ATTUALE CONFIGURAZIONE PLANETARIA DEL SISTEMA SOLARE


Visualizzazione post con etichetta Azerbaijan. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Azerbaijan. Mostra tutti i post

martedì 15 novembre 2016

IN UN PROSSIMO FUTURO L'AZERBAIJAN POTREBBE ENTRARE NELL'UNIONE ECONOMICA EURASIATICA


La possibilità di adesione dell'Azerbaijan all'Unione Economica Eurasiatica (EAEU) in un futuro non si può escludere, conferma il presidente azero Ilham Aliyev in un'intervista con l'agenzia di stampa Sputnik.
Il presidente ha osservato che il paese si sente fiducioso nel suo stato attuale.
"Questo problema è stato discusso sia da esperti e elite dei vari paesi per lungo tempo. In linea di principio, ci sentiamo sicuri con la qualità corrente. Dovremmo osservare le ulteriori tendenze. Se l'alleanza sarà attraente, si cercherà di farne parte. Così, nulla può essere escluso ", ha detto il presidente Aliyev.
Secondo lui, l'Azerbaigian sta seguendo i processi che avvengono nello spazio eurasiatico, dove ci sono difficoltà in alcune indicazioni.
"Oggi, il formato della nostra cooperazione economica e politica con gli Stati membri EAEU è abbastanza forte. La motivazione è necessaria per perseguire il percorso di integrazione in direzioni economiche, sociali, politiche e altro. Ora stiamo lavorando in questa direzione ", ha detto il presidente dell'Azerbaijan.
In generale, il presidente ha detto che Baku è soddisfatto con la sua attuale posizione.
"Negli ultimi 13 anni, siamo riusciti a triplicare il PIL e ridurre il tasso di povertà dal 49% (2003) al 5%. In realtà, la povertà non è più un problema sociale. Il tasso di disoccupazione nel paese è pari al 5% ", ha aggiunto Ilham Aliyev. "Abbiamo grande quantità di riserve in valuta estera, anche gli scambi con le riserve del Fondo del Petrolio sono in aumento quest'anno in caso di un calo dei prezzi del petrolio. Stiamo spendendo fondi con parsimonia e ottenendo ricavi dal settore non-oil. Pertanto, siamo soddisfatti sia della situazione economica e politica del nostro Stato ".

Fonte:http://en.apa.az/azerbaijan-politics/foreign-news/ilham-aliyev-does-not-exclude-azerbaijan-s-accession-to-eurasian-economic-union-in-future.html

giovedì 18 agosto 2016

L'ACCELERAZIONE DELLA COSTRUZIONE DEL CORRIDOIO NORTH-SOUTH FAVORIRA' L'INTEGRAZIONE EURASIATICA

Oltre alla Nuova Via della Seta della Repubblica Cinese, i giocatori eurasiatici hanno dato grande impulso allo sviluppo del del North-South International Transport Corridor di trasporto che ha lo scopo di collegare i paesi dell'Asia meridionale e occidentale con il Nord Europa. Sorprendentemente, la Russia è considerata la spina dorsale dei due progetti.

L'ultimo vertice trilaterale di Azerbaigian, Iran e Russia a Baku ha indicato l'intenzione delle potenze per aumentare la cooperazione strategica e accelerare lo sviluppo del progetto North-South International Transport Corridor .
"Un enorme flusso di merci sta per attraversare la Federazione Russa non solo da Est a Ovest [Nuova Via della Seta], ma anche dal Sud al Nord. Mosca sta aprendo la porta per i paesi dell'Asia meridionale," afferma il media online russo PolitRussia.com riferisce, commentando la questione.
Il Nord-Sud International Transport Corridor (ITC) è la via nave, ferroviario e stradale, che mira ad aumentare i flussi di transito e il trasporto merci del commercio estero all'interno del continente eurasiatico.
L'iniziativa per collegare l'Oceano Indiano e il Golfo Persico al Mar Caspio e al di là del Nord e l'Europa occidentale attraverso la Federazione Russa è stato dato il via nel settembre 2000 a San Pietroburgo da Russia, Iran e India. L'accordo è stato ratificato dagli Stati fondatori nel 2002.
Il nuovo corridoio, che si estende per 7.200 chilometri (4.478 miglia), offre una serie di vantaggi tangibili per i partecipanti al progetto.
Tuttavia, il suo principale vantaggio rispetto ad altre vie di trasporto, in particolare il canale di Suez, è che ridurrà la distanza di trasporto, almeno della metà, quindi riducendo il tempo di transito e il costo.

L'ITC Nord-Sud è considerato il concorrente del Canale di Suez, nota PolitRussia.com, aggiungendo che il Canale, che collega le aree economiche europee e le zone economiche asiatiche, non riesce a soddisfare le crescenti esigenze del crescente flusso di carico.
Secondo alcune stime, attualmente circa il 10 per cento del commercio marittimo mondiale passa attraverso il Canale di Suez.
Tuttavia, quando le restrizioni contro l'Iran sono state annullate questa cifra potrebbe aumentare drammaticamente, minacciando di trasformare il canale in un "collo di bottiglia" per il commercio globale.
Alla luce questo nuovo corridoio North-South potrebbe sopportare il peso crescente del canale.
Sorprendentemente, 3.000 km di parte del canale North-South ITC passa attraverso il territorio della Russia.
La sezione terrestre del corridoio corre lungo le ferrovie russe dal confine con la Finlandia al Mar Caspio.
"Nello sviluppo dei flussi di merci del commercio estero di transito e lungo il corridoio nord-sud, il focus principale è la linea ferroviaria tra Buslovskaya - San Pietroburgo - Mosca - Ryazan - Kochetovka - Rtishevo - Saratov - Volgograd - Astrakhan, una distanza di 2513 km, ".
A partire da ancora, al corridoio mancano ancora circa 172 km di binari della ferrovia tra l'Azerbaigian e l'Iran.
Tuttavia, il presidente azero Ilham Aliyev ha confermatol ai suoi omologhi durante l'incontro a Baku che la sezione sarà presto completata, secondo RIA Novosti.
Tuttavia, nel 2015 il volume di merci trasportate di commercio estero attraverso il North-South ITC è stato pari a 7,3 milioni di tonnellate, segnando un aumento del 4 per cento nel confronto con il 2014.
"Il progetto North-South è la base per la cooperazione tra i paesi della regione per raggiungere l'obiettivo dello sviluppo regionale. Questo percorso di trasporto collega l'India in Europa attraverso un percorso più sicuro e più breve e molto importante per l'Iran, Azerbaigian e la Russia," afferma Jahangir Karami, professore associato di Relazioni Internazionali presso l'Università di Teheran, ha detto Valdaiclub.com.
Va notato che, oltre la Russia, l'Iran, l'India e l'Azerbaigian il progetto Nord-Sud si prevede di includere l'Armenia, Bielorussia, Ucraina, Grecia, Bulgaria, Georgia, Kirghizistan, Tagikistan, Kazakistan, Pakistan, Iraq, Oman, Siria e Tacchino.
PolitRussia.com rileva che date le strette relazioni della Turchia con l'Azerbaigian la nuova rotta è in grado di beneficiare ad Ankara un sacco.
D'altra parte, rafforza il riavvicinamento russo-turco.
Nel frattempo, la sicurezza del Caucaso e la regione del Medio Oriente ha acquisito un nuovo significato nel contesto della nuova implementazione del corridoio di trasporto. Finora, l'istituzione della base aerea russa permanente in Siria avrà un ruolo importante non solo per le missioni militari e umanitarie di Mosca nella regione, ma servirà anche come una chiave per la crescita economica del Medio Oriente.
Insieme con la Nuova Via della Seta, Il Corridoio North-South garantirà la rapida crescita economica degli attori regionali di Eurasia così come la stabilità e la sicurezza del continente.


Fonte:http://sputniknews.com/politics/20160817/1044370521/eurasia-north-south-corridor-integration.html

mercoledì 10 agosto 2016

MOSCA E TEHRAN DISCUTONO SULLA COSTRUZIONE DI UN'IMPIANTO DI PRODUZIONE DI GAS LIQUEFATTO NEL SUD DELL'IRAN


Mosca e Teheran stanno discutendo la possibilità di costruire un impianto di produzione di gas naturale liquefatto (GNL) nel sud dell'Iran, così come le forniture di GNL da questo impianto, in cambio di forniture di gas naturale russo attraverso l'Azerbaijan, a nord del paese, lo afferma il Ministro dell'Energia russo Alexander Novak.
"Nel settore del gas, stiamo considerando le prospettive di forniture di gas a nord dell'Iran attraverso l'Azerbaigian con la possibilità di costruire un impianto di GNL nel sud dell'Iran, che riceve l'equivalente di GNL da consegnare ai mercati del Sud Est Asiatico, dove il consumo di gas è destinato a crescere con tassi più elevati in futuro, "ha riferito Novak ai giornalisti a Baku dopo il vertice Russia-Iran-Azerbaigian.

Fonte:http://sputniknews.com/business/20160808/1044068132/russia-iran-lng-plant.html

martedì 9 agosto 2016

IL CORRiDOIO "NORTH-SOUTH" ENTRERA' IN COMPETIZIONE CON IL CANALE DI SUEZ

Il progetto del corridoio di trasporto internazionale "Nord-Sud" dalla lunghezza di 7.200 chilometri, che collega il Nord Europa con l'India e gli Stati del Golfo, è uno dei temi chiave del vertice tra i presidenti di Iran, Russia e Azerbaigian a Baku. Secondo il media iraniano Press TV, la nuova rotta entrerà in competizione con il canale di Suez.

L'incontro trilaterale tra Vladimir Putin, il presidente dell'Azerbaigian Ilham Aliyev e il capo di Stato iraniano Hassan Rouhani si è svolto oggi a Baku.
Il vantaggio principale del corridoio di trasporto "Nord-Sud" rispetto alle altre vie (in particolare la via marina attraverso il Canale di Suez) è la riduzione di 2 o più volte della distanza di trasporto, oltre alla riduzione dei costi di trasporto dei container rispetto al trasporto via mare.

Come dichiarato dal presidente della Federazione Russa Vladimir Putin in un'intervista con l'agenzia di stampa azera "AzerTaj" alla vigilia della sua visita a Baku, il progetto "Nord-Sud" di trasporto internazionale mira a creare le migliori opportunità per la circolazione delle merci in transito dall'India, Iran e Paesi del Golfo verso il territorio dell'Azerbaigian, della Russia e successivamente in Europa settentrionale e occidentale. Ha inoltre notato che il volume del traffico merci sul corridoio "Nord-Sud" tramite le ferrovie russe ammontava a 7,3 milioni di tonnellate nel 2015, dato superiore del 4,1% rispetto al 2014.
Come sostenuto da Press TV, l'Iran e la Russia, nonché l'Azerbaigian, sono fortemente dipendenti dagli introiti petroliferi, che sono diminuiti drasticamente a causa dei prezzi più bassi. La nuova via di transito offre un'alternativa unica a questi Paesi per diversificare le loro economie. Il corridoio fornirà l'accesso ai mercati in crescita di Asia, Africa e America Latina.
Le rotte su acqua, strada e ferrovia collegheranno Mumbai (India) con il porto iraniano di Bandar Abbas e poi attraverso Baku, Astrakhan, Mosca e San Pietroburgo si estenderanno verso il Nord Europa e la Scandinavia. Oltre ad Iran, India e Russia potranno integrarsi nella rete di trasporto Armenia, Azerbaigian, Bielorussia, Kirghizistan, Kazakistan, Ucraina, Turchia, Tagikistan, Oman, Siria e Bulgaria.
"Crediamo che questa cooperazione sia al servizio degli interessi dei popoli di Iran, Azerbaigian e Russia e naturalmente di tutta la regione", ha dichiarato il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif, alla vigilia del vertice di Baku.
Secondo Zarif, i 3 Paesi stanno discutendo "gli ultimi dettagli" del progetto "Nord-Sud".
Il media iraniano riporta le stime di RZD Logistics, secondo cui il nuovo percorso riduce il tempo di percorrenza delle merci dall'India alla Russia di 14 giorni ed elimina la necessità di utilizzare il canale di Suez, che non solo estremamente sovraccarico, ma anche molto costoso.

Fonte:http://it.sputniknews.com/economia/20160808/3246232/Putin-Rouhani-logistica-geopolitica.html

lunedì 11 aprile 2016

IL CREMLINO PONE FINE AD UN'ALTRA GUERRA IN NAGORNO-KARABAKH


Il Ministero della Difesa dell'Azerbaijan ha confermato che l'accordo sul cessate il fuoco sulla linea di contatto nella zona del conflitto del Nagorno-Karabakh è stato raggiunto attraverso la mediazione della Russia in occasione della riunione di alti funzionari militari dell'Azerbaigian e dell'Armenia a Mosca.
All'incontro hanno partecipato i capi di Stato Maggiore delle Forze Armate dell'Azerbaigian e dell'Armenia, Najmaddin Sadigov e Yuri Khatchaturov. "Nel corso della riunione è stato raggiunto un accordo per porre fine operazioni militari sulla linea di contatto delle forze dell'Azerbaigian e dell'Armenia", ha detto il ministero in un comunicato.
La situazione lungo la linea di contatto nella zona di conflitto del Nagorno-Karabakh è peggiorata drammaticamente durante la notte al 2 aprile, quando feroci scontri sono iniziati.
Le parti in conflitto si sono accusate a vicenda di aver violato la tregua.
I ministeri della difesa armeni e azeri hanno annunciato la cessazione delle operazioni di combattimento in Nagorno-Karabakh dalle 11:00 (0800GMT) ora di Mosca il 5 aprile.
Il ministro della Difesa armeno Seyran Ohanyan ha detto in precedenza nel corso della giornata che l'accordo era stato raggiunto a Mosca.
Il conflitto tra la vicina Armenia e Azerbaigian per il Nagorno-Karabakh, è un territorio conteso che aveva fatto parte dell'Azerbaijan prima della disgregazione dell'Unione Sovietica, ma è stato soprattutto popolato da armeni, è scoppiato alla fine del 1980.
Nel 1991-1994, il confronto si è esteso in un'azione militare su larga scala per il controllo della zona franca e dei territori adiacenti.
Migliaia lasciato le loro case su entrambi i lati in un conflitto che ha ucciso 30.000 persone. Un cessate il fuoco non ufficiale è stato raggiunto il 12 maggio 1994. Da allora, Armenia e Azerbaigian hanno tenuto negoziati mediati dalla Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione (OSCE) Gruppo di Minsk sullo stato contestato della regione.

Fonte:http://russia-insider.com/en/politics/moscow-stops-another-war-nagorno-karabakh/ri13775

BENVENUTI!!!



LIBRI LETTI
TEMPESTA GLOBALE,ART BELL,WHITLEY STRIEBER;LA PROSSIMA ERA GLACIALE,ROBERT W.FELIX;ARCHEOLOGIA PROIBITA,STORIA SEGRETA DELLA RAZZA UMANA,MICHAEL A.CREMO,RICHARD L. THOMPSON;MONDI IN COLLISIONE,IMMANUEL VELIKOVKY;LE CICATRICI DELLA TERRA,IMMANUEL VELIKOVSKY;HO SCOPERTO LA VERA ATLANTIDE,MARCO BULLONI;GLI EREDI DI ATLANTIDE,RAND FLEM ATH;IL PIANETA DEGLI DEI,ZACHARIA SITCHIN;IMPRONTE DEGLI DEI,GRAHAM HANCOCK;LA FINE DI ATLANTIDE,RAND FLEM ATH;I MAYA E IL 2012,SABRINA MUGNOS;LA VENDETTA DEI FARAONI,NAUD YVES,L'EGITTO DEI FARAONI,NAUD YVES;LA STORIA PROIBITA,J.DOUGLAS KENYON;SOPRAVVIVERE AL 2012,PATRICK GERYL;STATO DI PAURA,MICHAEL CHRICHTON;APOCALISSE 2012,JOSEPH LAWRENCE;I SERVIZI SEGRETI DEL VATICANO,DAVID ALVAREZ;GENGIS KHAN E L'IMPERO DEI MONGOLI,MICHAEL GIBSON;SCOPERTE ARCHEOLOGICHE NON AUTORIZZATE,MARCO PIZZUTI;UNA SCOMODA VERITA',AL GORE;ECC..
(NON TUTTI GLI ARGOMENTI O TALVOLTA I LIBRI STESSI SONO DA ME CONDIVISI)

INDIRIZZO E-MAIL

Per contattarmi:

angelfallendark@hotmail.it


Cerca nel blog

Lettori fissi

Archivio blog