LA GRANDE BUFALA DELL'INVERNO NUCLEARE



L'Inverno nucleare è una notizia falsa. La guerra nucleare può, purtroppo, essere combattuta:

Consideriamo le più grandi bombe H che sono esplose, i vulcani in eruzione, e gli incendi giganti in Kuwait, Indonesia.
Questi dimostrano che l'ingresso ipotizzato “osservazionale” sulla teoria dell'inverno nucleare era ovviamente falsa: le esplosioni delle bombe H non possono avere l'effetto di raffreddamento di un vulcano serio: il materiale sollevato dalle H bombe non è né sufficiente né della giusta qualità, né alzato abbastanza in alto per raffreddare l'atmosfera come i grandi vulcani.
E il fumo dei fuochi successivi, carichi di nerofumo, non salirebbe abbastanza alto per grave effetto globale come l' eruzione di un vulcano come il Tambora .

Abbiamo vissuto, viviamo ancora, attraverso l'età delle teorie false, con falsi sistemi di pensiero, che siamo tenuti ad adorare come il “vitello d'oro” di un tempo.
E 'questo sta per finire? Internet sta mettendo un'ammaccatura nella vecchia dabbenaggine di moda.
Alcune menti profonde come F. Dyson, avevano capito molto tempo fa che la teoria famosa noto come “inverno nucleare” era semplicemente errata.
Una foto può valere più di mille calcoli, soprattutto se li contraddice.
Ad esempio, secondo l'aerodinamica classica, le api non possono volare: sono pesanti, si possono sollevare con le loro piccole ali.
Tuttavia, volano: l'immagine di un volo delle api vale più di mille calcoli fatti con teorie insufficienti.
Abbiamo la prova, dall'osservazione diretta delle giganti bombe H, i vulcani che esplodono, e gli incendi in Kuwait, Indonesia negli ultimi due decenni.
Ecco una citazione:

La NASA avverte dei peggiori incendi boschivi di sempre, un disastro ambientale che ha coperto di fumo sei paesi.
“Gli incendi in Indonesia non sono come la maggior parte altri fuochi. Sono estremamente difficile da spegnere “, diceva la NASA. E sono sporchi.
Le emissioni stimate di gas a effetto serra provenienti dalle 1997 incendi erano superiori alle emissioni medie giornaliere dal intera economia degli Stati Uniti, almeno 26 giorni, secondo il World Resources Institute.
E in questa stagione da solo, gli incendi hanno rilasciato gas serra equivalenti a circa 600 milioni di tonnellate meno che la produzione annua delle emissioni di carbonio della Germania, secondo gli scienziati della NASA.”

La grandi bombe all'idrogeno non sono giganteschi vulcani, emettono idrocarburi fumi, non Solfati:

Una palla di fuoco nucleare aumenta molto rapidamente, molto elevata, portando un sacco di terreno con se in prossimità del suolo, o semplicemente riscaldando l'aria se esplosa in alto.
Castel Bravo che è stata un'esplosione di super-gigante, ha prodotto un fungo atomico, che ha raggiunto i 40 chilometri, e tutto il fumo da combustione, arrivando molto più tardi, non arriverà così in alto.
Diversamente da un'eruzione vulcanica gigantesca, che solleva materiali appositamente assorbenti ( solfati, SO2) estremamente in alto.
Assolutamente grandi bombe sono state fatte esplodere in passato.
La peggiore, Tsar Bomb ha distrutto strutture a 1.000 chilometri di distanza.
In ogni caso, anche la peggiore esplosione non ha avuto molto di un effetto durevole sulla stratosfera.
L'esplosione del Tambora nei primi anni del 19° Secolo ha creato un locale periodo invernale, per 100 ore: buio totale, e freddo.
Poi il freddo si è esteso su tutto l'emisfero settentrionale, e l'anno successivo è stato quello 'senza estate': le colture sono fallito, perché c'èra il gelo in tutta Europa, anche in luglio, agosto.
Ma quello era un vulcano.
Niente di paragonabile ai 15 megatoni (US) e 50 megatoni (URSS).
L'esplosione di Hiroshima era di 16 kiloton. Per duplicare una tempesta di fuoco di Hiroshima con esplosivi convenzionali si arriverebbne solo a 1,2 kiloton.
L'esplosione di Nagasaki era più potente: 22 kilotoni di TNT.
Tuttavia, non vi era alcuna tempesta di fuoco.
Le bombe nucleari suggestive nelle città moderne, anche in India e Pakistan, farebbero collassare grattacieli di cemento.
Durante la tempesta di fuoco del Kuwait di oltre 600 pozzi in fiamme, fino a sei milioni di barili al giorno, le nuvole sono rimaste basse, solo raramente raggiunsero i 6.000 metri (mentre i solfati vulcanici possono essere lanciati oltre 34.000 metri, che essendo la quota per l'eruzione del Pinatubo del 1991).
Un dibattito si è verificato in natura nel 2011. Come dice Wikipedia:
”Mentre il MIT meteorologo Kerry Emanuel ha scritto una recensione in natura che il concetto inverno è ‘noto per la sua mancanza di integrità scientifica’ a causa delle stime irrealistiche selezionate per la quantità di carburante che rischia di bruciare".
Il pericolo di armi nucleari è che sono assassini delle città.
I cinque membri permanenti del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite non hanno alcun interesse, e non avrà lungo alcun interesse, di sorta, di impegnarsi in una guerra nucleare (tutti controllano enormi territori su terra, e, o, mare (quest'ultimo come la Francia, gli Stati Uniti e Regno Unito fanno).
Ma un sacco di altre potenze potrebbe avere un certo interesse punto di impegnarsi in una guerra (il primo esempio è la Corea del Nord, i wahabiti del Pakistan, ecc..).
In precedenza, la paura esagerata di fallout nucleare ha spaventato la gente allontanandola dall'idea di una guerra nucleare.
Fine di una leggenda metropolitana.

Patrice Ayme

Fonte:https://patriceayme.wordpress.com/2017/01/29/nuclear-winter-no-helas/



Commenti