UN MONDO SEMPRE PIU' MILITARIZZATO TRA TERRORISMO E GRANDI POTENZE


Sempre più i conflitti e minacce alla sicurezza si spendono in Medio Oriente, in Africa e in Europa (Ucraina), nel rapporto "World Military Balance 2017".
La Corea del Nord continua a lavorare sul suo programma missilistico.
E il gran numero di attacchi nel corso dell'anno passato testimoniano che le sfide da parte del terrorismo internazionale sono in aumento.
Gli autori del rapporto hanno sottolineato che l'equilibrio militare è sempre più spostato verso l'Asia.
Tra il 2012 e il 2016, la spesa per la difesa era cresciuto lì dal 5-6 per cento all'anno.
Già nel 2013 hanno Asia ed Europa erano estromessi dalla spesa militare dal secondo posto, e nel 2016 i paesi asiatici hanno speso circa il 30 per cento in più per armamenti dai paesi europei.
I leader sono e restano gli USA con una spesa di 604 miliardi di dollari, seguita da Cina e Russia, ciascuno con 145 e 58,9 miliardi di dollari.
Come gli autori hanno notato le "sfide alla superiorità militare dell'Occidente sono sempre più grandi" sono, perché la Cina presto raggiungerà la parità militare con i paesi occidentali: "In passato la Cina aveva imitato armi principalmente sovietiche e russe, ma ora è ovvio che la Cina è nelle principali aree focalizzate sulla propria ricerca e produzione. "Circa un terzo di tutta la spesa militare nei paesi asiatici hanno rappresentato oggi sulla Repubblica Popolare Cinese.
Soprattutto grandi successi di Pechino vantano nello sviluppo del settore aerospaziale e navale.

Aveva iniziato a lavorare su tre recenti grandi distruttori di missili del tipo 055, e dalla serie 052D , sono stati costruiti di 13 distruttori già cinque.
Gli altri otto sono da includere nel armamento nel 2017 e 2018.
Inoltre, il Regno di Mezzo sta sviluppando nuovi missili aria-aria, secondo il rapporto.
Per quanto riguarda la Russia, gli autori hanno trovato che il dato di settembre 2015 sul permanente uso di armi russe in Siria dimostra "che le forze armate russe hanno continuato a modernizzare e ampliare le possibilità dei suoi sistemi".
E in Ucraina, dice il rapporto, hanno "l'uso diretto della forza militare russa ha portato alla rapida protezione della Crimea. E quando Mosca ha pensato che i suoi interessi erano in pericolo a causa di una campagna di truppe ucraine, ha praticato la pressione di nuovo militare: in Selenopolje e Ilowaisk 2014 e in Debalzewo 2015. "
È stato inoltre sottolineato nella relazione che " alcuni modelli di missili russi superano in termini di copertura i sistemi simili di paesi della NATO e degli Stati Uniti".
Questo vale, ad esempio, per i sistemi multipli sistemi a razzo Smertsch-M, isistemi missilistici tattici Tochka-U e Iskander.
Gli esperti della Russia hanno portato sforzi in questo settore "sulle attività militari crescenti (...) per i confini russi".
Tuttavia, del rapporto gli autori hanno notato che la spesa militare di Mosca nel 2016 è "solo" $ 58900000000 pari a (rispetto ai $ 66,1 miliardi nel 2015).
Per quanto riguarda la dinamica della spesa militare della NATO gli autori hanno notato dal documento che questo dipenderà in gran parte dal fatto che i membri dell'Alleanza rispettino l'impegno che le sue spese militari siano pari a due per cento del loro PIL.
L'anno scorso, per esempio, ha avuto solo due paesi, l'Estonia e la Grecia, che hanno rispettato tale obbligo.

Fonte:https://de.sputniknews.com/zeitungen/20170215314562194-china-paritaet-westen/

Commenti