ISLANDA: HERDUBREID E HOLUHRAUN IN MOVIMENTO

Nell'area di Holuhraun ed Herdubreid l'attività sismica nel periodo del mese di aprile è diventata più intensa, nessuna scossa di terremoto finora ha superato la magnitudo 3.0 ma rispetto ai periodi scorsi è piuttosto evidente che l'accumulo di magma nell'area dell'eruzione del 2014-2015 e nell'area di Herdubreid prosegue ad un ritmo maggiore.

Questo fenomeno è legato al processo di fratturazione causato dell'espansione di due grandi camere magmatiche.
L'area di Holuhuarun è legata al sistema vulcanico del Bardarbunga, il quale come si osserva nell'immagine ha manifestato di recente un nuovo sciame sismico tra cui una scossa di magnitudo 3.0, proprio a causa del fatto che la sua camera magmatica è nuovamente in espansione.
Tuttavia sembrerebbe che Holuhraun non si comporti più come un cratere secondario del vulcano come fece durante l'eruzione del periodo 2014-2015 quando un'intrusione magmatica a diga direttamente dal mantello si diffuse dal Bardarbunga fino all'area di Holuhraun, ma piuttosto sembrerebbe che i due sistemi vulcanici si comportino in modo indipendente.
L'aumento della massa di magma in questi tre sistemi vulcanici Bardarbunga-Holuhraun-Herdubreid è legata proprio a questo fenomeno di rifting che vale la pena riassumere proprio per il fatto che è difficile per chi non è addetto ai lavori.
I processi di Rifting è quando una grande parte di una frattura sull'Islanda si apre a grandi profondità e grandi quantità di magma si formano e sono spinte verso l'alto riempiendo il vuoto che è creato.Il vulcano Bárðarbunga ha avuto più della metà delle islandesi eruzioni rifting a fessura, e, naturalmente, i più grandi.
Le eruzioni di rift non sono particolarmente esplosive o pericolose, ma rilasciano straordinarie quantità di magma che provocano fessure nella litosfera.
Il magma sale e si accumula a 3 km di profondità.
I popoli islandesi possono essere fortemente colpiti dalle eruzioni a frattura perché l'Islanda è un'isola che fa parte della Dorsale Medio Atlantica, dove si verificano le eruzioni più grandi, tali sistemi di frattura possono propagarsi per decine di chilometri e innescare eruzioni sia in un'area sia in un'altra a decine di chilometri di distanza.
Una fase eruttiva di rifting avvenne nel 1783-1784 con la fase eruttiva del Laki-Grimsvotn, i Fuochi Skaftár che è accaduto nella sequenza di spaccature del vulcano Grimsvotn.

Nel corso degli otto mesi che hanno accompagnato la serie di vaste eruzioni, fu espulsa attraverso le spaccature qualcosa come15 chilometri cubi, sufficienti per seppellire l'intera isola di Manhattan fino alla cima del Rockefeller Center.

Un'altra fase di rifting in Islanda avvenne nel 1477 quando una frattura si propagò da Veidðivötn e si estese fino al Torfajökull (causando un'eruzione lì) e causando anche un'eruzione di categoria VEI-6 nella caldera del Bárðarbunga.
In questo periodo il vulcano Bardabunga, in Islanda, ebbe una colossale eruzione.
Nel febbraio del 1477, il Bárðarbunga eruttò con una combinazione catastrofica di una eruzione fessura regionale, con un'eruzione subglaciale esplosiva, un 'imponente flusso piroclastico, esplosioni freatiche e colate di lava che hanno inflitto gravi danni in Islanda. Con un indice di esplosivo di 6, questa è stata una delle eruzioni vulcaniche più grandi del mondo.
Questo evento ha prodotto la più grande conosciuta colata lavica durante gli ultimi 10.000 anni sulla Terra (più di 21 chilometri cubi di volume).

Nello stesso periodo avvenne l'eruzione del vulcano Torfajökull e consistette nell'emissione della più grande area di roccie effusive al silicio in Islanda.
Ma la madre di tutte le eruzioni islandesi di questo tipo avvenne invece nel 934 dell'Era Volgare.
Eldgja (Canyon di Fuoco) è un gigantesco canyon vulcanico in Islanda. Eldgja e il Katla vulcano sono parte dello stesso sistema vulcanico, nel sud del paese.
Situato tra Landmannalaugar e Kirkjubæjarklaustur, Eldgja è il più grande canyon vulcanico in tutto il mondo, 270 m di profondità e 600 m di larghezza al suo massimo.
La prima eruzione documentata nel 934 è stata la più massiccia emissione di lava basaltica nel tempo storico.
L'estensione areale della superficie lavica è di circa 800 km 2. Si stima che circa 18 km 3 di magma siano stati eruttati.
L'eruzione in Eldgja del è durata 3-8 anni e ha prodotto 19,6 chilometri cubi di lava, il che la rende la più grande inondazione basaltica di lava nel tempo storico.
La fessura era lunga circa 30 km. Si stima che circa 219 milioni di tonnellate di SO2 sono stati rilasciati nell'atmosfera durante l'eruzione.Tornando al sistema Holuhraun ed Herdubreid l'aumento della percentuale di attività sismica in queste due aree evidenzia che le camere magmatiche sono in espansione.
Herdubreid attualmente condivide un sistema magmatico comune con Upptyppingar ed ha il potenziale di innescare un'eruzione paragonabile o superiore a quella del Bardarbunga nel periodo 2014-2015 e l'aumento dell'attività sismica nell'area circostante Herdubreid denota chiaramente che il complesso vulcanico post-glaciale è collocato proprio sopra tale camera magmatica.
Impossibile determinare se l'eruzione avverrà in tale complesso, ma c'è la possibilità che si svilupperà in una serie di lunghe fratture verso sud che potrebbero anche coinvolgere il vulcano Askja, oppure propagarsi in direzione di Holuhraun.
In entrambi i casi non sarà un fenomeno eruttivo di breve durata e potrebbe anticipare addirittura un nuovo fenomeno nell'area del Bardarbunga.
Queste conclusioni arrivano dalla somma di dati sismici degli ultimi mesi ed anni.

Commenti