ATTUALE CONFIGURAZIONE PLANETARIA DEL SISTEMA SOLARE


Visualizzazione post con etichetta Impero Romano. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Impero Romano. Mostra tutti i post

venerdì 28 ottobre 2016

UN PERIODO DI RAFFREDDAMENTO CLIMATICO PORTO' ALLA CADUTA DELL'IMPERO ROMANO E ALL'ASCESA DI QUELLO ARABO


I ricercatori del Past Global Changes (PAGES)del progetto di scrittura sulla rivista Nature Geoscience hanno identificato un inedito, di lunga durata raffreddamento nell'emisfero boreale 1500 anni fa. Il calo della temperatura è stato immediatamente seguito tre grandi eruzioni vulcaniche in rapida successione negli anni 536, 540 e 547 AD (noto anche come Common Era CE).
I vulcani possono causare il raffreddamento del clima ed eruttare grandi volumi di piccole particelle - aerosol solfati - che entrano nell'atmosfera schermando la luce del sole.
Entro cinque anni dalla comparsa della "tardoantico Little Ice Age" (Piccola Età del Ghiaccio o Piccola Era Glaciale), come i ricercatori hanno ribattezzato, la peste pandemia di Giustiniano si è diffusa in tutta l'area del Mediterraneo tra il 541 e il 543 dC, colpendo Costantinopoli e uccidendo milioni di persone nei secoli successivi.
Gli autori suggeriscono che questi eventi hanno contribuito al declino dell'Impero Romano d'Oriente.
L'autore principale, il dendroclimatologo Ulf Büntgen dall'Istituto federale di ricerca ha detto: "Questo è stato il raffreddamento più drammatico nell'emisfero settentrionale negli ultimi 2000 anni."
Una successiva "Piccola Era Glaciale" tra il 14 ° e 19 ° secolo è stata ben documentato e legato alla sconvolgimenti politici e ha afflitto pandemie in Europa, ma il nuovo studio è il primo a fornire una completa analisi del clima attraverso sia l'Asia centrale e l'Europa in questo periodo precedente .
"Con così tante variabili, dobbiamo rimanere cauti nela causa ambientale ed effetto politico, ma è sorprendente quanto strettamente questo cambiamento climatico si allinea con grandi sconvolgimenti in tutte le diverse regioni", ha aggiunto Büntgen.
Il team di ricerca multidisciplinare formato da climatologi, naturalisti, storici e linguisti ha mappato le nuove informazioni del clima nei confronti di un periodo particolarmente turbolento della storia in Europa e in Asia centrale.
Le eruzioni vulcaniche probabilmente hanno influenzato gli approvvigionamenti di generi alimentari - una grande carestia ha colpito la regione proprio in quel momento, seguito immediatamente dalla pandemia.
Più a sud, la penisola arabica ha ricevuto più pioggia permettendo alla vegetazione di crescere.
I ricercatori ipotizzano che questa espansione potrebbe aver guidato l'Impero Arabo in Medio Oriente, perché la vegetazione avrebbe sostenuto più grandi mandrie di cammelli usati dagli eserciti arabi per le loro campagne.
Nelle zone più fredde, diverse tribù migrarono a est verso la Cina, forse scacciate da una carenza di pascoli in Asia centrale.
Ciò ha portato ad ostilità tra i gruppi nomadi e le potenze dominanti locali nelle regioni steppa del nord della Cina.
Un'alleanza tra queste popolazioni steppa e i romani orientali ha abbattuto l'Impero Sasanide in Persia, l'Ultimo Impero nella regione prima della nascita dell'Impero arabo.
I ricercatori scrivono, la "tardoantico Piccola Età del Ghiaccio si adatta bene con i principali eventi di trasformazione che si sono verificati in Eurasia durante quel tempo."
Le grandi eruzioni vulcaniche possono influenzare la temperatura globale per decenni.
I ricercatori suggeriscono che l'ondata di eruzioni in combinazione con un Grande Minimo Solare, e un'aumento del congelamento del mare in risposta agli effetti dei vulcani, ha esteso la portata del clima in raffreddamento per oltre un secolo.
Büntgen sottolinea che il loro studio serve come un esempio di come improvvisi cambiamenti climatici possono cambiare i sistemi politici esistenti. "Possiamo imparare qualcosa dalla velocità e la portata delle trasformazioni che hanno avuto luogo in quel momento", ha detto.
La ricostruzione della temperatura, in base a nuove misurazioni degli anelli degli alberi delle montagne Altai in cui la Russia, la Cina, la Mongolia e Kazakistan si incontrano, corrisponde molto bene con le temperature nelle Alpi negli ultimi due millenni. La larghezza degli anelli degli alberi è un modo affidabile per stimare le temperature estive.
Un chiaro segnale di un evento che potrebbe ripetersi.

Fonte:http://phys.org/news/2016-02-ice-age-coincides-fall-eastern.html

venerdì 13 maggio 2016

UNA PICCOLA ETA' DEL GHIACCIO COINCISE CON IL DECLINO DELL'IMPERO ROMANO E LA CRESCITA DI QUELLO ARABO


Gli esperti dei cambiamenti passato internazionale globale del progetto di scrittura sulla rivista Nature Geoscience hanno identificato un inedito, di lunga durata raffreddamento climatico 1500 anni fa.
Al calo della temperatura sono immediatamente seguite tre grandi eruzioni vulcaniche in rapida successione negli anni 536, 540 e 547 AD.
I vulcani possono causare il raffreddamento del clima da espellere grandi volumi di piccole particelle - aerosol solfati - che entrano nell'atmosfera bloccando schermando la radiazione del sole.
Entro cinque anni dalla comparsa della "tardoantica Piccola Età del Ghiaccio", come i ricercatori hanno ribattezzato, la pandemia di peste di Giustiniano ha spazzato il Mediterraneo tra il 541 e il 543 dC, colpendo Costantinopoli e uccidendo milioni di persone nei secoli successivi.
Gli autori suggeriscono che questi eventi hanno contribuito al declino dell'Impero Romano d'Oriente.
L'autore principale, il dendroclimatologo Ulf Büntgen dall'Istituto federale di ricerca ha detto: "Questo è stato il raffreddamento più drammatico nell'emisfero settentrionale negli ultimi 2000 anni."

Una successiva "Piccola Età del Ghiaccio" tra il 14 ° e 19 ° secolo è stata ben documentato e legata ai sconvolgimenti politici e afflitto pandemie in Europa, ma il nuovo studio è il primo a fornire una completa analisi del clima attraverso sia l'Asia centrale e l'Europa in questo periodo precedente.
"Con così tante variabili, dobbiamo rimanere cauti sulla causa ambientale ed effetto politico, ma è sorprendente quanto strettamente questo il cambiamento climatico si allinea con grandi sconvolgimenti in tutto diverse regioni", ha aggiunto Büntgen.
Il team di ricerca multidisciplinare formato da climatologi, naturalisti, storici e linguisti ha mappato le nuove informazioni sul clima nei confronti di un periodo particolarmente turbolento della storia in Europa e in Asia centrale. Le eruzioni vulcaniche hanno influenzato gli approvvigionamenti di generi alimentari - una grande carestia ha colpito la regione al proprio questo momento, seguita immediatamente dalla pandemia.
Più a sud, la penisola arabica ha ricevuto più pioggia permettendo a una maggioare quantità di vegetazione di crescere.
I ricercatori ipotizzano che questa espansione potrebbe aver guidato l'Impero Arabo in Medio Oriente, perché la vegetazione avrebbe sostenuto più grandi mandrie di cammelli usati dagli eserciti arabi per le loro campagne.
Nelle zone più fredde, diverse tribù migrarono a est verso la Cina, forse scacciati da una mancanza di pascoli in Asia centrale.
Ciò ha portato ad ostilità tra i gruppi nomadi e le potenze dominanti locali nelle regioni della steppa del nord della Cina.
Un'alleanza tra queste popolazioni della steppa e i romani orientali ha abbattuto l'impero sasanide in Persia, l'Ultimo Impero nella regione prima della nascita dell'Impero arabo.
I ricercatori scrivono, "la tardoantica Piccola Età del Ghiaccio si adatta bene con i principali eventi di trasformazione che si sono verificati in Eurasia durante quel tempo."
Le grandi eruzioni vulcaniche possono influenzare la temperatura globale per alcuni anni.
I ricercatori suggeriscono che l'ondata di eruzioni in combinazione con un Grande Minimo Solare, sommato ad un'estensione del mare gelato ha esteso la morsa del clima per oltre un secolo.
Büntgen sottolinea che il loro studio serve come un esempio di come improvvisi cambiamenti climatici possono cambiare i sistemi politici esistenti. "Possiamo imparare qualcosa dalla velocità e la portata delle trasformazioni che hanno avuto luogo in quel momento", ha detto.
La ricostruzione della temperatura, in base a nuove misurazioni anelli degli alberi delle montagne Altai in cui la Russia, la Cina, la Mongolia e Kazakistan si incontrano, corrisponde molto bene con temperature nelle Alpi negli ultimi due millenni. La larghezza degli anelli degli alberi è un modo affidabile per stimare le temperature estive.

Fonte:http://phys.org/news/2016-02-ice-age-coincides-fall-eastern.html

BENVENUTI!!!



LIBRI LETTI
TEMPESTA GLOBALE,ART BELL,WHITLEY STRIEBER;LA PROSSIMA ERA GLACIALE,ROBERT W.FELIX;ARCHEOLOGIA PROIBITA,STORIA SEGRETA DELLA RAZZA UMANA,MICHAEL A.CREMO,RICHARD L. THOMPSON;MONDI IN COLLISIONE,IMMANUEL VELIKOVKY;LE CICATRICI DELLA TERRA,IMMANUEL VELIKOVSKY;HO SCOPERTO LA VERA ATLANTIDE,MARCO BULLONI;GLI EREDI DI ATLANTIDE,RAND FLEM ATH;IL PIANETA DEGLI DEI,ZACHARIA SITCHIN;IMPRONTE DEGLI DEI,GRAHAM HANCOCK;LA FINE DI ATLANTIDE,RAND FLEM ATH;I MAYA E IL 2012,SABRINA MUGNOS;LA VENDETTA DEI FARAONI,NAUD YVES,L'EGITTO DEI FARAONI,NAUD YVES;LA STORIA PROIBITA,J.DOUGLAS KENYON;SOPRAVVIVERE AL 2012,PATRICK GERYL;STATO DI PAURA,MICHAEL CHRICHTON;APOCALISSE 2012,JOSEPH LAWRENCE;I SERVIZI SEGRETI DEL VATICANO,DAVID ALVAREZ;GENGIS KHAN E L'IMPERO DEI MONGOLI,MICHAEL GIBSON;SCOPERTE ARCHEOLOGICHE NON AUTORIZZATE,MARCO PIZZUTI;UNA SCOMODA VERITA',AL GORE;ECC..
(NON TUTTI GLI ARGOMENTI O TALVOLTA I LIBRI STESSI SONO DA ME CONDIVISI)

INDIRIZZO E-MAIL

Per contattarmi:

angelfallendark@hotmail.it


Cerca nel blog

Lettori fissi

Archivio blog