ATTUALE CONFIGURAZIONE PLANETARIA DEL SISTEMA SOLARE


Visualizzazione post con etichetta Muro di Berlino. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Muro di Berlino. Mostra tutti i post

martedì 12 gennaio 2016

IL MONDO SAREBBE MIGLIORE SE LA RUSSIA SI FOSSE AFFERMATA NEGLI ANNI NOVANTA, CONFERMA PUTIN


La caduta del muro di Berlino e l'URSS non hanno unito l'Europa, ma solo spostato la linea di divisione est.
L'Occidente dichiara ancora la Russia un nemico ogni volta che Mosca prende una posizione indipendente e afferma i propri interessi nazionali, ha detto il presidente Putin al Bild.
"Abbiamo fatto tutto sbagliato fin dall'inizio," il presidente russo Vladimir Putin l'ha detto in un'intervista al quotidiano tedesco Bild "Non abbiamo superato la divisione dell'Europa. Venticinque anni fa, il muro di Berlino è caduto, ma la divisione dell'Europa non è stata superata, muri invisibili semplicemente si sono spostati ad est. Questo ha creato le basi per rimproveri reciproci, incomprensioni, e le crisi in futuro. "
Errore più importante della Russia in questi anni è stato un fallimento a non dichiararci con chiarezza e proteggere gli interessi nazionali dal primo giorno attivamente, ha detto Putin.
"Non siamo riusciti a far valere i nostri interessi nazionali, mentre avremmo dovuto farli fin dall'inizio. Allora il mondo intero avrebbe potuto essere più equilibrato ", ha detto Putin.
Politici tedeschi avevano previsto che l'antagonismo tra gli avversari della Guerra Fredda sarebbe solo crescito a meno che il formato delle relazioni internazionali e rapporti di forza in Europa cambiasse radicalmente, ha detto il presidente russo, citando registrazione archiviate di colloqui che hanno avuto luogo tra diplomatici tedeschi e sovietici, al momento.
Il "Patriarca della politica europea", al momento, il diplomatico tedesco Egon Karl-Heinz Bahr ha detto nel 26 giugno 1990: "Se mentre uniamo la Germania non prendiamo misure decisive per superare la divisione dell'Europa in blocchi ostili, gli sviluppi possono prendere una svolta tale sfavorevole che l'URSS sarà destinata all'isolamento internazionale. "
Tutta l'Europa centrale, sia con la Germania Est o senza di essa, secondo le proposte concrete di Bahr, avrebbe dovuto costituire un'alleanza separata con la partecipazione sia dell'Unione Sovietica e gli Stati Uniti, ha detto Putin.
Se ci fosse stata la volontà politica, se avessero voluto, avrebbero potuto fare qualsiasi cosa", ha detto Putin. Ma nessuna alleanza comune, veramente per unire l'intera Europa è stata creata, con la NATO invece si è agito in violazione di tutte le promesse espandendosi verso est.
"Volevano regnare", ha detto il leader russo. "Negli ultimi 20-25 anni, soprattutto dopo il crollo dell'Unione Sovietica, quando il secondo centro di gravità del mondo scomparso, c'era il desiderio di godere appieno della propria presenza solo al vertice di fama mondiale, il potere e la prosperità. Non c'era assolutamente nessun desiderio di girare o di diritto internazionale o alla Carta delle Nazioni Unite. Ovunque sono diventati un ostacolo, l'ONU è stato immediatamente dichiarato obsoleto. "
Il mondo di oggi si trova ad affrontare numerose minacce e sfide comuni, dal terrorismo internazionale al traffico e le crisi di profughi umani, e la Russia, secondo Putin, sarebbe contenta se tutti i paesi aderissero i loro sforzi per superarle.
"Ma questo non vuol dire che sia noi che dovrebbe essere d'accordo con tutto quello che gli altri decidono su queste o altre questioni", ha detto Putin, ribadendo il suo intervento alla celebrazione del 70 ° anniversario delle Nazioni Unite a New York.
"Inoltre, se qualcuno non è felice con la nostra posizione, non potevano trovare una soluzione migliore rispetto a noi che dichiara un nemico ogni volta. Non sarebbe meglio ascoltare noi, di riflettere criticamente su quello che diciamo, ad accettare di qualcosa e di cercare una soluzione comune? "
Al fine di sviluppare le relazioni tra la Russia e vicini dell'Europa, così come partner di tutto il mondo, in modo costruttivo, una semplice condizione deve essere osservata:
"Abbiamo bisogno di rispettarci l'altro, reciproci interessi e seguire le stesse regole, invece di, in continua evoluzione loro di soddisfare gli interessi di qualcuno", ha detto Putin, sottolineando che i 146 milioni di persone della Federazione Russa hanno anche i propri interessi che egli ha promesso di proteggere. "Siamo pronti a farlo in modo non conflittuale, a cercare un compromesso, ma, naturalmente, basato sul diritto internazionale, che deve essere inteso in modo uniforme da tutti."

Fonte:http://russia-insider.com/en/politics/world-would-be-better-if-russia-had-asserted-itself-90s-says-putin/ri12163

lunedì 11 gennaio 2016

PUTIN: DOPO IL CROLLO DEL MURO DI BERLINO ABBIAMO SBAGLIATO TUTTO

Il capo del Cremlino alla Bild: "Dopo la caduta del muro di Berlino abbiamo sbagliato tutto". Ma tende la mano all'Europa: "Siamo pronti a un compromesso"

"La Nato non avrebbe dovuto espandersi a Est. Ma la Nato e gli Stati Uniti volevano una vittoria completa sull'Urss, volevano sedersi sul trono dell'Europa da soli.
Ora però siedono lì e stiamo parlando di queste crisi che altrimenti non avremmo avuto". In una intervista alla Bild, il presidente Vladimir Putin accusa apertamente l'Occidente, e in particolar modo l'America, di aver sfidato, provocato e, infine, attaccato la Russia. "Venticinque anni fa cadde il muro di Berlino ma altri muri invisibili sono stati spostati nell'Europa dell'Est - spiega - non siamo riusciti a superare la divisione dell'Europa, questo ha portato a fraintendimenti reciproci e accuse. Ed è la causa di tutte le crisi".
Nell'intervista alla Bild, Putin torna a invocare "una coalizione mondiale contro il terrorismo", ma non nasconde che da tempo il gioco al massacro portato avanti dall'Occidente fomentando le crisi internazionali non fa altro che esacerbare lo stesso terrorismo. Il capo del Cremlino ricorda, infatti, che "siamo tutti alle prese con gli stessi problemi". Eppure i personalismi dei singoli leader portano l'Unione europea e gli Stati Uniti a contrapporsi alla Russia favorendo in questo modo il terrorismo. Per quanto riguarda la Russia, secondo Putin, "l'errore" che ha portato all'attuale situazione di crisi in Europa è stato quello di "essere arrivati in ritardo". "Se avessimo spiegato quali erano i nostri interessi nazionali più chiaramente fin dall'inizio - spiega - il mondo sarebbe ancora in equilibrio". "Dopo la caduta dell'Unione Sovietica - aggiunge - avevamo molti problemi da affrontare per i quali possiamo solo incolpare noi stessi: la crisi economica, il collasso del welfare, il separatismo e gli attacchi terroristici che hanno sconquassato il Paese".
All'Unione europea Putin rinfaccia, in modo particolare, le sanzioni contro la Russia. "Sono stupide e dannose", dice. Perché, anche se non rappresentano la cosa più difficile che il Paese sta vivendo, influiscono sulla sua economia. L'interscambio commerciale tra la Russia e la Germania era, tanto per fare un esempio, di circa 85 miliardi di dollari. Un giro di affari che, anche grazie alla cooperazione tra i due Paesi, aveva contribuito a creare molti posti di lavoro. "Cosa sono le restrizioni che stiamo affrontando? Non la cosa peggiore - spiega Putin - ma (la situazione) è dannosa anche per la nostra economia, in quanto colpisce il nostro accesso ai mercati finanziari internazionali". La Russia è, comunque, pronta al compromesso nella cooperazione con l'Europa, ma solo sulla base del diritto internazionale. "Dobbiamo rispettarci l'un l'altro - mette in chiaro il capo del Cremlino - rispettare i nostri interessi reciproci e seguire le stesse regole, invece che cambiarle costantemente per adattarle agli interessi di qualcuno". E il pensiero va all'annessione della penisola ucraina della Crimea. "Se i kosovari hanno il diritto all'autodeterminazione, perché le persone che vivono in Crimea no? - chiede - tutti devono rispettare il diritto internazionale e non cambiarlo ogni volta che si ha voglia di farlo". Sottolineando ancora una volta che 146 milioni di cittadini russi hanno i propri interessi che lui stesso ha giurato di proteggere, Putin assicura di non volere lo scontro, ma di "cercare il compromesso". Che, però, deve essere "basato sul diritto internazionale, compreso da tutti in modo uniforme".


Fonte:http://www.ilgiornale.it/news/mondo/putin-accusa-nato-e-america-volevano-essere-soli-sul-trono-d-1212013.html

BENVENUTI!!!



LIBRI LETTI
TEMPESTA GLOBALE,ART BELL,WHITLEY STRIEBER;LA PROSSIMA ERA GLACIALE,ROBERT W.FELIX;ARCHEOLOGIA PROIBITA,STORIA SEGRETA DELLA RAZZA UMANA,MICHAEL A.CREMO,RICHARD L. THOMPSON;MONDI IN COLLISIONE,IMMANUEL VELIKOVKY;LE CICATRICI DELLA TERRA,IMMANUEL VELIKOVSKY;HO SCOPERTO LA VERA ATLANTIDE,MARCO BULLONI;GLI EREDI DI ATLANTIDE,RAND FLEM ATH;IL PIANETA DEGLI DEI,ZACHARIA SITCHIN;IMPRONTE DEGLI DEI,GRAHAM HANCOCK;LA FINE DI ATLANTIDE,RAND FLEM ATH;I MAYA E IL 2012,SABRINA MUGNOS;LA VENDETTA DEI FARAONI,NAUD YVES,L'EGITTO DEI FARAONI,NAUD YVES;LA STORIA PROIBITA,J.DOUGLAS KENYON;SOPRAVVIVERE AL 2012,PATRICK GERYL;STATO DI PAURA,MICHAEL CHRICHTON;APOCALISSE 2012,JOSEPH LAWRENCE;I SERVIZI SEGRETI DEL VATICANO,DAVID ALVAREZ;GENGIS KHAN E L'IMPERO DEI MONGOLI,MICHAEL GIBSON;SCOPERTE ARCHEOLOGICHE NON AUTORIZZATE,MARCO PIZZUTI;UNA SCOMODA VERITA',AL GORE;ECC..
(NON TUTTI GLI ARGOMENTI O TALVOLTA I LIBRI STESSI SONO DA ME CONDIVISI)

INDIRIZZO E-MAIL

Per contattarmi:

angelfallendark@hotmail.it


Cerca nel blog

Lettori fissi

Archivio blog