ATTUALE CONFIGURAZIONE PLANETARIA DEL SISTEMA SOLARE


venerdì 21 aprile 2017

REPUBBLICA CINESE E FEDERAZIONE RUSSA AMMASSANO JET E ARTIGLIERIA AL CONFINE CON LA COREA DEL NORD


Torna a farsi bollente il clima intorno alla Corea del Nord. Fonti militari americane hanno riferito questa mattina alla Cnn che l'aeronautica militare della Cina avrebbe messo i caccia in stato di "massima allerta".
In particolare le forze armate di Pechino avrebbero intensificato le operazioni di manutenzioni, con un eccezionale numero di aerei pronti a decollare. Secondo fonti Usa i cinesi starebbero intensificando gli sforzi per "ridurre i tempi di reazione" nel caso la situazione a Pyongyang dovesse precipitare all'improvviso.

La Russia ammassa truppe al confine

Ma la Cina non è la sola a mobilitare le forze armate. Secondo diversi media locali anche la Russia starebbe spostando diversi equipaggiamenti militari pesanti lungo la breve striscia di confine- appena 17 chilometri - che la separa dalla Corea del Nord. Un video pubblicato sul sito di notizie di Khabarovsk DVHab.ru mostra un treno con anche sistemi missilistici Tor che attraversa la città, presumibilmente diretto verso Vladivostok, a 160 chilometri dal confine. Tuttavia il portavoce del Cremlino Dmirty Peskov ha preferito glissare, limitandosi a ricordare che i movimenti militari all'interno dei confini non rappresentino una questione pubblica.

Settimane di tensione

La notizia dell'attivismo russo e cinese arriva al termine di settimane di altissima tensione. Prima le minacce di Kim Jong-Un, che all'indomani del raid Usa contro la base aerea siriana di Shayrat replicò che la mossa statunitense "giustificava l'atomica". Quindi la risposta americana con l'invio della portaerei "Uss Carl Vinson" che, al termine di una controversa polemica sulla rotta tenuta in mare, ha infine rivolto la prora verso la penisola coreana. Ora nuovi inquietanti segnali di tensione con la mobilitazione di due grandi potenze - la Russia e la Cina - che sino a questo momento avevano assunto la posizione di possibili mediatori. E che adesso parrebbero prepararsi al peggio.

Fonte:http://www.ilgiornale.it/news/mondo/alta-tensione-corea-russia-e-cina-mobilitano-esercito-e-1388405.html

LA POLONIA NAZIONALISTA VOLA: CRESCITA ECONOMICA +3,4% NEL 2017 E +3,2% NEL 2018


VARSAVIA - L'economia polacca letteralmente ''vola'': e' destinata a crescere del 3,4 per cento per cento quest'anno e del 3,2 per cento nel 2018. E' quanto emerge da una nuova previsione da parte del Fondo monetario internazionale (FMI) contenuta nel suo rapporto World Economic Outlook. Nel mese di gennaio, gli analisti del Fondo avevano previsto che il Pil polacco sarebbe cresciuto del 3,3 per cento sia nel 2017 che nel 2018. L'Istituto con sede a Washington prevede anche che l'inflazione in Polonia si attestera' al 2,3 per cento alla fine del 2017, e al 2,4 per cento alla fine del 2018, in crescita rispettivamente dello 0,8 e dello 0,2 per cento rispetto sue previsioni di gennaio. L'Fmi ha inoltre rivisto al ribasso le sue previsioni sulla disoccupazione in Polonia. Secondo le ultime proiezioni, la percentuale di senza-lavoro sara' del 5,5 per cento quest'anno e del 5,3 per cento l'anno prossimo. Le previsioni di gennaio erano rispettivamente del 6,2 e del 6,1 per cento.

Fonte:http://www.ilnord.it/b-10109_LA_POLONIA_NAZIONALISTA_VOLA_CRESCITA_ECONOMICA_34_NEL_2017_E_32_NEL_2018

LA FLOTTA MARINA DA GUERRA RUSSA INCONTRERA' LA MARINA FILIPPINA


Un gruppo di navi da guerra della flotta del Pacifico della Russia è arrivato al porto di Manila, dove l'equipaggio delle navi condurrà un incontro con la leadership della Marina filippina, portavoce della flotta del Pacifico, ha riferito Vladimir Matveev.
"Oggi un gruppo di navi da guerra della flotta del Pacifico, che comprende la nave ammiraglia della flotta del Pacifico, l'incrociatore missilistico della Guardia Varyag e la petroliera Pechenga sono arrivati ​​al porto di Manila (Filippine). Nell'ambito della visita, i marinai della flotta del Pacifico si riuniranno con i rappresentanti della leadership della Marina filippina e con l'ambasciatore russo alle Filippine ", ha detto Matveev.
Secondo il funzionario, la missione navale delle navi da guerra russe nella regione Asia-Pacifico è iniziata il 1 ° aprile e mira a rafforzare i legami navali con i paesi della regione.
Ha aggiunto che Varyag e Pechenga avevano già fatto visita al porto sud-coreano di Busan all'inizio di questo mese.

Fonte:https://sputniknews.com/russia/201704201052803266-russia-pacific-fleet-manila/

FRANCIA: IL FUTURO PRESIDENTE DI FRANCIA CHIEDE IL RIPRISTINO DELLE FRONTIERE


Il candidato presidenziale Marine le Pen ha invitato il governo francese a ripristinare immediatamente i confini del paese e espellere i cittadini stranieri che vengono monitorati dai servizi di intelligence dopo l'attacco terroristico di ieri a Parigi.
"Invoco questo governo effimero, indebitato dall'inazione, per l'immediato ripristino delle nostre frontiere nazionali", ha detto Le Pen in una dichiarazione della sua sede della campagna solo due giorni prima del primo turno delle elezioni presidenziali della Francia.
Il leader del partito politico di destra, Fronte Nazionale, ha anche invitato il governo francese a espellere "immediatamente" tutti i cittadini stranieri che vengono monitorati dai servizi di intelligence, riferendosi principalmente a quelli presenti nell'elenco "Fiche S", che contiene persone considerate una minaccia per la sicurezza nazionale che dovrebbero essere costantemente monitorata.
Secondo Le Pen, il governo francese ha fatto tutto per rendere la Repubblica perdente nella guerra contro il terrorismo.
"La guerra che è stata combattuta contro di noi è asimmetrica, rivoluzionaria. Non possiamo permetterci di perdere questa guerra. Ma negli ultimi dieci anni i governi di sinistra e di destra hanno fatto tutto il possibile per perdere. Abbiamo bisogno di una presidenza che ci protegga e ci protegge ", ha detto Le Pen.
Il candidato ha aggiunto che, se eletta presidente della Francia, "immediatamente e senza esitazione avrà un piano di battaglia contro il terrorismo islamista e contro la lassità giudiziaria".
"Devono essere prese nuove regole restrittive sull'immigrazione, l'asilo o la cittadinanza", ha detto.
Le Pen ha nuovamente denunciato l'ideologia islamista, dicendo che "non deve avere alcun diritto ad essere citata in Francia".
"Le organizzazioni salafiste ... devono essere vietate. I predicatori dell'odio devono essere espulsi, le moschee islamiche [devono essere chiuse], ha dichiarato .
La speranza presidenziale ha anche affermato che le moschee non devono essere finanziate da fondi pubblici o da cittadini stranieri.
L'attacco effettuato sulla strada principale principale della capitale francese e il grande punto di riferimento degli Champs-Elysées, ha sconvolto la nazione ancora una volta, solo due giorni prima del primo turno delle elezioni presidenziali (23 aprile).
Un agente di polizia è stato ucciso e due feriti durante la sparatoria a Parigi giovedì sera.
Un passante, una donna straniera, sono stati anche leggermente ferito nell'incidente.
Il gruppo terroristico dello Stato islamico (ISIS / ISIL) ha successivamente rivendicato la responsabilità per l'attacco attraverso il suo sito web della propaganda.
L'attaccante è stato ucciso dalla polizia.
Poco dopo, il Francois Fillon, sperante della presidenza francese, ha chiesto che le attività di campagna siano sospese.

Fonte:https://www.rt.com/news/385582-le-pen-close-borders/

LE POLITICHE TEDESCHE DELL'EUROPA HANNO STANNO DAVVERO CANCELLANDO LA GRECIA


La dispersione della Grecia continua, poiché l'austerità dell'UE schiaccia drammaticamente la speranza delle donne di avviare una famiglia.
La crisi economica in corso da più di 8 anni in Grecia con i tagli di stipendi e pensioni sta causando una diminuzione allarmante della piscina genica greca.
Il semplice fatto è che le coppie greche non sono in grado di sostenere un figlio, lasciando molti giovani greci che scelgono di non avere figli.
Stiamo assistendo in prima fila ad una completa disgregazione del sistema pensionistico della Grecia, nonché alla disintegrazione della Repubblica ellenica a causa dell'incapacità di ricostituire la popolazione.
Il medico di fecondità, Minas Mastrominas, dice al New York Times che molte donne hanno deciso di non concepire.
Ha detto: Dopo otto anni di ristagno economico, stanno abbandonando i loro sogni.
Non è solo la Grecia che soffre di bassi tassi di natalità.
Infatti l'andamento si diffonde nella maggior parte dell'Europa, con Spagna, Portogallo e Italia che registrano anche tassi pericolosamente bassi.

Indy100 nota che la disoccupazione continua ad essere un problema serio in Grecia.
Le tariffe sono leggermente inferiori rispetto al 2016 quando erano del 23,9 per cento, ma sono ancora molto alte al 23,5 per cento.
Il crollo ha colpito maggiormente le donne, con tassi di disoccupazione del 27 per cento rispetto al 20 per cento degli uomini.
Le riduzioni fiscali e le sovvenzioni infantili per famiglie di grandi dimensioni sono diminuite, e il paese sta nel bilancio minimo dell'UE per i benefici per famiglie e bambini.
Una delle aree più importanti che saranno detrimenti interessate sono le pensioni e il sistema di welfare.
Inoltre, secondo Eurostat, tali bassi tassi di natalità - sotto 2.1 - potrebbero creare un disastro demografico.
Ciò avrà un impatto sulle pensioni, con meno giovani che lavorano.
Le pensioni ridotte per i nonni, che tradizionalmente si prendono cura dei figli della famiglia, significa che i genitori dovranno raggiungere il loro budget decrescente per pagare la cura dei bambini.
Tutte queste circostanze offrono un ambiente non accomodante per avere figli, creando una diminuzione a spirale dei tassi di natalità.

Il New York Times riporta:
Mentre le popolazioni in declino minacciano tutta l'Europa, "il problema veramente grave è che alcuni dei paesi più deboli sono quelli con le demografie meno favorevoli", ha dichiarato Simon Tilford, vice direttore del Centro per la riforma europea a Londra. "I bassi livelli di nascita del sud significheranno una crescita e una produttività più deboli, riducendo il natalità e producendo ulteriori problemi fiscali".
Il Times, ha aggiunto , "suggerisce che le prestazioni economiche già divergenti tra l'Europa settentrionale e quella meridionale possono diventare strutturali piuttosto che cicliche".
I tassi di natalità più bassi sono stati aggravati dalle pressioni fiscali che i paesi costretti offrono ai programmi di sostegno familiare.
Mentre la Francia offre una prestazione familiare mensile di 130 euro per un bambino dopo il secondo figlio, la Grecia fornisce solo 40 euro.
I Paesi hanno riconosciuto il problema e recentemente si sono rivelati in azione. La Spagna ha nominato un cosiddetto zar del sesso a febbraio per forgiare un piano d'azione nazionale sulla fertilità e affrontare la diminuzione della popolazione nelle zone rurali.
L'Italia ha aumentato i bonus per avere bambini e sostenuto le leggi sul lavoro per concedere un congedo parentale più flessibile.
La Grecia, come il più debole legame economico, non ha le stesse opzioni.

Fonte:http://theduran.com/depopulation-of-greece-continues-as-eu-austerity-crushes-womens-hope-of-starting-a-family-charts/

GIAPPONE: NUOVI FLUSSI DI LAVA DALL'ISOLA DI NISHINOSHIMA


Originariamente la parte superiore dell'acqua era una cresta di una caldera subacquea, Nishinoshima fu ampliata nel 1974 dopo che nuove eruzioni basaltiche crearono una nuova sezione dell'isola.

Un'altra eruzione è iniziata nel novembre 2013 ha ulteriormente allargato l'isola portandola ad un'altezza stimata di 142 m (466 ft) fino a luglio 2016.
L'emissione di lava è cessata solo a novembre 2015, anche se le emissioni di gas vulcanici sono continuate per diversi mesi.

Quello che sembrava un nuovo periodo di quiescienza, alla fine è stato rotto quando di recente è stato confermato che l'attività vulcanica nell'area è nuovamente ricominciato.
Un nuovo abbondante flusso di lava ha raggiunto la lunghezza di 300 metri e in base ai dati è probabile che raggiungerà la costa andando quindi ad ampliare ulteriormente la superficie dell'isola.

Forti emissioni di cenere sottoforma di una colonna alta 2 chilometri sono state osservate, anche se non sono risultate visibili dalle immagini satellitari.
Il professor Kenji Nogami dell'Istituto di Tecnologia di Tokyo ha confermato la ripresa dell'attività dopo aver esaminato le immagini della Guardia Costiera: " ... perché la lava fuoriesce energicamente dal cratere, sembra che una grande quantità di magma la alimenti da sotto, E se l'eruzione continua, la lava può raggiungere la costa e coprire parte dell'isola ... "
Sembra piuttosto evidente che questo fenomeno durerà molto a lungo.





Fonti:
https://en.wikipedia.org/wiki/Nishinoshima_(Ogasawara)
https://lechaudrondevulcain.com/blog/2017/04/21/april-21-2017-en-nevado-del-ruiz-nishinoshima-katla-sheveluch/
http://www.earth-of-fire.com/2017/04/news-from-nishinoshima-fuego-and-sinabung.html

giovedì 20 aprile 2017

NONOSTANTE L'APPLICAZIONE DELL'ARTICOLO 50 L'ECONOMIA INGLESE E' SECONDA AGLI STATI UNITI

Sorprendentemente, l'economia britannica ha sfidato tutti i rischi legati alla Brexit per l'economia fino ad ora, e le prossime elezioni schierenti avranno un impatto trascurabile sull'economia, che è pronta a crescere a ritmo più veloce dopo gli Stati Uniti tra le più avanzate Nazioni quest'anno.

Il Fondo Monetario Internazionale (FMI) ha sollevato la sua previsione per la crescita economica del Regno Unito nel 2017, quando il Primo Ministro Theresa May ha chiesto un'elezione più schietta entro la fine dell'anno. Il Fondo ha citato l'inaspettata resilienza più forte delle principali industrie britanniche agli shock politici e ai vincitori d'oltremare nella loro prospettiva economica aggiornata.
Il FMI ha dichiarato di prevedere che l'economia britannica si espanderà di 2pc anno su anno nel 2017 rispetto alle precedenti previsioni di appena 1,5pc per l'anno, avendo anche detto che l'aumento del protezionismo potrebbe bloccare la crescita britannica nel medio periodo.
Tuttavia, il Regno Unito sarebbe l'economia più avanzata secondo più rapidamente in crescita al mondo dopo gli Stati Uniti, ha dichiarato il Fondo nel loro semestre internazionale di prospettive economiche.
L'economia mondiale sta guadagnando slancio, ha detto il FMI, dopo aver esaminato le loro proiezioni di crescita mondiali fino a 3,5 punti nel 2017 e 3,6 punti all'anno successivo.
Questo è un buon segno per i mercati delle materie prime in particolare, e il Regno Unito è un prominente produttore di petrolio.
La prospettiva economica esaminata include anche una valutazione più favorevole delle industrie britanniche e di altre industrie.
L'espansione del PIL "è rimasta solida nel Regno Unito, dove la spesa si è rivelata resiliente dopo il referendum del giugno 2016 a favore di lasciare l'Unione europea", ha detto il Fondo.
Infatti, i consumatori inglesi, che guidano circa 79 punti percentuali del PIL del Regno Unito, hanno mantenuto un ritmo costante di spesa e di prestiti durante i mesi di referendum dopo la Brexit fino ad oggi. Il rimbalzo nell'attività industriale e nella sostenibilità del settore bancario hanno contribuito notevolmente alla resistenza economica del Regno Unito.
Un altro fattore è stato il taglio dei tassi di interesse da parte della Banca d'Inghilterra ad un 0,25pc senza precedenti da 0,5pc.
Il tasso precedente era rimasto intatto dalla crisi economica mondiale del 2009.
"L'economia globale sembra stia guadagnando slancio - potremmo essere a un punto di svolta", ha detto Maurice Obstfeld del FMI. "Ma anche mentre le cose alzano, il sistema post-WWII delle relazioni economiche internazionali è sotto un grave sforzo nonostante i benefici complessivi che ha fornito - e proprio perché la crescita e i conseguenti aggiustamenti economici hanno spesso comportato ricompense e costi non equilibrati all'interno dei paesi".
Il Fondo aveva precedentemente previsto che il Regno Unito crescesse di 1,1 punti nell'ottobre del 2016 quando i timori della Brexit erano pieni a 1,5 punti in gennaio dopo che queste preoccupazioni erano svanite gradualmente. I britannici sfidano le proiezioni torbide in entrambe le direzioni, e ora che il primo ministro Theresa May ha chiesto un'elezione schietta, l'economia del Regno Unito non sarà probabilmente influenzata sia dal punto di vista dell'analisi prospettica e delle prestazioni effettive.
"Sembra che si stia favorendo meno austerità e politiche meno restrittive rispetto ai suoi predecessori. È un primo ministro di centro ", ha scritto Jonathan Eley del Financial Times. "Se lo segue, ciò potrebbe prolungare il consumo e la crescita nel Regno Unito. E questo beneficerebbe sia le azioni che la sterlina ".
Infatti, i britannici sono scontenti con le realtà economiche della crisi del debito post-europeo del 2011 e le relative politiche di austerità.
Il FMI, tuttavia, ha sottolineato le sfide a lungo termine dell'economia del Regno Unito, derivanti dagli svantaggi percepiti dal protezionismo commerciale.
Il governo dovrà lavorare duramente a conseguire vantaggiose operazioni commerciali internazionali dopo la separazione effettiva dall'UE per migliorare le esportazioni del Regno Unito e continuare a ridurre il deficit commerciale.
Le prossime elezioni generali produrranno alcuni rischi economici più vicini alla giornata elettorale, ha osservato l'FMI, ma la situazione si stabilizzerà immediatamente dopo la pubblicazione dei risultati.

Fonte:https://sputniknews.com/europe/201704201052801903-uk-economy-elections/

mercoledì 19 aprile 2017

ISLANDA: DUE SCOSSE DI TERREMOTO DI MAGNITUDO 3.0 SUL VULCANO KATLA


Un modesto sciame sismico composto da oltre una decina di terremoti ha fatto tremare la sommità centrale del vulcano Katla.
Le scosse di terremoto maggiori di magnitudo 3.1 e 3.0 hanno avuto una profondità relativa di almeno 100 metri sotto la superficie, di conseguenza legata a variazioni della pressione geotermale, non di origine magmatica.
Lo sciame sismico è durato poco tempo di conseguenza il rischio di una possibile eruzione è ridotto al minimo, sono mesi che il Katla dopo un periodo di elevata instabilità sismica si è relativamente calmato, di conseguenza significa che dove prima la pressione del magma era eccessiva ora si è stabilizzata e diminuita.

IL MERCATO AGRICOLO RUSSO SI ESPANDE SCAVALCANDO LE RESTRIZIONI

Nonostante le sanzioni economiche imposte dall'Occidente, la Russia sta acquistando importanza nel settore agricolo e del suo sviluppo rurale, dice il giornalista britannico Neil Buckley.

Il fatto che la Russia attraversa il periodo di crescita agricola al giorno d'oggi nonostante le sanzioni anti-russi imposte dall'Occidente dimostra chiaramente che il mercato russo nasconde in sé un gigantesco potenziale per gli investitori stranieri, scrive il quotidiano britannico The Financial Times (FT).
L'introduzione nel 2014 di sanzioni economiche contro la Russia e contro-misure adottate in risposta da parte di quest'ultimo ha offerto l'opportunità per molti imprenditori russi per sviluppare le imprese locali e offrire un programma di sostituzione delle importazioni, ricorda l'autore di questo articolo, Neil Buckley.
E quando alcuni incompetenti analisti e investitori occidentali hanno dubitato che la Russia potesse recuperare, l'attuale boom del settore agricolo in Russia suscita un certo ottimismo, dice il giornale.
In effetti, la Russia è diventata l'anno scorso il più grande esportatore di grano nel mondo, il volume della produzione in questo settore ha raggiunto circa 199 milioni di tonnellate, di cui 34 milioni destinati esclusivamente all'esportazione, ha detto il FT.
Secondo il giornale, le imprese russe hanno fatto notevoli progressi in altri settori agricoli, tra cui la produzione nazionale di carne di maiale e pollame, che ha permesso loro di abbandonare completamente l'importazione. Inoltre, la Russia è diventata uno dei principali fornitori di barbabietola da zucchero, mentre il livello di produzione di ortaggi è aumentato del 30% rispetto al 2015.
Si conclude così il signor Buckley, i prodotti agricoli sono ora al secondo posto delle esportazioni dopo il petrolio e il gas naturale.
Ricordiamo che il regime di sanzioni anti-russi è radicato nell'adesione della Crimea e Sebastopoli alla Russia, a seguito di un referendum che si è svolto nel marzo 2014, in cui oltre il 90% dei residenti ha votato per l'annessione al Russia.
La Russia ha risposto imponendo l'embargo nel mese di agosto 2014, con diversi alimenti, compresi i prodotti lattiero-caseari, carne, frutta e verdura provenienti da UE, Canada, Australia e Norvegia. Il 15 dicembre l'Unione Europea prorogato di sei mesi le sanzioni contro la Russia. Poco prima di lasciare l'incarico, il presidente uscente degli Stati Uniti, Barack Obama le ha prorogate fino al marzo 2018.
A differenza dell'economia europea la Russia possiede le competenze per attirare mercati più affidabili, indipendentemente dal ridotto embargo.


Fonte:https://fr.sputniknews.com/russie/201704191030975092-russie-essor-agriculture-sanctions/

LA COREA DEL NORD STA DIVENTANDO UNA NUOVA SUPERPOTENZA ASIATICA?


La Corea del Nord ha avuto una buona settimana. È vero, un test missilistico è fallito secondi dopo il lancio. Ma la parata di Pyongyang il giorno prima - per celebrare il 105 ° compleanno di Kim Il-Sung, fondatore della Corea del Nord - è stato un trionfo carico di missili.
La sfilata potrebbe essere vista come il debutto di una nuova superpotenza asiatica: la Corea del Nord armato con una formidabile serie di armi nucleari e dei mezzi per scagliarli ai bersagli migliaia di chilometri di distanza.
Prima di tutto, dimenticate tutta la coreografia delle truppe a passo dell'oca o le file di carri armati rombanti attraverso Kim Il-Sung Square.
Questo è stato solo per lo spettacolo.
Ciò che rende la Corea del Nord una minaccia così terribile è, molto semplicemente, una strategia nazionale di sicurezza basata quasi interamente sulle armi di distruzione di massa (WMD) - in questo caso, la combinazione di armi nucleari con un assortimento sempre maggiore di missili - dai Scud a corto raggio ai missili balistici intercontinentali (ICBM) e sistemi terrestri e marini.
Molti di questi sistemi missilistici sono stati in mostra alla parata, molti per la prima volta. Tra questi due non ancora testati missili balistici intercontinentali - le KN-08 e KN-14 missili. Il KN-08, un missile a tre stadi che la Corea del Nord chiama la Hwasong-13, ha una gittata stimata di circa 12 mila chilometri, il che significa che potrebbe teoricamente colpire gli Stati Uniti continentali. Almeno tre diversi vettori ICBM erano esposti.
In mostra per la prima volta è stato il Pukkuksong-1 SLBM (SLBM), chiamato anche il KN-11.
Il Pukkuksong è creduto avere una gamma di oltre 1.000 chilometri. Una versione terrestre del Pukkuksong, chiamata anche KN-15.
Particolarmente sconcertante è il crescente utilizzo della Corea del Nord di propellenti a propellente solido.
I missili a combustibile solido richiedono un minor numero di membri dell'equipaggio e possono essere approntati e sparati più velocemente di un razzo a propellente liquido (che deve essere alimentato lentamente prima del lancio, un processo che può richiedere ore).
Essi sono anche più sicuro per il trasporto su sistemi terrestri mobili, come ad esempio Tels (trasportatori-erettori-lanciatori).

La Corea del Nord attualmente ha almeno due missili a combustibile solido, il Pukkuksong e il KN-15, e vi sono indicazioni che il KN-14 è anche questo alimentato a solido.
Oltre a miglioramenti nella qualità e le capacità, l'imponente spettacolo di missili indica che la produzione di sistemi missilistici avanzati della Corea del Nord si muove a piena velocità.
Sei Pukkuksong-1 SLBM sono stati esposti, insieme a decine di KN-08, KN-14, e KN-15 missili balistici.
L'effetto è stato quello di un accumulo impressionante ben avviato.

Un aspirante superpotenza nucleare in vista

Che cosa significa tutto questo? Jeffrey Lewis, direttore del non proliferazione Programma dell'Asia orientale presso l'Istituto Middlebury di studi internazionali di Monterey, in California, dice che la sfilata dimostra che “i nordcoreani stanno sul serio costruendo una potenza nucleare che può minacciare le forze degli Stati Uniti in Corea del Sud, Giappone e Stati Uniti continentali”(questo da un articolo di USA Today).
Inoltre, Joseph S. Bermudez, un analista militare affiliato alla sede a Washington US-Korea Institute presso la School of Advanced International Studies (SAIS), ha dichiarato in un commento pubblicato sul sito 38 del Nord che la Corea del Nord è particolarmente desiderosa di sviluppare uno SLBM di lavoro.
Sinistramente, ha detto che “assumendo l'attuale tasso di sviluppo”, la Corea del Nord “è sulla buona strada per sviluppare la capacità di colpire obiettivi nella regione - tra cui Giappone - entro il 2020.”
La risposta del presidente Donald Trump è stata finora far pressione contemporaneamente e usare la Cina per costringere la Corea del Nord a fermare il suo programma nucleare, e allo stesso tempo, minacciare un'azione unilaterale. “Se la Cina non ha intenzione di risolvere la Corea del Nord, lo faremo noi”, ha detto Trump al Financial Times all'inizio di questo mese. Forse come un indicatore della volontà di Trump, gli Stati Uniti hanno inviato la portaerei USS Carl Vinson e un gruppo d'attacco navale nelle acque vicino la Corea del Nord.
Ma la risposta di Trump alla Corea del Nord sottolinea semplicemente la brillantezza della strategia ADM della Corea del Nord.
In primo luogo, la US Navy può navigare intorno per farsi segnalare al governo di Kim, ma farebbe fatica a prendere una vera azione militare.
Abbattere un missile di prova sarà equivale ad un atto di guerra; così sarebbe attaccare i siti di ricerca nucleare e le armi della Corea del Nord.
E nemmeno l'azione farebbe molto per mettere in pericolo le capacità della Corea del Nord di sviluppare sia armi nucleari o missili a lungo raggio.
Un'attacco americano attizzerebbe la paranoi della Corea del Nord.
Inoltre, l'azione militare giocherebbe direttamente nelle mani di Pyongyang. I nordcoreani sono già ossessionati con l'idea che gli Stati Uniti vogliono distruggerli. Un attacco unilaterale confermerebbe solo che la loro paura è giustificata e non solo potrebbe renderli più intransigenti, ma potrebbe anche scatenare una guerra.
Inoltre, un'azione militare US unilaterale potrebbe rompere gli sforzi dell'Alleanza e gli sforzi occidentali di de-nuclearizzare il Nord.
La Corea del Sud e il Giappone, probabilmente sopporteranno il peso peggiore e più immediato di qualsiasi ritorsione della Corea del Nord. La Cina sarebbe livida.
L'Occidente ha giustamente paura delle crescenti capacità nucleari e-missilistiche della Corea del Nord, che è esattamente ciò che Pyongyang vuole.
E le poche opzioni di Trump sono tutte cattive.
Se fanno qualcosa di avventato, egli giustifica semplicemente la paranoia della Corea del Nord. Se non fa nulla, poi tutto il suo atteggiamento e minacce di guerra lo fa sembrare sciocco e amatoriale. E in entrambi i casi, la Corea del Nord rimane una potenza nucleare.



Fonte:http://www.strategic-culture.org/news/2017/04/18/does-north-korean-missile-parade-augur-new-asian-superpower.html

LA SORPRESA NORD COREANA PER DONALD TRUMP


La Corea democratica festeggiava il 105.mo anniversario della nascita del fondatore Kim Il Sung, o “Giorno del Sole”, il 15 aprile, con un’enorme parata militare a Pyongyang, dove sfilavano per la prima volta nuovi sistemi missilistici, tra cui missili balistici lanciati da sottomarini (SLBM) e missili balistici intercontinentali (ICBM). Gli SLBM erano i KN15 (Paekuksong-2), definiti anche missili balistici a medio-lungo raggio, destinati ad essere dotati probabilmente di testate nucleari, mente gli ICBM comprendevano i già noti KN-08 e KN-14, e un nuovo inedito missile balistico intercontinentale, molto simile al russo Topol. Choe Ryong Hae, numero due della Repubblica Popolare Democratica di Corea, nel discorso ai soldati prima della sfilata accusava Donald Trump di “creare una situazione di guerra” nella penisola coreana, promettendo che “Risponderemo a una guerra totale con una guerra a tutto campo e una guerra nucleare con un nostro tipo di attacco nucleare”. Inoltre, nei video della sfilata appariva sul palco Kim Won Hong, il capo dell’intelligence della Corea democratica che, secondo la CIA e i servizi segreti della Corea del Sud, sarebbe stato rimosso.

KN11
I nuovi missili svelati alla parata militare di Pyongyang impressionavano gli esperti. Vladimir Khrustalev, specialista del programma nucleare e missilistico della Corea democratica, esprimeva le sue impressioni. Prima di tutto menzionava i nuovi missili antinave (KN09), la cui esistenza fu confermata nel 2015. I sistemi renderanno la difesa costiera della Corea democratica molto efficace. Un’altra novità era un missile balistico derivato dall’R-17 Elbrus sovietico. “Nelle foto pubblicate ho visto gli elementi aerodinamici della testata. E’ difficile dire se sia guidato o meno. In ogni caso, è chiaro che questi elementi siano destinati ad aumentare la precisione del tiro e a neutralizzare le difese antimissile“. Notava inoltre come le piattaforme di lancio fossero cingolati, come nel caso del missile KN11. “Oltre a considerazioni di ordine pratico, i nordcoreani preferiscono i cingolati perché la Corea democratica è in grado di produrli e, in questo senso la dipendenza dalle importazioni è minima. Così possono aumentare le rampe di lancio nonostante i vari embarghi”. Un altro missile, la cui ogiva e ad altri aspetti richiamano il missile intercontinentale KN08, anche se montato su un autoveicolo di lancio dal passo più corto. Questo missile avrebbe una gittata di circa 14000 km, sufficiente a colpire qualsiasi punto degli Stati Uniti dalla Corea democratica. Gli altri missili balistici intercontinentali potevano essere dei KN14, altro missile capace di raggiungere il continente americano. Gli autocarri che trasportavano i contenitori per questi missili si basano su quelli cinesi venduti al Ministero delle Foreste della Corea democratica e mai esibiti nelle precedenti parate militari. “La sensazione principale è che questi sono i due ultimi modelli di missili balistici. Il primo è ovviamente in un contenitore trasportare-lanciatore montato su un semirimorchio, come le prime versioni dei missili cinesi DF-21 e DF-31. Il secondo è sempre in un contenitore per il trasporto e il lancio montato su un potente autocarro a più assi, a quanto pare dello stesso modello utilizzato per trasportare i missili KN08 e KN14. A prima vista, assomiglia ai missili sovietici SS-25 o cinesi DF-31 e DF-41. I nordcoreani hanno una buona probabilità di aver successo in questi programmi“.

KN15
Il portavoce del ministero della Difesa nazionale della Corea del Sud si rifiutava di commentare l’esibizione delle forze militari di Pyongyang, mentre l’esperto di armamenti della Corea democratica dell’Istituto di Studi Internazionali Middlebury di Monterey, Dave Schmerler, affermava che il nuovo materiale sembrava essere molto più avanzato di quanto previsto, “Siamo totalmente spiazzati in questo momento. Non mi aspettavo di vedere tanti nuovi progetti missilistici”. Tali nuovi missili possono aumentare le opzioni di Pyongyang nel costituire una forza di ICBM in grado di colpire gli Stati Uniti con testate nucleari, come il leader nordcoreano Kim Jong Un indicò a gennaio. Secondo Melissa Hanham, esperta del James Martin Center for Nonproliferation Studies della California, i nordcoreani “Indicano i loro progressi nello sviluppo dei missili a combustibile solido”, che a differenza di quelli a combustibile liquido, possono essere lanciati più velocemente, evitando il rilevamento dai satelliti-spia nemici. Gli analisti lavorano per identificare i nuovi missili esibiti nella parata, come già indicato, un nuovo missile a lunga gittata e i due nuovi tipi di veicoli lanciatori per missili mai visti prima, e che ospiterebbero missili più grandi di quanto mai mostrato pubblicamente, “Hanno nuovi carri armati e sistemi lanciarazzi di produzione nazionale, e missili a combustibile solido, il che significa che possono lanciarne molti di più e più rapidamente, senza doversi rifornire”.
E’ evidente che la parata militare del 105.mo anniversario della nascita di Kim Il Sung abbia impressionato, e probabilmente scioccato, il Pentagono e gli Stati vassalli degli USA nella regione, tanto che subito dopo si è diffusa la voce, ad opera del Comando del Pacifico degli USA e dello Stato Maggiore sudcoreano, del fallimento del lancio di un ‘missile non identificato’. Una notizia non confermabile diffusa proprio da coloro appena usciti mediaticamente a pezzi dalla sfilata militare nordcoreana, che riduceva a miti consigli proprio il Pentagono. Se non ci fosse stato una test missilistico nordcoreano fallito, andava inventato. E forse le parole di un ufficiale cinese sembrano indicare proprio questo, una manovra di propaganda per ridimensionare il successo nordcoreano e sollevare il morale scosso delle fazioni belluine atlantiste: “Forse gli USA e i loro alleati anche creato interferenze per interrompere il lancio e causarne il fallimento, ma la possibilità di ciò è molto bassa. Se il lancio avveniva in tempo di guerra, gli Stati Uniti avrebbero interrotto o addirittura distrutto immediatamente il sistema di lancio. Ma ora non siamo in guerra, e gli USA devono anche osservare fino a che punto la Corea democratica può arrivare. Gli Stati Uniti preferiscono lasciare che la Corea democratica termini i suoi test, piuttosto che interromperli, in modo da raccogliere informazioni utili monitorandoli, a patto che i missili non puntino su Stati Uniti e alleati“.Difatti, la capitale della Corea del Sud, Seoul, si trova a 40 km dal confine con la Corea democratica, ed è perciò vulnerabile alla risposta da Pyongyang. Sam Gardiner, ex-colonnello dell’Air Force, dichiarava che gli Stati Uniti “non possono proteggere Seoul almeno per le prime 24 ore di guerra, e forse per le prime 48”. E perfino l’ex-presidente degli Stati Uniti Bill Clinton affermava che l’intensità dei combattimenti contro la Corea democratica “sarebbe maggiore a qualsiasi altro il mondo abbia assistito dalla guerra di Corea”. La potenza militare nordcoreana incute timore, perché tutt’altro che finta come pretendono di far credere i vari media di regime e tanti media pseudo-alternativi. L’Esercito Popolare Coreano (KPA) conterebbe 1300000 effettivi, 1700000 riservisti e 5000000 di paramilitari, e disporrebbe di 4200 carri armati, 4200 blindati cingolati e ruotati, 13000 sistemi di artiglieria, di cui 5000 semoventi, e 11000 cannoni contraerei e altrettanti sistemi anticarro, organizzati su 20 corpi d’armata e diverse unità autonome corazzate, meccanizzate e per operazioni speciali. L’industria militare nordcoreana non solo provvede ai componenti di ricambio e alle munizioni, ma produce anche sistemi d’arma complessi come carri armati aggiornati T-55 e T-62 con corazze reattive e nuovi motori e sensori, e progetti originali basati su tecnologia russa e cinese, come i 500 carri armati Pokpung-Ho, dotati di un cannone da 125 mm, e 1000 carri armai Chonma-Ho, versione nazionale del carro armato sovietico T-62. L’industria nordcoreana produce anche i blindati M-2010, versione nazionale del veicolo trasporto truppe corazzato sovietico BTR-80; i veicoli da combattimento M-2009, basati sullo scafo del carro anfibio sovietico PT-85 con torretta del BTR-80, oltre alle versioni nazionali del cingolato cinese Type-63. Seoul e diversi centri industriali sudcoreani rientrano nel raggio dell’artiglieria nordcoreana, che arriverebbe a 100 km. I sistemi d’artiglieria semoventi più potenti sono gli M-1978 Koksan da 170mm, ospitati in caverne e tunnel assieme a depositi e centri logistici. Vi si aggiungono i sistemi lanciarazzi multipli M-1985 e M-1991 da 240mm, con gittata di 60 km, e KN09 da 300mm con gittata di 100 km. Il KPA dispone di diversi reparti speciali per le operazioni d’infiltrazione via terra, sottoterra, mare e aria e per le operazioni di sabotaggio e guerriglia nelle retrovie nemiche, violando la Zona Smilitarizzata del 38° Parallelo. Circa 200000 sono gli operatori delle forze speciali aviotrasportate, d’assalto e anfibie del KPA. Tale combinazione di forze, oltre all’arsenale strategico, è ciò che trattiene l’aggressività delle forze statunitensi in Corea del Sud.

KN08
Il 15 aprile è il giorno più importante in Corea democratica, anniversario della nascita di Kim Il Sung. Ma già due giorni prima Pyongyang inaugurava un quartiere con 40 grattacieli, “Ryomyong Street è un risultato che la RPDC vuole promuovere sul fronte economico“, dichiarava un funzionario di Seoul. Durante la parata, Pyongyang invitava Washington a finirla con la sua “isteria militare” e a riprendere “sensi”. L’11 aprile, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump chiedeva, in una conversazione telefonica con il Presidente cinese Xi Jinping, di far sapere a Pyongyang che il governo degli Stati Uniti dispone non solo di portaerei ma anche di sottomarini nucleari. Quindi la sfilata avveniva tra gli ammonimenti degli USA, che inviavano un gruppo d’attacco con portaerei al largo della penisola coreana, mentre il presidente Trump minacciava che se la Cina non faceva pressione sulla Corea democratica, gli Stati Uniti avrebbero agito da soli. Se i funzionari dell’amministrazione Trump non escludevano azioni, quelli del Pentagono, tuttavia, negavano di essere pronti a lanciare un attacco se la Corea democratica fosse stata in procinto di condurre un test nucleare.













Fonte:https://aurorasito.wordpress.com/2017/04/16/parata-nordcoreana-con-sorpresa-per-trump/

LA "MADRE DI TUTTE LE BOMBE"? MEGLIO NON CONOSCERE IL PADRE

La bomba GBU-43 scagliata dagli Stati Uniti sull'Afghanistan non è affatto la bomba non nucleare più potente del mondo, dice esperto militare Viktor Murachowskij, redattore capo della rivista russa "Arsenal Otetschestwa". La Russia ha bombe, che hanno un quadruplice equivalente di TNT di potenza.

La US Air Force aveva cominciato il 13 aprile in Afghanistan per la prima volta con la sua più potente della bomba non nucleare del tipo GBU-43 °.Da Washington si è detto più tardi che la bomba è stata sganciata in un sistema di tunnel dell'ISIS. Nel complesso, quelle bombe sono l'armamento degli Stati Uniti noto anche come la "madre di tutte le bombe".
Secondo Murachowskij la "madre di tutte le bombe" contiene circa 8.000 chilogrammi di esplosivo ed ha una forza di detonazione di una decina di tonnellate di TNT equivalente.
Ma ci sono le bombe che superano le proprietà del GBU-43: "Per noi, una bomba della serie ODAB testata e messa in uso ha una potenza maggiore quadruplice di TNT.
Secondo Murachowskij il raggio distruzione della "madre di tutte le bombe" corrisponde a uno spazio esterno circa 150 a 200 metri quadrati.
"Il bombardamento ha causato con le sue onde d'urto feriti gravi in ​​un raggio di un chilometro, il nostro al contrario, in un raggio di circa due chilometri e mezzo", ha aggiunto l'esperto.
Tuttavia, un confronto tra il bombardamento russo e americano era certamente non abbastanza preciso:la GBU-43 avrebbe una "forma a matita" per penetrare più in basso possibile e distruggere bersagli nel sottosuolo, tuttavia, le bombe russi sono più orientate sopra oggetti sdraiati.

Fonte:https://de.sputniknews.com/technik/20170414315350275-mutter-vater-aller-bomben-russland-vergleich/

IN TURCHIA DOPO IL REFERENDUM RITORNA IL NEO OTTOMANESIMO


Il presidente Tayyip Erdogan ha dichiarato vittoria in un referendum per sostituire il sistema parlamentare della Turchia con un sistema presidenziale per abolire la carica di primo ministro.
La sua vittoria è stato salutato a Sarajevo, capitale della Bosnia-Erzegovina, uno degli Stati successori della ex Jugoslavia.
Il leader turco ha ricevuto le congratulazioni da parte bosniaca del politico Bakir Izetbegović, il membro bosniaco della Presidenza tripartita della Bosnia-Erzegovina e Presidente del Partito di Azione Democratica.
I risultati della votazione sono stati salutati anche da Sulejman Ugljanin, il primo e attuale presidente del Consiglio nazionale bosniaco, un organo di rappresentanza della minoranza nazionale bosniaca in Serbia, che ha detto che "il successo di Erdogan è il successo di bosniaci di Sangiaccato" (regione della Serbia, l'ex distretto amministrativo ottomano).
L'analista politico serbo-americano Srdja Trifkovic, ha spiegato che fin dall'inizio della sua carriera politica, Erdogan è stato di supporto a quelli che nei Balcani considerava continuatori della cosiddetta "tradizione ottomana."
Vale anche la pena ricordare che il leader turco ha affermato che in precedenza il politico bosniaco Alija Izetbegović, il primo Presidente della Repubblica di Bosnia-Erzegovina, che una volta ha detto di aver "lasciato che Erdogan si prenda cura della Bosnia."
"I musulmani in Serbia e Bosnia hanno bisogno di motivi per accogliere la vittoria di Erdogan. Sperano che dopo il referendum sarà più attivo nel perseguire le ambizioni turche nei Balcani. Penso anche che questo sarà il caso in quanto Erdogan non è più legato con qualsiasi obbligo verso l'Unione europea e gli Stati Uniti. I loro rapporti si sono inaspriti dopo il tentativo fallito del colpo di stato ", ha detto l'analista politico.
Ha anche suggerito che ci potrebbe essere la continuazione di ciò che viene chiamata una "strategia NeoOttomana di Ankara", che viene perseguito in tre direzioni: caucasica, Medio Oriente e Balcani.
"Dovremmo anche aspettarci saluti provenienti dal Kosovo, l'Albania e la Macedonia occidentale. Non v'è alcun dubbio che Erdogan considera gli albanesi suoi alleati e partner per rafforzare la presenza strategica turca nella regione", ha concluso Trifkovic.
L'ex diplomatico serbo Srecko Djukic però ha un punto di vista diverso.
"Penso che dovremmo aspettare e vedere se la Turchia avrà abbastanza potente per ottenere più stretta con i paesi dei Balcani. La Turchia è probabile che faccia un sacco di sfide in quanto la sua situazione economica è diversa ora."ha suggerito.

Fonte:https://sputniknews.com/politics/201704191052770075-muslims-serbia-bosnia-erdogan/

COSTARICA: ERUZIONI FREATOMAGMATICHE SUL VULCANO POAS


Sul vulcano Poas, l'attività vulcanica continua.
Il 16 aprile, la sera, due grandi eruzioni sono state registrate alle 20:22 e 22:42, ma non visualizzate a causa delle condizioni atmosferiche; Il 17 aprile, le immagini della webcam hanno rivelato la scomparsa quasi totale della cupola intracraterica e un aumento della superficie del lago di acido.
Il 18 aprile, una piccola eruzione alle 05:47 ha mostrato un piccolo pennacchio seguito da un'altro poche ore dopo accompagnati dall'espulsione di blocchi incandescenti.


Utilizzando un microscopio elettronico a scansione, l'analisi della cenere del Poas rilasciata tra il 12 e il 14 aprile mostra che essa contiene il 5% di materiali minori la caratteristica di queste eruzioni sarebbe freatomagmatica, che non è successa dal 1955.
Quando il magma incandescente viene a contatto con l'acqua, si verificano un tipo di eruzioni particolarmente esplosive, denominate “freatomagmatiche”.
Ciò è dovuto all’enorme differenza di temperatura fra il magma (con temperature anche superiori ai 1000°C) e l’acqua.
Di conseguenza il tipo di eruzioni del vulcano Poas è passato da eruzioni freatiche a eruzioni freatomagmatiche.
E' ovvio aspettarsi una continuazione del fenomeno anche se è possibile si trovi ancora nel suo stadio iniziale prima di una vera e propria eruzione a carattere pliniano, come avvenne in passato.


Fonti:http://www.earth-of-fire.com/2017/04/activity-of-poas-manam-chaparrastic-and-piton-de-la-fournaise.htmlhttp://www.earth-of-fire.com/2017/04/activity-of-poas-manam-chaparrastic-and-piton-de-la-fournaise.html

venerdì 14 aprile 2017

LA COREA DEL NORD E' INCAZZATA

Un rappresentante dello Stato Maggiore della Corea del Nord Generale ha detto che Pyongyang lancerà un "attacco preventivo" in caso dagli Stati Uniti arrivi una ' 'provocazione politica, economica o militare.'

"Tutti i sistemi provocatori politici, economici e militari saranno decisamente interrotti da una risposta superpotente dal nostro esercito e la gente," la dichiarazione citata dalla Korean Central News Agency (Kcna).
Secondo la Corea del Nord, la risposta di Pyongyang sarà incline ad attacchi preventivi da mare, aria e terra.
Lo Stato Maggiore della Corea del Nord ha promesso di colpire basi militari americane in Giappone, Corea del Sud e la residenza del presidente della Corea del Sud a Seul in caso di aggressione degli Stati Uniti.
Le basi militari statunitensi in Osan, Kunsan e Pyeongtaek, così come la residenza presidenziale della Corea del Sud sono stati nominati come possibili obiettivi che possono essere "trasformati in cenere nel giro di pochi minuti."
Inoltre, il rappresentante della Corea del Nord ha chiesto di non dimenticare che i missili della Corea del Nord possono colpire le basi Usa in Giappone, così come negli Stati Uniti per sé.
Inoltre, la Corea del Nord ha detto che è pronta a colpire la portaerei degli Stati Uniti, USS Carl Vinson.
"Quanto più grande è l'approccio di tali obiettivi [Corea del Nord], tra cui la portaerei nucleare degli Stati Uniti, più efficace l'attacco annichilente sarà", ha detto lo Stato Maggiore.
All'inizio della giornata, i funzionari Usa hanno detto che Washington è pronta a usare le armi convenzionali contro la Corea del Nord, se ritengono che Pyongyang sta per premere il grilletto della sua sesta prova di armi nucleari.
La Corea del Nord ha pubblicato un altro avvertimento, dicendo: "Portando inesorabilmente un certo numero di asset nucleari strategici per la penisola coreana, gli Stati Uniti stanno gravemente che minacciando la pace e la sicurezza di guida e la situazione è sull'orlo di una guerra nucleare".
Il 5 aprile, la Corea del Nord come riferito ha lanciato un missile balistico da Sinpho, Hamgyŏng Meridionale, in direzione del Mar del Giappone.
I funzionari degli Stati Uniti hanno annunciato che un gruppo d'attacco portaerei è stato inviata alla penisola coreana in mezzo alle crescenti tensioni.
Il tenente generale Herbert McMaster consigliere alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti ha detto che il presidente Donald Trump aveva ordinato la preparazione di tutte le opzioni possibili al fine di proteggere gli Stati Uniti ei suoi partner dalla minaccia proveniente dalla Corea del Nord.

Fonte:https://sputniknews.com/asia/201704141052643325-north-korea-preemptive-strike-us/

CALIFORNIA: UNO SCIAME SISMICO IN PIENA REGOLA A CLEAR LAKE


Il campo vulcanico Clear Lake è costituito da complessi di lava cupola, coni di cenere, e maar di composizione basaltica e riolitica.
Monte Konocti, una cupola di lava dacitic sulla riva sud di Clear Lake, è il più grande caratteristica vulcanica.
La zona ha attività geotermale intensa causata da un grande, ancora rovente camera di magma silicico di circa 14 km di larghezza e 7 km sotto la superficie.
Esso fornisce la fonte di calore per i geyser, il più grande campo geotermico di produzione a livello mondiale sul lato sud-ovest del campo vulcanico.
Le sue centrali geotermiche sono in grado di generare circa 2000 megawatt, sufficienti per alimentare due città delle dimensioni di San Francisco.
L'ultima attività vulcanica avvenne circa 10.000 anni fa con maar e coni di cenere formati lungo le sponde di Clear Lake, il lago d'acqua dolce naturale piu 'grande in California.
Il vulcanismo intorno Clear Lake è legato al complesso sistema di faglie di San Andreas.

Negli ultimi giorni quello che si osserva nell'area è un aumento del livello del livello di attività sismica a livello superficiale in quello che sembra essere un vero e proprio sciame sismico.
Svariati terremoti, la maggior parte a profondità non superiore ai 10 chilometri hanno superato la magnitudo 2.0, senza arrivare però a 3.0, l'attività sembra essere più legata al sistema idrotermale del vulcano e a variazioni di pressione, ma non legata a fenomeni di tipo magmatico nonostante la natura del sistema vulcanico.
La maggior parte di tale attività si svolge nel settore Geyser.


Fonte:
https://www.volcanodiscovery.com/clear_lake.html
https://www.volcanodiscovery.com/clear_lake-earthquakes.html

COSTARICA: IL VULCANO POAS CONTINUA AD AVVICINARSI AD UN'ERUZIONE


Un'eruzione freatica, chiamata in realtà esplosione freatica, si verifica quando il magma surriscalda la terra o la superficie.
La temperatura estrema del magma (ovunque da 500 a 1.170 ° C (932 a 2.138 ° F)) provoca l'evaporazione quasi istantanea in vapore, con conseguente esplosione di vapore, acqua, cenere, pietra, e bombe vulcaniche.
Sul Monte St. Helens, centinaia di esplosioni di vapore hanno preceduto la grande eruzione pliniana del 1980.
Le eruzioni freatiche di solito includono vapore e pezzi di roccia; l'inclusione di lava è insolito.
La temperatura dei frammenti può variare da freddo a incandescenza.
Se magma il magma fuso è incluso, è classificato come un'eruzione freatomagmatica.
Sul vulcano Poas sembra che un'aumento del magma all'interno del vulcano abbia iniziato a produrre una serie di esplosioni freatiche.
Sul Poas, una forte eruzione freatica è avvenuta il 12 aprile tra le 18 e 19, ora Locale.
Secondo le guardie del parco, ci sono ceneri nella zona della torre di guardia e Baja del Toro, Fraijanes e Sarchí.
L'elevata HA nuvolosità impedito una stima dell'altezza del pennacchio eruttivo.
L'eruzione è duratA oltre quaranta minuti.

Le piogge della notte, in combinazione con le ceneri emesse, hanno generato lahar nei fiumi Agrio y Gata.
Un'ispezione sul campo il 13 aprile ha rivelato i cambiamenti morfologici della cupola intracraterica.
Una crepa è apparsa nella parete esterna e un settore è stato fortemente eroso.
Molti crateri da impatto sono stati notati, formati dalla caduta di frammenti di antiche rocce.
Il materiale roccioso raccolto è costituito da circa il 95% da materiale e lacustri sedimenti chimicamente modificati e il resto è scorie tipo e vescicole vetro possibilmente freschi.
La scoria è molto simile al materiale emessa durante l'eruzione poetomagmatic 1954-1955 Poas.
Il Parco Nazionale di Poas è stato chiuso preventivamente il 13 aprile.
Il 13 aprile, alle 15:46 ora locale, un nuovo episodio freatico è durato 8 minuti, ed è stato accompagnato da un pennacchio di vapore in aumento a 500 metri sopra il cratere.
Nelle ultime settimane è stata notata nell'area un'aumento della temperatura delle fumarole quanto un'aumento dell'emissioni di gas di origine magmatica.
E' stato anche confermato che una nuova intrusione di magma ha avuto inizio all'interno del vulcano.
Tutti questi fenomeni accompagnati da tali eruzioni freatiche sono indicatori che Poas si sta avvicinando ad un'eruzione pliniana.
Inflazione del suolo, aumento dei terremoti minori, modifiche nella composizione del lago acido al centro del cratere hanno iniziato a mostrare segnali di aumento già da metà febbraio fino all'inizio di aprile.
Un'aumento del livello del lago è stato notato nonostante una carenza di piogge accompagnato anche da un'aumento delle temperature dell'acqua.
Le emissioni di anidride solforosa anch'esse sono in aumento.
Tutti questi fenomeni indicano chiaramente un'aumento della presenza di magma all'interno del vulcano e potrebbero indicare che un'eruzione vera e propria potrebbe essere sulla strada.


Fonti:
https://en.wikipedia.org/wiki/Phreatic_eruption
http://www.earth-of-fire.com/2017/04/eruptions-at-the-poas-turrialba-and-etna.html
https://lechaudrondevulcain.com/blog/2017/04/14/april-14-2017-en-poas-kambalny-guallatiri-etna/

giovedì 13 aprile 2017

IN FRANCIA MARINE LE PEN ANNUNCIA I PRIMI 10 PASSI IN DUE MESI DI PRESIDENZA


Le Pen ha annunciato 10 passi che intende apportare nei suoi primi due mesi in carica, aggiungendo che ogni azione intrapresa da lei come Presidente sarà utile per la Francia.
"Nei primi due mesi della mia presidenza immediatamente prenderò 10 misure necessarie per verificare la democrazia e dare risposta ai problemi urgenti nel campo dell'economia, sfera sociale e la sicurezza che il nostro paese deve affrontare ... Ogni secondo della mia presidenza sarà utile per la Francia e il francese" le Pen ha detto in un video, pubblicato sul suo account Twitter.
Per quanto riguarda i passaggi particolari, il leader del partito Fronte Nazionale ha promesso di ritirarsi dalla zona di Schengen e reintrodurre i controlli alle frontiere, di deportare tutti gli stranieri su una lista di controllo radicalità, di revocare la cittadinanza francese dei cittadini nazionali condannati per collegamenti jihadisti. Le Pen ha anche promesso imposte a basso reddito, a ridurre l'età minima di pensionamento 62-60, così come di tenere una serie di referendum sulla rappresentanza proporzionale, riducendo il numero di deputati e senatori.
Il primo turno delle elezioni presidenziali francesi è prevista per il 23 aprile, mentre il ballottaggio è previsto per il 7 maggio.
Secondo i recenti sondaggi, Le Pen conserva il vantaggio di un punto sopra candidato indipendente Emmanuel Macron.


Fonte:https://sputniknews.com/europe/201704121052547924-le-pen-presidency-useful/

POLONIA E UNGHERIA IN CONTRASTO ALL'UNIONE EUROPEA

L'Unione europea sta lottando per venire con risposte a Polonia e Ungheria - entrambi i quali hanno introdotto leggi che secondo l'UE sono in violazione del principio della 'Stato di diritto', che per l'UE - tecnicamente - significa che entrambi sono persino passibili di sanzioni, ai sensi dell'articolo 7 dei trattati UE, ma che è improbabile che siano imposte.

Nel mese di dicembre 2016, la Commissione ha ricattato Varsavia che avrebbe tolto il diritto di voto nella UE, se il governo polacco non avesse fatto cambiamenti alla sua Corte Costituzionale.
Con la Polonia in sfida di fronte alle critiche - negando ogni "minaccia sistemica per lo stato di diritto," la credibilità della Commissione è ora in gioco.
La controversia nasce dalle modifiche al Tribunale Costituzionale della Polonia, dicembre 2015, quando il governo polacco ha aggiunto cinque giudici "politici" al Tribunale Costituzionale del paese.
Un altro emendamento ha fatto sì che il tribunale avrebbe bisogno di una maggioranza dei due terzi per prendere una decisione sulle questioni costituzionali, invece di una maggioranza semplice.
Il numero minimo di giudici necessari per prendere una decisione è stata sollevata anche da nove a 13, rendendo più difficile di convocare il quorum.
LA minaccia dell'UE coinvolge invocando l'articolo 7 dei Trattati dell'Unione europea, che permette per la sua: "sospendere alcuni dei diritti derivanti dalla applicazione dei trattati allo Stato membro in questione, compresi i diritti di voto del rappresentante del governo di tale stato membro in seno al Consiglio."
L'Articolo 7 non è mai - finora - stata invocata contro uno Stato dell'UE.
La controversa università.

Intanto in Ungheria, il governo ha approvato una serie di leggi che potrebbero costringere il riconoscimento a livello internazionale dellla Central European University (CEU) - sostenuta dal miliardario George Soros, che è stato un critico del primo ministro ungherese Viktor Orban.
C'era anche una protesta dopo che il governo di Budapest ha decretato che le ONG ungheresi che ricevono più di 25.000 US $ da fonti estere dovrebbero registrarsi presso le autorità e si rappresentano al pubblico come organizzazioni di finanziate da stranieri.
Ora i deputati chiedono alla Commissione di indagare sulla vicenda e la possibile azione di lancio ai sensi dell'articolo 7 dei Trattati europei in quanto credono che anche l'Ungheria è in violazione della Regola del principio di diritto su cui si fonda l'Unione europea.
Chiaramente sembra più una mossa di contrasto a fattori scomodi.
"Mese dopo mese, stiamo vedendo la situazione dei diritti fondamentali in Ungheria e il continuo deteriorarsi sotto il governo di Viktor Orban l'ultimo attacco è sulla libertà accademica attraverso la legge che provvede a bloccare le università indipendenti -., In particolare, la Central European University - al fine di silenzio, il pensiero critico contro Orban, ha detto sinistra unitaria europea / sinistra verde nordica (GUE / NGL) Presidente Gabi Zimmer.
Sia Ungheria e Polonia sono anche in contrasto con Bruxelles per la crisi dei migranti, in quanto nessuno dei due paesi sono disposti a partecipare al piano di delocalizzazione obbligatoria per i rifugiati - un problema in cui essi sono sostenuti da diversi altri Stati membri dell'UE, il che significa che qualsiasi azione a imporre sanzioni su entrambi i paesi rischia di essere soddisfatta con l'opposizione.

Fonte:https://sputniknews.com/europe/201704111052532302-eu-poland-hungary-soros/

GRECIA: MOVIMENTI SISMICI SUL VULCANO KOLUMBO


Kolumbo si tratta di un vulcano sottomarino molto prossimo alla caldera di Santorini, in Grecia.
Il vulcano ha una forma ellittica allungata per 3 km con un'ampio edificio centrale con 500 m di altezza e un cratere di 1.5 km, le cui parti più alte del bordo salgono a 18-15 m sotto il livello del mare.
Il fondo del cratere, in particolare nella sua parte settentrionale, contiene un grande e molto attivo campo di fumarole ad alta temperatura.
Il grande campo idrotermale nella parte settentrionale della caldera a circa 500 m di profondità contiene un enorme deposito di solfuro di stile Kuroko.
Solo pochi di tali depositi sono noti in tutto il mondo e sono di grande interesse, soprattutto a causa del tipicamente alto contenuto di oro e argento nei solfuri.
L'eruzione del vulcano nel 1650 è stato un evento molto esplosivo ed ha espulso pomici e ceneri fino alla Turchia, e ha prodotto flussi piroclastici che hanno ucciso circa 70 persone a Santorini. Durante l'eruzione, ha costruito un isola temporanea (da qui il suo nome Kolumbo, in Grecia "nuotare"). Uno tsunami si è verificato così, probabilmente durante il collasso dell'isola.
Ha causato danni sulle isole vicine fino a 150 km e invaso le zone costiere piatte soprattutto sul lato orientale di Santorini, dove sono stati scoperti resti di epoca romana. L'eruzione ha anche causato danni e ucciso un gran numero di bestiame a causa di gas velenosi, H2S principalmente.
I primi segnali di un suo risveglio sono iniziati nel 2011 quando nel periodo settembre-dicembre 2011 un terremoto di 3.2 si è verificato presso il poco noto vulcano sottomarino Kolumbos a 8 km a NE di Santorini. Questo segna uno dei più grandi eventi sismici avvenuti di recente nell'area.
Attorno al 12 aprile una nuova serie di terremoti ha scosso l'area.
Tipicamente di magnitudo 2.2, 2.5 e 2.3 ad una profondità di almeno 14 chilometri.
Nonostante la regione sia ad alta sismicità l'area in questione raramente presenta frequenti terremoti di conseguenza è possibile che si tratti di una riattivazione del sistema magmatico del vulcano.
Solo il tempo ci dirà se l'attività sismica continua.


Fonti:
https://www.volcanodiscovery.com/kolumbo.html
https://www.volcanodiscovery.com/kolumbo/news/4206/Kolumbos-submarine-volcano-Santorini-Greece-32-magnitude-earthquake.html

mercoledì 12 aprile 2017

ISLANDA: TREMANO HOLUHRAUN E ORAEFAJOKULL


Una sequenza sismica ha interessato l'area che va dal Bardarbunga alla linea di frattura che ha determinato l'eruzione nell'area di Holuhraun nel 2014-2015.
Questo fenomeno è legato ad un'intrusione magmatica a diga che sta nuovamente coinvolgendo l'intero sistema Bardarbunga-Holuhraun.

Questo avviene dopo settimane che hanno visto un'intenso sciame sismico nell'area Herdubreid-Uppytingar, legato alla presenza di un vasto corpo di magma che si avvicina alla superficie.
L'evoluzione di una linea di frattura che lega i due sistemi è evidente ma non allarmante.
L'area Bardarbunga-Holuhraun non è ancora pronta per una nuova fase eruttiva, ma il tasso di ricarica è piuttosto evidente e un giorno potrebbe determinare una nuova eruzione sempre nella stessa area del 2014-2015, o più probabilmente in un'area sotto il ghiacciaio.
Oraefajokull
Una scossa di terremoto di magnitudo 2.9 è avvenuta nell'area sommitale del vulcano Oraefajokull, sul bordo sud orientale del Vatnajokull.
Questo terremoto, assieme a poche altre scosse minori è legata al fatto che il vulcano si sta avvicinando ad una nuova eruzione.
Completamente indipendente dal Bardarbunga, tale vulcano è in grado di produrre eruzioni esplosive con gravi danni al raccolto islandese.
Oraefajokull ha eruttato due volte in tempi storici. Nel 1362, il vulcano ha eruttato in modo esplosivo, con enormi quantità di tephra. Il distretto di Litla-Herad è stato distrutto dalle inondazioni e la caduta di tephra.(cenere)
Il nome significa letteralmente uno spazio senza porto, ma ha assunto un significato di terreno incolto in islandese.
Interessante però il fatto che la scossa di terremoto abbia avuto una profondità di soli 500 metri.
Dal momento che si tratta di un vulcano a magma riolitco, in grado quindi di produrre eruzioni pliniane, questo potrebbe significare che un'eruzione è sulla strada anche se al momento va presa come ipotesi molto remota, ma questo tipo di vulcani sono in grado di produrre improvvisi sciami sismici intensi nell'arco di pochi giorni o anche ore ed eruttare all'improvviso.
Ovviamente questa è sempre un'ipotesi.

ISLANDA: SCIAME SISMICO NEL VULCANO KATLA


Sulla sommita del vulcano Katla vi è stato un relativamente breve sciame sismico relativamente poco profondo, la cui scossa più forte ha raggiunto al massimo la magnitudo 2.1, a meno di un chilometro di profondità.

Questa attività è interessante per il fatto che attualmente le scosse di terremoto del vulcano pare si siano per la maggior parte stabilizzate a profondità inferiore al chilometro.
Quello che vale la pena far notare tuttavia è che l'intensità delle scariche di attività sismica e la loro frequenza è drasticamente diminuita rispetto al periodo estivo fino a gennaio, questo significa che la pressione interna è diminuita.
E' difficile stabilire se il fenomeno rimarrà costante in quanto tali cambiamenti avvengono spesso senza alcun preavviso.

SOTTOMARINO AMERICANO CON 154 MISSILI IN PROSSIMITA' DELLE COSTE DELLA COREA DEL NORD

Tra il gruppo navale d'attacco americano che si sta posizionando in prossimità delle coste della Corea, c'è almeno un sottomarino nucleare modificato di classe "Ohio" con a bordo 154 missili "Tomahawk".

Abbiamo i nostri dati sui movimenti delle forze statunitensi, compresi i sottomarini. Almeno uno di questi sottomarini si trova con precisione nel Pacifico occidentale, in una zona che consente il lancio di razzi verso obiettivi nel territorio della Corea del Nord", — ha riferito l'interlocutore.
In precedenza in un'intervista a Fox Business il presidente degli Stati Uniti Donald Trump aveva dichiarato:
"Abbiamo inviato un'armata. Molto potente. Nella sua composizione figurano sottomarini. Sono molto forti. Molto più potenti della portaerei".
Attualmente le forze navali statunitensi dispongono di 4 sottomarini nucleari lanciatori di missili da crociera, riprogettati partendo dal modello "Ohio". Tra questi c'è il sottomarino precursore di questa classe "Ohio" (SSGN-726) seguito dal "Michigan" (SSGN-727), dal "Florida" (SSGN-728) e dal "Georgia» (SSGN-729). A seguito della modernizzazione 22 postazioni missilistiche su 24, originariamente progettate per i missili balistici "Trident-1" del complesso C-4, sono state riviste per essere dotate dei missili da crociera "Tomahawk". Due postazioni più vicine al centro di guida del sottomarino sono state trasformate in camere d'equilibrio per serrare le apparecchiature subacquee (in questo caso parte dei lanciatori di missili crociera si blocca) e per l'uscita dei sommozzatori.
Lo scorso 8 aprile la Reuters, citando proprie fonti, aveva riferito che in direzione delle coste coreane si stava dirigendo un gruppo navale d'attacco americano, guidato dalla portaerei nucleare "Carl Vinson".
Secondo gli analisti militari, al momento il gruppo si trova in una zona che consente operazioni per il lancio di missili da crociera contro gli obiettivi navali sul territorio della Corea del Nord.

Fonte:https://it.sputniknews.com/mondo/201704124340094-Pyongyang-Trump-guerra-Cina-Asia-Ohio/

COSTARICA: IL VULCANO POAS PREPARA L'ERUZIONE


In Costa Rica, a seguito di un aumento delle emissioni di gas nel vulcano Poas, i turisti hanno dovuto essere evacuati e il parco nazionale è stato chiuso.
Questa settimana, i funzionari del parco hanno limitato il numero di turisti che entrano nel parco, allo stesso tempo hanno anche ridotto il tempo di visita.
Ovsicori segnala un aumento delle emissioni gassose da 19 tonnellate / giorno a fine marzo a 180 tonnellate / giorno il 4 aprile; il 75% delle emanazioni provengono dal lago acido, il resto dalla cupola lavica.
Le fumarole raggiungono una temperatura di 90 ° C e sono ricche di gas acidi.


Fonti:http://www.earth-of-fire.com/2017/04/news-from-the-poas-nevados-de-chillan-etna-and-agua.html

martedì 11 aprile 2017

LA REPUBBLICA CINESE E LA COREA DEL SUD POTREBBERO ATTACCARE LA COREA DEL NORD


La Corea del Nord sta giurando contrasto duro per eventuali mosse militari che potrebbero seguire la mossa degli Stati Uniti di inviare la portaerei USS Carl Vinson e il suo gruppo di battaglia nelle acque al largo della penisola coreana.
La dichiarazione da Pyongyang si presenta quando le tensioni nella penisola divisa sono elevate a causa della Corea del Sud e Stati Uniti che aumentano le esercitazioni militari.
Pyongyang vede le manovre annuali come una prova generale per l'invasione, mentre i lanci missilistici del Nord violano le risoluzioni dell'ONU.
"Noi riterremo gli Stati Uniti interamente responsabili per le conseguenze catastrofiche che comportano con le loro azioni oltraggiose", afferma il Central News Agency.
La dichiarazione arriva subito dopo che il segretario di Stato ha detto Rex Tillerson che gli attacchi missilistici degli Stati Uniti nei confronti di una base aerea siriana in rappresaglia per un attacco di un'arma chimica è un messaggio per ogni nazione che opera al di fuori delle norme internazionali.
Lui non ha specificato la Corea del Nord, ma il contesto era abbastanza chiaro.
"In caso di violazione degli accordi internazionali, se non si riesce a vivere gli impegni, si diventa una minaccia per gli altri, ad un certo punto una risposta è probabilmente da intraprendere", ha detto Tillerson alla ABC "This Week".
Il Nord ha a lungo sostenuto che gli Stati Uniti stanno preparando una sorta di aggressione contro di essa e giustifica le sue armi nucleari come di natura difensiva.
"Questo va a dimostrare che le mosse sconsiderate degli Stati Uniti per invadere la Corea del Nord hanno raggiunto una seria fase del suo piano d'azione", ha detto la dichiarazione del Nord. "Se gli Stati Uniti osano optare per un'azione militare, chiedono a gran voce 'attacco preventivo' e 'la rimozione della sede,' la Corea del Nord è pronta a reagire a qualsiasi modalità di una guerra desiderata dagli Stati Uniti."
Le navi della marina militare sono una presenza comune nella regione coreana e sono in parte una dimostrazione di forza.
Il Pentagono ha detto che un vettore gruppo d'attacco della Marina si stava muovendo verso il Pacifico occidentale per fornire più di una presenza fisica nella regione.
Dopo che un inviato cinese è arrivato in Corea del Sud, le due parti hanno riferito di aver raggiunto un accordo per prendere "un'azione forte" contro la Corea del Nord se i test nucleari e balistici continuano, secondo VOA News .
Joel Witt, co-fondatore di 38 Nord , un sito web che riunisce esperti sulla Corea del Nord, ha detto a Business Insider che il progresso nucleare e balistico del paese è apparso aumentare rapidamente nel corso dell'ultimo anno, con il programma che raggiunge il punto in cui ha bisogno di testare.
Ma con ogni test, la Corea del Nord si avvicina al suo obiettivo di creare un missile balistico intercontinentale in grado di minacciare la terraferma degli Stati Uniti.
L'amministrazione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump è stato chiaro che avrebbe intrapreso un'azione militare se necessario per evitare questo.
Trump, in un'intervista al Financial Times prima del suo incontro la scorsa settimana con il presidente cinese Xi Jinping ha detto che "se la Cina non ha intenzione di risolvere la Corea del Nord, lo faremo noi."
Resta da vedere se la Corea del Sud e la Cina hanno visione di un comportamento inaccettabile che corrisponde agli Stati Uniti', quando gli Stati Uniti hanno segnalato una crescente impazienza con l'atteggiamento nucleare del governo di Kim.
Ora, con la portaerei e il gruppo USS Carl Vinson reindirizzato alla penisola coreana, la Corea del Sud e i diplomatici cinesi sembrano aver colpito un accordo sulla gestione della minaccia nordcoreana missilistica che non comporta un attacco degli Stati Uniti.
La Corea del Nord ha reagito alla diffusione del Vinson definendolo un "atto oltraggioso" e dicendo che è "sono pronti a reagire a qualsiasi modalità di una guerra desiderata dagli Stati Uniti."
Mentre gli Stati Uniti certamente inviato hanno un messaggio con una recente salva di 59 missili da crociera su una base aerea siriana, si trova ad affrontare opzioni di gran lunga più limitate nel colpire la Corea del Nord, a causa di lanciamissili nucleari e una convenzionale miriade di massiccia serie di artiglieria che potrebbe effettivamente livellare Seoul, la capitale di 10 milioni di persone della Corea del Sud.

Fonti:
http://www.businessinsider.com/north-korea-threatens-war-after-trump-deploys-navy-strike-group-2017-4
http://www.businessinsider.com/south-korea-china-agreement-north-korea-2017-4

COME FUNZIONANO I SISTEMI IPERSONICI DI RUSSIA E CINA


I veicoli ipersonici Glide sono un fattore di crescita nei calcoli strategici della stabilità.
Questi sistemi sono caratterizzati da velocità, precisione e manovrabilità, che può essere applicata per annientare le difese missilistiche.
I calcoli tradizionali di stabilità strategica si basano sulla capacità di minare la capacità del deterrente nucleare di un avversario, e veicoli ipersonici Glide sono visti per fornire questa sicurezza.

Dopo aver raggiunto lo spazio, i sistemi vengono espulsi per iniziare la fase di planata, durante i quali possono accelerare verso il bass o a velocità di di Mach 5 o 6138 chilometri all'ora.
La fase di planata permette loro di manovrare aerodinamicamente ed eludere l'intercettazione e amplia la gamma dei missili di richiamo.
A differenza dei veicoli di rientro convenzionali, che seguono una traiettoria balistica prevedibile, i veicoli ipersonici Glide sono quasi impossibili da intercettare con i convenzionali sistemi di tracciamento dei missili di difesa.
Date queste caratteristiche tecniche, non c'è da meravigliarsi che un certo numero di paesi (compresi quelli nucleari e potenze non nucleari), come la Cina, Germania, India, Israele, Giappone, Pakistan, Russia e Stati Uniti, stiano pensando di sviluppare la tecnologia ipersonica.
Il Dr Wu Riqiang alla Renmin University crede che il dispiegamento di THAAD della Corea del Sud potrebbe portare alla Cina aumentare i suoi numeri di testate nucleari.
Ci sono almeno quattro possibili opzioni per affrontare le armi di scorrimento ipersoniche in termini di trattative:
* Controllo armi tradizionali;
* Una corsa agli armamenti;
* colloqui trilaterali; e
* scambi multilaterali.
La Russia prevede di implementare almeno 14 testate ipersoniche entro il 2024.
La Russia nel 2016 ha testato un nuovo veicolo ipersonico che segue le scie di cinese WU-14, un veicolo di consegna riferito in grado di trasportare testate nucleari fino a Mach 10 e meno rintracciabile dal sistema di difesa degli Stati Uniti.
Mosca ha trascorso diversi anni nello sviluppo del nuovo Yu-71 ipersonico veicolo glide (HGV).
Fa parte di un continuo sforzo intensificato dal Cremlino di superare le difese missilistiche US, conosciuto come Project 4202.
Il progetto 4202 potrebbe rivelarsi un numero limitato di veicoli armati di testate nucleari entro il 2020, e fino a 24 con nuovi carichi ipersonici che potrebbero essere schierati alla base Dombarovsky tra il 2020 e il 2025.
I rapporti indicano che per allora, la Russia potrebbe potenzialmente distribuire un nuovo ICBM che potrebbe portare lo Yu-71.
Il vantaggio della U-71 è circa la sua velocità e manovrabilità. Il veicolo sviluppa velocità di dieci volte la velocità del suono.

Fonti:
http://www.nextbigfuture.com/2017/03/factoring-russia-into-uschinese.html
http://www.nextbigfuture.com/2016/05/russia-plans-to-deploy-24-hypersonic-yu.html

L'80% DEGLI ELETTORI HA VOTATO PER IL CAMBIO DI NOME DELL'OSSEZIA DEL SUD


Quasi l'80 per cento degli elettori dell'Ossezia del Sud hanno votato il cambio di nome dello stato parzialmente riconosciuto come "Alania," afferma il capo della Commissione elettorale centrale di Ossezia del Sud ha detto ai giornalisti.
"Sul referendum, il 78 per cento ha votato a favore, il 20 per cento contro", ha detto Bella Plieva, sottolineando che si tratta di risultati preliminari.
Plieva ha detto che i risultati finali sarebbero stati disponibili entro cinque giorni.
Il presidente dell'Ossezia del Sud, Leonid Tibilov per primo ha proposto di rinominare la Repubblica di Ossezia del Sud-Alania in analogia con la costituente russa dell'Ossezia del Nord-Alania.
Dopo numerose discussioni in febbraio, il presidente ha programmato un referendum sulla ridenominazione Ossezia del Sud alla Repubblica di Ossezia del Sud-Stato di Alania.
Le repubbliche separatiste dell'Ossezia del Sud e dell'Abkhazia hanno dichiarato l'indipendenza dalla Georgia nei primi anni del 1990.
Nell'agosto del 2008, la Georgia ha lanciato un'offensiva militare contro l'Ossezia del Sud.
Cercando di proteggere i residenti locali, molti dei quali avevano la cittadinanza russa, la Russia ha inviato truppe in Ossezia del Sud e impegnate in una guerra di cinque giorni con la Georgia. Come risultato, la Russia è riuscito ad espellere le truppe georgiane dalla regione separatista e ha riconosciuto l'indipendenza di Abkhazia e Ossezia del Sud.
Tbilisi non riconosce l'indipendenza delle repubbliche e li considera parte della Georgia.

Fonte:https://sputniknews.com/europe/201704101052479978-south-ossetia-alania-referendum/

lunedì 10 aprile 2017

L'IMPROBABILE SECONDA GUERRA DI COREA


Mettiamo subito una questione in chiaro.
Nonostante la voci che girano che Donald Trump stia preparando una Vera Guerra sia in Siria sia in Corea del Nord niente risulta essere più lontano dalla verità.
In questi giorni sono circolate voci che Donald Trump stia mobilitando oltre 150000 riservisti per prepararsi a quella che stando a quanto si dice potrebbe essere una Grande Guerra.
Ecco quanto riportato:
"Centocinquantamila riservisti: per fare cosa? Un attacco in grande stile alla Siria? Colpire prima Damasco e poi Teheran? In Corea del Nord? Purtroppo la sciagurata svolta di Donald Trump - che si è arreso ai neoconservatori facendo propria l'agenda strategica che in campagna elettorale aveva promesso di combattere - autorizza qualunque ipotesi. Anche quella più drammatica e sconvolgente di una guerra alla Russia di Putin.
E non è un caso che Assad, il governo iraniano e il Cremlino in queste ore abbiano dichiarato che "l'attacco americano alla base siriana ha superato molte linee rosse che da adesso in avanti "risponderemo con la forza a qualunque aggressione"."
Se il giornalista o blogger Marcello Foa si intendesse davvero di questo genere di argomenti si renderebbe conto da solo che ne in Siria ne in Iran, 150.000 riservisti, mettendo quindi in campo jet da combattimento e un buon arsenale sono enormemente insufficienti per un genere di attacco come quello descritto.
Senza contare poi che attaccare prima la Siria e poi l'Iran è un piano militare che manca di qualunque strategia e tattica.
L'invio di un tale numero di soldati prima in Siria determinerebbe innanzitutto entrare in conflitto con i russi e gli iraniani, i quali difendono un loro legittimo alleato, ma allo stesso tempo in un territorio semi-controllato da migliaia di mercenari dell'Isis, armati ed equipaggiati e pronti a farsi esplodere tra i soldati, inutile dire che si tratterebbe di riportare sul campo una strage non indifferente tra i militari americani, facilmente prevedibile.
In seguito, anche lontanamente ammettendo la vittoria e la caduta di Assad, portare una guerra successiva verso l'Iran, il quale possiede un'avanzata struttura militare e un'esercito molto più numeroso di una legione di 150.000 soldati porterebbe non solo in campo una pesante sconfitta ma rischierebbe anche di portare nel conflitto i suoi più importanti alleati: Cina e Russia.
Chiaramente tale teoria non ha storia.
Ma la parte più sensata anche qui perde credibilità nei confronti della Corea del Nord.
Trump ha dato ordine di riposizionare immediatamente la flotta militare Usa dal Sud al Nord Pacifico.
Il gruppo di navi americane Carl Vinson, che includono anche una portaerei classe Nimitz a propulsione nucleare, insieme a una flotta di caccia torpedinieri Aegis che dal 18 febbraio scorso stazionavano nelle acque di Singapore, si stanno dirigendo a tutta velocità verso la penisola coreana.
Indubbiamente qui ci troviamo di fronte a una buona dose di potenza di fuoco, e anche sommando l'invio di 150000 soldati sul territorio coreano è una buona forza militare.
Ma per contrastare la Corea del Nord ci vuole una coalizione ben superiore quanto descritto, anche sommando l'aiuto del Giappone e della Corea del Sud nessuna vittoria è garantita per ovvi motivi.
La Corea del Nord possiede un certo numero di testate nucleari prima di tutto.
Dal punto di vista dell'esercito invece il Paese può contare anche su uno dei più grandi eserciti del mondo: con circa 1,2 milioni di soldati (e più di 8 milioni di riservisti) di cui 180 mila membri scelti.
È un numero incredibile, circa 49 soldati ogni 1.000 abitanti, senza contare i riservisti. Negli Usa sono 5 su 1.000 per fare un confronto.
Si tratta indubbiamente del Paese più militarizzato in assoluto.
Maggiori dettagli sulle capacità militari della Corea del Nord qui e qui.
Non dimentichiamo inoltre che la Corea del Nord confina anche con la Russia e la Cina i quali molto difficilmente rimarrebbero cauti sapendo della crescente presenza militare americana direttamente sul loro confine.
Possiamo concludere che dal momento che della mobilitazione di 150.000 riservisti americani non se ne trova la minima traccia sui media stranieri e che la stessa teoria di una guerra in Siria, Iran Corea del Nord manca di qualunque realismo, la notizia è una bufala o fake-news, come le chiamano ora.

BENVENUTI!!!



LIBRI LETTI
TEMPESTA GLOBALE,ART BELL,WHITLEY STRIEBER;LA PROSSIMA ERA GLACIALE,ROBERT W.FELIX;ARCHEOLOGIA PROIBITA,STORIA SEGRETA DELLA RAZZA UMANA,MICHAEL A.CREMO,RICHARD L. THOMPSON;MONDI IN COLLISIONE,IMMANUEL VELIKOVKY;LE CICATRICI DELLA TERRA,IMMANUEL VELIKOVSKY;HO SCOPERTO LA VERA ATLANTIDE,MARCO BULLONI;GLI EREDI DI ATLANTIDE,RAND FLEM ATH;IL PIANETA DEGLI DEI,ZACHARIA SITCHIN;IMPRONTE DEGLI DEI,GRAHAM HANCOCK;LA FINE DI ATLANTIDE,RAND FLEM ATH;I MAYA E IL 2012,SABRINA MUGNOS;LA VENDETTA DEI FARAONI,NAUD YVES,L'EGITTO DEI FARAONI,NAUD YVES;LA STORIA PROIBITA,J.DOUGLAS KENYON;SOPRAVVIVERE AL 2012,PATRICK GERYL;STATO DI PAURA,MICHAEL CHRICHTON;APOCALISSE 2012,JOSEPH LAWRENCE;I SERVIZI SEGRETI DEL VATICANO,DAVID ALVAREZ;GENGIS KHAN E L'IMPERO DEI MONGOLI,MICHAEL GIBSON;SCOPERTE ARCHEOLOGICHE NON AUTORIZZATE,MARCO PIZZUTI;UNA SCOMODA VERITA',AL GORE;ECC..
(NON TUTTI GLI ARGOMENTI O TALVOLTA I LIBRI STESSI SONO DA ME CONDIVISI)

INDIRIZZO E-MAIL

Per contattarmi:

angelfallendark@hotmail.it


Cerca nel blog

Lettori fissi

Archivio blog