ATTUALE CONFIGURAZIONE PLANETARIA DEL SISTEMA SOLARE


Visualizzazione post con etichetta Nicaragua. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Nicaragua. Mostra tutti i post

mercoledì 31 agosto 2016

LA FEDERAZIONE RUSSA PREVEDE ZONE DI LIBERO SCAMBIO CON DODICI PAESI


E 'per l'intensificazione delle relazioni commerciali con l'Egitto, Israele, India, Cina, Indonesia, Iran, Cambogia, Corea del Sud, Venezuela, Nicaragua, Perù e Cile.
Qui, tuttavia, Mosca deve prendere in considerazione gli interessi dei suoi attuali partner nell'Unione Economica Eurasiatica, ossia la Bielorussia, Kazakistan, Armenia e Kirghizistan, ha detto un portavoce del ministero degli affari economici russo.
Perché si tratta di una profonda reciproca liberalizzazione degli scambi di beni e servizi, nella cooperazione degli investimenti (...) ", e quindi l'eventuale integrazione economica al di fuori dello spazio post-sovietico che avrebbe non solo i correnti, ma anche gli interessi strategici di ambienti economici nazionali ", ha detto il portavoce.
"Dopo tutto, la firma di tali accordi cambia le condizioni di accesso al mercato interno: vengono aboliti i dazi e le tasse doganali, come pure le restrizioni sulle quantità."
"Dobbiamo prendere in considerazione l'intero complesso di interessi e rischi che sono associati con una profonda liberalizzazione reciproca, anche nelle zone per le quali sono le misure per regolamentare le attività e il commercio della società ", ha detto la fonte del ministero dell'Economia.
Una delle ragioni di questa espansione potrebbe essere l'accordo tra USA e Giappone da un lato e altri undici paesi sull'altro lato della formazione di una grande alleanza commerciale.
Secondo Washington, la Trans-Pacific Partnership dovrebbe limitare l'influenza economica della Repubblica Cinese e dei suoi partner nel ASEAN e nella regione Asia-Pacifico.
Secondo gli esperti, la nuova alleanza commerciale è in grado di controllare fino a 40 per cento del commercio globale.
La Russia non accoglierà questa alleanza.
Il vice presidente dell'Unione Russa degli Industriali e Imprenditori, Alexander Murytschew, trova, tuttavia, che la Russia risponderà meno all'iniziativa di Washington, ma per cercare soprattutto il proprio sviluppo.
"Questa iniziativa è stata espressa nel quadro dell'Unione Economica Eurasiatica. Non c'è bisogno di leggere troppo intenso per i nuovi partner commerciali. Per cominciare, si potrebbe avere le relazioni commerciali interne approfondite e sviluppate. Tuttavia, questo è un programma di sviluppo vero e proprio, e attualmente è alla ricerca di potenziali partner, che sono fedeli alla Russia e che la Russia ha esperienza commerciale per sviluppare gli investimenti d'affari del commercio e comuni, nonché per creare nuovi impianti di produzione ", ha detto l'esperto.
"Abbiamo qualcosa che noi (i nostri partner) potrebbero offrire nel quadro di libero scambio".
Il primo documento internazionale sulla formazione di una zona di libero scambio tra l'Unione Economica Eurasiatica e un paese terzo è stato l'accordo con il Vietnam nel maggio 2015.

Fonte:http://de.sputniknews.com/zeitungen/20160620/310741065/russland-freihandelsraeume.html

lunedì 9 maggio 2016

NICARAGUA: IN COSTANTE AUMENTO L'ATTIVITA' DEL VULCANO TELICA


Nei giorni scorsi (in particolare dal 6 maggio), l'attività del vulcano sembra essere aumentata.
Forte bagliore notturno dal cratere ed emissioni di cenere deboli forti e intermittenti hanno cominciato verificarsi anche nei giorni scorsi.
Questi pennacchi di cenere occasionali, di colore marrone, sembravano essere aumentati con calma dal cratere (senza molto impulso). Di conseguenza, essi sono stati probabilmente non guidati da esplosioni in prossimità della superficie, ma piuttosto l'attività all'interno del condotto profonde; il loro colore brunastro suggerisce inoltre che la cenere è venuto principalmente da roccia frammentata più vecchia.
INETER non ha ancora commentato l'attività. Nel suo ultimo bollettino dal 5 maggio, l'attività è stata descritta come "al solito".
Tuttavia, dal 6 maggio, un aumento tremore e frequenti piccoli segnali di esplosioni sono diventati visibili sui dati sismici online di INETER pure.
Sarà interessante vedere se l'attività mostrerà cambiamenti significativi nel prossimo futuro oppure no.

Fonte:http://www.volcanodiscovery.com/telica/news/57462/Telica-volcano-Nicaragua-increase-of-activity.html

martedì 5 aprile 2016

NICARAGUA: ILLAGO DI LAVA DEL VULCANO MASAYA RIMANE ESTREMAMENTE ATTIVO (VIDEO)


L'attività del nuovo lago di lava del vulcano rimane molto intensa.
L'erosione da parte della violenta degassificazione della lava continua ad ampliare progressivamente le pareti del cratere contenente il lago.
Nel video seguente (preso alla fine di marzo) dà una buona impressione:



Fonte:ttp://www.volcanodiscovery.com/masaya/news/57113/Masaya-volcano-Nicaragua-lava-lake-remains-very-active.html

giovedì 3 marzo 2016

NICARAGUA: ENORME FLUSSO MAGMATICO ALIMENTA IL LAGO DI LAVA DEL VULCANO MASAYA


In Nicaragua, il lago di lava del vulcano Masaya è sempre più attivo.
E 'alimentato da un vero e proprio "fiume di lava", come mostrato nel video del 1 ° marzo.

Il lago di lava all'interno del cratere principale del vulcano non rimane solo attivo solo, ma la sua attività è stata gradualmente in aumento a metà febbraio.
Tra il 09-10 Febbraio INETER aveva registrato una crisi sismica di cui 10 significativi terremoti superficiali avevano magnitudo tra 2 e 4.1, molti di loro sentiti nelle zone vicine, i più forti anche a diverse decine di km di distanza. Si pensa che questi terremoti siano il risultato di una nuova intrusione di magma nel sistema superficiale del vulcano sotto la caldera Masaya.
A seguito degli eventi sismici, sono state misurate anche emissioni di SO2 elevate raggiungendo livelli di 1500 tonnellate / giorno.
Questa osservazione, insieme con l'impressione visiva di una maggiore attività, è anche coerente con l'interpretazione che nuove masse di magma stanno raggiungendo l'interno del vulcano.


Fonti:
http://www.earth-of-fire.com/2016/03/activity-of-suwanosejima-fuego-masaya-and-discovery-of-a-lava-dome-in-the-gulf-of-naples.html
http://www.volcanodiscovery.com/masaya/news/56463/Masaya-volcano-Nicaragua-increasing-lava-lake-activity.html

mercoledì 2 marzo 2016

NICARAGUA: FORTI ESPLOSIONI VULCANIANE SUL MOMOTOMBO


Due forti esplosioni si sono verificate nelle ultime 24 ore presso il vulcano, che ricoprendo le pendici superiori della montagna con le bombe laviche fresche e producendo pennacchi di cenere che sono saliti a circa 2 km.
Questo a seguito di un periodo di attività più tranquillo che durava un paio di giorni.

Fonte:http://www.volcanodiscovery.com/it/momotombo/news/56674/Momotombo-volcano-Nicaragua-new-vulcanian-explosions.html

venerdì 26 febbraio 2016

GLI SCIENZIATI STANNO OSSERVANDO UN'ESTESA QUANTO INTENSA ATTIVITA' VULCANICA IN NICARAGUA


Esperti di vulcanolgia provenienti da Stati Uniti, Regno Unito, Costa Rica e geologi locali stanno osservando l'attività di quattro picchi attivi in ​​Nicaragua, dopo la raffica di esplosioni recenti.
Il più grande e più attivo, è l'enorme stratovulcano di 1.297 metri Momotombo, vicino alla città di León.
Il Momotombo, a nord del lago di Managua a 25 miglia dalla capitale del Nicaragua, Managua, ha eruttato per la prima volta in 110 anni a dicembre, ed è attivo da allora.

Gli abitanti del villaggio fuggono in quanto un'altro vulcano rischia di eruttare nei prossimi giorni.
Uno degli esperti ha dichiarato "In effetti, c'è stata tanta attività sismica e vulcanica in Nicaragua ultimamente che gli esperti provenienti dagli Stati Uniti, il Regno Unito, Nicaragua e Costa Rica stanno accuratamente studiando e osservando la situazione."
I geologi della scorsa settimana dello US Geological Survey hanno annunciato che stanno studiando e valutando i rischi del Momotombo e gli altri vulcani attivi nel paese.
Sia Telica e Masaya hanno ricominciato a eruttare, allo stesso tempo come il Momotombo, e continuano a farlo.
Nel frattempo, Cerro Negro, che finora non ha eruttato, ha registrato raffiche di attività sismica dalla scorsa settimana.
La rivista Tico Times ha aggiunto; "Ad oggi, il Momotombo non ha posto alcun pericolo ai residenti nelle vicinanze, ma questo non vuol dire che non possa farlo.
"Nel 1610, un'eruzione del Momotombo costretto i residenti della città allora spagnola di Leon a trasferirsi a 30 miglia a ovest."
La rete di sismologia del Nicaragua, ha dichiarato: "Il pericolo di questa attività sismica è perché è da eruzioni pliniane, che sono caratterizzate da un elevato livello di esplosività."
Gli scienziati dicono che il mondo è attualmente in una stagione vulcanica e storicamente sono anche più probabili da novembre ad aprile nell'emisfero settentrionale.
Preoccupante, gli scienziati di ricerca affermano che nel corso degli ultimi 300 anni di attività vulcanica mostrano che siamo attualmente in una "stagione di vulcani", nel senso si prevede un aumento dell'attività.
La ricerca ha detto che il mondo dovrebbe aspettarsi una grande eruzione vulcanica catastrofica nei prossimi 50 a 80 anni, ma siamo tristemente impreparati per la ricaduta,


Fonte:http://www.express.co.uk/news/science/646744/Experts-sent-in-to-monitor-volcano-hotspot-as-THREE-more-magma-mountains-blow-their-tops

giovedì 25 febbraio 2016

I PIU' ATTIVI VULCANI DEL NICARAGUA SONO INSTABILI


Il 24 febbraio, alle 08:48, una piccola esplosione ha scosso il vulcano San Cristóbal, accompagnata da un pennacchio bianco di cenere e vapore.
Nello stesso giorn, il 24 febbraio, il Momotombo è stato scosso da altre tre violente esplosioni rispettivamente alle 8.35, 09:33 e 00:45.
All'interno del Masaya, un terzo cratere si è aperto sul pavimento del cratere più grande mentre il vulcano è scosso da continuo tremore vulcanico.
Il Telica mantiene un alta attività microsismica.
Il portavoce dice che il governo del Nicaragua ha aggiornato la mappa del rischio e l'evacuazione delle aree abitate circostanti i vulcani tesi, aiutato da geologi provenienti dall'USGS, tanto più il Cerro Negro: il quale ha una continua attività sismica questa settimana.



Fonte:http://www.earth-of-fire.com/

martedì 16 febbraio 2016

NICARAGUA: IL VOLUME DEL LAGO DI LAVA DEL MASAYA E' IN FORTE INCREMENTO


Il lago di lava all'interno del cratere principale del vulcano non rimane più solo attivo ma la sua attività è gradualmente aumentata durante la scorsa settimana o giù di lì.
Pochi giorni fa, tra il 09-10 Febbraio INETER aveva registrato una crisi sismica di cui 10 significativi terremoti superficiali con magnitudo tra 2 e 4.1, molti di loro sentiti in zone vicine, i più forti anche a diverse decine di km di distanza.
Si pensa che questi terremoti sono il risultato di un'aumento del magma vulcano sotto la caldera Masaya.
A seguito degli eventi sismici, sono state registrate anche elevate emissioni di SO2 raggiungendo livelli di 1500 tonnellate / giorno.
Questa osservazione, chiarisce che presto potrebbe iniziare una nuova fase eruttiva.


Fonte:ttp://www.volcanodiscovery.com/it/masaya/news/56463/Masaya-volcano-Nicaragua-increasing-lava-lake-activity.html

NICARAGUA: SEGNALI DI RISVEGLIO DAL CERRO NEGRO


Un numero insolito di terremoti sono stati notati nei pressi del vulcano di recente, spingendo le autorità a mettere in guardia i turisti e gente del posto A non scalare il vulcano, riferisce la stampa locale.
Se i terremoti sono precursori di una possibile nuova eruzione è incertO, ma Cerro Negro è uno dei vulcani più attivi del paese con almeno 23 eruzioni storiche registrate, le ultime nel 1992, 1995 e 1999.
Le eruzioni di Cerro Negro sono spesso violente con fontane di lava alte ed enormi colonne di cenere alte, spesso preceduti da terremoti.


Fonte:http://www.volcanodiscovery.com/it/cerro-negro/news/56458/Cerro-Negro-volcano-Nicaragua-volcanic-unrest-warning-to-climb.html

mercoledì 13 gennaio 2016

NICARAGUA: NUOVA VIOLENTA ERUZIONE DEL VULCANO MOMOTOMBO


In America centrale, il Nicaragua ha avuto luogo una forte esplosione dallo stratovulcano Momotombo.
Il vulcano nei pressi della città di Leónda ormai diverse settimane continua e emettere lava, cenere e lunghe colonne di fumo, una nuvola di vapore e cenere ha raggiunto un'altitudine di 3.000 metri sopra il bordo del cratere. Secondo le autorità, non vi è alcuna minaccia attuale a vivere all'interno della popolazione del vulcano.
Il Momotombo è uno stratovulcano in Nicaragua, vicino alla città di León.


Fonte:http://latina-press.com/news/213715-nicaragua-starke-explosion-am-vulkan-momotomo/

lunedì 4 gennaio 2016

NICARAGUA: POTENTE FASE ERUTTIVA DEL MOMOTOMBO


Una forte esplosione è avvenuta nella mattina del 3 gennaio alle 04:22 ora locale, presso il vulcano, che copre gran parte della sommità con materiale espulso ad incandescenza.
L'effusione del flusso di lava e l'attività stromboliana continua si erano fermati ai primi di dicembre, seguiti da solo degassamento ad alta temperatura, sporadiche esplosioni minori e la crescita di quella che poteva essere una cupola di lava.
Una fase più intensa di attività sembra essere iniziato ieri.
All'inizio il 2 gennaio, piccole emissioni di cenere si erano verificato, seguite da altre, esplosioni ancora deboli nel primo pomeriggio di ieri.
La forte esplosione ha coinvolto un flusso piroclastico sul lato NE del vulcano, raggiungendo circa 1,5-2 km di lunghezza.
Questa attività è segno di una nuova massa di magma in arrivo al cratere, e che porta a più intensa attività in arrivo.


Fonte:http://www.volcanodiscovery.com/it/momotombo/news/55930/Momotombo-volcano-Nicaragua-strong-explosion-this-morning.html

NICARAGUA: ALL'INTERNO DEL VULCANO MASAYA SI E' FORMATO UN LAGO DI MAGMA


Un lago di lava circa. 10x20 metri di diametro, è attivo all'interno del cratere principale del vulcano.
Questa attività sembra essere iniziata a metà dicembre e ha continuato da allora.


Fonte:http://www.volcanodiscovery.com/it/volcano-activity/news/55935/Volcanic-activity-worldwide-3-Jan-2016-Masaya-volcano-Momotombo.html

venerdì 4 dicembre 2015

NICARAGUA: E' INIZIATA UNA FASE ERUTTIVA MAGMATICA DEL VULCANO MOMOTOMBO


Una nuova eruzione magmatica è ora in corso al vulcano: pulsanti fontane di lava alimentano un nuovo flusso di lava che scende lentamente sul lato NE del vulcano, e una colonna di cenere densa che sorge ad un'altezza di 2-2.5 km sopra il vulcano sta andando alla deriva verso nord-ovest.

Questa si tratta della sua prima fase eruttiva in oltre centodieci anni di silenzio.


Fonte:http://www.volcanodiscovery.com/it/momotombo/news/55627/Momotombo-volcano-Nicaragua-new-magmatic-eruption-with-lava-fountaining.html

mercoledì 2 dicembre 2015

NICARAGUA: DOPO 110 ANNI SI RISVEGLIA IL VULCANO MOMOTOMBO


Una serie di esplosioni si è verificata sul vulcano lunedì primo dicembre alle 07:49, 08:17, 08:42, e 08:55 ora locale.
Le eruzioni, in particolare l'ultima e più grande hanno prodotto vapore ed emissioni di cenere che sono saliti fino a circa 1 km dalla sommità del vulcano.
La caduta di cenere è stata osservata nella comunità di El Papalonal e nei pressi della centrale geotermica Momotombo a SW del vulcano.

Questo segna la prima attività eruttiva del vulcano in 110 anni, l'ultima eruzione confermata di Momotombo è stata nel 1905.
Dal 1524, il vulcano ha conosciuto 16 eruzioni registrate, la maggior parte di loro piccole, probabilmente esplosioni freatiche.
Eruzioni più grandi si sono verificati nel 1605 e 1609, quando le esplosioni hanno espulso bombe di lava più grandi e blocchi per distanze considerevoli, - come riferito caddero nella zona della città ormai abbandonata di León Viejo circa a 6 km ad ovest dal vulcano.
Il vulcano ha mostrato agitazione sismica durante i pochi anni passati già con frequenti terremoti poco profondi che si verificavano nella zona.
Un team di vulcanologi da INETER è arrivato a prendere campioni di cenere, gas e monitorare il vulcano più da vicino.

Nei giorni successivi sembra che la fase eruttiva del vulcano si sia intensificata.
Sembra che il vulcano continui a eruttare e abbia intensificato la sua attività con esplosioni continue.
Bagliore luminoso, probabilmente da materiale incandescente, ma anche un flusso di lava, forse può essere visto essere visto dal cratere sommitale sulla webcam INETER.

Fonti:
http://www.volcanodiscovery.com/momotombo/news/55601/Momotombo-volcano-Nicaragua-small-explosive-eruptions-this-morning-first-eruption-in-110-years.html

mercoledì 25 novembre 2015

NICARAGUA: VIOLENTA ERUZIONE DEL VULCANO TELICA


Questa Domenica, 22 novembre alle 08:45 locali, il vulcano Telica, che si trova in Nicaragua, ha presentato una forte esplosione di gas e cenere, accompagnata da una colonna di cenere di diverse migliaia di metri, scaraventando blocchi e un flusso piroclastico senza segnali di preavvertimento.
Cadute di cenere sono stati riportate nel sud-ovest del vulcano in Cristo Rey e Quezalguaque.
Altre comunità sono stati colpiti, tra cui Chinandega, Chichigalpay e Posoltega. A Aguas Fria, sei mucche sono state uccise dalla caduta dei massi.


Fonte:http://www.earth-of-fire.com/2015/11/big-explosion-at-telica-volcano-nicaragua.html

giovedì 1 ottobre 2015

LE AZIONI SOVVERSIVE DEGLI STATI UNITI IN AMERICA LATINA

E' così che funziona il sistema di “democracy promotion” degli Stati Uniti.



Negli ultimi 15 anni, la resistenza dell'America Latina all'agenda neo-liberale ha avuto successo in modo eroico, nonostante i subdoli tentativi sovversivi da parte degli Stati Uniti, ora certificati e documentati grazie alla testimonianza di Wikileaks. Alexander Main & Dan Beeton, nel presentare il loro libro The WikiLeaks Files: The World According to US Empire, offrono un'interessante ricostruzione su JacobinMag. Vi abbiamo già descritto l'attacco sovversivo diretto contro il presidente della Bolivia Evo Morales, mirabilmente ricostruito dagli autori.
Ma i metodi utilizzati in Bolivia sono stati utilizzati in altri paesi dell'America Latina, dove si sono affermate al potere forze di sinistra, che volevano rompere le catene del neo-liberismo. 
Per esempio in Nicaragua, quando nel 2007 al potere sono tornate forze sandiniste e l'ambasciata americana a Managua ha utilizzato tutte le armi a sua disposizione per supportare il partito di destra dell'Alleanza liberale (ALN). Nel 2007 in un incontro tra l'Ambasciata e i dirigenti dell'ALN si spiegò come gli Usa “non fornivano diretta assistenza ai partiti politici, ma – per bypassare le restrizioni – suggeriva che l'ALN si coordinasse in modo più amichevole e diretto con le Ong che potevano ricevere fondi americani”. 
Il leader ALN dichiarava poi che “aveva un'ampia serie di Ong che già supportavano gli sforzi dell'ALN” e che l'Ambasciata aveva fissato appuntamenti “con l'IRI [International Republican Institute] e il NDI [National Democratic Institute for International Affairs].” Questo cablaggio rileva anche come l'Ambasciata avrebbe seguito il  “follow up on capacity building for [ALN] fundraisers.”
E' così che funziona il sistema di “democracy promotion” degli Stati Uniti. E questi documenti andrebbero fatti leggere e studiare nelle università, pieni di soloni che ancora indottrinano gli studenti sul ruolo di democratizzazione degli Usa nel mondo. Attraverso l'USAID, il National Endowment for Democracy (NED), NDI, IRI e altre entità para-governative, il govenro americano fornisce assistenza estensiva ai movimenti politici che supportano gli obiettivi sovversivi di Usa all'estero. Si hanno le prove vanno solo divulgate.
Nel marzo del 2007, l'ambasciatore del Nicaragua ha chiesto al Dipartimento ii stato di fornire “circa 65 milioni di euro nei prossimi 4 anni per finanziare il rafforzamento di partiti politici”, “Ong democratiche” e “ piccole e flessibili rendite per gruppi impegnati nello sforzo critico di difendere la democrazia in Nicaragua, avanzare i nostri interessi e contrapporre coloro che ci ostacolano”. 
Il caso dell'Ecuador
In Ecuador, l'ambasciata americana ha ostacolato fin dal'inizio la Revolucion Ciudadana di Rafael Correa, il trionfatore delle elezioni presidenziali del 2006. Due mesi prima della vittoria, il consigliere politico dell'Ambasciata americana avvertiva come era da aspettarsi che Correa “si sarebbe unito al gruppo di leader sudamericani nazionalisti e populisti Chavez-Morales-Kirchner” e avvisava come l'Ambasciata avesse “dato l'allarme ad i suoi contatti politici, economici ed i media della minaccia che Correa rappresentava per il futuro dell'Ecuador”. Subito dopo l'elezione di Correa, l'Ambasciata ha cablato al Dipartimento di Stato la sua strategia: “E' un'illusione che gli sforzi del Dipartimento di Stato plasmeranno la direzione del nuovo governo o il Congresso, ma speriamo di massimizzare la nostra influenza, lavorando di concerto con altri ecuadoriani e gruppi che condividono le nostre opinioni” in modo da estendere il periodo attuale di conflitto politico ed instabilità.
I timori dell'ambasciata sono stati confermati e Correa ha annunciato che avrebbe chiuso la base aerea statunitense di Manta, avrebbe aumentato la spesa sociale, e spinto per una assemblea costituente. Nell'aprile 2007, l'80 per cento degli elettori ecuadoriani ha approvato la proposta di un'assemblea costituente e nel 2008, il 62 per cento ha approvato una nuova costituzione che ha sancito una serie di principi progressisti, tra cui la sovranità alimentare, il diritto alla casa, all'assistenza sanitaria, all'occupazione ed il controllo politico della banca centrale.
All'inizio del 2009, Correa ha annunciato che l'Ecuador avrebbe fatto parziale default sul suo debito estero e si sarebbe allineato più strettamente con i paesi dell'alleanza Bolivariana per i Popoli della Nostra America (ALBA), organizzazione avviata dal Venezuela e Cuba nel 2004 in contrapposizione della zona di libero scambio delle Americhe (ALCA) promosso dall'amministrazione Bush. 
Ma l'ambasciatore era anche consapevole del fatto che gli Stati Uniti avevano poca influenza su di lui:
Stiamo trasmettendo il messaggio in privato. Le azioni di Correa avranno conseguenze per il rapporto con la nuova amministrazione Obama, evitando commenti pubblici che sarebbero controproducenti. Si consiglia di non terminare tutti i programmi USG che servono i nostri interessi in quanto non farebbe che indebolire l'incentivo per Correa per tornare indietro in un modo più pragmatico".
Il default parziale dell'Ecuador di Correa ha avuto successo. Nel 2011 il Presidente  raccomandava la stessa medicina per i paesi europei indebitati, in particolare la Grecia, consigliando loro il mancato pagamento delle rate del debito e "ignorare" i consigli del FMI. Purtroppo in Europa ancora nessuno l'ha ascoltato.


Fonte;:http://www.lantidiplomatico.it/dettnews.php?idx=6&pg=12832

venerdì 24 luglio 2015

GLI STATI UNITI CERCANO INUTILMENTE DI IMPEDIRE LA COSTRUZIONE DEL CANALE DI NICARAGUA

"E 'evidente che gli Stati Uniti stanno iniziando un grande gioco in America Latina"

Dopo la decisione di costruire il Canale del Nicaragua, il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha iniziato a realizzare il suo piano per destabilizzare l'America Latina e giustificare la sua ingerenza negli affari dei paesi della regione, citando preoccupazioni per la presunta violazione dei diritti umani nella zona, ha detto il giornalista e politologo Igor Ignatiev.
Secondo l'articolo dell'esperto pubblicato sul sito Politikus, Washington ha cercato prima di organizzare disordini di massa in Nicaragua e ora la sua presenza è sempre più importante nei paesi confinanti con il futuro canale.
Il presidente ecuadoriano, Rafael Correa, ha detto durante il programma Kartina Mira, sul canale televisivo RTR-Bielorussia, che l'Ecuador sente la pressione degli Stati Uniti in materia di diritti umani e l'intervento di gruppi radicali di destra volti a destabilizzare la società. La stessa situazione, secondo Ignatiev, può essere vista in Argentina, Bolivia e Venezuela.
"E 'evidente che gli Stati Uniti stanno iniziando un grande gioco in America Latina, al fine di fermare la costruzione del Canal del Nicaragua ", dice il giornalista. L'esperto ha anche sottolineato che in questo caso Washington usa la sua strategia solita di portare instabilità nella regione, scuotere la situazione politica, e quindi bloccare il flusso di investimenti provenienti da altri paesi.
Ignatiev spiega che l'amministrazione Obama sta causando in America Latina la stessa situazione che sta avendo luogo in Medio Oriente. L'instabilità nella regione potrebbe certamente portare ad una diminuzione della qualità della vita, al congelamento di tutti i progetti ad alto contenuto tecnologico e a deviare i flussi di denaro all'estero.

Fonte:http://www.lantidiplomatico.it/dettnews.php?idx=82&pg=12395

lunedì 20 luglio 2015

NICARAGUA: FORTE TERREMOTO SCUOTE IL VULCANO SAN CRISTOBAL


Un terremoto di magnitudo 4,5 della scala Richter ha colpito ieri l'aera del vulcano San Cristobal, nel nord-ovest del Nicaragua, senza causare vittime o danni, anche se la popolazione si è piuttosto allarmata secondo i funzionari.
La scossa è stata registrata alle 03:25 ora locale (09:25 GMT) e il suo epicentro è stato a 10 chilometri a nord del vulcano San Cristobal, come riportato dall'Istituto Nicaraguense di Studi Territoriali (INET) in un rapporto.
Il sisma si è verificato ad una profondità di 14,6 km, ed è stato causato da un evento relativo a faglie locali della catena vulcanica del Nicaragua, ha spiegato il sismologo dell'INETER Petronila Flores.
Il San Cristobal, alto 1.745 metri, è il più alto vulcano del Nicaragua, e si trova nella "cintura di fuoco" del Pacifico e nella "catena di vulcani" del Nicaragua, composta da 13 coni attivi sulla costa del Pacifico. La sua ultima esplosione risale al 12 Giugno di quest'anno.

Fonte:http://www.thedayafterjournal.com/2015/07/nicaragua-forte-terremoto-scuote-il.html

venerdì 29 maggio 2015

NICARAGUA: IL VULCANO TELICA OSCURA IL CIELO


"C'è stata caduta di cenere continua a Posoltega (116 chilometri da Managua), ed sulla strada (Panamericana) vi è la necessità per i veicoli di accendere le luci", ha detto il co-direttore del Sistema nazionale per la prevenzione, Mitigazione e attenzione ai disastri (SINAPRED), Guillermo Gonzalez, in una conferenza stampa.
Il Telica, alto 1.061 metri, si trova a 112 km a nord ovest di Managua.
L'esplosione che oscurava la zona ad ovest del Nicaragua si è verificata tra le 11.34 ora locale (17.34 GMT) e 00:25 ora locale (18.25 GMT), con una colonna di cenere che è salita a più di 700 metri, secondo l'Istituto Nicaraguense di Studi Territoriali ( INET).
"È stata accompagnata da tremore sismico, una forte vibrazione del terreno, a causa della uscita ad alta pressione dei materiali vulcanici, gas e ceneri," ha spiegato Armando Saballos, vulcanologo dell'INETER.
E' stata la più grande esplosione del Telica nel suo ultimo processo eruttivo, iniziato nel mese di maggio.
Il SINAPRED ha proibito alle persone di avvicinarsi a meno di 1500 metri del cratere e ha attivato i Comitati per la prevenzione, mitigazione e l'attenzione ai disastri nei dipartimenti di León e Chinandega.
La preoccupazione in questo momento è che le persone siano protette dalle ceneri, che possono contaminare l'acqua potabile e il cibo.

Fonte:http://www.thedayafterjournal.com/2015/05/il-vulcano-telica-ruggisce-e-oscura-il.html

BENVENUTI!!!



LIBRI LETTI
TEMPESTA GLOBALE,ART BELL,WHITLEY STRIEBER;LA PROSSIMA ERA GLACIALE,ROBERT W.FELIX;ARCHEOLOGIA PROIBITA,STORIA SEGRETA DELLA RAZZA UMANA,MICHAEL A.CREMO,RICHARD L. THOMPSON;MONDI IN COLLISIONE,IMMANUEL VELIKOVKY;LE CICATRICI DELLA TERRA,IMMANUEL VELIKOVSKY;HO SCOPERTO LA VERA ATLANTIDE,MARCO BULLONI;GLI EREDI DI ATLANTIDE,RAND FLEM ATH;IL PIANETA DEGLI DEI,ZACHARIA SITCHIN;IMPRONTE DEGLI DEI,GRAHAM HANCOCK;LA FINE DI ATLANTIDE,RAND FLEM ATH;I MAYA E IL 2012,SABRINA MUGNOS;LA VENDETTA DEI FARAONI,NAUD YVES,L'EGITTO DEI FARAONI,NAUD YVES;LA STORIA PROIBITA,J.DOUGLAS KENYON;SOPRAVVIVERE AL 2012,PATRICK GERYL;STATO DI PAURA,MICHAEL CHRICHTON;APOCALISSE 2012,JOSEPH LAWRENCE;I SERVIZI SEGRETI DEL VATICANO,DAVID ALVAREZ;GENGIS KHAN E L'IMPERO DEI MONGOLI,MICHAEL GIBSON;SCOPERTE ARCHEOLOGICHE NON AUTORIZZATE,MARCO PIZZUTI;UNA SCOMODA VERITA',AL GORE;ECC..
(NON TUTTI GLI ARGOMENTI O TALVOLTA I LIBRI STESSI SONO DA ME CONDIVISI)

INDIRIZZO E-MAIL

Per contattarmi:

angelfallendark@hotmail.it


Cerca nel blog

Lettori fissi

Archivio blog