settore sud orientele della calotta glaciale del Vatnajokull ha manifestato segnali di una ripresa dell'attività tramite sequenze sismiche di chiara origine magmatica.

In quel periodo, circa il 22 agosto 2011, tale sciame sismico era causato dall'aumento della massa magmatica all'interno del vulcano.
Tale vulcano era sempre stato generalmente tranquillo e quasi mai soggetto a terremoti.
Nel corso degli anni precedenti al 2011 l'attività sismica era tuttavia diventata sempre più frequente.
Qualcosa che è in realtà un grande cambiamento rispetto al numero minore di terremoti registrati nell'area del vulcano in passato.
I terremoti in quel periodo hanno avuto luogo nel cratere principale del vulcano.
Altri terremoti hanno continuato a ripetersi nel corso degli ultimi anni di lunghezza e durata molto differenti.
Nel corso delle ultime settimane si è registrato di nuovo un leggero aumento dei terremoti sul Oraefajokull.

Questa attività sismica è minore e non suggerisce che un'eruzione sia imminente, tuttavia suggerisce che qualcosa sta succedendo.
Il vulcano Oraefajokull è un sistema vulcanico il cui magma non è basaltico come quello del Bardarbunga o del Grimsvotn, ma denso e riolitico, di conseguenza una sua possibile eruzione averrebbe all'improvviso come quella del vulcano Chaiten, in Cile nel 2008, oppure come quella del Kelut, in Indonesia nel 2014, con un preavviso minimo di poche ore.
Il vulcano ha eruttato due volte durante i tempi storici, nel 1362 e il 1727.
Gli scienziati considerano la sue prima eruzione come la più grande eruzione in epoca storica del paese, ma un altro ha avuto luogo circa 2.800 anni fa.
Il volume del tephra è stato stimato 10 km³, che corrisponde a circa 2½ km³ di riolite compatto.
Le onde di piena immense seguenti l'eruzione, causate dallo sciogliemento glaciale, hanno spazzato la maggior parte delle aziende agricole nel piccolo distretto.
La seconda eruzione è iniziata nel gennaio 1727 ed è durata quasi un anno.
La sua furia era maggiore durante i primi tre giorni e la cenere caduta così grande, che era impossibile distinguere tra notte e giorno.
Meno persone e bestiame sono stati uccisi e non vi sono state aziende distrutte, perché si trovavano su un terreno molto più alto rispetto a prima.
Il volume di tefra emessa era molto minore durante la prima eruzione.

Fonti:
http://www.jonfr.com/volcano/%3Fp%3D1347
http://www.jonfr.com/volcano/%3Fp%3D6159
http://www.nat.is/travelguideeng/volc_oraefajokull.htm

lunedì 30 marzo 2015

ISLANDA: NUOVO SCIAME DI TERREMOTI SUL VULCANO ORAEFAJOKULL


Il 28 marzo-2015 vi è stata nuova attività sismica in profondità nel vulcano Oraefajokull.
Questa attività non è nuova ed ha avuto luogo ogni pochi mesi per gli ultimi 10 anni o giù di lì.
Periodi di calma sono diversi in lunghezza.
Ogni sciame sismico che ha luogo è diverso sia in ampiezza e durata, l'attività corrente sembra essere profonda, ma per lo più piccoli terremoti, meno di magnitudo 1,5 per la maggior parte.
Il più profondo terremoto in questo sciame aveva la profondità di 25,0 km.
Questa attività sismica è solo a causa di magma fresco che spinge per entrare nel sistema delvulcano Oraefajokull.


Sulla base di resoconti storici delle eruzioni precedenti (1362 e 1728).
Sembra che le eruzioni in Oraefajokull inizino con potenti sciami sismici (terremoti di magnitudo 4.0).
La seguente eruzione è una nube di cenere con inondazioni glaciali con quella fase che dura fino a 48 ore.
Cosa succede dopo che non è chiaro, dal momento che non è stato documentato correttamente nei documenti storici.
Le eruzioni possono durare fino a 45 giorni, sulla base di eruzioni precedenti documentate.
Lo sciame sismico attuale è dentro il vulcano Oraefajokull.
Al momento non ci sono segnali evidenti che vi è un aumento un rischio di eruzione dal vulcano Oraefajokull. Ciò potrebbe cambiare senza preavviso, come è sempre il rischio dei vulcani.


Fonte:http://www.jonfr.com/volcano/?p=5568

giovedì 26 marzo 2015

ISLANDA: DOPO IL BARDARBUNGA, SCIAME DI TERREMOTI SUL VULCANO ORAEFAJOKULL


Oraefajokull, è la vetta più alta dell'Islanda, è probabilmente il vulcano più violento dell'Islanda.
Una grande eruzione silicica nel 1362 era la più grande storica eruzione esplosiva dell'Islanda.
Esso e un'altra eruzione durante il periodo 1727-1728 sono state accompagnate da importanti inondazioni glaciali che hanno causato danni e vittime.
Oraefajokull è un ampio vulcano centrale ghiacciaio rivestito a Sud Est della calotta Vatnajökull.
A 4 x 5 km caldera subglaciale tronca la cima del vulcano basaltico e riolitico.
L'attività dell'Olocene è stata dominata da eruzioni esplosive al vertice, anche se si sono verificati anche effusioni laviche sul fianco del vulcano.
Recenti segnali di attività hanno cominciato a farsi sentire negli ultimi anni con un graduale aumento dell'attività sismica.

Il grande sub-glaciale Oraefajokull ha mostrato un insolito numero di terremoti nel settembre 2011 il cui aumento ha manifestato una certa preoccupazione che il vulcano potrebbe eruttare di nuovo.

Uno sciame sismico ha ripreso nella zona nel corso degli ultimi giorni la cui scossa più grande aveva un magnitudo 2.0







Fonti:
http://www.volcanodiscovery.com/iceland/oeraefajoekull.html
http://www.volcanodiscovery.com/oeraefajoekull/news/2411/raefajkull-volcano-Iceland-seismic-unrest.html

BENVENUTI!!!



LIBRI LETTI
TEMPESTA GLOBALE,ART BELL,WHITLEY STRIEBER;LA PROSSIMA ERA GLACIALE,ROBERT W.FELIX;ARCHEOLOGIA PROIBITA,STORIA SEGRETA DELLA RAZZA UMANA,MICHAEL A.CREMO,RICHARD L. THOMPSON;MONDI IN COLLISIONE,IMMANUEL VELIKOVKY;LE CICATRICI DELLA TERRA,IMMANUEL VELIKOVSKY;HO SCOPERTO LA VERA ATLANTIDE,MARCO BULLONI;GLI EREDI DI ATLANTIDE,RAND FLEM ATH;IL PIANETA DEGLI DEI,ZACHARIA SITCHIN;IMPRONTE DEGLI DEI,GRAHAM HANCOCK;LA FINE DI ATLANTIDE,RAND FLEM ATH;I MAYA E IL 2012,SABRINA MUGNOS;LA VENDETTA DEI FARAONI,NAUD YVES,L'EGITTO DEI FARAONI,NAUD YVES;LA STORIA PROIBITA,J.DOUGLAS KENYON;SOPRAVVIVERE AL 2012,PATRICK GERYL;STATO DI PAURA,MICHAEL CHRICHTON;APOCALISSE 2012,JOSEPH LAWRENCE;I SERVIZI SEGRETI DEL VATICANO,DAVID ALVAREZ;GENGIS KHAN E L'IMPERO DEI MONGOLI,MICHAEL GIBSON;SCOPERTE ARCHEOLOGICHE NON AUTORIZZATE,MARCO PIZZUTI;UNA SCOMODA VERITA',AL GORE;ECC..
(NON TUTTI GLI ARGOMENTI O TALVOLTA I LIBRI STESSI SONO DA ME CONDIVISI)

INDIRIZZO E-MAIL

Per contattarmi:

angelfallendark@hotmail.it


Cerca nel blog

Lettori fissi

Archivio blog