INIZIA IL PERIODO DELLE GUERRE GEOFISICHE


In un precedente post trattasi il raffreddamento climatico in arrivo nel prossimo futuro si è fatto riferimento a come dalle alte latitudini del Circolo Polare Artico si stiano manifestando chiari segnali che il declino dell'attività solare a livelli della Piccola Età del Ghiaccio sta condizionando un rinnovato periodo di instabilità climatica.
Si è anche fatto riferimento alla questione che rispetto alla Piccola Età del Ghiaccio che ha determinato un lungo periodo molto freddo del Medioevo il periodo Moderno vede un raffreddamento e un'instabilità climatica in un'epoca in cui le grandi potenza sono in possesso non solo di un'avanzata tecnologia bellica ma anche di avanzati arsenali nucleari alcuni dei quali hanno il potenziale di cancellare con una singola testata territori delle dimensioni della Francia o del Texas.
Per esempio nell'ottobre 2016 i media russi hanno presentato ai telespettatori un servizio per presentare ai cittadini in anteprima "Satan 2", una potente testata nucleare che sarebbe in grado di radere al suolo una nazione come la Francia in pochi secondi.

Il termine Satan 2 è il soprannome datogli dalla NATO.
Originariamente previsto per un rilascio del 2020, il Satan 2 dovrebbe essere operativo entro il 2018. Il missile da più di 100 tonnellate lanciato da un silos può percorrere distanze fino a 10.000 chilometri, attraverso il Nord o Sud, per offrire un enorme carico utile di 10 tonnellate.
La maggior parte degli osservatori di difesa straniera sono convinti che tali testate sono armate del Project 4202, un velivolo ipersonico che, separandosi dal suo veicolo di lancio ICBM, sarà in grado di accelerare a velocità tra Mach 7 e Mach 12, agendo come un missile da crociera ipersonico e capace di manovrare per superare qualsiasi difesa missilistica esistente.
In effetti al mondo attualmente non esistono sistemi di difesa contro un sistema missilistico ipersonico.Certamente sia gli Stati Uniti, la Federazione Russa e la Cina stanno elaborando non solo sistemi missilistici capaci di lanciare testate missilistiche a velocità ipersonica ma sviluppando armi basate su nuovi principi fisici come ad esempio la RailGun americana.

Da diversi anni l'America sta lavorando con l'idea della Railgun, armi che non sparano con polvere da sparo o esplosivi chimici, ma attraverso campi elettromagnetici.
Sì, questi sono lanciatori elettromagnetici. Ora, non sono solo vicini alla realtà, ma proprio sulla cima della distribuzione.
Essenzialmente, i Railguns in fase di sviluppo operano proprio sul seguente concetto: ci sono cariche di corrente elettrica da entrambi i lati del cannotto della pistola, creando campi magnetici che spingono i proiettili a velocità incredibili.
Inoltre, a differenza dei proiettili convenzionali che perdono l'accelerazione solo pochi secondi dopo che la polvere si accende, i proiettili railgun in realtà si accelerano.
Il proiettile railgun guadagna più velocità mentre percorre la lunghezza del barile di circa 32 piedi (~ 10 m), uscendo dal muso ad una velocità di 4500 miglia all'ora (più di 7.000 km / h), o più di un miglio al secondo.
Sorprendenti velocità rendono incredibili impatti e la totale distruzione di bersagli sorprendenti. I militari stanno già prevedendo l'uso di carri armati con tale tecnologia contro sostanzialmente tutto: carri armati, aerei, navi, campi terroristici, anche altri missili.
Anche la Federazione Russa ha collaudato la medesima tecnologia e sembra che siano al passo con i loro omologhi americani.l'idea di armi costruite su nuovi principi fisici non si limita a testate nucleari ipersoniche, proiettili lanciati con energia elettromagnetica o addirittura armi laser già esistenti e in fase di sperimentazione, nel contesto climatico di cui abbiamo fatto accenno la tecnologia ha raggiunto un tale livello di sviluppo da avere il potenziale di scatenare la prima Guerra Geofisica della Storia tra le principali potenze: USA, Russia, Cina.
Tale tecnologia è in realtà il frutto di anni di sperimentazioni iniziate nel periodo della Prima Guerra Fredda tra URSS e USA.
Alcuni esempi sono necessari per introdurre l'argomento.

Nel 4 ottobre del 1954 è stato il Project Argus che ha consistito nello far detonare tre bombe nucleari nella cintura di Van AllenLe prove sono state proposte da Nicholas Christofilos in un documento inedito di quello che allora era il ramo di Livermore del Lawrence Radiation Laboratory (ora Lawrence Livermore National Laboratory ) come mezzo per verificare l'effetto Christofilos, che sosteneva che detonazioni nucleari ad alta quota creerebbero una cinghia di radiazione nelle regioni estreme superiori dell'atmosfera terrestre.
Tali cinghie sarebbero in effetti simili alle cinture di radiazione di Van Allen.
"Tali cinture di radioprotezione sono state considerate come possibili uso tattico in guerra, incluse nel degrado delle trasmissioni radio e radar (del nemico), il danneggiamento o la distruzione dei meccanismi di armamento e di fusione delle testate ICBM e il rischio di mettere in pericolo gli equipaggi dei veicoli spaziali in orbita che potrebbero entrare nella cintura".
Il vantaggio tattico di un simile test è che si potevano usare tali mezzi per abbattere i missili nemici e i satelliti che entravano.
In effetti, tale test ha funzionato.
Ha creato cinture artificiali di elettroni che hanno circondato il pianeta per settimane. Nel 1962 invece venne comissionato sempre dagli Stati Uniti il Project Starfish.

Solo cinque giorni dopo che gli americani in tutto il Paese assistessero ai fuochi d'artificio del mese di luglio, la Commissione per l'energia atomica ha creato il più grande spettacolo di luce artificiale della storia quando ha lanciato una testata termonucleare tramite un razzo Thor, creando una detonazione nucleare suborbitale a 250 Miglia sopra l'Oceano Pacifico.
Nei cinquanta minuti che seguirono, i testimoni dalle Hawaii alla Nuova Zelanda videro il cielo illuminato in magnifiche strisce arcobaleno e un aurora boreale artificiale.
Con una resa di 1,45 megatoni, la bomba a idrogeno era circa 100 volte più potente della bomba atomica caduta a Hiroshima 17 anni prima.
Tuttavia gli scienziati hanno sottovalutato gli effetti della bomba e della radiazione risultante.
Nel 1963 il Militare americano comissiona il Project Westford .

All'altezza della Guerra Fredda, tutte le comunicazioni internazionali erano inviate tramite cavi sottomarini o rimbalzate fuori dalla ionosfera naturale. Il militare statunitense era preoccupato che i sovietici potessero tagliare questi cavi, costringendo l'ionosfera imprevedibile ad essere l'unico mezzo di comunicazione con le forze d'oltremare.
Così, un anello di 480.000.000 fili di rame aghi lunghi 1.78 cm, è stato collocato in orbita per facilitare la comunicazione radio globale.

Nel 1966 è stata praticata l'Operation POP EYE un programma altamente classificato per la modifica del tempo nel sud-est asiatico nel corso del 1967-1972.
L'operazione di chiusura della nuvole durante la guerra del Vietnam è passata dal 20 marzo 1967 al 5 luglio 1972 nel tentativo di estendere la stagione dei monsoni, in particolare nelle aree del sentiero di Ho Chi Minh. L'operazione è stata utilizzata per indurre la pioggia e prolungare la stagione dei Monsoni dell'Asia orientale a sostegno degli sforzi del governo americano relativi alla guerra in Sud-Est asiatico.
Un rapporto intitolato Rainmaking in SEASIA delinea l'uso di ioduro di piombo e ioduro d'argento dispiegato dagli aeromobili in un programma sviluppato in California presso la Stazione di Weapons Naval Air Station China Lake e testato in Okinawa, Guam, Filippine, Texas e Florida in un programma di studio per uragani chiamato Project Stormfury.
1967-1971
Progetto Intermediario-Compatrio
Seminazione di nubi

Progetto Cirrus
Manipolazione degli uragani

Progetto Stormfury
Manipolazione degli uragani
1970
Libro "Prophecy"
Il libro del 1970, di Zbigniew Brzezinski ha dichiarato:
"La tecnologia metterà a disposizione, ai leader delle nazioni importanti, tecniche per la conduzione di una guerra segreta, di cui solo un minimo delle forze di sicurezza deve essere valutato ... LE TECNICHE DI MODIFICA METEO POSSONO ESSERE LAVORATE PER PRODURRE PERIODI PROLUNGATI DI SICCITA' O TEMPESTE "
1971
Progetto congiunto USA / Soviet
Gli Stati Uniti e l' Unione Sovietica hanno iniziato la cooperazione segreta nel mondo del meteo nel 1971. Il successivo anno, le squadre scientifiche statunitensi e sovietiche hanno condotto ricerche sul Mar Bering. Il secondo progetto è stato POLEX , l' esperimento polare del Global Atmosphere Research Program. Nel 1973, entrambe le nazioni hanno collaborato segretamente con AIDJEX , l' esperimento di Joint Dynamics Ice Arctic ...
1972
Tecnologia
Lo sviluppo di un cannone laser ultravioletto per forzare fori nello strato di ozono
1970
Bombardamento chimico reagente per danneggiare lo strato di ozono
1970
Semipalatinsk
Struttura per la sperimentazione di fasci di particelle cariche.

Progetto PRIME ARGUS
Produzione di terremoti

Progetto Skyfire
Innescare Fulmini
Anni dopo alterare anche solo localmente il meteo da parte di alcune potenze è diventata una pratica consolidata, questo significa che dai tempi della Guerra Fredda tali Paesi non hanno del tutto sospeso i loro programmi ma ci hanno lavorato dietro per lungo tempo.
Il controllo del tempo, almeno in qualche misura, è un campo di attività scientifico e commerciale consolidato e in espansione.
Ad esempio, BusinessWeek ha segnalato il 24 ottobre 2005: "La prevenzione del Rainmaking e della grandine è un'arte considerata consolidata in alcuni paesi. La Cina ha 35.000 persone impegnate nella gestione delle intemperie e spende 40 milioni di dollari all'anno per alleviare le siccità o soppressione della grandine che potrebbe danneggiare i raccolti ". Negli Stati Uniti questa attività è principalmente limitata ai governi locali e alle imprese commerciali di proprietà privata, come Weather Modification, Inc . (WMI) di Fargo, North Dakota.
WMI fornisce servizi alle università, alle agenzie governative e agli enti del settore privato in tutto il paese e in tutto il mondo, tra cui la soppressione di grandine in Argentina, l'aumento della neve in Idaho e la semina in Nevada.
Il controllo ostile e intenzionale del tempo e di altri processi ambientali è chiamato collettivamente Guerra Geofisica.
Nel suo capitolo intitolato "“How to Wreck the Environment,", nel libro del 1968, Unless Peace Comes, il dottor Gordon JF MacDonald ha scritto: "La chiave della guerra geofisica è l'identificazione delle instabilità ambientali a cui l'aggiunta di una piccola quantità di energia libererebbe enormi quantità di energia ".
All'epoca in cui ha scritto queste parole, il dottor MacDonald è stato Direttore Associato dell'Istituto di Geofisica e Fisica Planetaria presso l'Università della California, Los Angeles (UCLA). E 'stato anche membro del comitato consultivo scientifico del presidente e successivamente è stato membro del Consiglio del presidente sulla qualità ambientale.
In un articolo intitolato semplicemente "Spazio" (Verso l'Anno 2018, 1968), il dottor MacDonald elaborò le possibilità della guerra geofisica:
"Entro l'anno 2018, la tecnologia metterà a disposizione dei leader delle nazioni principali una varietà di tecniche per condurre una guerra segreta, di cui solo un minimo delle forze di sicurezza dovrebbe sapere. Una nazione può attaccare un concorrente in modo segreto con mezzi batteriologici, indebolendo la popolazione (sebbene con un minimo di morti) prima di attaccare con le proprie forze armate aperte. In alternativa, tecniche di modifica del tempo potrebbero essere impiegate per produrre periodi prolungati di siccità o tempesta, indebolendo così la capacità di una nazione e costringendola ad accettare le richieste del concorrente."
Molto poco si sa sullo sviluppo di Cina, Russia e Stati Uniti delle armi geofisiche tuttavia se analizziamo un comunicato fatto dal ministero della Difesa russo si può comprendere come progetti che poggiano le loro basi nel recente passato della Guerra Fredda siano stati ammodernati e sviluppati o in base di sviluppo.
I nuovi modelli di armi ipersoniche, sistemi robotici intelligenti e armi basate su nuovi principi fisici saranno a disposizione dell'esercito russo entro il 2025, si legge in un comunicato del ministero della Difesa russo pubblicato oggi.
"Nel nuovo programma di armamenti si mira a terminare e consegnare alle truppe armi ipersoniche di innovativi modelli, sistemi robotici intelligenti ed armi sulla base di nuovi principi fisici, così come una vasta gamma di armi convenzionali di nuova generazione," — si legge nel comunicato del marzo 2017.
Dal momento che il clima sta manifestando una chiara tendenza verso un'elevata instabilità meteorologica viene da chiedersi se tale "opportunità" non venga proprio colta dalle grandi potenze per un ritorno al passato.
Intanto gli scienziati lanciano nuovi avvertimenti circa la crisi solare in arrivo nei prossimi anni.
"Il sole potrebbe ben presto innescare con un'aumento dei raggi cosmici dallo spazio profondo così intensa, che potrebbe portare una parte della nostra atmosfera a crollare.
Gli scienziati dello spazio sanno che siamo sulla soglia di un "minimo solare", che è un periodo di bassa attività.
A differenza del nome suggerisce, ciò potrebbe causare una contrazione esterna della termosfera e non è del tutto chiaro quali effetti potrebbero esserci sul nostro pianeta.
Il professor Yvonne Elsworth all'Università di Birmingham in Inghilterra ritiene che un "cambiamento fondamentale nella natura della dinamo [del sole magnetico] possa essere in corso".
È supportato dagli scatti quotidiani della NASA Solar Dynamics Observatory, che hanno mostrato un sole senza macchia per 44 giorni di fila.
Questo ha condotto gli scienziati a credere che sta avvicinando a un periodo tumultuoso non visto dal 2008. "

In un periodo nella quale si stanno sviluppando armi laser, tecnologie a velocità ipersonica, cannoni elettromagnetici e la previsione di Gordon JF MacDonald della "Guerra Geofisica" nel 2018 alcuni complottisti della peggior razza dichiareranno: "Gli scarafaggi erediteranno la Terra."













Commenti