ATTUALE CONFIGURAZIONE PLANETARIA DEL SISTEMA SOLARE


Visualizzazione post con etichetta Algeria. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Algeria. Mostra tutti i post

giovedì 9 febbraio 2017

PERCHE' LA FEDERAZIONE RUSSA STA DOMINANDO IL MEDITERRANEO?

Approfittando della mancanza di unanimità in seno all'Unione europea e l'incertezza della politica estera USA, la Russia sta costruendo stretti legami con i paesi del Mediterraneo.

Attualmente vi è un "ottimo sostituto" in corso nella regione, con Mosca che guardando l'accesso a basi navali in Libia e in Egitto, afferma un rapporto da militari francesi.
Questo indica la risoluzione della Russia di riprendere le posizioni una volta perse nel Mediterraneo.
Secondo TTU, negli ultimi anni, la Russia ha acquisito alleati che possono aiutare a rafforzare la sua influenza in Medio Oriente, tra cui la Siria, l'Egitto, l'Algeria, la Libia e il Marocco.
Tutti questi paesi sono partner di Mosca in una cooperazione militare e tecnica.
In cambio di forniture di armi, i paesi mediterranei sono pronti a concedere l'accesso ai loro porti alla marina russa, secondo il rapporto.
Inoltre, il Ministero della Difesa russo è in trattative su come ottenere l'accesso alle basi aeree navali, in particolare, un aeroporto nella città egiziana di Sidi Barrani.
Il rapporto non ha fornito informazioni dettagliate sulle condizioni proposte dalla Russia.
Secondo TTU, Mosca non vuole prendere basi sul contratto di locazione.
Le loro infrastrutture potrebbero essere utilizzato per il parcheggio e il rifornimento di carburante alle navi russe.
Tuttavia, se i colloqui avranno successo la Russia ha la possibilità di stabilire una presenza militare permanente nel Mar Mediterraneo.
Gli analisti francesi hanno detto che un tale scenario non può essere escluso.
L'eventuale successo militare e diplomatico è già solidificata da un buon rapporto tra il presidente russo Vladimir Putin e leader egiziano Abdel Fattah el-Sisi.
Allo stesso tempo, Mosca sta ricostruendo i legami con Tripoli.
TTU stima che la Russia e la Libia possono trovare $ 1600000000 di forniture di armi in affare, tra cui aerei, carri armati e difese missilistiche.
Ricostruire la presenza militare nel Mediterraneo è uno degli obiettivi scritti in una nuova edizione della dottrina marittima della Russia.
È interessante notare che la versione aggiornata del documento è stata presentata due mesi prima che la Russia lanciasse la sua operazione militare in Siria.
Durante la campagna, le navi da guerra russe forniscono copertura per le missioni aeree e conducono attacchi missilistici contro i terroristi.
Un altro compito importante è quello di monitorare i controversi movimenti delle forze navali della NATO.
Le forze navali della Russia sono schierati al largo della costa siriana a rotazione, quindi di fatto vi è una presenza navale russa permanente nel Mediterraneo.
Accordi preliminari con altri paesi per l'uso dei loro porti facilitano la preparazione per le lunghe operazioni navali, in particolare fornendo sostegno e assistenza in caso di una situazione di forza maggiore. Questo è il motivo per cui la Russia è ora in trattative con il Marocco, l'Algeria, Libia ed Egitto.
I quattro paesi del Nord Africa coprono il 90 per cento della costa sud del Mediterraneo.
Dopo il crollo dell'Unione Sovietica, l'unica struttura della Russia nel Mediterraneo era una base di rifornimento della marina in Siria, Tartus.
Dall'inizio della campagna militare in Siria, la Russia sta trasformando la struttura in una moderna base navale.
Il 18 gennaio, Mosca e Damasco hanno firmato un accordo che consente la distribuzione di un massimo di 11 navi russe al porto.
Gli analisti dicono che la Russia userà la base Tartus come il fulcro delle sue attività militari nel Mar Mediterraneo.
L'anno scorso, i sistemi di guerra elettronica Krasukha e le difese missilistiche S-300V4 sono stati schierati vicino alla base.
Gli esperti suggeriscono che Mosca può anche distribuirli ai supplementari sistemi antiaerei della zona, così come i sistemi anti-nave costa a base di Bal e Bastion.
Il dilagare della componente offensiva e la distribuzione di navi da guerra russe ai porti del Mediterraneo giocherà il ruolo chiave per garantire la sicurezza per la forza navale della Russia nella regione.
La marina russa ha in servizio più di 30 grandi navi da guerra, 21 navi anfibie e oltre 50 sottomarini, di cui 16 sottomarini che trasportano missili balistici e 15 sottomarini armati di missili da crociera.
Tuttavia, la marina può implementare rapidamente al Mediterraneo fino a 20 navi e sottomarini, principalmente dalla Flotta del Mar Nero.
Ad esempio, ad una squadra del nord della flotta ci vogliono almeno due-tre settimane per recarsi nella regione.
In teoria, si può essere bloccati nel Mare del Nord o nel Canale della Manica.
Allo stesso tempo, il Mediterraneo è dominato dagli Stati Uniti una flotta di sei con sede a Napoli, Italia.
A rotazione, la regione è sorvegliata da portaerei uno-due, decine di navi da guerra e sottomarini.
Inoltre, a differenza della Russia, l'esercito americano può effettuare operazioni di sbarco nella regione.
Secondo l'esperto militare Vadim Soloviev, Mosca prende vantaggio significativo politico e militare della cooperazione con Cairo e Tripoli.
"L'Egitto e in particolare la Libia sono stati colpiti duramente dalla primavera araba approvata dagli Stati Uniti. Accolgono la cooperazione con la Russia per contrastare l'egemonia statunitense," spiega Soloviev.
L'esperto ha osservato che se i colloqui con i paesi del Mediterraneo hanno successo la Russia rafforzerà in modo significativo le sue posizioni nella regione.
Ha anche suggerito che questo può dare alla Russia leva sopra la NATO.
"La Russia non ha intenzione di costruire basi permanenti in Medio Oriente al fine di prevenire le tensioni che alimentano con la NATO.
Basi permanenti sono anche troppo costose per Mosca. Ma la marina russa vuole essere sicuro che la sua nave può sempre ricevere l'assistenza nei porti amichevoli, "ha detto Soloviev.

Fonte:https://sputniknews.com/military/201702091050506738-russia-military-mediterranean/

martedì 24 maggio 2016

L'ALGERIA SI AVVICINA AL BLOCCO ANTI-NATO


Mentre la crisi siriana si trascina e le speranze di una risoluzione pacifica o, per lo meno, del ritorno alla relativa normalità in Libia sembrano molto distanti, l’Algeria dovrebbe, ormai, iniziare a sospettare che possa presto trovarsi nel mirino anglo-statunitense. Vi sono sempre più prove che l’Algeria fa proprio questo. Dopo essere sopravvissuta al tentativo di destabilizzazione d’ispirazione occidentale e alla “primavera araba”, rivoluzione colorata orchestrata dall’occidente, l’Algeria ha fatto tutto il possibile per aumentare la sicurezza ai confini. Perciò ha una maggiore cooperazione con la vicina Tunisia, bersaglio dei terroristi sostenuti dalle nazioni occidentali e del GCC. Dopo aver agito rapidamente e con pugno di ferro, ogni tentativo d’interferire nel governo algerino è stato annullato durante le rivoluzioni colorate e la destabilizzazione ideate dagli USA.
Tuttavia, anche se le proteste della “primavera araba” furono brevi e inefficaci, l’Algeria non si è semplicemente riposata sugli allori successivamente. In realtà, l’Algeria si è mossa per aumentare la sicurezza e migliorare le capacità militari collaborando con i vicini per garantirsi che non siano preda di destabilizzazione o rivoluzioni colorate in futuro. L’Algeria ha anche approfondito i legami con la Russia e i Paesi che fanno parte del Blocco anti-NATO, non ufficiale ma sempre più evidente. In altre parole, l’Algeria si avvicina al blocco multipolare delle nazioni che cercano di agire come forza contraria alle potenze della NATO.
Due esempi notevoli di maggiore cooperazione tra Algeria e l’alleanza anti-NATO sono la recente consegna di 40 elicotteri d’attacco dalla Russia e la recente visita diplomatica in Siria del governo algerino. L’elicottero, noto come “Night Hunter” viene indicato come uno dei migliori al mondo, in grado di svolgere missioni di giorno, notte e in condizioni climatiche avverse. L’elicottero è dotato della capacità di modificarne la guida permettendo al velivolo di essere pilotato dal pilota e dall’operatore. La consegna degli elicotteri russi all’Algeria non è una novità. Nel 2005-2006 la Russia le fornì 28 Su-30MKA, 16 addestratori Jak-130 e 185 carri armati T-90S. Nel 2015, un contratto venne firmato per la fornitura di 14 caccia Su-30MKA nel 2016-2017. Il trasferimento degli elicotteri Mi-28 è il risultato di un accordo bilaterale tra Russia e Algeria. “L’esercito algerino è soddisfatto dalla qualità delle armi russe, dimostratesi ottime nelle condizioni particolari di qui, nel deserto con temperature estremamente elevate e tempeste di sabbia. Quindi ci sono buone prospettive per proseguire una stretta cooperazione nel settore tecnico-militare su una vasta serie di forniture“, aveva detto Aleksandr Zolotov, ambasciatore russo in Algeria, a RIA Novosti.
Eppure, se le consegne non sono una notizia di per sé, il contesto in cui si verificano vanno discusse.
L’Algeria, naturalmente, è sempre interessata dalle crescenti attività dello SIIL nella regione, in particolare Libia e Tunisia e si concentra sulla polizia ai confini con i due Paesi e con Niger e Mali per tale motivo. Il governo algerino, che ha reagito rapidamente alle minacce terroristiche in passato, è forse preoccupato che gli attacchi dello SIIL possano eventualmente cominciare ad avvenire entro i propri confini, in particolare a seguito di futuri interventi occidentali sul governo. A febbraio, Algeria e Russia avviarono il piano per approfondire la cooperazione economica e militare bilaterale. Sulla Siria, il 25 aprile 2016 segnava la prima visita ufficiale in Siria dal 2011 di un funzionario algerino, segnalando la crescente tendenza ad aumentare legami e cooperazione con la nazione assediata, nonostante pianti e urla di Stati Uniti, Unione europea e NATO. In precedenza, sempre a marzo, il Ministro degli Esteri siriano Walid Mualam visitò la capitale algerina con l’obiettivo dichiarato di approfondire e rafforzare i legami economici tra i due Paesi. Come scrive Ulson Gunnar nel suo articolo, “La guerra fasulla di Washington contro lo SIIL passa in Libia“, “La Siria non solo non è più sicura per lo SIIL, ne è diventata la tomba in cui viene sepolto vivo. Questo grazie non alla campagna antiterrorismo di Washington e alleati, ma per le operazioni veloci e riuscite di Mosca, Teheran ed alleati. In effetti, con le linee di rifornimento del SIIL dalla Turchia tagliate e le sue forze ricacciate dal territorio siriano, la liquidazione della sua presenza in Siria è ben avviata. Allo stesso modo in Iraq, le finte operazioni degli Stati Uniti per fermare lo SIIL sono sostituite dalla crescente cooperazione tra Baghdad, Teheran e Damasco. Ciò che era iniziato come tentativo di dividere e distruggere l’arco d’influenza dell’Iran nella regione, l’ha galvanizzato invece.
Scacciare le forze mercenarie dello SIIL dalla regione è fondamentale per garantirsi che “vivano per combattere un altro giorno”, ed inviandole in Libia Washington ed alleati sperano siano lontane dalla sempre più potente coalizione che sul serio le combatte nel Levante. Inoltre, inviandole in Libia permette ad altri “progetti” nati dalla “primavera araba” d’essere rivisitati, come ad esempio destabilizzare e distruggere Algeria, Tunisia e forse ancora l’Egitto.
E la presenza dello SIIL in Libia potrebbe essere usata come pretesto per un intervento militare ampio ed aperto in Africa delle forze statunitensi ed alleate europee e del Golfo Persico.
Come gli Stati Uniti hanno fatto in Siria, effettuando operazioni per un anno e mezzo senza assolutamente alcun risultato se non mantenere in piedi le proprie forze di ascari continuando a minare e minacciare le nazioni prese di mira, potranno altresì farlo con lo SIIL in Libia e relativa inevitabile e prevedibile ulteriore espansione”. Infatti Gunnar riassume ciò che l’Algeria sa e teme riguardo SIIL e piano NATO/anglo-USA per l’egemonia mondiale.
Perciò l’Algeria si prepara al possibile interesse occidentale a uno specifico intervento, passando dalla Siria alla Libia e oltre. Anche se non è una notizia sconvolgente, la crescente predilezione dell’Algeria per il Blocco Russo è un ulteriore segno della perdita d’influenza di Washington nel mondo e della crescente bancarotta di Stati Uniti e NATO.


Fonte:https://aurorasito.wordpress.com/2016/05/21/lalgeria-si-avvicina-al-blocco-anti-nato/

venerdì 22 aprile 2016

LA FRANCIA DI HOLLANDE DISCRIMINA L'ALGERIA CHE STA' DALLA PARTE DELLA FEDERAZIONE RUSSA, REPUBBLICA CINESE E IRAN


La Francia sta cercando di passare alla controffensiva dopo aver perso i suoi privilegi in Algeria. Lo ha detto l'ex ministro algerino dell'Energia, Chakib Khelil, in una dichiarazione all'emittente televisiva "Ennahar TV". La classe politica francese sta perdendo popolarita', ha dichiarato l'ex ministro, e per questo sta cercando di distogliere l'attenzione dell'opinione pubblica dalla crisi interna.
"L'Algeria e' cambiata negli ultimi 20 anni. E' diventato un paese forte e unito, nulla puo' destabilizzare il futuro. Il nostro commercio e' altamente diversificato oggi. La Cina ci aiuta e ci rispetta e questo da' fastidio ad alcune lobby francesi", ha detto Khelil.
"L'Algeria - ha aggiunto l'ex ministro - difende i propri interessi nel Maghreb e in Africa. La sua diplomazia forte e le sue posizioni stabili disturbano piu' gli amici che i nemici". Il 12 agosto 2013 Chelik e' stato oggetto di un mandato di arresto internazionale per il suo presunto ruolo in uno scandalo di corruzione che coinvolgeva la compagnia petrolifera statale algerina, Sonatrach. Khelil ha sempre negato ogni responsabilita'. E nel quadro di questo scontro con la Francia, non appare pretestuosa la difesa dell'ex ministro.
I rapporti tra la Francia e la sua ex colonia si sono notevolmente raffreddati negli ultimi tempi, ovvero da quando c'è Hollande all'Eliseo. In politica estera, Parigi e Algeria fanno parte di due "blocchi" geopolitici rivali: la Francia e' molto vicina alle posizioni dell'Arabia Saudita, a cui e' legata da lucrosi accordi economici, mentre l'Algeria sostiene le istanze dell'Iran e della Russia, soprattutto per quanto riguarda il prezzo del petrolio sui mercati mondiali.
Nella regione del Maghreb, inoltre, Parigi sostiene il Marocco nella contesa per il Sahara occidentale, mentre Algeri e' schierata con il Fronte Polisario e la Spagna. La Francia, tra l'altro, non ha gradito le recenti modifiche alla Costituzione algerina che prevedono anche il divieto per i cittadini con doppia nazionalita' di accedere alle alte cariche dello Stato, escludendo di fatto i moltissimi funzionari con passaporto francese.
Non solo: Algeria e Francia hanno posizioni differenti sulla crisi libica. I nordafricani hanno mantenuto una posizione molto prudente, temendo ripercussioni interne, garantendo sostegno al governo di unita' nazionale del premier Fayez al Sarraj. I francesi, invece, hanno appoggiato piu' o meno velatamente l'Esercito libico guidato dal generale Khalifa Haftar che controlla "de facto" tutta la Cirenaica e accusato di essere un feroce "macellaio" dalle opposizioni.
Non bastasse tutto questo, non ha certamente aiutato a ricucire i rapporti franco-algerini il recente scandalo Panama Papers, per cui le autorita' di Algeri hanno addirittura convocato l'ambasciatore francese. Reporter senza frontiere (Rsf) ha condannato "l'avvertimento" ai media francesi lanciato ieri da Hocine Kheldoune, direttore dei media del Fronte di liberazione nazionale algerino (Fln, principale partito di governo), dalle colonne del quotidiano locale "El Watan".
"Il presidente Abdelaziz Bouteflika sta bene e la sua salute non e' una preoccupazione per la stampa francese", ha scritto Kheldoune. "Cogliamo l'occasione - ha aggiunto - per avvertire nuovamente a non giocare col fuoco in un momento in cui i rapporti fra i due paesi sono tesi".
Le dichiarazioni sono arrivate in risposta alle immagini divulgate dai media francesi che mostrano l'anziano presidente Bouteflika con evidenti difficolta' a esprimersi durante i colloqui dello scorso fine settimana col primo ministro francese, Manuel Valls. Averne sottolineato la fragilità dovuta all'età è apparso al governo algerino e alla popolazione evidentemente un insulto. Ed in effetti lo è.
I media di Parigi hanno boicottato la visita in Algeria del premier francese, Manuel Valls, per protestare contro le autorita' algerine che avevano negato il visto d'ingresso a un giornalista del quotidiano "Le Monde". Sono diverse le testate sia televisive che cartacee e online che hanno disertato la visita: da "Libèration" a "Le Figaro" oltre ad alcune emittenti televisive francesi che hanno deciso di non inviare alcun giornalista e di non effettuare riprese.
L'Algeria aveva infatti protestato formalmente contro la Francia per alcuni articoli pubblicati dal quotidiano "Le Monde" in merito al coinvolgimento di personalita' algerine nei Panama Papers che riguardano una colossale quantita' di denaro nascosto in paradisi fiscali per un periodo che va dal 1977 al 2015, accusando l'attuale governo algerino e il suo presidente, benchè non vi siano prove e neppure indizi che possano suffragare tale pesante insinuazione.
Il quotidiano francese Le Monde ha in seguito presentato scuse formali al presidente algerino, quindi come si vede l'Algeria ha avuto buone ragioni per non dare il visto d'ingresso a quel giornalista di Le Monde. Ma mentre il presunto scandalo - falso - Panama Papers-Algeria ha riempito i giornali di Francia e non solo di Francia, le scuse di Le Monde sono passate "inosservate".

Redazione Milano


Fonte:http://www.ilnord.it/c-4818_SPECIALE_ALGERIA__LA_FRANCIA_DI_HOLLANDE_ATTACCA_E_DIFFAMA__LALGERIA_CHE_SE_SCHIERATA_CON_RUSSIA_CINA_E_IRAN

martedì 1 settembre 2015

LO STATO DELL'ALGERIA INCREMENTA LA PRODUZIONE DI GAS

Il calo del prezzo del petrolio induce il Paese nord africano a stimolare la produzione di gas. La Gran Bretagna mira a coprire il 5% del proprio fabbisogno energetico sviluppando il giacimento di gas Culzean, situato nel Mare del Nord.

Secondo al Jazeera, il governo algerino mira ad aumentare la produzione di gas del 13% entro il 2019.
L'obiettivo è anche quello di combattere tramite un aumento della produzione il calo delle entrate dei proventi della vendita dei carburanti registrato nell'ultimo anno dalle casse dello stato, causato in buona parte dal crollo del prezzo del petrolio e del gas sul mercato internazionale.
Nella rivista ufficiale del ministero algerino 'Algeria Energia', si legge che "la stima degli introiti derivati dall'aumento di produzione del gas è di 40 miliardi di dollari".
Intanto, il più grande giacimento di gas scoperto nel Mare del Nord nell'ultimo decennio, quello di Culzean, si prepara a entrare nella fase di sviluppo. Le autorità britanniche per l'energia, riferiscono i quotidiani The Guardian e The Telegraph, hanno approvato un investimento di tre miliardi di sterline nella produzione, da parte della compagnia danese Maersk. Il sito potrebbe soddisfare il 5% del fabbisogno energetico britannico e portare alla creazione di oltre 400 posti di lavoro con un indotto di circa seimila.

Fonte:http://it.sputniknews.com/economia/20150901/1074145.html#ixzz3kUxgdbJj

BENVENUTI!!!



LIBRI LETTI
TEMPESTA GLOBALE,ART BELL,WHITLEY STRIEBER;LA PROSSIMA ERA GLACIALE,ROBERT W.FELIX;ARCHEOLOGIA PROIBITA,STORIA SEGRETA DELLA RAZZA UMANA,MICHAEL A.CREMO,RICHARD L. THOMPSON;MONDI IN COLLISIONE,IMMANUEL VELIKOVKY;LE CICATRICI DELLA TERRA,IMMANUEL VELIKOVSKY;HO SCOPERTO LA VERA ATLANTIDE,MARCO BULLONI;GLI EREDI DI ATLANTIDE,RAND FLEM ATH;IL PIANETA DEGLI DEI,ZACHARIA SITCHIN;IMPRONTE DEGLI DEI,GRAHAM HANCOCK;LA FINE DI ATLANTIDE,RAND FLEM ATH;I MAYA E IL 2012,SABRINA MUGNOS;LA VENDETTA DEI FARAONI,NAUD YVES,L'EGITTO DEI FARAONI,NAUD YVES;LA STORIA PROIBITA,J.DOUGLAS KENYON;SOPRAVVIVERE AL 2012,PATRICK GERYL;STATO DI PAURA,MICHAEL CHRICHTON;APOCALISSE 2012,JOSEPH LAWRENCE;I SERVIZI SEGRETI DEL VATICANO,DAVID ALVAREZ;GENGIS KHAN E L'IMPERO DEI MONGOLI,MICHAEL GIBSON;SCOPERTE ARCHEOLOGICHE NON AUTORIZZATE,MARCO PIZZUTI;UNA SCOMODA VERITA',AL GORE;ECC..
(NON TUTTI GLI ARGOMENTI O TALVOLTA I LIBRI STESSI SONO DA ME CONDIVISI)

INDIRIZZO E-MAIL

Per contattarmi:

angelfallendark@hotmail.it


Cerca nel blog

Lettori fissi

Archivio blog