ATTUALE CONFIGURAZIONE PLANETARIA DEL SISTEMA SOLARE


Visualizzazione post con etichetta Atlantic Multidecadal Oscillation-AMO-Oscillazione Multidecennale Atlantica. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Atlantic Multidecadal Oscillation-AMO-Oscillazione Multidecennale Atlantica. Mostra tutti i post

mercoledì 13 aprile 2016

L'OCEANO ATLANTICO STA DIVENTANDO SEMPRE PIU' FREDDO


Sta continuando ed estendendosi l’imponente raffreddamento in atto dell’Atlantico Settentrionale, le anomalie negative sono così estese (anche in profondità) e così pronunciate, da far supporre che persisteranno a lungo nei prossimi anni.
Seguiremo ovviamente l’evoluzione di questa particolarità climatica, ma, nel frattempo, facendo il punto della situazione, notiamo, nell’ultima mappa del NOAA riferita al 04 Aprile, che le anomalie termiche negative sono oramai estese alle acque delle coste europee, spingendosi verso settentrione fino al Canada, al Mare del Nord ed all’Islanda.
Nella mappa del contenuto di calore dell’Atlantico Settentrionale alle medie latitudini, notiamo il forte calo della quantità di calore presente a partire dal 2010: in questo caso si sta ritornando a valori simili a quelli misurati negli anni Novanta, anche se i dati sono fermi a Dicembre 2015 (ma il calo è ulteriormente proseguito nei tre mesi successivi).
Guardiamo infine l’indice AMO, l’oscillazione multidecadale delle temperature dell’Atlantico Settentrionale.
Negli ultimi 150 anni, ha seguito tre fasi fredde, in particolare prima del 1850, tra il 1910 ed il 1920, e tra gli anni Settanta ed Ottanta dello scorso secolo, e due grandi fasi calde, in particolare tra gli anni Trenta e Cinquanta, e, soprattutto, negli anni Duemila.
Il “picco” ultimo del riscaldamento dell’Atlantico Settentrionale sembra essersi raggiunto nel 2010, sta seguendo un lento calo che, tuttavia, sembra accelerare sempre di più, come mostra la caduta dell’indice AMO nel mese di Marzo, a partire dall’anno 2014, facendo registrare, con tutta probabilità, il valore più basso dal 1990.
Bisogna ricordare che le temperature dell’Atlantico Settentrionale, e quindi anche l’AMO, presentano delle variazioni da mese a mese, più fredde nei mesi invernali, più calde in quelli estivi, per questo motivo l’AMO viene misurato annualmente come media dei 12 mesi, ma il calo termico che ha mostrato in paragone ai mesi di Marzo passati è particolarmente significativo.
Le conseguenze sul clima europeo potrebbero manifestarsi improvvisamente e rapidamente: le temperature dell’Atlantico hanno grandi ripercussioni sull’andamento termico del nostro Continente, come visibile dalle fasi fredde che hanno accompagnato le fasi di AMO negativo, e quelle calde che hanno invece accompagnato le anomalie dell’AMO fortemente positive.



Fonte:http://freddofili.it/13341-limponente-raffreddamento-del-nord-atlantico-lamo-raggiunge-marzo-suo-valore-minimo-dagli-anni-90/

martedì 13 ottobre 2015

IL FREDDO DEL NORD ATLANTICO SUL CLIMA EUROPEO


Sul Daily Mail è apparso un articolo-intervista riguardante il problema delle basse temperature presenti sull’Atlantico Settentrionale negli ultimi mesi, fenomeno che potrebbe influenzare pesantemente il clima europeo dei prossimi anni.
Nel periodo Gennaio – Agosto le temperature della zona a sud della Groenlandia sono precipitate ai loro livelli più bassi di sempre, e gli scienziati temono che la causa sia dovuta allo scioglimento delle imponenti quantità di acqua fredda, che avrebbero indebolito la Corrente del Golfo, il “nastro trasportatore” di acque calde del Golfo del Messico che mitigano il clima europeo.
In particolare, il Dr. Michael Mann, della Pennsylvania State University, ritiene che tale Corrente si sia indebolita ad un ritmo che non si è mai visto negli ultimi 1000 anni.
Un crollo della Corrente del Golfo potrebbe risultare determinante per modificare il clima delle due sponde dell’Atlantico Settentrionale, sia del Nord America che dell’Europa.
Però, una spiegazione alternativa, anche se gli effetti climatici potrebbero essere simili, riguarda il ciclo dell’AMO, Oscillazione nord atlantica, in base al quale le temperature dell’Atlantico Settentrionale scenderebbero per cause naturali, per una serie ciclica della durata di decenni, e forse con effetti maggiorati dovuti alla scarsa attività solare.
Questo, del resto, è quanto accadde durante gli anni peggiori della Piccola Età del Ghiaccio, quando le temperature del Nord Atlantico erano calate e le specie ittiche migrate verso sud.
Un effetto simile lo abbiamo visto la scorsa estate, quando i banchi di merluzzo sono scesi a latitudini meridionali rispetto alla norma.
E ne ha risentito il clima estivo delle Isole Britanniche e del Nord Europa, con temperature più basse della norma.

Fonte:http://freddofili.it/2015/10/12/il-north-atlantic-blob-la-bolla-fredda-presente-sul-nord-atlantico-e-che-minaccia-il-clima-europeo/

BENVENUTI!!!



LIBRI LETTI
TEMPESTA GLOBALE,ART BELL,WHITLEY STRIEBER;LA PROSSIMA ERA GLACIALE,ROBERT W.FELIX;ARCHEOLOGIA PROIBITA,STORIA SEGRETA DELLA RAZZA UMANA,MICHAEL A.CREMO,RICHARD L. THOMPSON;MONDI IN COLLISIONE,IMMANUEL VELIKOVKY;LE CICATRICI DELLA TERRA,IMMANUEL VELIKOVSKY;HO SCOPERTO LA VERA ATLANTIDE,MARCO BULLONI;GLI EREDI DI ATLANTIDE,RAND FLEM ATH;IL PIANETA DEGLI DEI,ZACHARIA SITCHIN;IMPRONTE DEGLI DEI,GRAHAM HANCOCK;LA FINE DI ATLANTIDE,RAND FLEM ATH;I MAYA E IL 2012,SABRINA MUGNOS;LA VENDETTA DEI FARAONI,NAUD YVES,L'EGITTO DEI FARAONI,NAUD YVES;LA STORIA PROIBITA,J.DOUGLAS KENYON;SOPRAVVIVERE AL 2012,PATRICK GERYL;STATO DI PAURA,MICHAEL CHRICHTON;APOCALISSE 2012,JOSEPH LAWRENCE;I SERVIZI SEGRETI DEL VATICANO,DAVID ALVAREZ;GENGIS KHAN E L'IMPERO DEI MONGOLI,MICHAEL GIBSON;SCOPERTE ARCHEOLOGICHE NON AUTORIZZATE,MARCO PIZZUTI;UNA SCOMODA VERITA',AL GORE;ECC..
(NON TUTTI GLI ARGOMENTI O TALVOLTA I LIBRI STESSI SONO DA ME CONDIVISI)

INDIRIZZO E-MAIL

Per contattarmi:

angelfallendark@hotmail.it


Cerca nel blog

Lettori fissi

Archivio blog