IL SISTEMA MISSILISTICO THAAD E' ARRIVATO IN COREA INDIPENDENTEMENTE DAI MISSILI NORD COREANI


La Casa Bianca ha fatto riferimento alla "diffusione di THAAD" seguendo i nuovi missili lanciati da Pyongyang il 6 marzo.
Eppure le componenti THAAD sono arrivate ​​in Corea, la sera del 6 marzo, a prescindere dalle dichiarazioni della Casa Bianca.
Ne consegue che il dispiegamento di THAAD è coerente con un ordine del giorno stabilito dal militare coreano e americano e non è dipendente dai della Corea del Nord.
Il 7 marzo un portavoce delle forze Usa in Corea del Sud ha riferito per telefono che l'arrivo di elementi THAAD alla Osan Air Base in provincia di Gyeonggi, non è legata alla dichiarazione dalla Casa Bianca.
"E 'stato solo un passo nel processo di distribuzione di sistemi di difesa missilistica in conformità con l'accordo tra la Corea e gli Stati Uniti", ha osservato il portavoce.
Per motivi di sicurezza, non ha voluto dire a che ora gli elementi del sistema sono arrivati, dove sono stati depositati, quali erano questi e quando saranno trasportati fino alla destinazione finale.
"Non posso dire altro se non che gli elementi THAAD sono arrivati ​​a Osan la notte scorsa", ha tagliato corto.
"La consegna del THAAD non è legato alla situazione politica attuale, è parte di un piano elaborato dalle parti. Né la Casa Bianca né la Presidenza della Repubblica di Corea hanno a che fare con essa ", ha detto l'ufficiale.
Tuttavia, è innegabile che la consegna potrebbe essere fatta da una base vicino alla penisola coreana.
La Cina ha fortemente protestato contro il dispiegamento degli Stati Uniti del sistema missilistico THAAD in Corea del Sud, promettendo di fare tutto il necessario per difendere i propri interessi di sicurezza.
"Ci opponiamo con forza al dispiegamento del sistema missilistico THAAD degli Stati Uniti in Corea del Sud. La Cina risolutamente prende le misure necessarie per difendere i propri interessi di sicurezza. Gli Stati Uniti e la Corea del Sud subiranno tutte le conseguenze ", ha avvertito Geng Shyang, portavoce del ministero degli Esteri cinese, nel corso di una conferenza stampa.
Egli ha invitato le parti a interrompere la distribuzione e "non prendere questa strada sbagliata."
Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha detto durante un incontro con il suo omologo sudcoreano Yun Byung-se a margine della Conferenza sulla sicurezza di Monaco di Baviera, che è necessario abbandonare la politica immobiliare della presenza militare nella regione. Il ministro russo ha particolare menzionato la necessità di risolvere la situazione, favorendo mezzi politici e diplomatici.

Fonte:https://fr.sputniknews.com/international/201703071030361651-thaad-plan-militaires-declarations-maison-blanche/

Commenti