ATTUALE CONFIGURAZIONE PLANETARIA DEL SISTEMA SOLARE


Visualizzazione post con etichetta Indonesia. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Indonesia. Mostra tutti i post

venerdì 7 aprile 2017

INDONESIA: ELEVATA ALLERTA PER IL VULCANO BANDA API


Il vulcano Banda Api forma una piccola isola di 3 km di larghezza del Mar di Banda, Indonesia, 130 km a sud di Makulu Island.
Il vulcano sorge a 4000 m dal fondo del mare ed è il cono più recente e molto attivo della caldera di 7 km di larghezza prevalentemente sotto acqua.
Nonostante la sua posizione remota, si colloca tra i vulcani in Indonesia con la storia meglio documentata (dal 1586), grazie alla sua posizione strategica, a un bivio delle rotte del commercio delle spezie portoghesi e olandesi.
La caldera ha 3 altre isole che formano le pareti meridionali e orientali: Lonthor, Pisang e Kapal.
L'attività storica della Banda Api è di tipo prevalentemente stromboliana con colate laviche occasionali, alcune delle quali che hanno raggiunto il mare.
A causa della suo comportamento (per l'Indonesia) insolitamente attivo e le attività frequenti, a Banda Api è stato anche dato il soprannome di "Etna del Mare di Banda".
Banda Api ha eruttato l'ultima volta in modo esplosivo il 9 maggio 1988.
Una colonna di ceneri ha raggiunto i 3 km di altezza con grosse bombe incandescenti.
I flussi di lava hanno viaggiato a est verso Neira Island.
Una fila di 5 crateri erano attivi al vertice. Le osservazioni satellitari hanno mostrato che la cenere dall'eruzione ha raggiunto un'altitudine di 16 km.
L'eruzione si è conclusa nel mese di agosto 1988.
Recentemente il VSI ha aumentato il livello di allerta di Banda Api nell'arcipelago delle Molucche in Waspada il 5 aprile 2017, a seguito di un aumento della sismicità, con un 1 km dalla zona rossa intorno al cratere.

Il 4 aprile, è stato registrato un marcato aumento dei terremoti a causa della fratturazione della roccia fratturazione a causa dei movimenti del magma, la sequenza ricorda le prime fasi dell'eruzione di maggio 1988.



Fonti:
https://www.volcanodiscovery.com/banda_api.htmlhttp://www.earth-of-fire.com/2017/04/evacuations-in-banda-api/moluccas.html

giovedì 16 marzo 2017

INDONESIA, ISOLA DI FLORES: SI RISVEGLIA IL VULCANO EBULOBO


Sulla base di osservazioni PVMBG, il Darwin VAAC ha riferito che il 12 marzo un pennacchio di cenere da Ebulobo è salito a un'altitudine di 3 km (10.000 ft)
Ebulobo (chiamato anche Amburombu o Keo Peak), è uno stratovulcano simmetrica nel centro di Flores Island.
Ha una cupola di lava a 250 m nel cratere sommitale, violato su 3 lati.
Nel 1830, una colata lavica dalla sommità ha raggiunto i 4 km di lunghezza.
Una piccola eruzione al vertice si è verificato il 28 febbraio 1969 in cui sono stati segnalati "fuoco", vapore e cenere.
Il tipico stile delle sue eruzioni è esplosiva ed effusivo.(cupole di lava)

Fonte:http://lechaudrondevulcain.com/blog/2017/03/16/march-03-2017-en-nevados-de-chillan-etna-fuego-elubolo/

mercoledì 14 dicembre 2016

NUMEROSE POTENZE ASIATICHE STANNO AMMODERANDO IL LORO ESERCITO


La situazione geo-politica in Asia in cui la Cina e l'India sono emersi come i principali concorrenti sta promuovendo una corsa agli armamenti nella regione.
Entrambi i paesi hanno aumentato la loro spesa militare considerevolmente.
Secondo il rapporto della consulenza della difesa di Jane, il bilancio della difesa annuale della Cina è di $ 146.000.000.000.
Si prevede un aumento del cinque per cento ogni anno per arrivare agli $ 233.000.000.000 entro il 2020.
La Cina è anche uno dei principali esportatori di armi a diverse nazioni asiatiche.
In realtà, è emerso come terzo fornitore di armi più grande al mondo.
Secondo l'Istituto internazionale di Stoccolma, Peace Research, Pakistan consuma circa il 35 per cento delle forniture di armamenti dalla Cina, mentre il Bangladesh consuma il 20 per cento.
Pertanto, l'aumento della spesa militare cinese e l'esportazione di armi ha alimentato la corsa agli armamenti nella regione asiatica.
In effetti, diversi paesi asiatici sono su un periodo di modernizzazione e armamento delle loro nazioni con armi moderne e sofisticate per tenere il passo con le esigenze di sicurezza in continua evoluzione.
Secondo l'Istituto Internazionale di Stoccolma Peace Research, il Vietnam ha aumentato la sua spesa militare del 7,6 per cento, Filippine del 25 per cento e Indonesia del 16 per cento.
L'India vuole diventare una forte potenza nella regione, non solo per contrastare la Cina, ma anche per aumentare la sua sfera di influenza nella regione.
L'India sta rapidamente armando e ammodernizzando le sue forze di difesa.
Recentemente, il governo fatto diversi progetti tra cui l'acquisto di aerei da combattim Rafel, navi da guerra, carri armati russi T-90, missili ed elicotteri da combattimento.
La preparazione della difesa dell'India è rivolta principalmente a difendere qualsiasi aggressione dalla Cina e Pakistan.
L'aumento della presenza militare cinese nell'Oceano Indiano orientale e la presenza dell'India nel Mar Cinese Meridionale attraverso imprese commerciali con il Vietnam ha anche aumentato la corsa agli armamenti nella regione.
Il bilancio della difesa annuo in India è di soli $ 51 miliardi di dollari.
Ma l'attuale governo è in un periodo di transizione della modernizzazione e aumenterà notevolmente la spesa militare nei prossimi anni.
L'India sta modernizzando il suo esercito in quanto la maggior parte dei suoi armamenti sono obsoleti e necessita di una tecnologia all'avanguardia.
E 'anche a breve nei numeri necessari per montare un deterrente credibile.
Secondo il rapporto di Jane, il bilancio della difesa combinato nella regione Asia-Pacifico è probabile che diventi $ 533.000.000.000 entro il 2020 nella somma corrente delle spese militari dei vari paesi della regione.
A causa della maggiore minaccia marittima diversi paesi asiatici come l'Indonesia, Giappone, Singapore, Vietnam, Pakistan, Cina e India stanno assemblando o l'acquistando un buon numero di sottomarini. "L'Asia sta diventando il fulcro di potente attività economica. Ogni paese della regione sta cercando di aumentare la sua sfera di influenza. La strategia per salvaguardare i propri interessi in terra e in mare da Cina e India ha portato altri Paesi ad armarsi. "

Fonte:https://sputniknews.com/asia/201612141048545714-race-india-cjina/

lunedì 31 ottobre 2016

LA REPUBBLICA DI INDONESIA SI CANDIDA A DIVENTARE MEMBRO DELL'UNIONE ECONOMICA EURASIATICA

L'Indonesia esprime interesse a diventare membro dell'Unione Economica Eurasiatica (EEU), ha riferito l'ambasciatore in Indonesia a Mosca.

L'Indonesia è interessata a diventare un membro della Unione Economica Eurasiatica (EEU) e questo problema sarà discusso nel corso di una riunione della commissione intergovernativa Russia-Indonesia in materia di cooperazione economica, riferisce Wahid Supriyadi, l'ambasciatore in Indonesia a Mosca.
La riunione della commissione intergovernativa sarà co-presieduta dal Ministro dell'Industria e del Commercio russo Denis Manturov e il ministro economico di coordinamento dell'Indonesia Darmin Nasution.
"L'ordine del giorno della riunione della commissione intergovernativa comprende una serie di questioni importanti, di investimento ed economiche, tra cui la possibilità di partecipazione dell'Indonesia nel EEU. Jakarta è fortemente interessato a far parte di questa unione, in quanto è un importante mercato potenziale," ha detto Supriyadi.
Nel mese di gennaio, Manturov ha visitato Giacarta e ha detto che la Russia e l'Indonesia hanno studiato la possibilità di colloqui su un accordo di libero scambio, però, è necessaria una discussione dettagliata con la Commissione Economica Eurasiatica.
L'Unione Economica Eurasiatica comprende Armenia, Bielorussia, Kazakistan, Kirghizistan e Russia. Il blocco ha lo scopo di facilitare una maggiore integrazione economica tra i suoi Stati membri, tra cui un flusso aerodinamico di beni, servizi, capitale e lavoro.

Fonte:https://sputniknews.com/politics/201610311046904542-indonesia-eeu-russia-trade/

lunedì 17 ottobre 2016

IN INDONESIA PASSA UNA LEGGE PER LA CASTRAZIONE CHIMICA DEI PEDOFILI


La legge è stata elaborata in risposta alla morte di Yuyun, una ragazza di 14 anni che è stata violentata da un gruppo di 14 ragazzi e gli uomini nel mese di aprile nel villaggio di Sumatra di Kasiah Kasubun. Tre giorni dopo fu trovata morta, sanguinante e ferita con le mani legate dietro la schiena.
La notizia per la morte di Yuyun ha scatenato un social campagna mediatica avviata dall'artista Kartika Jahja, la cui comunità Kolektif Betina (The Female Collective), ha iniziato una campagna di viral video con l'hashtag #Nyala untuk Yuyun (Candele a Yuyun) per sensibilizzare e come modo per discutere la violenza sessuale contro le donne.
Jahja ha detto alla BBC Indonesia , "La violenza sessuale è un problema di emergenza in Indonesia, ma la maggior parte delle persone non si preoccupano di essa. Abbiamo bisogno di stare insieme. In caso contrario, non troveremo la via d'uscita." La madre di Yuyun, Yana, ha detto, "Noi non possediamo molto, i nostri figli sono i nostri beni più preziosi," e che "sono quelli per la quale ho lottato per tutta la mia vita." Ha detto che sua figlia era una studente di talento che sperava di diventare un insegnante, un giorno.
La discussione on-line alla fine si trasformò in una protesta a Jakarta al di fuori del palazzo presidenziale.
Ore prima, il presidente indonesiano Joko Widodo ha twittato "Tutti noi piangiamo la tragica partenza di [Yuyun]", aggiungendo, "Arresteremo e puniremo i colpevoli così severamente come potremmo.
Le donne ed i bambini devono essere protetti dalla violenza."
Come risultato, 12 degli aggressori di Yuyun 7 di loro tra i 16-17 anni di età sono stati imprigionati.
Kate Walton, un attivista per i diritti delle donne con sede a Jakarta che registra la morte di donne indonesiane per mano di uomini ha detto che Yuyun, "è in realtà solo una delle 44 donne e ragazze uccise da uomini e ragazzi nei primi quattro mesi del 2016, ma il suo caso è certamente uno dei più brutali ". La Commissione nazionale sulla violenza contro le donne riferisce che, in media, 35 donne in Indonesia subiscono violenza al viso ogni giorno, con il 70% dei casi che coinvolgono partner sessuali o familiari.
Castrare chimicamente i pedofiliè già consentito in sette stati degli Stati Uniti, Russia, Polonia, Turchia e Corea del Sud, ma l'associazione di indonesiana dei medici i suoi membri sono contrari nei confronti di eseguire la procedura, sostenendo che viola il codice deontologico dei medici.

Fonte:https://sputniknews.com/asia/201610161046376918-indonesian-law-chemical-castration-pedophiles/

venerdì 13 maggio 2016

INDONESIA: SOLLEVATRO A TRE IL LIVELLO DI ALLERTA PER IL VULCANO AWU


Il VSI ha sollevato il livello di allerta per il vulcano Gunung Awu, Sulawesi a Siaga, il III 12 maggio 2016.
Il DPDT raccomanda le zone di evacuazione situate all'interno di 4 chilometri dall'area del vulcano.
"In connessione con l'aumento dell'attività vulcanica in modo significativo nell'ultima settimana e dei terremoti vulcanici sul Monte Awu, per evitare eventi che l'improvvisa eruzione frantumi la cupola di lava lo stato di allerta è stato sollavato", ha detto Sutopo in un comunicato stampa.

Fonte:http://news.okezone.com/read/2016/05/12/340/1387014/aktivitas-vulkanik-meningkat-gunung-awu-siaga

lunedì 9 maggio 2016

INDONESIA: DA ORMAI DIVERSE SETTIMANE FORTE EMISSIONE DI CENERE DAL VULCANO DUKONO


L'attività al vulcano rimane invariata, ma intenso.

Diffusioni di cenere a bassa quota si estendono oltre 100 chilometri in varie direzioni e si possono osservare sulle immagini satellitari quasi ogni giorno.


Fonte:http://www.volcanodiscovery.com/dukono/news/57445/Dukono-volcano-Halmahera-Indonesia-continuing-ash-emissions.html

venerdì 1 aprile 2016

INDONESIA: ISOLE MOLUCCHE: FORTE ATTIVITA' SISMICA SUL VULCANO MAKIAN


Forte attività sismica continua sul vulcano Makian con una debole tendenza di incremento dei terremoti vulcanici bassi durante le scorse settimane, forse in relazione alla salita di una nuova massa magmatica.
Nessuna modifica è visibile in superficie o altri segni allarmanti sono stati osservati sul vulcano.
Mentre una eruzione non è considerata probabile che sia imminente, VSI mantiene il livello di allerta 2 (su una scala da 1-4) e consiglia i residenti e visitatori di non salire sul vulcano e stare lontano dalla vetta in un raggio di 1.5 km distanza.
L'ultima fase eruttiva del Makian risale al 1988.


Fonte:http://www.volcanodiscovery.com/makian/news/57076/Makian-volcano-Kie-Besi-Molucca-Sea-Indonesia-continued-seismic-unrest.html

venerdì 4 marzo 2016

PERCHE' IL GOVERNO DEGLI STATI UNITI VUOLE SOTTRARRE LE ECONOMIE GLOBALI


Vi sono i nuovi dati sulle maggiori economie mondiali. La Russia, naturalmente, continua ad essere una di esse. Secondo la CIA siamo sesti, un gradino sopra il Brasile e uno sotto la Germania. Secondo la Banca Mondiale siamo quinti, più grandi della Germania ma più piccoli del Giappone. Tuttavia, dobbiamo ricordare che la Banca Mondiale fornisce i dati solo per il 2014, ma i dati più recenti probabilmente dimostrano che la Germania è di nuovo un po’ più avanti di noi in quinta posizione. Diamo un’occhiata al quadro. Dal 2000 al 2014 il PIL della Russia è cresciuto del 260%, e nel 2014-2015 è sceso del 4%, sempre secondo CIA, Banca mondiale e altri esperti rinomati. Forse il caso del “calo selvaggio” dell’economia russa e “dei 15 anni perduti” può essere chiuso. Anche con il triste 2015, la nostra economia è cresciuta di 3,5 volte negli ultimi 15 anni, e l’attuale pausa per la crisi della crescita non smentisce la potente ascesa degli anni precedenti. Passiamo ora alla situazione mondiale. Ecco l’elenco delle venti maggiori economie secondo la CIA:
1. Cina
2. USA
3. India
4. Giappone
5. Germania
6. Russia
7. Brasile
8. Indonesia
9. Regno Unito
10. Francia

Come si può vedere, il mondo è cambiato. Se fino a poco prima molti credevano che tutte le cose importanti accadessero negli Stati Uniti (e nelle colonie degli Stati Uniti), ora la Cina è la maggiore economia del mondo, e tre Paesi BRICS sono nella top ten, diventando più difficile ignorare i cambiamenti. Gli Stati Uniti, usi a credersi il “re della collina”, sono in una situazione molto difficile. La perdita del primo posto comporta inevitabilmente perdita nella capacità di mantenere la ‘leva del dollaro’ sul pianeta e ciò significa crollo finanziario completo, seguito dalla necessità d’incollare i cocci rotti dell’economia statunitense a lungo e duramente. Naturalmente, questo problema non è diventato evidente ieri o l’altro ieri. Gli statunitensi hanno creato un piano audace che in caso di successo gli avrebbe permesso altro tempo per saccheggiare il resto del mondo e rimanere al vertice. Il piano era molto semplice, e quindi aveva qualche possibilità di successo. L’idea era incendiare il pianeta, e di conseguenza costringere il denaro a cercare la salvezza nel tranquillo porto statunitense. Primavera araba, SIIL, euromajdan, rifugiati siriani, partenariato transatlantico… anche se non si seguono le notizie da vicino, si sa che gli ultimi anni sono stati abbastanza frenetici. La via principale per iniettare il veleno statunitense sono stati i prestiti in dollari a buon mercato, distribuiti indiscriminatamente, anche a società russe. Cito l’articolo di @crimsonalter che consiglio di leggere per intero: “Per diversi anni la FED ha potuto immergere l’intero pianeta nella liquidità a buon mercato. Sullo sfondo della domanda oggettivamente esistente dal resto del mondo di prestiti a basso costo, la ‘dipendenza’ è stata un successo che in qualche misura ha contribuito al sollievo dei sintomi gravi (non delle cause!) della prima ondata della crisi finanziaria. Questo non è stato molto discusso, ma anche le aziende cinesi sono riuscite ad accumulare prestiti in dollari per circa un trilione. Nel 2015 gli statunitensi decisero che era il momento d’infliggere un serio dolore al pianeta e avviarono i prelievi in dollari o “accesero l’aspirapolvere dei dollari”. L’aumento dei tassi della FED, forte riduzione della disponibilità di liquidità in dollari e conseguente forte apprezzamento del dollaro contro tutte le altre valute, indussero (esclusi gli statunitensi) nell’economia globale uno shock deflazionistico, cioè la forte svalutazione di asset, valute locali, azioni, obbligazioni. Lo shock causò la crisi del credito delle imprese e degli Stati, incapaci di rimborsare i prestiti in dollari. In questo contesto, combinato alla promessa di ‘ferro’ della FED di aumentare ulteriormente il tasso, il capitale dovette fuggire negli USA”.
Fortunatamente per noi, il piano statunitense non ha funzionato. L’aumento dei tassi a dicembre della FED ha portato ad un calo su tutti i mercati, anche degli USA.
Il denaro non è fuggito negli Stati Uniti, ma nell’oro fisico. Le obbligazioni degli Stati Uniti e del mercato azionario statunitense hanno avuto solo le briciole del capitale. Nel frattempo, la Russia, che va bene, è stata la prima a subirne il peso: gli statunitensi chiusero il rubinetto della liquidità in dollari nel 2014.
Di conseguenza, si ricordi, ci fu carenza di dollari e il rublo calò molto, ma l’atteso crollo non ci fu, e ormai gli statunitensi sono a corto di strumenti finanziari per colpire la nostra economia.

Che succederà dopo?
Contrariamente alla convinzione dei teorici della cospirazione, nella politica globale è molto difficile fare qualcosa di nascosto, qualsiasi azione seria richiede la partecipazione di numerosi politici e funzionari coordinati apertamente da organizzatori attraverso dichiarazioni pubbliche e articoli sui media. Ciò significa che se non vediamo il “piano B” degli USA oggi, allora molto probabilmente non esiste. Quindi, possiamo aspettarci ulteriori convulsioni che spaventino gli Stati Uniti che ritardano in sordina il collasso inevitabile e, infine, un’iperinflazione purificante. Non posso dire se sia sconvolto da questa prospettiva. Il sistema finanziario globale è ora in stallo e spezzarlo senza una grave crisi è impossibile. E sarebbe utile se l’impatto principale della crisi sia sopportato dagli Stati che più di altri hanno partecipato attivamente alla sua creazione.

Fonte:https://aurorasito.wordpress.com/2016/03/03/perche-gli-usa-vogliono-derubare-le-economie-globali/

mercoledì 2 marzo 2016

INDONESIA: AUMENTA LA FASE ERUTTIVA DEL VULCANO SINABUNG


L'attività del vulcano sembra essere in aumento.
Da un corrispondente di Volcanodiscovery:
"Sinabung sta incrementando la sua attività dopo il grande flusso piroclastico del 26 Feb, che hanno bruciato le restanti case lasciate dal precedente villaggio danneggiata (Simacem) ...- questo e la comparsa di tremori altamente ibridi significa che vi è una deformazione della cupola di lava che cresce continuamente e aumenta l'intensità della caduta di rocce roventi seguit da flussi piroclastici. "


Fonte:http://www.volcanodiscovery.com/it/sinabung/news/56659/Sinabung-volcano-Sumatra-Indonesia-increasing-activity.html

venerdì 5 febbraio 2016

INDONESIA: CONTINUA LA FASE ERUTTIVA DEL VULCANO


Recentemente, esplosioni dalla cupola di lava attivo sulla vetta sono diventati più frequenti, producendo colonne di cenere che sono risalite a 1-2 km sopra la cima.
L'estrusione di lava viscosa continua a ritmo lento, generando moderati flussi piroclastici di tanto in tanto.


Fonte:http://www.volcanodiscovery.com/it/sinabung/news/56298/Sinabung-volcano-Sumatra-Indonesia-continuing-intermittent-explosions-and-pyroclastic-flows.html

martedì 19 gennaio 2016

QUATTRO PAESI OFFRONO ALLA RUSSIA IL LIBERO SCAMBIO PER EVITARE IL DOLLARO


Alekseyenko ha detto che l'Iran aveva offerto l'idea di scambiare grano russo per i prodotti lattiero-caseari, pesce e carne, e la Turchia aveva anche suggerito carne, latticini, pesce e uova incubate.
"Stiamo ottenendo suggerimenti da vari paesi i cui conti dovrebbero essere gestiti in moneta nazionale, o anche utilizzando beni comuni di investimento, che è il sistema del baratto. Abbiamo avuto negoziati di Teheran, Ankara, Nuova Delhi, Pechino, e così via ", ha detto Alekseyenko nel corso di una conferenza internazionale sul commercio dei cereali.
Ciò si presenta quando la Russia sta valutando lo svolgimento di operazioni in valute nazionali con l'India, il Sudafrica, il Brasile, l'Argentina, Indonesia, Vietnam, Iran ed Egitto al fine di promuovere gli scambi reciproci e ridurre la dipendenza dal dollaro.
È già stato raggiunto un tale accordo con la Cina. Le banche centrali di entrambi i paesi hanno colpito un affare permettendo il commercio bilaterale nel rublo e yuan, così come in una valuta liberamente convertibile.
Alla fine del 2014, il presidente russo Vladimir Putin ha detto che Mosca stava lasciando la "il sistema del dollaro," concentrandosi sull'utilizzo di altre valute nel commercio.

Fonte:http://sputniknews.com/business/20151028/1029227369/barter-russia-dollar.html

lunedì 18 gennaio 2016

INDONESIA: AUMENTA L'ODORE DI ZOLFO NELLA ZONA DEL VULCANO EGON


Più di 1.200 persone sono state evacuate da tre villaggi vicini al Gunung Egon aFlores Island.
L'evacuazione ha iniziato Domenica 17 gennaio alle 7 locali, a causa di forti odori di zolfo provenienti dal vulcano.
Circa 2.000 maschere che sono state distribuite ai residenti del sud Egon.
L'allerta rimane al livello 3, costituita il 13 gennaio dalla PVMBG, e le nuove evacuazioni sono possibili, a seconda delle direzioni future.

Fonte:http://www.earth-of-fire.com/2016/01/activity-of-egon-sinabung-bromo-and-copahue-volcanoes.html

giovedì 14 gennaio 2016

INDONESIA: INTENSA FASE ERUTTIVA DEL KARANGETANG


Cenere dal vulcano è stato osservata sulle immagini satellitari durante l'11-12 Gennaio, segnala Darwin VAAC.
Probabilmente, questa è venuto da una frana più grande causata da un piccolo flusso piroclastico, ma questo deve essere confermata.
L'ultimo rapporto VSI da questa mattina parla solo di continuo bagliore dalla cupola lavica lava attiva sulla sommità e piccole frane.

In caso di forti piogge, possono verificarsi frane più grandi e lahar, in particolare verso le valli si irradiano alla SE dal vulcano.
L'attività sismica rimane elevata con un aumento di terremoti vulcanici poco profondi.

Fonte:http://www.volcanodiscovery.com/it/karangetang/news.html

INDONESIA, FLORES: IL VULCANO EGON MINACCIA IL RISVEGLIO


A seguito di un ulteriore aumento dell'attività sismica, un avviso eruzione per il vulcano è stato rilasciato questa mattina.
Ai residenti che vivono ai piedi del vulcano è stato chiesto di evacuare per motivi di sicurezza.
Il Centro PVMBG alzato lo stato di allerta per il vulcano al livello 3 su una scala 1-4.
Una zona di esclusione è stato esteso fino a 3 km di raggio intorno al cratere, che ora include il villaggio di Egon Gahar.
Il Mount Egon (Gunung Egon, a volte chiamato anche Gunung Namang) è un stratovulcano situato nella parte sud-orientale dell'isola di Flores, Indonesia, nella zona della baia di Maumere.
Una frana durante l'eruzione del 29 gennaio 2004 ha costretto 6.000 persone ad evacuare l'area.
L'attività di Gunung Egon del 15 aprile 2008 ha costretto migliaia di persone ad evacuare.
Tremiti e fumi dal vulcano continano dal novembre 2010, che designa Egon come uno dei 11 vulcani in Indonesia in allerta al più alto livello.
Il vulcano si è risvegliato per la prima volta nel 2004 dopo 118 anni di silenzio.

Fonti:
http://www.volcanodiscovery.com/it/egon/news/56051/Egon-volcano-Flores-Island-Indonesia-eruption-warning-evacuations.html
https://en.wikipedia.org/wiki/Mount_Egon

martedì 12 gennaio 2016

INDONESIA: CONTINUA LA FASE ERUTTIVA DEL VULCANO SINABUNG


Una foto scattata all'alba del 11 Gennaio 2016 mostra il flusso di lava incandescente e cenere vulcanica eruttati dal Monte Sinabung durante un'eruzione vista dal villaggio di Kuta Tengah a Karo, Nord Sumatra, in Indonesia.

L'attività vulcanica del monte Sinabung non è mai cessata la sua ripresa nel 2013, quando migliaia di persone che vivono vicino al vulcano furono costrette a fuggire dalle loro case dopo il suo inizio eruzione violenta.



Fonte:http://china.org.cn/environment/2016-01/12/content_37556402.htm

martedì 5 gennaio 2016

INDONESIA, SULAWESI: POTENTE FASE ERUTTIVA DEL VULCANO SOPUTAN


Il vulcano Soputan nella parte orientale della provincia di Sulawesi, Indonesia, si è risvegliato alle 08:53 ora locale di Lunedi, afferma il National Disaster Mitigation Agency (BNPB).
Le autorità hanno aumentato lo stato del vulcano da alert (II livello) al più alto livello (III livello).
Il vulcano ha espulso fumo colonne di cenere ad un'altitudine di 2000 metri, in direzione sud-est. "La lava è stata visto fluire nella parte orientale del pendio del vulcano con tonanti suoni sentiti dal cratere del vulcano", ha detto Xinhua Sutopo per telefono, portavoce del BNPB.

Fonte:http://news.xinhuanet.com/english/2016-01/05/c_134977210.htm

giovedì 17 dicembre 2015

INDONESIA: AUMENTO DELL'ATTIVITA' SISMICA SUL VULCANO EGON


Disordini sismici sono stati rilevati attorno al vulcano.
Il 15 dicembre, VSI ha innalzato il livello di allerta del vulcano 1-2, su una scala 1-4.
Si raccomanda di non avvicinarsi al cratere in un raggio di 1,5 km, in quanto possono verificarsi esplosioni inaspettate.
Di 1703 metri di altitudine il vulcano Egon è uno dei vulcani attivi di Flores.
Dopo circa un secolo in cui era dormiente, il vulcano è si è risvegliato improvvisamente nel 2004, innescando l'evacuazione di circa 7000 persone.


Fonte:http://www.volcanodiscovery.com/it/egon/news/55847/Egon-volcano-Flores-Island-Indonesia-seismic-unrest-alert-level-raised.html

mercoledì 2 dicembre 2015

INDONESIA: IL VULCANO AWU MINACCIA DI ERUTTARE


La scorsa settimana, PVMBG innalzato il livello di allerta per il più settentrionale noto vulcano attivo in Indonesia in quanto segni di una nuova agitazione erano stati rilevati di recente: per lo più, si tratta di un aumento dell'attività sismica superficiale dato che l'estate è più pronunciato a partire dalla metà del mese di novembre.
D'altra parte, le misurazioni di gas ancora mostrano valori bassi per la SO2 e CO2, tipici gas magmatici di origine più profonda.

Un'eruzione non è attualmente prevista nel prossimo futuro, ma una maggiore vigilanza nei confronti del vulcano è stata imposta.
Ula è uno dei più letali vulcani attivi dell'Indonesia, dopo aver prodotto oltre 8000 (diretti) decessi combinato durante le sue eruzioni dall'inizio del 18 ° secolo.
L'ultima eruzione di ULA si è verificata nel 2004 e consisteva inì solo attività esplosiva moderata, seguita dal versamento di una nuova cupola di lava nella sua caldera al vertice.
Il vulcano ha anche prodotto eruzioni molto potenti come nel 1812 e nel 1966 (classifica VEI 4).
Durante l'eruzione del 1966 eruzione, il lago vulcanico si è prosciugato catastroficamente e ha causato gravi lahars che hanno causato almeno 40 vittime.

La nuova cupola di lava dall'eruzione 2004 è cresciuto presso il sito del lago, che è una situazione molto simile al vulcano Kelut a East Java nel 2007.
La cupola lavica di Kelut è violentemente esplosa durante l'eruzione sub-pliniana del 13 Feb 2014, che è non era stata prevista, e questo è un possibile scenario pure per il vulcano Ula.
Se la cupola di lava bloccasse il condotto e fosse distrutta da una fortissima esplosione, potrebbe minacciare migliaia di persone che vivono sulle pendici e ai piedi del vulcano (di flussi piroclastici, lahar, cadute di cenere, bombe di lava).



Fonte:http://www.volcanodiscovery.com/awu/news/55591/Awu-volcano-Sangihe-Islands-Indonesia-alert-level-raised.html

mercoledì 18 novembre 2015

LA FEDERAZIONE RUSSA E L'INDONESIA RAGGIUNGONO UN MEMORANDUM NELL'ASSEMBLAZIONE DI CENTRALI NUCLEARI GALLEGGIANTI

La Russia prende atto del vivo interesse dell'Indonesia nella realizzazione di progetti di energia nucleare, nella speranza di aumentare il numero di contratti per la costruzione di centrali nucleari nel paese, afferma il Ministro dello Sviluppo Economico russo Alexey Ulyukaev.

Il 17 settembre, Rusatom Overseas, una filiale della società statale nucleare russa Rosatom, ha annunciato che Mosca e Jakarta hanno firmato un memorandum d'intesa per la costruzione di galleggianti centrali nucleari ad alta potenza in Indonesia.

"L'Indonesia ha un grande interesse per l'energia nucleare, sia in progetti come le centrali nucleari galleggianti, che in termini di tutela ambientale e la convenienza logistica, sono molto attraenti per un paese di arcipelaghi come l'Indonesia. E qui Rosatom ha anche un dialogo molto proficuo," riferisce Ulyukaev ai giornalisti dopo un incontro con il ministro del commercio indonesiano.
Secondo Ulyukaev, vi è un accordo su un progetto pilota sulle centrali nucleari, che sarà ulteriormente promosso.
Entrambi i paesi, nonostante un calo del commercio causato principalmente dai costi mutevoli dei prodotti fertilizzanti, metalli, petrolio e prodotti petroliferi, hanno registrato progressi in diversi progetti importanti, tra cui la costruzione di una ferrovia a Kalimantan, la parte indonesiana dell'isola del Borneo, ha aggiunto Ulyukaev.
La costruzione ferroviaria dovrebbe iniziare Venerdì 20 novembre, ha precisato.
Progetti comuni in metalli non ferrosi, alluminio e l'industria del nichel e dell'aviazione si stanno sviluppando attivamente, secondo il ministro dello sviluppo economico russo.

Fonte:http://sputniknews.com/business/20151116/1030199565/russia-indonesia-nuclear-energy.html

BENVENUTI!!!



LIBRI LETTI
TEMPESTA GLOBALE,ART BELL,WHITLEY STRIEBER;LA PROSSIMA ERA GLACIALE,ROBERT W.FELIX;ARCHEOLOGIA PROIBITA,STORIA SEGRETA DELLA RAZZA UMANA,MICHAEL A.CREMO,RICHARD L. THOMPSON;MONDI IN COLLISIONE,IMMANUEL VELIKOVKY;LE CICATRICI DELLA TERRA,IMMANUEL VELIKOVSKY;HO SCOPERTO LA VERA ATLANTIDE,MARCO BULLONI;GLI EREDI DI ATLANTIDE,RAND FLEM ATH;IL PIANETA DEGLI DEI,ZACHARIA SITCHIN;IMPRONTE DEGLI DEI,GRAHAM HANCOCK;LA FINE DI ATLANTIDE,RAND FLEM ATH;I MAYA E IL 2012,SABRINA MUGNOS;LA VENDETTA DEI FARAONI,NAUD YVES,L'EGITTO DEI FARAONI,NAUD YVES;LA STORIA PROIBITA,J.DOUGLAS KENYON;SOPRAVVIVERE AL 2012,PATRICK GERYL;STATO DI PAURA,MICHAEL CHRICHTON;APOCALISSE 2012,JOSEPH LAWRENCE;I SERVIZI SEGRETI DEL VATICANO,DAVID ALVAREZ;GENGIS KHAN E L'IMPERO DEI MONGOLI,MICHAEL GIBSON;SCOPERTE ARCHEOLOGICHE NON AUTORIZZATE,MARCO PIZZUTI;UNA SCOMODA VERITA',AL GORE;ECC..
(NON TUTTI GLI ARGOMENTI O TALVOLTA I LIBRI STESSI SONO DA ME CONDIVISI)

INDIRIZZO E-MAIL

Per contattarmi:

angelfallendark@hotmail.it


Cerca nel blog

Lettori fissi

Archivio blog