ATTUALE CONFIGURAZIONE PLANETARIA DEL SISTEMA SOLARE


Visualizzazione post con etichetta Mar Baltico. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Mar Baltico. Mostra tutti i post

mercoledì 6 luglio 2016

LA FEDERAZIONE RUSSA INSTALLERA' DUE STAZIONI RADAR NEL BALTICO E IN CRIMEA

La Russia, per compensare la crescita dell'attività militare della NATO, potrebbe installare sul Mar Baltico e sul Mar Nero due stazioni radar "Girasole", capaci di controllare fino a 200 miglia dalla zona costiera.

"Si prevede che un radar ‘Girasole' modificato entri in servizio nella zona Baltica nel 2017", ha dichiarato una fonte che ha preferito restare anonima al portale Interfax.
Secondo la fonte, un radar simile nel 2017 potrebbe essere collocato anche in Crimea e "vedrà qualsiasi nave da guerra che naviga nel Bosforo".
Il radar "Girasole" ha superato i test statali nel 2006. Attualmente sono tre le stazioni in servizio: una nel Mare di Okhotsk, una nel Mar del Giappone e la terza sul Caspio.

Fonte:http://it.sputniknews.com/mondo/20160705/3051063/russia-radar-girasole.html

venerdì 15 aprile 2016

IL PENTAGONO TENTA DI DENIGRARE LA PROFESSIONALITA' DEI JET RUSSI SUL BALTICO


Nei giorni scorsi, una nave degli Stati Uniti si è eccessivamente avvicinata alla base russa di Kalingrad, nel Mar Baltico e in risposta la Federazione Russa ha agito in modo simile con due jet che hanno sorvolato la nave americana con manovre che hanno spiazzato, oltre che sconcertato, il personale di bordo.
Durante il sorvolo del cacciatorpediniere americano “Donald Cook” nelle acque internazionali del Baltico gli equipaggi dei caccia russi Su-24 hanno osservato tutte le misure di sicurezza, ha riferito il portavoce del ministero della Difesa della Russia Igor Konashenkov.

"Dopo aver avvistato la nave, i piloti russi hanno effettuato un'inversione di volo nel rispetto di tutte le misure di sicurezza," — ha dichiarato oggi ai giornalisti il generale Konashenkov.
"Francamente, — afferma il generale — non capiscono il motivo di una reazione così insofferente dei nostri partner americani. Nei pressi della base navale russa della Flotta del Baltico il principio della libertà di navigazione del cacciatorpediniere americano non nega il principio della libertà di sorvolo degli aerei russi".
Il generale ha osservato che il 13 aprile gli equipaggi dei caccia Su-24 stavano effettuando voli di addestramento di routine sulle acque neutrali del Mar Baltico.
Nei confronti della Federazione Russa, gli aerei americani hanno più volte in passato effettuato simili avvertimenti, come quelli che spesso si osservano anche sulla isole artificiali in fase di costruzione della Repubblica Cinese.
L'eccessivo avvicinamento del cacciatorpediniere americano nei confronti della base militare russa a Kalingrad ha semplicemente ricevuto una risposta altrettanto ferma.
Le competenze acrobazie dei piloti russi oltre il cacciatorpediniere statunitense Donald Cook nel Mar Baltico hanno portato il Pentagono e un'altro funzionario Usa a correre ai ripari a Washington definendo le "interazioni stretti aggressivi" con i jet russi da caombattimento.
Rilasciando il filmato dei jet russi in prossimità del distruttore, la US Navy ha detto che la sua nave ha incontrato più "manovre di volo aggressivi ... in prossimità della nave", alcune più vicino a 30 piedi (10 metri).
La serie avvertimenti ha avuto luogo mentre la nave degli Stati Uniti, che aveva navigato dal porto polacco di Gdynia, stava conducendo esercizi con il suo alleato NATO-Polonia nel Mar Baltico.
La Marina ha annunciato che il SU-24 prima ha sorvolato Donald Cook Lunedi mentre i marinai americani stavano provando "esercitazioni di sbarco del ponte con un elicottero militare alleato [polacco] ". I numerosi avvertimenti ravvicinati a bassa quota hanno costretto il comandante della nave a sospendere il rifornimento dell'elicottero sul ponte fino a quando i jet russi hanno abbandonato la zona.

Secondo un funzionario della difesa degli Stati Uniti che ha parlato con Defense News, i marinai a bordo del Donald Cook hanno affermato che i jet russi a bassa quota hanno mosso le acque e creato una scia sotto la nave.
Il personale degli Stati Uniti sulle navi americane, ha anche sostenuto che i Su-24 era "ali pulita", ciò significa che nessun armamenti erano presente sui jet russi che avrebbero potuto porre una minaccia per le operazioni degli Stati Uniti nel Baltico.
Eppure, allo stesso tempo, il funzionario ha osservato, che gli incidenti di questa settimana sono "più aggressivi di tutto ciò che abbiamo visto in un certo tempo", come il SU-24 sembrava di volare in un "profilo d'attacco simulato".
I sorvoli russi hanno provocato panico a Washington, con il portavoce della Casa Bianca Josh Earnest che ha definito le azioni dei piloti russi "provocatorie" e "in contrasto con le norme professionali dei militari."
In realtà dopo anni di comportamento aggressivo da parte del governo americano nei confronti della Federazione Russa, quest'ultima semplicemente ha iniziato a porre un freno alla politica aggressiva di Washington lungo i suoi stessi confini.
Non è un caso che la NATO schierandosi lungo il territorio confinante della Federazione Russa abbia aumentato i personale e il materiale di natura militare, ponendo di conseguenza e di proposito un pericolo per la nazione.
Un simile atteggiamento provocatorio da parte di chi dichiarava di volere il dialogo altro non necessitava di una risposta altrettanto ferma.
Secondo il rappresentante della NATO, l'Alleanza Atlantica è molto preoccupata dalla considerevole concentrazione di truppe in Crimea.
"Il potenziale dislocamento di armi nucleari sarà inoltre un fattore destabilizzante e un'ulteriore violazione del Memorandum di Budapest," — ha detto Vershbow nel corso di un forum sulla sicurezza nella capitale ucraina.
Secondo Vershbow, le truppe russe creeranno ostacoli al libero movimento delle forze della NATO nella regione. I militari della NATO temono un aumento dei missili terrestri e navali in Crimea.
Vershbow ha esortato a sviluppare un approccio maggiormente di lungo periodo sulla politica di contenimento nel Mar Nero, che possa includere "la presenza di forze navali su una base permanente."
Oltre ai membri già fatti entrare nell'Alleanza — Bulgaria, Romania e Turchia — la NATO vede l'Ucraina e la Georgia come alleati nel contenimento della Russia.
Dal momento che la Crimea ha scelto di essere parte del territorio della Federazione Russa, la presenza militare a anche di missili nucleari in Crimea è piuttosto normale e legittima, tutte queste preoccupazioni nascono dal fatto che la Russia semplicemente tenta di difendersi da una serie di Paesi che vogliono la guerra.
Mai come negli ultimi vent'anni la NATO è stata tanto pericolosa per la sicurezza mondiale.




venerdì 12 febbraio 2016

L'INGHILTERRA VUOLE MANDARE TRUPPE DELL'ESERCITO NEL BALTICO PER UNA POSSIBILE FUTURA GUERRA CONTRO LA RUSSIA


Insieme con altri paesi membri della NATO, la Gran Bretagna vorrebbe mandare forze militari ad est d'Europa per essere pronti per qualsiasi imminente scontro con le forze russe.
Secondo Telegraph, i militari britannici, statunitensi e tedeschi presto invieranno nel Baltico, orientale e meridionale, la preparazione per un eventuale confronto con le forze russe in futuro.
I ministri della difesa dei paesi membri della NATO si incontreranno Mercoledì a Bruxelles, e discutere.
I ministri della difesa della NATO discuteranno il nuovo piano della NATO nel contesto del rafforzamento delle forze militari nel Mar Baltico, dell'Europa centrale e meridionale, per la lotta contro l'instabilità e prepararsi a qualsiasi attacco alle forze russe.
Ciò comprende l'invio di contingenti di 500 a 1000 persone in Estonia, Lettonia, Polonia, Romania e Bulgaria.

Fonte:http://fr.azvision.az/La_Grande-Bretagne_envoie_des_-9073-xeber.html

lunedì 8 febbraio 2016

LA POLONIA CONFERMA CON LA NORVEGIA LA COSTRUZIONE DEL GASDOTTO BALTICO

Rispolverare l'idea di riprendere la discussione sulla costruzione del gasdotto dalla Norvegia alla Polonia “Baltic Pipe” solleva molte domande sulla fattibilità economica del progetto, ha detto in un'intervista esclusiva con l'edizione polacca di Sputnik l'esperto della società “Platts” Stuart Elliott

Nel corso di una visita in Norvegia, il primo ministro polacco Beata Szydło ha sottolineato che il suo governo spera nel rilancio del progetto di "Baltic Pipe", un gasdotto sottomarino che collegherà i giacimenti norvegesi alla Polonia tramite la Danimarca.
Secondo la Szydło, ora per questo "buon passo importante" si è creato un "buon clima" e il compito di diversificare le fonti di energia per il suo governo è uno dei punti chiavi del programma.
Commentando per l'edizione polacca di Sputnik la razionalità della ripresa del progetto "Baltic Pipe" in termini di costo, l'esperto della società "Platts" Stuart Elliott ha osservato che "i piani per costruire una nuova rete di gasdotti, che permetterebbero alla Polonia di importare gas direttamente dalla Norvegia, sono di lungo corso, ma per 2 volte sono stati accantonati per la mancanza di redditività dello stesso progetto."
"Per la sua implementazione, è richiesto l'appoggio di Norvegia e Danimarca, per cui l'attrattività finanziaria non è molto evidente. Tuttavia si ha la sensazione che la Polonia sia alla ricerca di alternative per ridurre la sua dipendenza dalle forniture di gas dalla Russia, ed è pronta a fare ulteriori sforzi in questa direzione", — suppone Elliott.
Allo stesso tempo, parlando della possibilità tecnica di costruire un gasdotto dal Mare del Nord verso la Polonia, l'esperto internazionale ha detto che "il gasdotto può essere costruito anche su un tratto più difficile, come ad esempio avvenuto con Nord Stream".
"La questione è quanto sia necessario e conveniente un gasdotto dalla Norvegia alla Polonia, date le incerte prospettive della domanda di gas in Europa, gli attuali prezzi estremamente bassi delle materie prime, così come mettendo in funzione il rigassificatore a Swinoujscie, la Polonia ha già compiuto un significativo passo in avanti in termini di diversificazione degli approvvigionamenti", — rileva Stuart Elliott.
La società "Platts", fondata nel 1909, è una società di consulenza leader per i mercati energetici, petrolchimici, siderurgici e sui prodotti agricoli, così come la più autorevole fonte di riferimento nella valutazione dei mercati reali ed energetici futuri. La società fa parte del gruppo "McGraw Hill Financial"; la sede principale della "Platts" è a Londra.

Fonte:http://it.sputniknews.com/economia/20160204/2033019/gas-energia-gasdotto-Polonia-Norvegia.html#ixzz3zaRhBs28

mercoledì 30 dicembre 2015

SENSIBILE DECLINO TERMICO SULL'EUROPA OCCIDENTALE, MINIMIME DI MENO QUINDICI SULLE NAZIONI BALTICHE


Sta scendendo sull’Europa Orientale la massa di aria fredda prevista dai centri di calcolo matematici nei giorni passati, favorita anche da una espansione record verso nord di aria calda.
Molti si meravigliano del fatto che faccia caldo al Polo Nord e contemporaneamente freddo in Europa, ma si tratta del meccanismo tipico delle ondate di freddo nel nostro Continente, quando aria fredda scende dal Polo verso sud, deve per forza essere sostituita da aria calda proveniente da sud, e così si spiegano i +8°C registrati in queste ore sulle Isole Svalbard, al largo della Norvegia.
Nel freddissimo Gennaio del 1985, a Firenze la temperatura scese fino a -23°C, mentre in Lapponia salì fino a +1°C, mentre nell’altrettanto gelido Febbraio del 1956 la temperatura risalì fino a +13°C lungo le coste della Groenlandia!
Tale massa gelida non ha per obbiettivo la nostra Penisola, che verrà comunque sfiorata da infiltrazioni di aria fredda.
Il contemporaneo arrivo di perturbazioni atlantiche potrebbe favorire nevicate sul Nord Italia.
Ma tornando all’argomento dell’articolo, notiamo questa mattina i primi valori minimi a doppia cifra su numerosi Paesi dell’Europa Orientale.
A Jovega, in Estonia, la temperatura è scesa fino a -14,3°C sotto una fitta nevicata; Vilnius, la capitale della Lituania, è scesa a -12,9°C; Jelgava, in Lettonia, a -15,7°C, e Lyntupy, in Bielorussia, a -15,6°C.
Questa massa fredda continuerà a scivolare verso i Balcani ed il Mar Nero, per poi prendere possesso del Mar Baltico e della Scandinavia, dove si registreranno temperature bassissime nei prossimi giorni.

Mappa da meteomodel.pl.


Fonte:http://freddofili.it/2015/12/30/sensibile-raffreddamento-sulleuropa-orientale-prime-minime-sotto-i-quindici-gradi-sotto-lo-zero-sui-paesi-baltici/

venerdì 19 giugno 2015

RUSSIA: GAZPROM EDIFICHERA' UN NUOVO GASDOTTO DALLA RUSSIA ALLA GERMANIA ATTRAVERSO IL BALTICO


“Gazprom”, “E.ON”, “Shell” e “OMV” hanno in programma di costruire un gasdotto dalla Russia alla Germania attraverso il Mar Baltico con una capacità di 55 miliardi di metri cubi l'anno, si legge in un comunicato della società russa.
"Il memorandum riflette la volontà delle parti di realizzare il progetto di costruzione di 2 rami del gasdotto dalle coste della Russia fino alla costa tedesca attraverso il Mar Baltico. La capacità del nuovo gasdotto sarà di 55 miliardi di metri cubi l'anno,"- si legge nel comunicato.
Nell'ambito del Forum Economico Internazionale di San Pietroburgo, "Gazprom", "E.On", "Shell" ed "OMV" hanno firmato un protocollo d'intesa che prevede la collaborazione di tutte le società sopracitate all'interno del progetto infrastrutturale di trasporto del gas per la fornitura diretta di gas naturale russo per i clienti europei.
"A breve le parti procederanno alla creazione di una joint venture per il progetto. Le parti prevedono di sfruttare l'esperienza positiva e i lavori di "Nord Stream AG", che la società conduce dal 2012, comprese le ricerche per gli investmenti preliminari,"- ha riferito la compagnia russa.
Il rappresentante ufficiale di "Gazprom" Sergej Kupriyanov ha detto ai giornalisti che "Gazprom" otterrà almeno il 51% delle quote della joint venture che verrà creata. Il percorso del nuovo gasdotto sarà analogo a quello di "Nord Stream", ha aggiunto Kupriyanov.


Fonte:http://www.lantidiplomatico.it/dettnews.php?idx=11&pg=12028

BENVENUTI!!!



LIBRI LETTI
TEMPESTA GLOBALE,ART BELL,WHITLEY STRIEBER;LA PROSSIMA ERA GLACIALE,ROBERT W.FELIX;ARCHEOLOGIA PROIBITA,STORIA SEGRETA DELLA RAZZA UMANA,MICHAEL A.CREMO,RICHARD L. THOMPSON;MONDI IN COLLISIONE,IMMANUEL VELIKOVKY;LE CICATRICI DELLA TERRA,IMMANUEL VELIKOVSKY;HO SCOPERTO LA VERA ATLANTIDE,MARCO BULLONI;GLI EREDI DI ATLANTIDE,RAND FLEM ATH;IL PIANETA DEGLI DEI,ZACHARIA SITCHIN;IMPRONTE DEGLI DEI,GRAHAM HANCOCK;LA FINE DI ATLANTIDE,RAND FLEM ATH;I MAYA E IL 2012,SABRINA MUGNOS;LA VENDETTA DEI FARAONI,NAUD YVES,L'EGITTO DEI FARAONI,NAUD YVES;LA STORIA PROIBITA,J.DOUGLAS KENYON;SOPRAVVIVERE AL 2012,PATRICK GERYL;STATO DI PAURA,MICHAEL CHRICHTON;APOCALISSE 2012,JOSEPH LAWRENCE;I SERVIZI SEGRETI DEL VATICANO,DAVID ALVAREZ;GENGIS KHAN E L'IMPERO DEI MONGOLI,MICHAEL GIBSON;SCOPERTE ARCHEOLOGICHE NON AUTORIZZATE,MARCO PIZZUTI;UNA SCOMODA VERITA',AL GORE;ECC..
(NON TUTTI GLI ARGOMENTI O TALVOLTA I LIBRI STESSI SONO DA ME CONDIVISI)

INDIRIZZO E-MAIL

Per contattarmi:

angelfallendark@hotmail.it


Cerca nel blog

Lettori fissi

Archivio blog