FRANCIA: IL FUTURO PRESIDENTE DI FRANCIA CHIEDE IL RIPRISTINO DELLE FRONTIERE


Il candidato presidenziale Marine le Pen ha invitato il governo francese a ripristinare immediatamente i confini del paese e espellere i cittadini stranieri che vengono monitorati dai servizi di intelligence dopo l'attacco terroristico di ieri a Parigi.
"Invoco questo governo effimero, indebitato dall'inazione, per l'immediato ripristino delle nostre frontiere nazionali", ha detto Le Pen in una dichiarazione della sua sede della campagna solo due giorni prima del primo turno delle elezioni presidenziali della Francia.
Il leader del partito politico di destra, Fronte Nazionale, ha anche invitato il governo francese a espellere "immediatamente" tutti i cittadini stranieri che vengono monitorati dai servizi di intelligence, riferendosi principalmente a quelli presenti nell'elenco "Fiche S", che contiene persone considerate una minaccia per la sicurezza nazionale che dovrebbero essere costantemente monitorata.
Secondo Le Pen, il governo francese ha fatto tutto per rendere la Repubblica perdente nella guerra contro il terrorismo.
"La guerra che è stata combattuta contro di noi è asimmetrica, rivoluzionaria. Non possiamo permetterci di perdere questa guerra. Ma negli ultimi dieci anni i governi di sinistra e di destra hanno fatto tutto il possibile per perdere. Abbiamo bisogno di una presidenza che ci protegga e ci protegge ", ha detto Le Pen.
Il candidato ha aggiunto che, se eletta presidente della Francia, "immediatamente e senza esitazione avrà un piano di battaglia contro il terrorismo islamista e contro la lassità giudiziaria".
"Devono essere prese nuove regole restrittive sull'immigrazione, l'asilo o la cittadinanza", ha detto.
Le Pen ha nuovamente denunciato l'ideologia islamista, dicendo che "non deve avere alcun diritto ad essere citata in Francia".
"Le organizzazioni salafiste ... devono essere vietate. I predicatori dell'odio devono essere espulsi, le moschee islamiche [devono essere chiuse], ha dichiarato .
La speranza presidenziale ha anche affermato che le moschee non devono essere finanziate da fondi pubblici o da cittadini stranieri.
L'attacco effettuato sulla strada principale principale della capitale francese e il grande punto di riferimento degli Champs-Elysées, ha sconvolto la nazione ancora una volta, solo due giorni prima del primo turno delle elezioni presidenziali (23 aprile).
Un agente di polizia è stato ucciso e due feriti durante la sparatoria a Parigi giovedì sera.
Un passante, una donna straniera, sono stati anche leggermente ferito nell'incidente.
Il gruppo terroristico dello Stato islamico (ISIS / ISIL) ha successivamente rivendicato la responsabilità per l'attacco attraverso il suo sito web della propaganda.
L'attaccante è stato ucciso dalla polizia.
Poco dopo, il Francois Fillon, sperante della presidenza francese, ha chiesto che le attività di campagna siano sospese.

Fonte:https://www.rt.com/news/385582-le-pen-close-borders/

Commenti